Azioni di promozione internazionale ClustER – Anno 2019 – Programma attività produttive

Azioni di promozione internazionale ClustER - Anno 2019 - Programma attività produttive

Fiera

La Regione intende sostenere azioni di promozione all’estero realizzate dalle Associazioni per lo sviluppo della Strategia di Specializzazione intelligente dell’Emilia-Romagna.

Associazioni formalmente costituite nell’ambito del percorso e con le caratteristiche richieste dall’avviso approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 671/2017 possono partecipare.

Il contributo regionale verrà concesso nella misura del 100% delle spese previste, nei limiti degli importi massimi sotto indicati.
Importo massimo di € 15.000 calcolato con la seguente modalità:

-fino a € 5.000 per le attività realizzate nei paesi dell’Unione Europea

-fino a € 10.000 per le attività svolte nei paesi extra-Unione Europea

In caso di progetti che comprendano azioni sia in Paesi dell’UE che in Paesi extra UE si applicheranno i massimali sopra indicati separatamente per ciascun gruppo di paesi.

Le spese che possono essere finanziate sono:

-costi di viaggio, vitto e alloggio nei paesi target

-costi per l’adesione a eventi high tech di promozione, fiere, convegni nei paesi target

-costi per l’affitto di spazi e attrezzature, costi per allestimenti finalizzati a realizzare eventi di promozione nei paesi target

-costi di interpretariato

Le domande devono essere presentate a partire dalle ore 09.00 del 04 marzo 2019

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati dei paesi terzi.

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati dei paesi terzi.

6-Agri-Food

La misura si propone di sostenere le attività promozionali a favore delle produzioni di qualità a denominazione di origine svolte dai consorzi di tutela e dalle aziende vitivinicole associate o singole sui mercati extra UE promuovendo l’export piemontese. Sonno ammissibili le spese inerenti alle attività di marketing. L’aiuto è concesso per un importo pari al 50% delle spese sostenute.

Possono beneficiare della misura i produttori di vino di qualità singoli o associati con priorità ai marchi collettivi promossi da i Consorzi di tutela e alle micro, piccole e medie imprese.

Le domande possono essere inviate entro 25.09.2018.

Contributi triennali 2018-2020 per i Carnevali storici

Contributi triennali 2018-2020 per i Carnevali storici

eyes-1283163_640

La Direzione Generale Spettacolo del Mibact, attraverso i contributi triennali 2018-2020 contribuisce al sostegno dei Carnevali Storici, al fine di valorizzarne la funzione per la conservazione e la trasmissione delle tradizioni storiche e popolari in relazione alla promozione dei territori.

Le manifestazioni devono attestare almeno 25 edizioni documentabili, con una riconosciuta identità storica e culturale a livello nazionale e internazionale.

Possono presentare istanza di contributo Comuni, Fondazioni e Associazioni con personalità giuridica senza scopo di lucro, nella cui composizione societaria siano presenti Enti locali, aventi come fine statutario l’organizzazione e la promozione di carnevali storici e che siano organizzatori dei carnevali a cui si riferisce la domanda presentata.

Le risorse ammontano a complessivi due milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020.

L’entità del contributo annuale al singolo progetto non può superare la cifra massima di Euro 100.000,00 e non può essere inferiore alla cifra minima di Euro 50.000,00.

La domanda di progetto triennale 2018-2020 corredata dal relativo programma annuale per il 2018 dovrà essere presentata attraverso la procedura telematica utilizzando i modelli disponibili online previa registrazione sulla piattaforma http://dos.beniculturali.it/login.php  dal 6 agosto 2018 ed entro le ore 12.00 del 30 settembre 2018. Qualora la scadenza coincida con un giorno festivo, il termine è prorogato alle ore 12.00 del primo giorno successivo non festivo.

Sostegno per lo sviluppo della strategia di specializzazione intelligente dell’Emilia-Romagna, finalizzato ad azioni di promozione internazionale

Sostegno per lo sviluppo della strategia di specializzazione intelligente dell’Emilia-Romagna, finalizzato ad azioni di promozione internazionale

industry-2489601_960_720

 

 

La Regione Emilia intende promuovere il sistema produttivo regionale sostenendo ed espandendo iniziative di sistema volte alla promozione di filiere e/o settori produttivi regionali.

Beneficiari – Associazioni formalmente costituite nell’ambito del percorso e con le caratteristiche richieste dall’avviso approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 671/2017

Contributo regionale.

La Regione contribuirà alla realizzazione delle azioni di ciascuna Associazione in non più di due paesi con un importo massimo di € 10.000,00 calcolato con la seguente modalità:

  • o fino a € 5.000 per le attività realizzate nei paesi dell’Unione Europea
  • o fino a € 10.000 per le attività svolte nei paesi extra-Unione Europea

Le domande potranno essere presentate dal 9 agosto 2018 fino alle ore 16.00 del 31 ottobre 2018.

Promozione delle risorse turistiche piemontesi per l’anno 2018

Promozione delle risorse turistiche piemontesi per l’anno 2018

tourist-information-11284477779im1c

I contributi sono concessi per la realizzazione di azioni di comunicazione e di attività di promo-pubblicità, nell’ambito di manifestazioni e iniziative organizzate nelle località del Piemonte, che valorizzino l’offerta turistica e contribuiscano all’arricchimento del prodotto turistico della regione, con particolare attenzione alle manifestazioni di rilevanza nazionale e internazionale svolte in raccordo con l’Agenzia Turistica Locale competente per territorio e commercializzati tramite gli operatori turistici locali, in grado di consolidare la conoscenza del territorio turistico piemontese.

Tali azioni di comunicazione e di attività di promo-pubblicità sono riconducibili a manifestazioni e iniziative di promozione e valorizzazione turistica di particolare rilevanza, ricaduta turistica e radicamento sul territorio, con aspetti peculiari, originali, innovativi, unici.

Per l’anno 2018, sono finanziate in via esclusiva:

  • manifestazioni e iniziative turistico-culturali che si svolgono nei siti piemontesi del Patrimonio Mondiale dell’Umanità riconosciuti dall’UNESCO (Paesaggi, Sacri Monti, Residenze);
  • manifestazioni e iniziative enogastronomiche, di particolare rilevanza, con aspetti peculiari, originali, innovativi, unici, consolidate con almeno cinque edizioni.

La particolare rilevanza turistica della manifestazione o dell’iniziativa è data dal possesso dei seguenti elementi:

  • comprovata natura e/o ricaduta turistica della manifestazione o dell’iniziativa da documentare sulla base delle azioni di comunicazione di livello nazionale e internazionale previste (e/o riferibili a precedenti edizioni), dalle complessità e varietà dell’organizzazione e del programma previsto, dei risultati positivi raggiunti in termini di aumento dei flussi turistici e/o di ricadute turistico-economiche (riferiti a precedenti edizioni e/o iniziative comparabili), del numero di edizioni raggiunte;
  • le manifestazioni e/o iniziative devono essere patrocinate e cofinanziate anche da almeno un Ente sovraordinato, C.C.I.A.A., Fondazione Bancaria o similare;
  • la manifestazione o l’iniziativa deve prevedere una promozione ad ampio raggio, estesa anche all’insieme del territorio di riferimento.

Il finanziamento non è rivolto alla promozione di feste patronali e di sagre paesane.

Le domande di contributo devono essere inoltrate nel periodo compreso fra il 12 luglio 2018 ed il 20 agosto 2018

Contributi commercio equo e solidale

Contributi per enti e organizzazioni del commercio equo e solidale

Sono previsti contributi, in regime de minimis, nella misura massima del 100% delle spese ammissibili, agli enti e organizzazioni del commercio equo e solidale riconosciuti dalla Regione Emilia Romagna finalizzati alla realizzazione delle giornate del commercio equo e solidale quale momento di incontro tra la comunità emiliano-romagnola e la realtà del commercio equo e solidale, nonché attraverso le seguenti attività di:

  • promozione di iniziative divulgative e sensibilizzazione mirate a diffondere la realtà del commercio equo e solidale e ad accrescere nei consumatori la consapevolezza degli effetti delle proprie scelte di consumo, in particolare delle ricadute sociali ed ambientali derivanti dalla produzione e commercializzazione del prodotto;
  • promozione di specifiche azioni educative nelle scuole, finalizzate a conoscere le problematiche connesse alle implicazioni delle scelte di consumo, stimolando una riflessione sul consumo consapevole e sulle opportunità offerte dai prodotti del commercio equo e solidale;
  • promozione di iniziative di formazione per gli operatori ed i volontari delle organizzazioni del commercio equo e solidale;
  • promozione di un portale regionale per il commercio equo e solidale, in cui inserire informazioni in materia di commercio equo e solidale;
  • promozione dei prodotti del commercio equo e solidale presso gli enti pubblici, al fine di un possibile utilizzo nei punti di somministrazione interni, nel pieno rispetto delle norme vigenti in materia di acquisto di beni e servizi da terzi;

Sono ammissibili le iniziative la cui realizzazione abbiano avuto inizio a partire dal 01/01/2019 e completate entro il 31/12/2019. Le domande devono essere presentate entro e non oltre il 10 settembre 2018

 

Sostegno alla distribuzione di film non nazionali

Bando EACEA/05/2018 – Sostegno alla distribuzione di film non nazionali – Sostegno automatico

 

Nell’ambito del Sottoprogramma MEDIA di Europa Creativa è stato pubblicato il bando EACEA/05/2018 per il sostegno alla distribuzione cinematografica. Il bando riguarda il cosiddetto  “sostegno automatico”.

Il “sostegno automatico” mira a favorire una più ampia distribuzione transnazionale di film europei accordando ai distributori cinematografici un fondo, commisurato alla loro performance sul mercato, destinato ad essere reinvestito in nuovi film europei non nazionali.

Il “sostegno automatico” opera in due fasi:

  1. creazione di un fondo potenziale proporzionale al numero di biglietti venduti per film europei non nazionali recenti (film con copyright dal 2014 in poi) fatti uscire in sala, nei Paesi ammissibili al Sottoprogramma MEDIA, nell’anno 2017 (fino a un tetto massimo per film e adattato a seconda del Paese).
  2. reinvestimento del fondo generato nella:

– coproduzione di nuovi film europei non nazionali, ossia film non ancora ultimati alla data di presentazione della domanda di reinvestimento (modulo 1);

– acquisizione di diritti di distribuzione di film europei non nazionali ammissibili (modulo 2) e/o;

– edizione, promozione e pubblicità di film europei non nazionali ammissibili  (modulo 3).

Per creare un fondo potenziale e accedere a misure di reinvestimento il film deve:

– essere stato prodotto da uno o più produttori aventi sede nei Paesi ammissibili al Sottoprogramma MEDIA e realizzato con una significativa partecipazione di operatori professionali provenienti da tali Paesi;

– essere un’opera di fiction, animazione o documentaristica di durata superiore a 60 minuti e realizzato in un Paese diverso da quello di distribuzione;

– deve trattarsi di film con copyright dal 2014 in poi.

Film con meno di 200 ingressi ammissibili nell’anno di riferimento (2017) non saranno presi in considerazione per il calcolo del fondo.Il bando si rivolge a società di distribuzione cinematografica stabilite nei Paesi ammissibili al sottoprogramma MEDIA: oltre ai Paesi UE, i Paesi non UE indicati in questo documento (aggiornato al 22/03/2018).Il budget a disposizione del bando è pari a € 19.000.000. Il contributo UE non può superare il 60% dei costi totali ammissibili del progetto.La scadenza per la presentazione delle proposte è fissata al 12 settembre 2018

Bando Music Moves Europe – Distribuzione online e offline

Bando Music Moves Europe – Distribuzione online e offline

music-159870_960_720

Il bando sostiene progetti riguardanti metodi innovativi esistenti, compresi quelli in fase di idea, per la distribuzione online e offline di musica, con l’obiettivo di promuovere la diversità e migliorare la visibilità e la circolazione transfrontaliera del repertorio musicale europeo, superando ostacoli esistenti come le barriere linguistiche e la frammentazione del mercato nel settore musicale.

I progetti dovrebbero perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi specifici:

  1. A livello dei consumatori, aumentare la disponibilità del repertorio europeo al di là dei successi tradizionali.
  2. Migliorare la selezione (curation) editoriale e algoritmica per aumentare la rilevabilità della musica europea sulle piattaforme digitali.
  3. Promuovere la visibilità di diversi generi di musica europea sulle piattaforme streaming, nei negozi, alla radio, in televisione o negli spettacoli dal vivo e nei festival.
  4. Migliorare la presenza di musica in lingua locale sulle piattaforme internazionali.

Le attività che possono essere finanziate sono le seguenti:

– Creazione di curatori di musica europea e/o di algoritmi per la musica europea;

– Creazione di compilation e promozione di playlist focalizzate sulla diversità musicale europea;

– Creazione di strumenti di ricerca che aiutino a trovare una varietà di musica europea e test di tecnologie innovative che permettano di aumentare la rilevabilità online della musica europea (intelligenza artificiale, big data, realtà aumentata, ecc.);

– Servizi che aumentino la visibilità della musica indie o locale su piattaforme internazionali;

– Misure che garantiscano che i talenti abbiano accesso a canali di distribuzione adeguati e che possano diffondersi nel mercato;

– Attività di promozione e visibilità.

Si prevede di finanziare fino a 10 progetti.

Beneficiari del bando sono: le imprese musicali, fornitori di servizi musicali, emittenti, fornitori di servizi digitali, organizzatori di concerti e festival, club e luoghi di musica.

Questi soggetti devono essere stabiliti in uno dei Paesi ammissibili al sottoprogramma Cultura di Europa Creativa, ovvero: Stati membri UE e Paesi non-UE indicati nel documento aggiornato al 22/03/2018

Il contributo UE potrà coprire fino al 90% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 30mila euro.

I progetti devono avere una durata massima di 12 mesi con inizio entro 2 mesi dalla firma dell’accordo di finanziamento (prevista per novembre 2018) e conclusione entro il 31 dicembre 2019.

Scadenza: 10/09/2018

Programma “Giustizia”: bandi 2018

Programma “Giustizia”: bandi 2018

case-law-677940_1280

Sul Portale dei Partecipanti sono stati pubblicati i bandi per il 2018 relativi al programma “Giustizia”, il programma dell’UE a sostegno della cooperazione giudiziaria nel campo del diritto civile e penale, della formazione giudiziaria e della promozione dell’accesso alla giustizia per tutti.

> Bando JUST-JCOO-EJN-AG-2018: bando ristretto per i membri della Rete giudiziaria europea in materia civile e commerciale, le autorità nazionali, i tribunali, le associazioni professionali

Apertura: 6 marzo 2018

Scadenza: 7 giugno 2018

> Bando JUST-JCOO-AG-2018: sostegno a progetti transnazionali volti a promuovere la cooperazione giudiziaria in materia civile e penale

Apertura: 7 marzo 2018

Scadenza: 19 giugno 2018

> Bando JUST-JACC-AG-2018: sostegno a progetti transnazionali volti a rafforzare i diritti delle persone sospettate o accusate di reato e i diritti delle vittime

Apertura: 17 maggio 2018

Scadenza: 19 settembre 2018

> Bando JUST-JACC-EJU-AG-20178: sostegno a progetti nazionali e transnazionali in materia di e-Justice

Apertura: 5 giugno 2018

Scadenza: 16 ottobre 2018

> Bando JUST-JTRA-EJTR-AG-2018: sostegno a progetti transnazionali sulla formazione giuridica in materia di diritto civile, diritto penale o diritti fondamentali

Apertura: 14 giugno 2018

Scadenza: 25 ottobre 2018

 

Bando globale EIDHR per la difesa dei diritti umani

Bando globale EIDHR per la difesa dei diritti umani

cooperativa sociale

L’obiettivo generale del bando è quello di sostenere la società civile nelle sue azioni per sostenere la protezione e la promozione dei diritti umani e delle libertà fondamentali in tutto il mondo.

In particolare il bando è dedicato a sostenere i difensori della società civile e dei diritti dell’uomo (HRD) che lavorano all’esterno dell’Unione europea in cinque settori chiave dei diritti umani, corrispondenti ai cinque ricorrenti lotti delle proposte globali EIDHR per il 2014-2017:

Lotto 1: Supporto dei difensori dei diritti umani nel settore dei diritti connessi alla terra, popoli indigeni, land grabbing e cambiamento climatico

Gli obiettivi specifici del lotto 1 sono:

  1. a) rafforzare le capacità a breve e lungo termine dei HRD e/o delle organizzazioni di HRD per svolgere il proprio lavoro sulle questioni ambientali a livello locale/nazionale
  2. b) rafforzare le proprie capacità di resistenza per affrontare una grave repressione attraverso la diffamazione, il dissesto e la stigmatizzazione presso la comunità e l’opinione pubblica, con una prospettiva di genere sostanziale
  3. c) sostenere il loro impegno con gli attori statali e non statali (in particolare leader di associazioni di imprese e investitori responsabili) attraverso dialoghi e attività di mediazione per garantire il rispetto dei loro diritti e per superare l’impunità e la mancanza di accesso al rimedio da parte delle vittime.

Le azioni dovrebbero concentrarsi su almeno uno degli specifici obiettivi sopra menzionati.

Lotto 2: lotta contro gli omicidi extragiudiziali e le sparizioni forzate

Gli obiettivi specifici del Lotto 2 sono:

  1. a) sostenere progetti concernenti la prevenzione delle sparizioni forzate e degli omicidi extragiudiziali; e/o
  2. b) sostenere progetti che promuovono la ricerca di rimedi per le vittime e le loro famiglie in caso di sparizioni forzate e/o di omicidi extragiudiziali.

Le azioni dovrebbero concentrarsi su almeno uno degli obiettivi specifici sopra menzionati, anche se le azioni sono incoraggiate a trovare l’interrelazione o l’interdipendenza tra la prevenzione e la responsabilità.

Lotto 3: Combattere il lavoro forzato e la schiavitù moderna

Gli obiettivi specifici del Lotto 3 sono:

  1. a) promuovere e sostenere la ratifica e l’efficace attuazione delle convenzioni e dei protocolli delle Nazioni Unite / OIL relativi al lavoro forzato nonché ad altri strumenti nazionali o regionali; e/o
  2. b) favorire la cooperazione internazionale e regionale (compresa la cooperazione giudiziaria, di polizia, ecc.) al fine di prevenire ed eliminare le pratiche di lavoro forzato nel settore agricolo/forestale, con particolare riguardo alle pratiche di assunzione e alle catene di approvvigionamento; e/o
  3. c) fornire misure di protezione e di accompagnamento alle vittime e/o alle potenziali vittime del lavoro forzato e della loro famiglia nonché dei difensori dei diritti umani nel settore agricolo/forestale; e/o
  4. d) garantire l’accesso al rimedio alle vittime, alla responsabilità e all’azione penale dei perpetratori; e/o
  5. e) sostenere misure volte a prevenire il lavoro forzato e affrontare la vulnerabilità sistemica e strutturale del lavoro forzato e gravi abusi nella manodopera agricola/forestale, in particolare connessi all’intensità del lavoro e al carattere stagionale; e/o
  6. f) sostenere le due diligence dei settori privati e pubblici per rispondere al rischio di lavoro forzato e identificare, prevenire, mitigare e spiegare come affrontare i loro effetti negativi in questo campo.

Le azioni dovrebbero concentrarsi su almeno uno degli specifici obiettivi sopra menzionati.

Lotto 4: Promuovere e sostenere i diritti delle persone con disabilità

Gli obiettivi specifici del Lotto 4 sono:

  1. a) promuovere e sostenere la ratifica, l’efficace attuazione e il monitoraggio della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPD) e del suo protocollo facoltativo;
  2. b) promuovere partenariati tra le organizzazioni della società civile dei diritti umani e le organizzazioni della società civile (DPO) e/o le organizzazioni della società civile che lavorano per le persone con disabilità, al fine di integrare la disabilità nel loro più ampio lavoro sui diritti umani.

Lotto 5: Sostegno alla libertà di religione o convinzione

Gli obiettivi specifici del Lotto 5 sono i seguenti:

  1. a) promuovere la libertà di tutti di credere o di non credere, senza alcuna coercizione, con particolare attenzione ai paesi o alle situazioni in cui gli individui sono penalizzati per l’atto di liberamente scegliere, cambiare o abbandonare la propria religione o fede; e/o
  2. b) promuovere il diritto, da soli o in comunità con altri, pubblici o privati, ad esprimere o manifestare una religione o credo nell’insegnamento, nella pratica, nel culto e nell’osservanza, comprese le espressioni artistiche e culturali della fede e del godimento del patrimonio culturale / religioso; e / o
  3. c) prevenire e combattere la discriminazione, l’intolleranza e la violenza per motivi di religione o convinzioni in tutte le sue forme, sia impegnate da attori governativi o non governativi.
  4. d) rafforzare la comprensione reciproca e il rispetto tra individui di fede diversa o nessuno, contribuendo alle comunità e alle società inclusive che accettano la diversità e in grado di affrontare potenziali conflitti in modo pacifico.

Le azioni dovrebbero concentrarsi su almeno uno degli specifici obiettivi sopra menzionati.

Ogni contributo comunitario richiesto deve essere compreso tra 250.000 euro e 1.000.000 EUR

Tutti i contributi richiesti dall’UE in tutte le Parti di questo invito a presentare proposte devono essere compresi tra le seguenti percentuali minime e massime totali dei costi ammissibili totali dell’azione:

  • percentuale minima: il 51% dei costi totali ammissibili dell’azione.
  • percentuale massima: il 95% dei costi totali ammissibili dell’azione.

Scadenza: 09/11/2017

1 2 3