POR FESR 2014-2020 – Asse III – Azione III.3.B.2.3 – Sostegno alla competitività delle strutture ricettive alberghiere e delle strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta

POR FESR 2014-2020 - Asse III – Azione III.3.B.2.3 - Sostegno alla competitività delle strutture ricettive alberghiere e delle strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta

Training

La presente misura consiste nella realizzazione e riqualificazione di strutture ricettive alberghiere e di strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta.

Possono partecipare Micro, piccole e medie imprese ai sensi dell’Allegato I al Regolamento (UE) n.651/2014, ivi incluse le ditte individuali, che esercitano l’attività:

  • ricettiva alberghiera ai sensi del capo II della legge regionale n. 27/2015 (alberghi o hotel; residenze turistico-alberghiere; alberghi diffusi; condhotel)
  • ricettiva non alberghiera all’aria aperta ai sensi del capo V della legge regionale n. 27/2015 (villaggi turistici, campeggi e aree di sosta)

L’agevolazione massima per beneficiario è pari a 200.000,00 euro (duecentomila/00) e l’investimento minimo totale ammissibile non deve essere inferiore a 80.000,00 euro (ottantamila/00).

L’intensità d’aiuto massima richiedibile è pari al 50% della spesa complessiva ammissibile.

L’agevolazione viene erogata al soggetto beneficiario al massimo in due tranche:

  • anticipo facoltativo pari al 50% dell’agevolazione ammessa a fronte di presentazione di regolare fideiussione bancaria o assicurativa, ai sensi dell’articolo 9 (Garanzie) delle linee guida, entro e non oltre il 270° giorno solare e consecutivo dalla pubblicazione sul BURL della graduatoria previa dimostrazione dell’avvio del progetto;
  • saldo dell’agevolazione ammessa a seguito della conclusione del progetto e della presentazione della relazione finale sull’esito del progetto corredata dalla rendicontazione finale delle spese effettivamente sostenute e quietanzate.

È possibile l’erogazione in un’unica soluzione a seguito della conclusione del progetto e della presentazione della relazione finale sull’esito del progetto corredata dalla rendiconta-zione finale delle spese effettivamente sostenute e quietanzate.

Scadenza: 15/10/2020

È di nuovo sport – anno 2020

È di nuovo sport - anno 2020

sport

Il bando ha l’obiettivo di aiutare le associazioni e le società sportive dilettantistiche che, nonostante la sospensione dell’attività sportiva prevista dal DPCM 08/03/2020, hanno dovuto sostenere numerose spese di carattere ordinario e, parallelamente, hanno visto ridotte significativamente le proprie entrate.

Possono accedere al bando i soggetti che alla data di presentazione della domanda possiedono i seguenti requisiti:

– Comitati e Delegazioni regionali della Lombardia di Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate ed Enti di Promozione Sportiva, riconosciuti dal CONI o dal CIP (Comitato Italiano Paralimpico)- Linea 1;

– ASD/SSD iscritte al Registro CONI con affiliazione a Federazioni Sportive Nazionali (FSN); iscritte al Registro CONI con affiliazione a Discipline Sportive Associate (DSA) o ad Enti di Promozione Sportiva (EPS); iscritte al Registro CIP (registro CONI sezione parallela CIP) con affiliazione a Federazioni Sportive Paralimpiche (FSP), Federazioni Sportive Nazionali Paralimpiche (FSNP), Discipline Sportive Associate Paralimpiche (DSAP) o ad Enti di Promozione Sportiva Paralimpica (EPSP) – Linea 2.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto fino a un massimo del 70% delle spese ammissibili, da un minimo di 6.000 euro a un massimo di 10.000 euro.

Il contributo erogabile non potrà essere inferiore a 1.000 euro.

Scadenza: 15/09/2020

CIAK #INLOMBARDIA – LOMBARDIA RIPARTE

CIAK #INLOMBARDIA – LOMBARDIA RIPARTE

marketing-board-strategy

Nell’ambito delle attività di marketing territoriale il bando “Ciak #InLombardia – Lombardia Riparte” ha lo scopo di:

  • promuovere la Lombardia e rilanciarne l’immagine e la reputazione, in Italia e all’estero, in termini di “destinazione sicura”;
  • promuovere il territorio e il suo patrimonio storico culturale anche attraverso la memoria e i ricordi delle tradizioni, delle leggende e delle storie popolari;
  • incrementare l’attrattività turistica, valorizzando le esperienze, i momenti dell’anno e le destinazioni che possono garantire libertà di movimento in sicurezza.

Oggetto del bando è la selezione di progetti audiovisivi della durata massima di 30 secondi che saranno strumento di comunicazione e promozione da parte di Regione Lombardia. I video devono avere una dimensione non superiore a 75 MB ed essere girati almeno in HD: 1280×720 pixel oppure in full HD: 1920×1080 pixel, inquadratura orizzontale 16:9. L’elaborato deve essere accompagnato da un’immagine (da usare come copertina) e da un video promo di massimo 10 secondi, inquadratura verticale 9:16, che mostri le sequenze più significative ed interessanti. I progetti presentati dovranno tassativamente essere realizzati con materiale originale ed inedito, girati in Lombardia e privi di persone identificabili, marchi o riferimenti pubblicitari evidenti.

Possono partecipare al bando persone fisiche di età compresa tra i 18 e i 35 anni alla data di pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (Serie Ordinaria n. 28 del 7 luglio 2020).

I soggetti interessati possono presentare una sola domanda ed inviare un solo video.

L’agevolazione si configura come contributo a fondo perduto.

Ai primi 3 classificati è riconosciuto un corrispettivo economico a titolo di prestazione d’opera così ripartito:

1° classificato – € 5.000,00 lordi

2° classificato – € 4.000,00 lordi

3° classificato – € 3.000,00 lordi

Sono inoltre previsti due riconoscimenti speciali anche eventualmente cumulabili al corrispettivo economico di cui sopra:

Lombardia Out of Season – al video che meglio promuove luoghi, destinazioni ed esperienze da vivere e visitare fuori stagione: € 2.000,00 lordi.

Montagna in Libertà – al video che meglio promuove la montagna come destinazione ideale in grado di assicurare libertà di movimento in sicurezza: € 2.000,00 lordi.

Sull’importo lordo dei singoli corrispettivi economici verrà applicata una ritenuta d’imposta del 25% ai sensi dell’art. 30 del DPR 600/1973. Tale ritenuta sarà versata da Regione Lombardia all’erario in qualità di sostituto d’imposta.

I video che si aggiudicano un riconoscimento saranno acquisiti in proprietà di Regione Lombardia che sarà esclusiva titolare di tutti i diritti di proprietà e di riproduzione. I restanti video rimangono in proprietà degli autori che cedono a Regione Lombardia il solo diritto di riproduzione.

Scadenza: 08/09/2020

Reattivi contro il Covid

Reattivi contro il Covid

Training

L’intervento è finalizzato a sostenere le MPMI per la realizzazione di investimenti produttivi che prevedono:

  • l’ampliamento della capacità delle medesime unità produttive già adibite alla produzione di dispositivi medici (DM) o anche di dispositivi di protezione individuale (DPI);
  • la riconversione delle unità produttive finalizzata alla produzione di dispositivi medici, di mascherine chirurgiche ai sensi degli artt. 15 e 16 del D.L 18/2020 e di dispositivi di protezione individuale.

Ciascuna Impresa potrà presentare una sola domanda per una sola tipologia di investimento (ampliamento o riconversione dell’attività produttiva) e per una sola macrotipologia di dispositivi (DPI o DM). La domanda potrà altresì riguardare la produzione di più dispositivi appartenenti alla stessa macrotipologia.

Possono partecipare Micro Piccole Medie Imprese (secondo la definizione di cui all’Allegato I del Regolamento UE 651/2014 del 17 giugno 2014) aventi almeno una sede operativa o un’unità locale in Lombardia, che svolgano un’attività come segue:

  • imprese manifatturiere codice ATECO C.
  • impresa artigiana sempre ATECO C iscritta alla sezione speciale del Registro Imprese delle Camere di Commercio;

L’ATECO C è da intendersi come ATECO 2007 primario o prevalente.

Potranno presentare domanda anche le imprese che hanno ricevuto agevolazioni a valere sull’Ordinanza 23.03.2020 n. 4, adottata in attuazione del D.L. 18/2020, a condizione che presentino interventi e spese differenti rispetto agli investimenti oggetto di agevolazione a valere sulla misura CuraItalia.

Le imprese possono presentare domanda di partecipazione all’iniziativa se risultano essere in possesso delle certificazioni di prodotto o delle attestazioni di conformità alle norme in essere o ad eventuali standard superiori qualora approvati successivamente all’emanazione del presente Bando rilasciate da ente certificatore secondo le disposizioni vigenti.

Nel Regime di Aiuti Quadro Temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19. le imprese non devono essere in difficoltà al 31 dicembre 2019 (possono essere entrate in difficoltà successivamente a causa dell’epidemia di COVID-19).

Con l’inquadramento nel Regime di Aiuti Quadro Temporaneo il contributo è concesso nel limite massimo di 500.000 euro secondo la seguente gradualità:

  • fino a 500.000 euro se l’investimento si completa e si avvia la produzione entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del Bando
  • fino a 400.000 euro se l’investimento si completa e si avvia la produzione entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del Bando
  • fino a 300.000 euro se l’investimento si completa e si avvia la produzione entro 90 giorni dalla data di pubblicazione del Bando.

L’investimento minimo è fissato in 40.000 (di spese ammissibili).

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 75% della spesa ritenuta ammissibile

L’impresa dovrà presentare richiesta di contributo esclusivamente dopo aver effettuato l’investimento, ultimato i lavori di installazione e avviata la produzione, allegando i relativi giustificativi di spesa quietanzati.

Sono agevolabili le spese sostenute prima della presentazione della domanda, a decorrere dall’8 marzo 2020, data di pubblicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8 marzo 2020.

L’erogazione avverrà In un’unica soluzione a saldo, previa verifica della documentazione presentata.

Scadenza: 15/10/2020

POR FSE 2014-2020: Formazione continua – Fase VI – Voucher aziendali

POR FSE 2014-2020: Formazione continua - Fase VI - Voucher aziendali

pexels-photo-1068523

L’avviso è finalizzato all’accrescimento delle competenze della forza lavoro occupata nel territorio regionale, mediante la concessione di voucher aziendali per la fruizione di corsi di formazione continua selezionabili dal Catalogo Regionale di Formazione Continua 2020-2021.

Per i dipendenti che hanno sospeso l’attività lavorativa a causa dell’emergenza Covid 19 assume il valore di politica attiva.

Possono partecipare le imprese, aventi unità produttiva/sede operativa ubicata in Regione Lombardia, rientranti nelle seguenti categorie:

  • Imprese iscritte alla Camera di Commercio di competenza;
  • Imprese familiari, di cui all’art. 230-bis del Codice Civile;
  • Enti del Terzo Settore che svolgono attività economica (organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, enti filantropici, imprese sociali, incluse le cooperative sociali, reti associative, società di mutuo soccorso, associazioni, riconosciute o non riconosciute, fondazioni) iscritte ai registri (regionale/provinciale nelle more dell’attuazione del Registro Nazionale, ai sensi del D.Lgs. 117/2017);
  • Associazioni riconosciute e fondazioni che svolgono attività economica, aventi personalità giuridica e pertanto iscritte al Registro Regionale delle persone giuridiche;
  • Cooperative;
  • Liberi professionisti oppure, se esercitanti in forma associata, la relativa associazione.

Gli interventi finanziati nell’ambito del presente Avviso sono rivolti a:

  • lavoratori dipendenti di micro, piccole, medie e grandi imprese assunti presso una sede operativa/unità produttiva localizzata sul territorio di Regione Lombardia;
  • titolari e soci di micro, piccole, medie e grandi imprese con sede legale in Lombardia e iscritte alla Camera di Commercio di competenza;
  • lavoratori autonomi e liberi professionisti con domicilio fiscale localizzato in Lombardia che esercitano l’attività sia in forma autonoma sia in forma associata.

L’agevolazione è concessa sotto forma di voucher formativi aziendali destinati ai lavoratori in possesso dei requisiti previsti dall’avviso.

La misura consente ai lavoratori di partecipare ai corsi di formazione approvati sul Catalogo regionale.

Il voucher ha un valore massimo di € 2.000,00. Ciascun lavoratore può fruire per di uno o più percorsi formativi, fino al raggiungimento del valore complessivo del voucher.

Il costo massimo rimborsabile all’impresa per la fruizione dei percorsi si differenzia in funzione del livello di competenze da acquisire:

EQF tra 6 e 8: fino a € 2.000,00 per lavoratore;

EQF tra 4 e 5: fino a € 1.500,00 per lavoratore;

EQF 3: fino a € 800,00 per lavoratore.

Ogni impresa avrà a disposizione un importo massimo di € 50.000,00 spendibili su base annua.

Scadenza: 30/12/2021

E-commerce 2020 – Nuovi mercati per le imprese lombarde

E-commerce 2020 – Nuovi mercati per le imprese lombarde

ecommerce-1706103_1280

La presente misura è finalizzata al sostegno delle MPMI che intendono sviluppare e consolidare la propria posizione sui mercati tramite lo strumento dell’E-commerce, incentivando l’accesso a piattaforme cross border (B2B e/o B2C) e/o sistemi e-commerce proprietari (siti e/o app mobile).

Lo scopo è di garantire uno sbocco commerciale non limitato al mercato domestico dei prodotti delle imprese lombarde.

Possono partecipare Tutte le micro, piccole e medie imprese lombarde.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto di max 10.000 euro a parziale copertura delle spese sostenute (al netto di IVA), con un investimento minimo di 4.000 euro, nel limite del 70% delle spese sostenibili.

Scadenza: 11/09/2020

Startcup Lombardia

Startcup Lombardia

startup-1018514_1280

Startcup Lombardia è la Competition organizzata dalle Università e dagli Incubatori Universitari lombardi, promossa da Regione Lombardia, che favorisce la nascita di nuove imprese ad alto potenziale, nate, ospitate o legate da rapporti di collaborazione con le Università e gli Incubatori Universitari lombardi.

La competizione è finalizzata alla diffusione della cultura imprenditoriale all’interno del sistema universitario, favorendo e sostenendo la nascita e lo sviluppo di imprese ad alto impatto di business per promuovere lo sviluppo economico del territorio lombardo.

Sono ammesse alla competizione le proposte presentate da:

  • Aspiranti imprenditori (singolarmente o in team) afferenti alle università Lombarde o incubatori, che intendano avviare iniziative di sviluppo di prodotti e servizi innovativi. Nello specifico tra i componenti dei team dovrà essere presente almeno uno dei seguenti profili: Studente universitario, laureato, dottorando o PhD di ricerca, ricercatore, assegnista o borsista di ricerca, professore, alumnus 2.
  • Imprese costituite in forma di società a responsabilità limitata (S.r.l.) o di società per azioni (S.p.A.) con almeno un’unità operativa localizzata sul territorio lombardo, o che si impegnino, in caso di vittoria, ad aprirne una in suddetto territorio ed operino in settori innovativi, nei quali vi sia una competenza specifica tra gli organizzatori (Università e/o incubatori), ed in particolare intendano avviare iniziative di sviluppo di prodotti e servizi innovativi.che presentino progetti innovativi sul territorio lombardo in campi quali: ICT & Services, Life Science & Agrifood, Industrial Technologies, Cleantech & Energy.

 

Grazie alla dotazione messa a disposizione da Regione Lombardia, il montepremi complessivo è di 125.000 euro che sarà così suddiviso:

  • 4 Progetti vincitori: Premio di 25.000 euro caduno più iscrizione al PNI – Premio Nazionale Innovazione;
  • 1 Premio Speciale Covid-19 di 25.000 euro per il progetto che sviluppa la migliore soluzione e/o tecnologia, collegata alle conseguenze causate dall’emergenza in termini di sicurezza sui luoghi di lavoro e benessere e convivenza sociale con particolare attenzione al sistema scolastico ed all’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico;
  • 2 Progetti assegnatari di una menzione speciale: Premio di iscrizione al PNI – Premio Nazionale Innovazione.

Inoltre, tutti i progetti finalisti potranno accedere a:

  • Attività di formazione programmate che avranno come obiettivo quello di trasmettere competenze imprenditoriali per la stesura di un modello di business, public speaking e presentazione dell’idea di business;
  • Supporto alla finalizzazione del business plan con mentor ed esperti del settore dedicati a supportare le idee vincitrici;
  • Media Coverage: pubblicazione e visibilità su riviste e giornali specializzati.

Possono candidarsi alla competition studenti, imprese e aspiranti imprenditori. All’interno di ogni team dovrà essere presente almeno uno studente universitario o, in alternativa, un laureato, un dottorando, un PhD di ricerca, un ricercatore, un assegnista, un borsista di ricerca, un professore o alumnus.

Per partecipare alla Competiton di Startucup Lombardia, la deadline è fissata entro il 15 luglio 2020.

Approvazione dei criteri per l’assegnazione di contributi per il finanziamento di progetti innovativi, che favoriscano lo sviluppo e la costituzione di reti per la tutela e la promozione del diritto al cibo

Approvazione dei criteri per l’assegnazione di contributi per il finanziamento di progetti innovativi, che favoriscano lo sviluppo e la costituzione di reti per la tutela e la promozione del diritto al cibo

business-561387__340

Il presente bando si pone le seguenti finalità: sostenere il finanziamento di progetti innovativi integrati che ove possibile prevedano lo sviluppo di reti tra tutti gli attori della filiera agroalimentare ed in particolare:

 la riduzione delle eccedenze alimentari;

  • la limitazione degli sprechi attraverso il conferimento di valore dei sotto prodotti;
  • la redistribuzione di alimenti;
  • l’agricoltura

Possono partecipare enti pubblici, università, organismi di diritto pubblico e soggetti a prevalente partecipazione pubblica, gli enti iscritti nel registro del terzo settore quali le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, gli enti filantropici, le imprese sociali, incluse le cooperative sociali, le reti associative, le società di mutuo soccorso, le associazioni, riconosciute o non riconosciute, le fondazioni e gli altri enti di carattere privato diversi dalle società costituiti per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale; le associazioni di categoria, soggetti pubblici e privati che si occupano della filiera agroalimentare. Sono ammessi i raggruppamenti, anche temporanei, tra i soggetti di cui sopra.

Il contributo minimo è pari a € 10.000,00 (IVA compresa).

Il contributo massimo è pari a € 30.000,00 (IVA compresa).

Il contributo è a fondo perduto.

L’erogazione del contributo avviene in un’unica tranche.

 Scadenza: 09/07/2020

Contributi a imprese agricole colpite a seguito “attacco della cimice asiatica (Alyomoropha halys) alle produzioni vegetali nell’anno 2019 in Regione Lombardia”

Contributi a imprese agricole colpite a seguito “attacco della cimice asiatica (Alyomoropha halys) alle produzioni vegetali nell’anno 2019 in Regione Lombardia”

agriculture

Possono beneficiare degli interventi le imprese agricole di cui all’articolo 2135 del codice civile, ivi comprese le cooperative che svolgono l’attività di produzione agricola ricadenti nelle zone delimitate ai sensi dell’articolo 6 del Decreto legislativo 29 marzo 2004 n. 102.

L’agevolazione consiste in un Contributo a fondo perduto, fino all’ 80% del danno ritenuto ammissibile, detratti gli eventuali indennizzi assicurativi percepiti.

Scadenza: 18/07/2020

Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana

Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana

Training

Il bando è finalizzato a sostenere i Distretti del Commercio, iscritti all’apposito Elenco regionale, come volano per la ricostruzione economica territoriale urbana nei settori del commercio, artigianato, ristorazione e terziario, a seguito dell’impatto negativo dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

In particolare, il bando finanzia:

– bandi emanati dai Comuni, Comunità Montane e Unioni di Comuni aderenti al Distretto per sostenere gli interventi realizzati dalle imprese per l’apertura di nuove attività o il rilancio di attività esistenti, l’adattamento dei punti vendita alle nuove esigenze di sicurezza e protezione di lavoratori e consumatori, l’adozione di nuove modalità di vendita quali vendita online e consegna a domicilio;

– interventi realizzati direttamente dai Comuni, Comunità Montane e Unioni di Comuni per la qualificazione e l’adeguamento dell’area del Distretto e la realizzazione di servizi comuni per le imprese

Per i Distretti che si impegnano ad emanare i bandi per le imprese e concedere i relativi aiuti entro il 31 dicembre 2020 è prevista una premialità di contributo.

Sono beneficiari diretti i Comuni, le Comunità Montane e le Unioni di Comuni rientranti in uno dei Distretti del Commercio iscritti all’Elenco regionale in data 5 maggio 2020.

Sono beneficiari indiretti, tramite i bandi emanati dai Comuni, Comunità Montane e Unioni di Comuni, le PMI e gli aspiranti imprenditori con unità locale nel territorio del Distretto che svolgano attività di:

– somministrazione o vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrina su strada o situata al piano terreno degli edifici;

– logistica, trasporto e consegna a domicilio.

L’agevolazione è suddivisa come segue:

Per la generalità dei Distretti

– € 100.000 in capitale per bandi alle imprese

– € 30.000 in capitale ai Comuni;

– € 20.000 in corrente ai Comuni;

– Ulteriori € 30.000 in capitale ai Comuni come premialità.

Per i Distretti presso Comuni capoluogo di provincia:

– € 170.000 in capitale per bandi alle imprese

– € 50.000 in capitale al Comune;

– € 20.000 in corrente al Comune;

– Ulteriori € 50.000 in capitale al Comune come premialità.

Per i Distretti del Comune di Milano:

– € 400.000 in capitale per bandi alle imprese

– € 120.000 in capitale al Comune;

– € 50.000 in corrente al Comune;

– Ulteriori € 120.000 in capitale al Comune come premialità.

Scadenza: 30/09/2020

1 8 9 10 11 12