Bando EAC/S19/2019 – Monitoraggio e tutoraggio attraverso lo sport dei giovani a rischio di radicalizzazione

Bando EAC/S19/2019 – Monitoraggio e tutoraggio attraverso lo sport dei giovani a rischio di radicalizzazione

pexels-photo-1171084

Il presente bando mira a sostenere progetti volti a prevenire la radicalizzazione, in particolare dei giovani, attraverso lo sport.

Attività ammissibili:

– realizzazione di attività sportive e fisiche per le persone a rischio di radicalizzazione

– progettazione e sviluppo di reti a livello dell’UE tra le organizzazioni impegnate nella prevenzione, attraverso lo sport, dell’emarginazione e della radicalizzazione

– organizzazione di workshop, seminari e conferenze volti a divulgare informazioni, competenze e opportunità di collaborazione in materia di prevenzione dell’emarginazione e della radicalizzazione attraverso lo sport

– sviluppo, individuazione, promozione e scambio di buone pratiche e attività a livello dell’UE in materia di monitoraggio e tutoraggio, attraverso lo sport, delle persone a rischio di radicalizzazione

I progetti devono svolgersi in almeno 5 Stati membri dell’UE e si prevede di finanziare 7 progetti.

I progetti devono essere presentati da persone giuridiche pubbliche o private che operano principalmente nel settore dello sport e che organizzano regolarmente attività e competizioni sportive. Questi soggetti devono avere sede in uno degli Stati UE e possono essere:

– organizzazioni sportive ombrello

– federazioni o organizzazioni sportive internazionali

– organizzazioni senza scopo di lucro

– autorità pubbliche (nazionali, regionali, locali)

La sovvenzione UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto e sarà compresa tra € 150.000 e € 350.000.

I progetti devono avere una durata di almeno 24 mesi e al massimo di 36 mesi, con inizio non prima del 1/1/2020 e conclusione entro il 31/12/2022.

Scadenza: 23/07/2019

Sorvegliare ed educare, attraverso lo sport, i giovani a rischio di radicalizzazione

Sorvegliare ed educare, attraverso lo sport, i giovani a rischio di radicalizzazione

sport

La presente azione mira a sostenere progetti sportivi organizzati da attori locali e dalla società civile, centrati sulla prevenzione dell’emarginazione e della radicalizzazione e intesi in particolare ad aiutare i giovani a rischio di esclusione e di radicalizzazione affinché trovino un’identità e un senso di appartenenza. I progetti dovrebbero essere volti all’insegnamento di capacità essenziali, come competenze sociali e comunicative, pensiero critico e capacità di risolvere i problemi, che possono aiutare i giovani emarginati a sentirsi nuovamente partecipi della società.

Sono ammissibili solo i progetti presentati da richiedenti che soddisfano i seguenti criteri:

– essere organismi pubblici o privati dotati di personalità giuridica con comprovata esperienza nell’affrontare con esito positivo i processi di radicalizzazione (le persone fisiche non possono presentare richieste di sovvenzione nell’ambito del presente invito);

– avere la propria sede sociale in uno dei 28 Stati membri dell’UE.

Elenco non esaustivo delle principali attività ammissibili nell’ambito del presente invito a presentare proposte:

  • attività volte a sostenere i processi di anti-radicalizzazione, attuate dal candidato ammissibile in cooperazione con le autorità locali di pubblica sicurezza e le autorità competenti nei campi della radicalizzazione e del terrorismo. Le attività devono rispettare l’equilibrio di genere;
  • sviluppo, individuazione, promozione e condivisione di attività e buone pratiche in materia di sorveglianza ed educazione, attraverso lo sport, di giovani a rischio di radicalizzazione;
  • attività di sensibilizzazione in merito al dimostrato valore aggiunto pratico dello sport rispetto ai processi di anti-radicalizzazione;
  • identificazione delle attività sportive a rischio di radicalizzazione;
  • azioni di divulgazione;
  • creazioni di reti.

I fondi totali riservati al cofinanziamento dei progetti ammontano secondo le stime a 750 000 EUR.

La sovvenzione massima sarà di 60 000 EUR.

La Commissione prevede di finanziare circa 15 proposte.

Scadenza: 18/08/2017