Terzo programma d’azione dell’Unione in materia di salute (2014-2020)


Il 16 marzo 2017 è stato bandito un invito a presentare le candidature per «Salute — 2017» nell’ambito del terzo programma d’azione dell’Unione in materia di salute (2014-2020).
Beneficiari sono gli Organismi di ricerca e gli Enti locali e Pubblica Amministrazione.
Quest’invito consta delle seguenti parti:
• un invito a presentare proposte per l’aggiudicazione di un contributo finanziario ad azioni specifiche sotto forma di sovvenzioni di progetti;
• un invito a presentare proposte per l’aggiudicazione di un contributo finanziario al funzionamento di organismi non governativi (sovvenzioni di funzionamento).
I termini per la presentazione online delle proposte sono i seguenti: 15 giugno 2017.

Per il 2017 saranno finanziati progetti relativi a una sola azione tematica rientrante nell’Obiettivo 1, ossia Promuovere la salute, prevenire le malattie e incoraggiare ambienti favorevoli a stili di vita sani tenendo conto del principio “la salute in tutte le politiche”
Oggetto di questo bando è l’azione 1.1., ossia supportare gli Stati membri nell’inserire la promozione della salute e la prevenzione delle malattie negli ambiti sanitario ed educativo.
Questa azione ha lo scopo di comunicare le potenzialità della promozione della salute, della prevenzione delle malattie e dei determinanti sanitari negli Stati membri e di aumentare l’impegno delle autorità pubbliche su questo tema. Per aggiornare le conoscenze e le buone pratiche maturate saranno organizzati un workshop (e una conferenza), con la partecipazione delle principali facoltà di medicina e dei capi dei servizi medici di tutti gli Stati membri. Il workshop sarà preceduto dalla preparazione di un report contenente una panoramica della situazione attuale nell’UE e sarà seguito da una conferenza. Il report sarà aggiornato dopo il workshop.

Saranno finanziate azioni di capacity building per promuovere i benefici della promozione della salute e della prevenzione delle malattie negli Stati membri: sarà organizzato un workshop in collaborazione con la Commissione.
Sono ammissibili a presentare progetti organismi legalmente costituiti e in possesso di personalità giuridica quali: autorità pubbliche ed enti del settore pubblico (es. istituzioni di ricerca e sanitarie, università e istituti di istruzione superiore)
Un progetto deve avere una durata massima di 36 mesi e deve essere presentato da un partenariato comprendente organismi reciprocamente indipendenti di tre diversi Stati partecipanti. Oltre ai 28 Stati UE, sono Stati partecipanti anche Islanda, Norvegia e, sulla base di accordi bilaterali, anche Serbia e Moldova (eventuali Stati che dovessero sottoscrivere accordi bilaterali prima della scadenza del bando saranno da verificare sul sito web della CHAFEA).