MORATORIA REGIONALE 2019

marketing-board-strategy

La Regione Lombardia ha aderito ad alcune misure in favore delle PMI previste dall’“Accordo per il credito 2019” sottoscritto il 15 novembre 2018 tra ABI e le associazioni di rappresentanza delle imprese, consentendone la sospensione della rata di capitale o l’allungamento della scadenza relativamente ai finanziamenti a valere su misure agevolative regionali.

A tal fine ha avviato, coerentemente con le finalità dell’”Accordo per il credito 2019”, un’autonoma iniziativa, denominata Moratoria Regionale finalizzata alla sospensione e allungamento dei finanziamenti delle PMI con riferimento agli interventi di agevolazione finanziati con risorse regionali.

 

Soggetti ammissibili

Piccole e medie imprese, come definite dalla normativa comunitaria, che alla data della presentazione della domanda:

  1. risultino “in bonis” e pertanto non abbiamo posizioni debitorie classificate da Finlombarda S.p.A. come esposizioni non-performing, ripartite nelle categorie delle sofferenze, inadempienze probabili, esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate;
  2. non siano sottoposte ad alcuna delle procedure concorsuali di cui alla legge fallimentare e ss.mm.ii., non abbiamo emesso assegni ed effetti protestati negli ultimi 5 anni e nei confronti della quale non si rilevino eventi pregiudizievoli da conservatoria (ipoteche legali, ipoteche giudiziali, decreti ingiuntivi, pignoramenti immobiliari ecc.);
  3. nel caso di finanziamenti concessi in regime di esenzione per categoria (REG 651/2014), che non siano in difficoltà si sensi del suddetto regolamento.
  4. abbiano in essere un finanziamento a valere su una delle seguenti misure agevolative regionali;

Possono essere ammessi alla Moratoria Regionale i finanziamenti che rispettino tutte le seguenti condizioni:

  1. finanziamenti in essere alla data pubblicazione della D.G.R. di approvazione della Moratoria Regionale ed a valere sulle misure agevolative regionali ammesse. Le rate di tali finanziamenti possono essere già scadute (non pagate o pagate solo parzialmente) da non più di 90 giorni alla data di presentazione della domanda da parte della PMI;
  2. finanziamenti già erogati a saldo ed in ammortamento;
  3. finanziamenti per i quali non sia stata già concessa la sospensione della rata di capitale o l’allungamento della scadenza nell’arco dei 24 mesi precedenti la data di presentazione della domanda, ad eccezione delle facilitazioni della specie concesse ex lege in via generale.

Le domande di accesso alla Moratoria Regionale potranno essere presentate dalle PMI/Comuni fino al 31 dicembre 2020.