EU4Health - Primo bando 2021

media-2082641_640

Hadea – l’Agenzia esecutiva europea per la salute e il digitale, ha pubblicato il primo bando sul nuovo programma europeo per la salute EU4Health (ID: EU4H-2021-PJ). Il bando riguarda 5 topic distinti, ciascuno con obiettivi e azioni specifiche, un budget dedicato e documentazione specifica per la preparazione della proposta progettuale. Il tema prevalente dei topic è il cancro, ma anche la disponibilità delle sostanze di origine umana (Soho)

EU4H-2021-PJ-01 – Raccolta dati per l’aggiornamento del Sistema europeo di informazione sul cancro per monitorare e valutare i programmi di screening del cancro

Il Sistema europeo di informazione sul cancro (ECIS) gestito dal Centro comune di ricerca (CCR) fornisce le informazioni più recenti sugli indicatori che quantificano l’onere del cancro in Europa e consente l’esplorazione di modelli geografici e tendenze temporali dei dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza in tutta Europa per le principali entità tumorali. Al fine di consentire il monitoraggio e la valutazione dei programmi di screening del cancro è necessario svilupparlo ulteriormente raccogliendo e facendo confluire nell’ECIS i dati dei programmi di screening degli Stati membri, sviluppando una sperimentazione della nuova funzionalità ECIS nonché una nuova sezione separata per garantire una raccolta e un monitoraggio permanenti della copertura e degli indicatori di prestazione dello screening oncologico.

Attività:

  1. Lavoro preparatorio attraverso riunioni (5) e workshop (5) per creare una piattaforma in cui i dati e gli indicatori sui programmi di screening del cancro basati sulla popolazione siano raccolti, messi a confronto e ulteriormente valutati nell’ambito dell’ECIS
  2. Azioni a sostegno della prima sperimentazione della piattaforma sviluppata, compresa la raccolta di set di dati disponibili relativi ai programmi di screening del cancro al seno, al colon-retto e alla cervice uterina.

Possibili proponenti: Centri/enti/istituzioni riconosciuti come rilevanti per la salute pubblica e in grado di avere accesso e/o raccogliere dati sullo screening del cancro. Reti nel campo della sanità pubblica (responsabili dello screening dei tumori); autorità degli Stati membri; istituti accademici e di istruzione; istituti di ricerca e organizzazioni della società civile (associazioni, fondazioni, ONG ed enti simili).

Budget: 2.000.000 euro; saranno finanziate una o più proposte progettuali

EU4H-2021-PJ-02 – Programmi di formazione interspecialistica sul cancro

Obiettivo: aggiornare le competenze degli operatori sanitari e favorire lo sviluppo di personale di alta qualità attraverso un programma di formazione interspecialistico sul cancro incentrato sulle specialità di oncologia clinica, chirurgia e radiologia, compresi i loro servizi infermieristici, nonché sulla qualità della vita e sul benessere dei pazienti, compreso il supporto mentale, psicosociale e nutrizionale, insieme a responsabilizzazione del paziente.

Azioni preparatorie attraverso riunioni (5) e workshop (5) per fornire quanto segue:

– sviluppo del primo set di curricula da erogare per l’avvio della prima formazione in oncologia interspecialistica, mirata all’oncologia clinica, alla chirurgia e alla radiologia, compresi i rispettivi servizi infermieristici

– messa a punto delle valutazioni dei bisogni, ovvero stima dei costi necessari al supporto per centro coinvolto e per persona formata, tenendo conto del numero di partecipanti al consorzio proponente

– selezione e preparazione della prima coorte di tirocinanti che parteciperanno alla formazione oncologica interspecialistica

– selezione e preparazione dei centri oncologici che supporteranno e ospiteranno la prima coorte di tirocinanti.

Possibili proponenti: Istituti accademici e di istruzione, istituti di ricerca, ospedali, reti di esperti comprese le reti di riferimento europee (ERN), autorità degli Stati membri e reti consolidate nel campo della sanità pubblica con capacità cliniche nella diagnosi del cancro, nel trattamento e nel follow-up dei malati di cancro. Il consorzio proponente deve essere costituito da almeno 15 organismi partner stabiliti in almeno 7 diversi paesi ammissibili

Budget: 5.000.000 euro; saranno finanziate una o più proposte progettuali

EU4H-2021-PJ-03 – Progetto sulla qualità e la sicurezza della tecnologia delle radiazioni nella diagnosi e nel trattamento del cancro

La maggioranza delle attuali tecnologie di radiazione utilizzate in medicina riguarda la diagnosi e il trattamento del cancro; la qualità e la sicurezza di queste applicazioni mediche devono essere armonizzate in tutta l’Unione, mentre al momento esistono disparità nel livello di standard applicati. Inoltre, la fornitura di radioisotopi utilizzati per la diagnosi e la cura del cancro non è ancora costante ed è soggetta a interruzioni, pertanto dovrebbero essere sviluppate misure per garantire la loro fornitura sostenibile, in particolare a lungo termine. Obiettivo dell’azione è di migliorare la qualità e la sicurezza e ottimizzare la tecnologia delle radiazioni in medicina.

I proponenti devono indirizzare la loro proposta a uno o più dei seguenti filoni di azione:

  1. a) Qualità e sicurezza delle applicazioni mediche delle radiazioni

Attività di accompagnamento per:

1) costruire cooperazioni, supportare e monitorare le applicazioni mediche delle radiazioni

2) sviluppare una guida basata sull’evidenza e strumenti pratici per la qualità e la sicurezza delle applicazioni mediche di radiazioni ionizzanti

3) creare un registro UE della dose per i pazienti sottoposti a medicina per immagini radiologica e nucleare

4) sostegno per allineare l’azione Euratom/UE sulle apparecchiature mediche radiologiche diagnostiche e terapeutiche, compresi i test di accettazione e delle prestazioni, gli standard tecnici e la segnalazione armonizzata degli eventi avversi; per allineare l’azione Euratom/UE sui radiofarmaci e sostenere azioni per l’audit clinico della radiologia, le pratiche di medicina nucleare e radioterapia

  1. b) Istruzione e formazione della forza lavoro

1) monitoraggio a livello UE della disponibilità di personale, istruzione e formazione

2) sviluppo di capacità nella moderna diagnosi, terapia e teragnostica del cancro al radionuclide

3) sviluppo di curricola e sistemi di certificazione UE in materia di qualità e sicurezza della radiologia, della medicina nucleare e della radioterapia.

  1. c) Parità di accesso alla moderna tecnologia e agli interventi medici delle radiazioni

1) monitoraggio della base di apparecchiature di imaging e radioterapia dell’Ue e della disponibilità di moderne caratteristiche di qualità e sicurezza

2) sviluppare criteri di qualità e sicurezza e protocolli ottimizzati di imaging per l’imaging medico avanzato

3) nei piani nazionali contro il cancro, coprire la tecnologia medica delle radiazioni, comprese le applicazioni diagnostiche e terapeutiche

4) migliorare le prove dell’efficacia clinica di nuovi interventi sul cancro che coinvolgono le radiazioni ionizzanti.

Questa azione sarà attuata in stretta collaborazione con l’Agenda strategica per le applicazioni mediche delle radiazioni ionizzanti della tecnologia nucleare e delle radiazioni (SAMIRA).

Possibili proponenti: Università e istituti di istruzione, istituti di ricerca, ospedali, reti di esperti (comprese le ERN), imprese nel settore della sanità pubblica, autorità degli Stati membri e reti istituite nel settore della sanità pubblica con esperienza in almeno uno dei principali settori di applicazione clinica delle radiazioni ionizzanti, tra cui radiologia, medicina nucleare e radioterapia.

Budget: 3.500.000 euro; saranno finanziate fino a 5 proposte progettuali

EU4H-2021-PJ-04 — Rete UE dei giovani sopravvissuti al cancro

Basandosi sulle esperienze maturate da diverse organizzazioni, ONG e istituzioni di cura del cancro attive nei tumori dell’infanzia, dell’adolescenza e dei giovani adulti, questa azione intende istituire la nuova “Rete europea dei giovani sopravvissuti al cancro” federando detti organismi, per creare una piattaforma UE per la promozione di azioni e iniziative mirate, che coprano i principali settori di comprovato beneficio nel migliorare la qualità della vita dei giovani sopravvissuti al cancro.

– Attività preparatorie (primi 6 mesi dell’iniziativa): riunioni e consultazioni parallele per definire/concordare struttura, modus operandi, segreteria, programma annuale e altre esigenze operative e organizzative, compreso un esercizio di determinazione dei costi della rete UE

– Lancio della rete (febbraio 2022): da organizzare al Parlamento europeo in modo paragonabile al lancio del piano europeo per combattere il cancro del febbraio 2021

– Avvio delle attività: missioni ad hoc/webinar/workshop, con il coinvolgimento diretto dei delegati della Rete UE e degli “Ambasciatori”

– Prima assemblea generale: (Terzo quadrimestre 2022)

Possibili proponenti: Organizzazioni della società civile (associazioni, fondazioni, ONG ed enti simili), enti privati (profit o no profit), autorità degli Stati membri e reti stabilite nel campo della salute pubblica

Budget: 5.000.000 euro; saranno finanziate una o più proposte progettuali

EU4H-2021-PJ-05 — Azioni sulle sostanze di origine umana (Soho) – aumentare la resilienza, garantire la continuità dell’approvvigionamento e l’accesso a terapie sicure e di alta qualità, in particolare in tempi di crisi

Questa azione mira a consentire alle organizzazioni mediche/professionali e alle autorità degli Stati membri nei sottosettori Soho di sviluppare e scambiare buone prassi per i professionisti e le autorità al fine di ottimizzare l’offerta e aumentare l’accesso alla qualità e all’uso sicuro delle terapie critiche basate sulle sostanze di origine umana donate da concittadini.

Le misure e le azioni proposte possono essere mirate a livello locale/ospedaliero oppure regionale/nazionale e sovranazionale/unionale e possono essere attuate da professionisti, in collaborazione con le rispettive autorità nazionali. Il lavoro mirerà a identificare, condividere, valutare e perfezionare le misure e le azioni intraprese e pianificate per mitigare l’impatto della pandemia di COVID-19 sulla sicurezza, la qualità e l’accessibilità di queste terapie.

Sottosettori specifici (elenco non esaustivo):

– sangue e componenti del sangue (globuli rossi, plasma)

– organi (es. reni, fegato, cuore)

– cellule staminali emopoietiche (midollo osseo, sangue cordonale)

– gameti ed embrioni (per la medicina riproduttiva)

– tessuti (cornea, valvole cardiache).

Possibili proponenti: società mediche professionali (che hanno come membri professionisti provenienti da ospedali, centri di trapianto e istituti ematologici/tissutali dell’Ue) e autorità degli Stati membri, che rappresentano esperti in una o più specialità sanitarie che lavorano con sostanze di origine umana (Soho – organi solidi, cellule staminali ematopoietiche, tessuti, gameti, sangue e componenti del sangue), che rappresentano professionisti in più Stati membri UE, con un forte rapporto/collaborazione con le autorità di livello nazionale/UE nel settore Soho

Budget: 3.500.000 euro; saranno finanziate fino a 5 proposte progettuali

La scadenza per tutte le azioni del bando è il 15 settembre 2021.