PSR 2014-2020 (FEASR): bando 2019, Operazione 4.1.03 “Incentivi per investimenti finalizzati alla ristrutturazione o riconversione dei sistemi di irrigazione”

PSR 2014-2020 (FEASR): bando 2019, Operazione 4.1.03 "Incentivi per investimenti finalizzati alla ristrutturazione o riconversione dei sistemi di irrigazione"

solco_per_irrigazione_-_risaia_vercelli

Il bando consiste in una concessione di contributi alle imprese e alle società agricole per opere e/o impianti, con l’obiettivo di ridurre il fabbisogno e l’utilizzo di acqua per irrigazione in ambito aziendale.

Può partecipare:

– Imprenditore agricolo individuale;

– Società agricola di persone, di capitali o cooperativa.

L’agevolazione consiste in una procedura valutativa. Le domande sono valutate in base ad una griglia di criteri indicati nelle disposizioni attuative. L’istruttoria è di competenza degli Uffici Territoriali Regionali (UTR) nel cui ambito territoriale è proposta la realizzazione dell’intervento.

I richiedenti possono presentare una sola domanda esclusivamente per via telematica tramite la compilazione della domanda informatizzata presente nel Sistema Informatico delle Conoscenze della Regione Lombardia (Sis.Co), previa apertura e/o aggiornamento del fascicolo aziendale informatizzato. Alla domanda di aiuto deve essere allegata la documentazione prevista al paragrafo 12.4 delle disposizioni attuative.

Scadenza: 14/10/2019

PSR 2014-2020 (FEASR): bando 2019 – Operazione 6.4.02 “Sostegno alla realizzazione e allo sviluppo di attività di produzione di energia”

PSR 2014-2020 (FEASR): bando 2019 - Operazione 6.4.02 "Sostegno alla realizzazione e allo sviluppo di attività di produzione di energia"

solar-panel-array-1591350_640

Il presente bando ha lo scopo di stimolare la competitività del settore agricolo e garantire la gestione sostenibile delle risorse naturali e contribuire alle azioni per il clima attraverso lo sviluppo di attività complementari a quella agricola, rivolte alla produzione e all’utilizzo delle energie rinnovabili.
Può partecipare:
– imprenditore individuale,
– società agricola 10 di persone, capitali o cooperativa.
CARATTERISTICHE DELL’AGEVOLAZIONE:
A) Impianti fotovoltaici realizzati in una microimpresa o in una piccola impresa condotta da giovane agricoltore.
B) Impianti fotovoltaici realizzati in una media impresa condotta da giovane agricoltore.
C) Interventi diversi dagli impianti fotovoltaici realizzati da una PMI condotta da giovane agricoltore.
D) Interventi di cui ai punti precedenti realizzati da micro-piccole e medie imprese non condotte da giovane agricoltore.
Apertura domande: a partire dal 12 luglio 2019.
Scadenza: 05/09/2019 ore 12.00

PSR 2014-2020 (FEASR): bando 2019 – Operazioni 8.6.01 «Investimenti per accrescere il valore dei prodotti forestali» e 8.6.02 «Investimenti nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste»

PSR 2014-2020 (FEASR): bando 2019 - Operazioni 8.6.01 «Investimenti per accrescere il valore dei prodotti forestali» e 8.6.02 «Investimenti nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste»

bosco

Il bando finanzia la meccanizzazione forestale (Operazione 8.6.01) e la prima lavorazione del legno (Operazione 8.6.02). Le domande potranno essere presentate dal 26 luglio al 10 ottobre 2019. La dotazione finanziaria complessiva è di 7.500.000 €.

Posso presentare domanda i Consorzi forestali, le imprese boschive e le PMI che effettuano la prima lavorazione del legno.

L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale, fino al 40% della spesa ammessa a finanziamento. Contributo massimo di 120.000,00 € per attrezzature e di 200.000,00 € per strutture adibite allo stoccaggio. Possibilità di pagamento di un anticipo (fino al 50% del contributo concesso) e liquidazione del saldo alla conclusione dell’intervento.

Aiuti di Stato: SA.45075 (2016/XA) “Investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste”

Scadenza: 10/10/2019

PSR 2014-2020 (FEASR): bando 2019, Operazione 4.3.01 “Infrastrutture destinate allo sviluppo del settore agroforestale”

PSR 2014-2020 (FEASR): bando 2019, Operazione 4.3.01 "Infrastrutture destinate allo sviluppo del settore agroforestale"

Training

Il bando, che sarà aperto dal 25 luglio, finanzia la realizzazione o la manutenzione straordinaria di strade agrosilvo-pastorali inserite nei Piani VASP (art. 59 l.r. 31/2008) di prima o di seconda classe di transitabilità, nonché il miglioramento di strade di tutte le classi di transitabilità a patto che al termine dei lavori vi sia il passaggio alla classe di transitabilità superiore. Sono finanziati solo interventi nei comuni classificati “montagna” o “collina” da ISTAT.
Si tratta di un contributo in conto capitale, pari al 100% delle spese ammissibili (sbancamento e scavo, riporto di terreno e di altro materiale solido, livellamento e sagomatura del suolo, formazione e stabilizzazione del fondo stradale, realizzazione di manufatti e altre opere accessorie). Spese generali per progettazione e direzione lavori, informazione e pubblicità e costituzione di polizze fideiussorie. L’IVA non è spesa ammissibile.
La spesa ammissibile massima è di 400.000,00 € per domanda in caso di realizzazione di nuove strade, 300.000,00 € per domanda in caso di miglioramento di strade esistenti.
È possibile presentare fino a tre domande, esclusivamente per via telematica tramite la compilazione della domanda informatizzata presente nel Sistema Informatico delle Conoscenze della Regione Lombardia (SISCO), previa apertura e/o aggiornamento del fascicolo aziendale informatizzato. Alla domanda di aiuto va allegata la documentazione prevista al paragrafo 12.4 del presente bando.
Apertura in data 25 luglio 2019. Chiusura alle ore 16:00 del 15 novembre 2019.
Graduatoria unica regionale delle domande con esito istruttorio positivo.
Il presente bando si applica in attuazione del regime di aiuto in esenzione SA.46855 (2016/XA) Aiuti di Stato/Italia (Lombardia), di modifica del regime SA.45078 (2016/XA) – Misure di sostegno al settore forestale del Programma di Sviluppo Rurale 2014 – 2020 della Lombardia, comunicato alla Commissione UE.
Scadenza: 15 novembre 2019.

Avviso per la selezione di progetti sperimentali di innovazione sociale

Avviso per la selezione di progetti sperimentali di innovazione sociale

business-561387__340

Il Dipartimento ha avviato la sperimentazione delle attività riferite al Fondo per l’innovazione sociale, disciplinato dal dPCM 21 dicembre 2018, per la promozione di interventi innovativi che mirano alla soddisfazione di bisogni sociali emergenti. Sarà previsto il coinvolgimento di diversi attori tra cui il settore privato, per finanziamenti che seguano lo schema della finanza di impatto.
La sperimentazione si articola in un Programma triennale che finanzia progetti di innovazione sociale in tre settori:
– inclusione sociale, che comprende attività finalizzate al miglioramento delle condizioni di inclusione sociale dei gruppi svantaggiati o vulnerabili;
– animazione culturale, che comprende attività volte a favorire la produzione e/o la fruizione di iniziative in ambito culturale e/o formativo, che coinvolgano individui, piccoli gruppi e comunità, con particolare attenzione al recupero delle periferie urbane;
– lotta alla dispersione scolastica, che comprende attività mirate alla prevenzione e contrasto di situazioni che determinano l’evasione dell’obbligo scolastico.
I progetti saranno presentati dalle amministrazioni locali, che dovranno avvalersi del contributo e dei finanziamenti del settore privato.
Il Fondo finanzia, in successione, i seguenti interventi:
Intervento I – Studio di fattibilità e pianificazione esecutiva di un’idea progettuale di innovazione sociale. Lo studio di fattibilità deve contenere un’analisi accurata del bisogno sociale su cui si intende intervenire, una comparazione su scala nazionale e internazionale delle migliori esperienze per generare risposte di innovazione sociale al bisogno individuato, gli indicatori attraverso cui misurare e valutare i risultati conseguibili, un modello di misurazione e valutazione dell’impatto sociale, il piano esecutivo per l’implementazione dell’intervento II.
Intervento II – Sperimentazione dell’idea progettuale di innovazione sociale di cui al punto precedente.
Intervento III – Sistematizzazione della sperimentazione, per favorire la scalabilità e replicabilità dell’idea progettuale.
I soggetti beneficiari/proponenti presentano la domanda di ammissione al finanziamento e la relativa proposta progettuale a partire esclusivamente dall’Intervento I.
Possono presentare proposte progettuali i comuni capoluogo e le città metropolitane. I soggetti non possono presentare più di un progetto a valere sul Fondo in qualità di proponente, a pena di esclusione.
Sarà necessario coinvolgere nella sperimentazione: una pubblica amministrazione proponente (soggetto beneficiario), un soggetto fornitore del servizio o attuatore dell’intervento (soggetto privato o del privato sociale), un investitore o finanziatore privato, e un soggetto valutatore. Possono inoltre far parte del partenariato, oltre ai soggetti precedentemente indicati, altri soggetti pubblici (Regioni, altri Comuni, Università, Enti di ricerca, etc.) e soggetti del settore privato.
La dotazione complessiva messa a disposizione è di 21.250.000 euro a valere sul capitolo di spesa 243 “Fondo per l’innovazione sociale”. Le risorse sono così ripartite tra gli interventi:
intervento I: l’importo massimo stanziato per singolo progetto è di euro 150.000, fino ad esaurimento delle risorse totali ammontanti a euro 3.150.000;
intervento II: l’importo massimo stanziato per singolo progetto è di euro 450.000, fino ad esaurimento delle risorse totali ammontanti a euro 8.100.000;
intervento III: l’importo massimo stanziato per singolo progetto è di euro 1.000.000, fino ad esaurimento delle risorse totali ammontanti a euro 10.000.000.
Le proposte progettuali dovranno essere inviate nel periodo che va dal 15 giugno 2019 al 31 maggio 2020 tramite PEC (comprensiva di tutta la documentazione richiesta e firmata digitalmente) al seguente indirizzo: progetti.uvp@pec.governo.it specificando nell’oggetto “FIS – titolo del progetto – soggetto beneficiario/proponente – INTERVENTO I”.
Scadenza: 31 maggio 2020

L’arte che accoglie: inclusione nei musei attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative

L’arte che accoglie: inclusione nei musei attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative

business-561387__340

In Italia ci sono circa 4.889 musei, uno straordinario patrimonio artistico che però non risulta accessibile alle persone con difficoltà percettive e sensoriali. Ecco perché Fondazione TIM ha lanciato un bando volto a diffondere soluzioni innovative per rendere fruibili a tutti – in particolare persone sorde e cieche (parziali o totali), sordocieche, sordomute e pluriminorate psicosensoriali – le opere d’arte all’interno dei musei.
Per essere definito “accessibile”, infatti, un ambiente deve essere sicuro, confortevole e fruibile da tutti esattamente allo stesso modo e per farlo, è fondamentale scegliere l’approccio conosciuto come “Design for all”, cioè una tipologia di progettazione in grado di ideare strumenti di fruizione adatti a tutti.
L’obiettivo di Fondazione TIM quindi è individuare un progetto innovativo e facilmente replicabile che possa essere diffuso nei musei italiani e garantire così una visita soddisfacente e indipendente a un pubblico decisamente più vasto.
Le tecnologie di riferimento per i progetti da proporre sono, a titolo di esempio: algoritmi di intelligenza artificiale, esperienze immersive, stampa 3D, vocal search/sistemi vocali, augmented and virtual reality, percorsi multisensoriali tattili. Le soluzioni dovranno essere sviluppate con approcci e tecnologie realmente replicabili e scalabili (in logica Open Source).
Possono presentare domanda soggetti sia pubblici che privati che non abbiano finalità di lucro, in particolare:
• Fondazioni ed Associazioni riconosciute;
• Musei nazionali appartenenti al MIBAC e agli enti locali;
• Fondazioni museali di diritto privato e pubblico;
• Onlus;
• Organizzazioni di volontariato;
• Associazioni di Promozione Sociale;
• Cooperative Sociali;
• Università;
• Enti di ricerca.
Ogni soggetto può partecipare con un solo progetto, singolarmente o in qualità di capofila o partner.
Il contributo massimo stanziato è di euro 300.000, che non potrà superare l’80% del costo complessivo del progetto. Il cofinanziamento, obbligatorio, dovrà essere pari ad almeno il 20% del costo complessivo del progetto e potrà essere reso disponibile dallo stesso ente richiedente o da altri soggetti finanziatori.
Per partecipare bisognerà inviare domanda online, previa registrazione, attraverso il sistema predisposto sul sito entro le ore 13:00 del 3 settembre 2019.

FET FLAGSHIPS – Affrontare grandi sfide scientifiche e tecnologiche interdisciplinari

FET FLAGSHIPS – Affrontare grandi sfide scientifiche e tecnologiche interdisciplinari

Spin-off universitario

La tecnologia quantistica (QT) è un settore in rapida crescita di ricerca e sviluppo con un forte potenziale di crescita economica. Mentre la fisica quantistica è inclusa in tutti i curricula universitari e nei programmi scolastici di alcuni paesi europei, ciò non soddisfa i bisogni di consapevolezza quantistica, della forza lavoro e della moderna educazione quantistica. Questo argomento mira a creare un’agenda paneuropea per lo sviluppo della moderna educazione tecnologica quantistica che possa servire agli attori chiave per raggiungere gruppi target industriali.
L’azione dovrebbe proporre un programma pilota che mira a sviluppare un programma di master educativo di qualità controllata per l’ingegneria quantistica e le applicazioni industriali di portata paneuropea. Dovrebbe essere sviluppato e lanciato in stretta cooperazione con gli operatori del settore europeo pertinenti, al fine di fornire un programma che affronti le esigenze dell’industria del QT di qualità. L’azione dovrebbe anche facilitare le aziende ad ospitare studenti del programma master QT per un periodo da 3 a 6 mesi.
Un risultato dovrebbe essere quello di ottenere una rete di formazione del programma -pilota basata sulle best practice, strumenti e materiale di formazione riutilizzabili ben documentati e collegati con i gruppi target industriali. Un altro risultato dovrebbe essere una serie concreta di lezioni per lanciare un’attività educativa paneuropea nel QT ispirata a tale programma pilota, compresa una tabella di marcia e raccomandazioni concrete per raggiungerla.
La portata delle attività del programma pilota dell’azione dovrebbe includere almeno cinque Stati membri dell’UE o paesi associati a Horizon 2020, insieme a un piano per raggiungere l’intera Europa. Il consorzio dovrebbe dimostrare un buon mix di eccellenza nella ricerca educativa e nelle tecnologie e ingegneria quantistica, con solidi legami con l’emergente industria del QT in Europa. Dovrebbe avere una chiara strategia su come stimolare la cooperazione tra le parti interessate dell’istruzione e l’emergente industria quantistica in Europa. L’azione deve inoltre contribuire a sensibilizzare sul QT, basandosi sulla CSA finanziata sotto il tema FETFLAG-03-2018.
La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell’UE fino a 300.000 euro consentirebbero di affrontare adeguatamente questa specifica sfida. Ciò nonostante, ciò non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedano altri importi.
Impatto previsto:
Sviluppo di una comunità europea di educazione quantistica e di un’agenda europea di ricerca educativa verso un’educazione moderna di qualità in tecnologie e ingegneria quantistica;
Istituzione di programmi di ingegneria quantistica di alta qualità in tutta l’Unione che rispondono alle esigenze del settore;
Prima generazione di studenti di MSc congiunti collegati all’industria e in generale alla preparazione di una forza lavoro giovane e qualificata per il futuro in tecnologie e ingegneria quantistica pronti per essere impiegati dall’industria europea.
Scadenza: 13/11/2019

GAL VALLE DELLA CUPA Avviso pubblico per la presentazione delle domande di sostegno – Azione 2 – Intervento 2.3 – Sviluppo di servizi di accoglienza e di ospitalità per rafforzare l’offerta turistica sostenibile e responsabile

GAL VALLE DELLA CUPA Avviso pubblico per la presentazione delle domande di sostegno - Azione 2 - Intervento 2.3 - Sviluppo di servizi di accoglienza e di ospitalità per rafforzare l’offerta turistica sostenibile e responsabile

italy-1215353_640

Il bando prevede di supportare investimenti per lo sviluppo delle attività di accoglienza e ospitalità turistiche indirizzate ad accrescere la capacità dei territori di proporre un’offerta turistica aggregata ed integrata, legate al turismo rurale: piccola ricettività e ospitalità diffusa, attraverso la riqualificazione e l’adeguamento di immobili, nonché l’acquisto di arredi e di attrezzature per lo svolgimento di attività ricettive di piccole dimensioni non classificate come strutture alberghiere, quali Ostelli della gioventù, Affittacamere per brevi soggiorni, B&B imprenditoriali. Gli interventi sostenuti dal presente Avviso devono essere realizzati nell’area territoriale di competenza del GAL.
Le risorse finanziarie attribuite al presente Avviso Pubblico sono di euro 1.900.000. Possono accedere al sostegno microimprese e piccole imprese in forma singola e associata. Il sostegno sarà concesso nella forma di contributo in conto capitale a fondo perduto pari al 50% della spesa ammessa ai benefici, la cui spesa massima ammissibile è pari a Euro 54.285,72. Nel caso di ammissione a finanziamento di progetti di importo superiore alla spesa massima ammissibile, la spesa eccedente sarà a totale carico del beneficiario.
La domanda dovrà essere compilata attraverso il portale SIAN. Il termine di avvio dell’operatività del portale SIAN è fissato a partire dal decimo giorno successivo alla pubblicazione del presenta avviso sul BURP ed il termine finale è fissato alle ore 23:59 del 30/09/2019. La documentazione dovrà essere inviata al GAL ed alla Regione Puglia entro e non oltre il 15° giorno antecedente la data di chiusura dell’operatività del portale SIAN. La scadenza per la presentazione al GAL della domanda, rilasciata nel portale SIAN, è fissata alla data del 01/10/2019.
RISORSE: 1.900.000,00
SCADENZA: 01.10.2019

GAL ALTO SALENTO Avviso pubblico per la presentazione delle domande di sostegno – Azione 3 – Intervento 3.1 Pacchetto multi misura per l’avvio e lo sviluppo di servizi a supporto del turismo lento e sostenibile

GAL ALTO SALENTO Avviso pubblico per la presentazione delle domande di sostegno – Azione 3 – Intervento 3.1 Pacchetto multi misura per l’avvio e lo sviluppo di servizi a supporto del turismo lento e sostenibile

village-552082_640

La misura è finalizzata a diversificare e qualificare l’offerta turistica in chiave sostenibile, al fine di rendere innovativo e competitivo il settore turistico locale, sia in termini occupazionali che di reddito. L’intervento, in particolare, mira ad avviare Start up legate ad attività connesse alla fornitura di servizi innovativi per la fruizione sostenibile delle aree rurali e costiere del territorio.
L’intervento si compone di due differenti tipologie di sostegno:

  • un premio per l’avviamento;
  • un aiuto in conto capitale per lo sviluppo aziendale.

L’azione si deve svolgere nell’area di competenza del GAL.
I beneficiari del presente Avviso Pubblico sono:

  • agricoltori, che diversificano la loro attività, avviando attività extra-agricole;
  • coadiuvanti familiari degli agricoltori, che diversificano la loro attività avviando attività extra agricole;
  • microimprese e piccole imprese;
  • persone fisiche che avviano attività extra-agricole nelle aree rurali.

I beneficiari, al momento della presentazione della domanda di sostegno, non devono aver avviato l’attività economica per la quale viene richiesto il finanziamento.
Il finanziamento può essere richiesto per lo svolgimento di attività economiche extra-agricole, riferite esclusivamente ai seguenti settori:

  1. Agroalimentare: laboratori per la trasformazione dei prodotti tipici e per la preparazione di piatti della gastronomia locale, ecc.;
  2. Servizi a supporto del turismo: punti informativi turistici, centri visita, attrezzature a supporto dell’escursionismo, servizi di accoglienza dei pellegrini lungo la via Francigena, laboratori didattici, ciclofficine per ciclisti, trekking, nordic walking, vela, canoa, diving, snorkeling, ecc.

Le risorse finanziarie attribuite al presente Avviso Pubblico sono pari complessivamente ad euro 650.000,00. Il sostegno, per entrambe gli interventi, è concesso sotto forma di contributo in conto capitale. Per l’avviamento è previsto un premio di € 10.000,00, a fronte di un investimento di almeno 40.000,00 euro. Per investimenti di importo inferiore, l’entità del premio sarà calcolata in proporzione all’investimento ammesso. Per il premio l’aliquota del contributo pubblico è pari al 100%. Per lo sviluppo aziendale l’aliquota del contributo pubblico è pari al 50% della spesa ammessa. La spesa massima ammissibile a contributo per singolo progetto è fissata in € 40.000,00. Il contributo pubblico è erogato per un importo massimo pari ad € 20.000,00. L’investimento minimo ammissibile a contributo per singolo progetto è fissato in € 20.000.
La domanda dovrà essere compilata attraverso il portale SIAN. I termini di operatività del portale SIAN sono fissati alla data del 03/07/2019 (termine iniziale) e alle ore 23,59 del giorno 31/08/2019 (termine finale). La documentazione dovrà essere inviata al GAL ed alla Regione Puglia entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 23/08/2019. La scadenza per la presentazione al GAL della domanda, rilasciata nel portale SIAN è fissata alla data del 06/09/2019, ore 12.00.
RISORSE: 650.000,00
Scadenza: 06 Settembre 2019

GAL GARGANO Avviso pubblico per la presentazione delle domande di sostegno. Azione 1 – Intervento 1.3 – L’anello mancante un piano di azione garganico per l’economia circolare

GAL GARGANO Avviso pubblico per la presentazione delle domande di sostegno. Azione 1 - Intervento 1.3 - L’anello mancante un piano di azione garganico per l’economia circolare

green-bulb-1440675_960_720

Il presente bando è finalizzato a:

  1. promuovere un’economia circolare garantendo l’uso efficiente delle risorse;
  2. favorire un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore dell’artigianato locale.

L’incentivo mira a supportare le seguenti iniziative:

  • incentivare la partecipazione attiva, la collaborazione e coordinamento di tutti gli attori territoriali interessati nella risoluzione di criticità territoriali;
  • preservare e tutelare l’ambiente e gli ecosistemi marini e promuovere l’uso efficiente e sostenibile delle risorse;
  • favorire l’economia circolare e l’uso di prodotti ecosostenibili e biodegradabili;
  • promuovere l’occupazione;
  • preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura;
  • incentivare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale.

Gli interventi sostenuti dal presente Avviso Pubblico devono essere realizzati nell’area territoriale di competenza del GAL Gargano.
Il sostegno per gli interventi di cui al presente Avviso Pubblico è concesso a:

  1. Persone fisiche (soggetti privati) che intendono avviare un’impresa extra-agricola;
  2. PMI e imprese non agricole già costituite come società di persone o società di capitali.

Le risorse finanziarie attribuite al presente Avviso Pubblico sono pari ad euro 1.500.000,00. Il sostegno sarà concesso nella forma di contributo in conto capitale pari al 50% della spesa ammessa ai benefici. Il limite massimo ammissibile agli aiuti (contributo pubblico + cofinanziamento provato) non può essere superiore ad euro 70.000,00. Il contributo pubblico massimo erogabile non può essere superiore a euro 35.000,00.
La domanda dovrà essere compilata attraverso il portale SIAN. Il termine di avvio dell’operatività del portale SIAN è fissato alla data del 15/07/2019 ed il termine finale è fissato alle ore 23:59 del 25/09/2019. La documentazione dovrà essere inviata al GAL ed alla Regione Puglia entro 7 giorni dal termine finale di operatività sul SIAN. A cadenza trimestrale le domande di sostegno saranno sottoposte alla verifica di ricevibilità e alla successiva istruttoria tecnico-amministrativa. La prima scadenza periodica di presentazione delle domande è fissata alla data del 26 settembre 2019.
RISORSE: 1.500.000,00
Scadenza: 26 Settembre 2019

1 2 3 19