Interreg ADRION: 3° bando – Asse 1 del Programma

Interreg ADRION: 3° bando - Asse 1 del Programma

business-561387__340

Sostegno a progetti riguardanti l’Asse 1 “Regione innovativa e intelligente” del Programma, focalizzati su uno dei due seguenti temi:

  1. Strategia di specializzazione intelligente (S3) sulla Crescita blu

Obiettivo: migliorare le capacità degli attori pubblici in merito a politiche, strategie e azioni di innovazione per promuovere e sostenere la Crescita blu nell’area del programma attraverso la S3.

Le proposte di progetto si concentreranno su:

– lo sfruttamento delle potenzialità per la cooperazione transnazionale nel sostenere l’attuazione di una S3 sulla Crescita blu nell’area adriatico-ionica, con focus su temi/settori di interesse macro-regionale;

– la creazione e/o il rafforzamento di relazioni per sostenere S3 macro-regionali sulla Crescita blu nell’area adriatico-ionica, con particolare riguardo allo scambio di buone pratiche con le istituzioni competenti dei Paesi partner IPA.

  1. Innovazione sociale

Obiettivo: contribuire alla creazione di un ecosistema favorevole all’innovazione sociale, al fine di affrontare in modo integrato i bisogni e le sfide emergenti dell’area adriatico-ionica in termini di inclusione sociale, lotta alla povertà, integrazione sociale e lavorativa dei migranti, cambiamento demografico e invecchiamento della popolazione.

Le proposte di progetto si concentreranno su:

– sviluppo e attuazione di politiche/strumenti sociali innovativi volti all’integrazione delle comunità emarginate, dei migranti e dei gruppi svantaggiati nella società e nel mercato del lavoro;

– promozione dell’imprenditoria sociale attraverso lo sviluppo di abilità e di competenze imprenditoriali;

– rafforzamento della cooperazione tra i diversi attori che si occupano di servizi sociali di interesse generale.

Lead applicant di progetto possono essere soggetti stabiliti nei territori UE coperti dal Programma, quali:

– Autorità pubbliche a livello nazionale e regionale

– Enti pubblici nazionali e regionali

– Organismi di diritto pubblico

– Partner assimilati (in via eccezionale e al fine di superare i vincoli geografici che toccano l’Italia, le autorità pubbliche italiane a livello nazionale, competenti per materia ma stabilite al di fuori dei territori ammissibili, sono considerate partner assimilati e alla pari degli altri soggetti eligibili).

I Paesi (e relativi territori) coperti dal Programma sono:

Stati membri UE (Paesi FESR):

  • Italia – regioni Lombardia, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Umbria, Marche.
  • Grecia – regioni Anatoliki Makedonia, Thraki, Kentriki Makedonia, Dytiki Makedonia, Thessalia, Ipeiros, Ionia Nisia, Dytiki Ellada, Sterea Ellada, Peloponnisos, Attiki, Voreio Aigaio, Notio Aigaio, Kriti.
  • Croazia – regioni Jadranska Hrvatska e Kontinentalna Hrvatska.
  • Slovenia – regioni Vzhodna Slovenija e Zahodna Slovenija.

Paesi IPA:

  • Albania
  • Bosnia-Erzegovina
  • Montenegro
  • Serbia

Il cofinanziamento UE (da fondi FESR e IPA II) copre fino all’85% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 2.652.000 euro (contributo max. raccomandato). Per i partner italiani il restante 15% di cofinanziamento è a carico del Fondo di rotazione nazionale.

Il progetto deve coinvolgere almeno 6 partner provenienti da 6 diversi Paesi del Programma, di cui almeno 4 partner di 4 diversi Paesi FESR (compreso il lead applicant) e almeno 2 partner di 2 diversi Paesi IPA. Il partenariato può includere massimo 2 partner dello stesso Paese e può essere costituito da massimo 16 partner.

I progetti proposti devono avere durata massima di 30 mesi.

Il bando scade 29 luglio 2019

Concessione di finanziamenti finalizzati al potenziamento di infrastrutture di ricerca

PON Ricerca e Innovazione 2014-2020: avviso per la concessione di finanziamenti finalizzati al potenziamento di infrastrutture di ricerca

business-561387__340

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha pubblicato un avviso dedicato al potenziamento delle infrastrutture di ricerca.

In particolare, l’avviso prevede il finanziamento di progetti finalizzati al potenziamento delle infrastrutture di ricerca individuate dal MIUR come prioritarie nel PNIR 2014-2020 e ammissibili per l’accesso ai fondi del PON; si tratta quindi delle infrastrutture di ricerca funzionali all’implementazione di progetti che risultino rispondenti ad uno o più ambiti ESFRI e che risultino, altresì, di notevole impatto sulle traiettorie della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente, con la capacità di garantire l’autosostentamento nel medio e lungo termine ed attivare interventi nelle regioni meno sviluppate o in transizione.

I progetti di potenziamento dell’infrastruttura di ricerca esistente potranno riguardare una o più tipologie di intervento tra: (i) il potenziamento diffuso di tutta l’infrastruttura di ricerca, (ii) il potenziamento di una sua parte circoscritta, (iii) il potenziamento in termini di ampliamento (estensione) dell’infrastruttura di ricerca esistente.

Il MIUR fornirà contributi a fondo perduto su base competitiva a seguito della presentazione di progetti da parte degli Enti Pubblici di ricerca e delle Università pubbliche collegati alle IR identificate.

La domanda di partecipazione dovrà essere presentata a partire dalle ore 12:00 del 5 aprile 2018 ed entro e non oltre le ore 12:00 del 15 giugno 2018.