Azione preparatoria: ridurre l’occupazione giovanile costituendo cooperative per migliorare le opportunità di lavoro nell’UE

Azione preparatoria: ridurre l'occupazione giovanile costituendo cooperative per migliorare le opportunità di lavoro nell'UE

Spin-off universitario

Nel quadro delle misure per la promozione dell’occupazione giovanile, la DG imprese ha pubblicato un bando per migliorare lo sviluppo delle cooperative e promuovere la loro immagine tra i giovani, integrando l’educazione all’imprenditoria cooperativa all’interno dell’istruzione secondaria e superiore e al di fuori dell’ambiente educativo.

 

Con questo bando per azioni preparatorie (AP), che rappresenta il seguito di un’iniziativa pilota (PP) del Parlamento europeo del 2015 per la promozione dell’occupazione giovanile, la Commissione punta sullo sviluppo delle cooperative di giovani basandosi sui risultati e sull’impatto dell’iniziativa pilota precedente (che ha finanziato i progetti COOPILOT ed ECOOPE, le cui azioni sono state attuate tra aprile 2017 e giugno 2018).

In particolare questo bando si propone di dare diffusione alle migliori pratiche raccolte e di dare attuazione a programmi/moduli di programmi per stimolare la creazione di imprese cooperative da parte dei giovani, con l’intento di stimolare il trasferimento e lo sviluppo delle competenze dell’imprenditorialità cooperativa in  paesi in cui la tradizione cooperativa è debole e i benefici offerti dal modello cooperativo non sono sufficientemente conosciuti o dove la disoccupazione giovanile è molto alta.

 

Per fare ciò il bando si concentra su 3 diversi topic:

 

1: preparazione di corsi di formazione pilota per studenti a livello secondario/superiore per sostenere l’organizzazione di moduli/corsi di formazione da fornire ai giovani in un contesto di istruzione secondaria e superiore utilizzando metodi misti e innovativi,

 

2: worshop transeuropei per condividere conoscenze e apprendere dai professionisti (formare i formatori) per sostenere la progettazione, lo sviluppo e l’organizzazione di moduli di formazione per educatori/professori che operano nel settore dell’istruzione secondaria e superiore,

 

3: promozione di una mentalità imprenditoriale nei giovani, per creare cooperative al di fuori dell’ambiente educativo

 

I progetti devono essere innovativi, transnazionali e attuati con una chiara intenzione di replicabilità. I proponenti dovrebbero, al termine del progetto, rendere i risultati pubblici e disponibili per qualsiasi attore interessato al modello di business cooperativo e alla formazione imprenditoriale.

 

Le domande devono essere presentate da enti pubblici o privati, riuniti in partnership di almeno tre componenti di almeno tre diversi Stati membri, preferibilmente appartenenti a zone d’Europa diverse dal punto di vista economico, sociale e culturale. È fortemente incoraggiato il coinvolgimento nei progetti delle organizzazioni giovanili.

Sono ammissibili a presentare una proposta progettuale soggetti quali servizi di consulenza aziendale, camere di commercio, organizzazioni professionali, istituti di istruzione, organizzazioni governative e non governative, organizzazioni di imprese cooperative. I proponenti devono dimostrare di avere una chiara esperienza nell’attuazione di programmi di formazione e istruzione per l’imprenditoria giovanile e conoscenza ed esperienza comprovate del modello cooperativo.

Il budget complessivo del bando ammonta a 1.950.000 euro.

Il contributo per progetto può coprire fino al 90% dei costi ammissibili per un massimo di 215.000 euro. Saranno finanziati 3-5 progetti per topic.

I progetti dovrebbero iniziare indicativamente a dicembre 2019/gennaio 2020.

Scadenza: 25/06/2019

Percorsi di formazione/accompagnamento per l’avvio di imprese culturali e creative da insediare in spazi pubblici

POR FSE 2014-2020: Bando per la selezione di percorsi di formazione/accompagnamento per l’avvio di imprese culturali e creative da insediare in spazi pubblici

creativity-70192__340

Il bando, approvato con decreto n.962 del 28 gennaio 2019, ha la finalità di selezionare le migliori proposte di percorsi di formazione/accompagnamento presentate da operatori accreditati da Regione Lombardia ai servizi per la formazione e per il lavoro (potenziali beneficiari) e rivolte a disoccupati di qualsiasi età (destinatari finali della misura) che abbiano un’idea d’impresa nel settore culturale e creativo, da trasformare in progetto concreto e accompagnare anche dopo la nascita dell’impresa stessa.
Tale impresa potrà usufruire di spazi inutilizzati di proprietà di Enti pubblici, che possono già essere inseriti come sostenitori nella proposta progettuale presentata e possono portare al riconoscimento di premialità.

Le proposte progettuali devono prevedere:
• la descrizione delle modalità e dei criteri con cui sarà organizzata la selezione dei partecipanti al percorso di formazione/accompagnamento. Tale selezione dovrà seguire una procedura di evidenza pubblica
• la descrizione del percorso di formazione/ accompagnamento proposto che dovrà prevedere:
o lo svolgimento di un primo modulo di formazione/ accompagnamento, che dovrà fornire ai team selezionati le competenze necessarie per creare una nuova impresa nel settore culturale e creativo
o la progettazione, organizzazione e gestione di stage da svolgere in altri paesi dell’Unione Europea
o lo svolgimento di un secondo modulo di formazione/ accompagnamento per sistematizzare i risultati acquisiti nell’ambito degli stage all’estero, perfezionare i progetti imprenditoriali elaborati da ciascun team e verificare la possibilità di procedere alla costituzione dell’impresa
o lo svolgimento di un terzo modulo, dedicato ad attività di mentoring e di affiancamento sul lavoro rivolto ai team di partecipanti che avranno costituito la loro impresa, per supportarli nella fase di start-up
La durata dei progetti è di 12 mesi dalla pubblicazione della graduatoria al termine della procedura valutativa.
Possono partecipare gli operatori accreditati dalla Regione Lombardia ai servizi per la formazione e per il lavoro con sede in tutte le province lombarde, che dovranno coinvolgere uno tra gli incubatori d’impresa rientranti nell’elenco degli incubatori certificati dal Ministero dello Sviluppo Economico.
Per partecipare, i beneficiari dovranno inoltre aver maturato esperienze progettuali nel settore culturale e creativo, nell’avvio d’impresa, nell’organizzazione di stage all’estero, nella formazione/accompagnamento di disoccupati.
Il contributo regionale è a fondo perduto e copre il 100% della richiesta di finanziamento.

L’importo complessivo di ogni singolo progetto dovrà essere almeno pari a € 200.000.

Il massimo contributo concedibile è € 400.000.

Il contributo sarà erogato ai soggetti beneficiari (o al capofila in caso di partenariati) secondo le seguenti modalità:
In caso di richiesta di anticipazione:
• una prima quota pari al 40% del contributo concesso, che può essere richiesta presentando contestualmente all’avvio idonea fidejussione bancaria per lo stesso importo dell’anticipazione
• una seconda quota pari al 40% del contributo concesso, a seguito della rendicontazione del 40% delle spese previste dal progetto, dietro presentazione di regolare documentazione di spesa
• l’ultima quota a saldo fino al 20% del contributo concesso, a seguito della verifica di tutta la documentazione presentata attestante la completa realizzazione del progetto e le spese effettivamente sostenute
Se non viene richiesta l’anticipazione:
• una quota pari al 40% del contributo concesso, a seguito della rendicontazione del 40% delle spese previste dal progetto, dietro presentazione di regolare documentazione di spesa
• l’ultima quota a saldo fino al 60% del contributo concesso, a seguito della verifica di tutta la documentazione presentata attestante la completa realizzazione del progetto e le spese.
Scadenza: 3 maggio 2019