COSME: bando Cluster Go International 2017 nei settori della difesa e della sicurezza

world-1264062_1280

EASME, l’Agenzia esecutiva per le PMI, incaricata dell’attuazione – tra gli altri – del programma COSME, ha lanciato il bando Cluster Go International nei settori della difesa e della sicurezza per supportare ulteriormente l’internazionalizzazione dei cluster europei, e in particolare quelli che operano nel settore della difesa e della sicurezza. Il bando riguarda inoltre azioni che sfruttano le potenzialità di cooperazione e le opportunità di business nel contesto delle azioni correnti e future finanziate dallo Strumento di partenariato (IP), uno degli strumenti dell’UE per il finanziamento dell’azione esterna ed è in linea con il piano d’azione europeo in materia di difesa, che fra le altre cose, si propone di migliorare l’accesso ai finanziamenti dell’UE da parte delle catene di fornitura nel settore della difesa, in particolare le PMI.

L’obiettivo principale del bando è di supportare i cluster europei e le organizzazioni/reti di imprese in materia di difesa e sicurezza per intensificare la collaborazione transfrontaliera con altri cluster industriali in settori diversi da quello della difesa e sviluppare e implementare strategie comuni nei settori delle tecnologie, dei prodotti e dei servizi a duplice uso verso paesi non UE.

I proponenti sono invitati a costruire progetti che contribuiscano a creare uno European Strategic Cluster Partnership – Going International”(ESCP-4i) per sviluppare una strategia di internazionalizzazione comune per il partenariato, con obiettivi comuni verso specifici mercati terzi e una tabella di marcia per l’attuazione che faciliti l’internazionalizzazione delle PMI che ne fanno parte.

Sono ammissibili a presentare proposte progettuali persone giuridiche con sede negli Stati UE, riunite in partenariati di almeno 3 soggetti, ciascuno rappresentante un’organizzazione cluster o un’organizzazione di rete di imprese. Almeno una delle tre organizzazioni che compongono il consorzio deve essere un’entità legata alla difesa. I soggetti che costituiscono il partenariato devono anche essere registrati nella piattaforma ECCP (European Cluster Collaboration Platform). I partenariati dovrebbero dimostrare una rapida adattabilità ai futuri sviluppi nel commercio internazionale e nella coerenza delle loro priorità strategiche con le strategie dell’UE, in particolare per quanto riguarda la politica commerciale.

Il budget del bando è di 800.000 euro; il contributo per progetto può coprire fino al 75% dei costi ammissibili di progetto per un massimo di: 200.000 euro.

Scadenza: 13/12/2017