Investo in Senegal, un bando per selezionare nuove idee imprenditoriali

Investo in Senegal, un bando per selezionare nuove idee imprenditoriali

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il bando “Investo in Senegal”, per la selezione di idee imprenditoriali per lo sviluppo del tessuto socio-economico senegalese. Il bando fa parte di PASPED – Projet de contraste à la migration irrégulière à travers l’appui au Secteur Privé et à la création d’emplois au Sénégal – finanziato dall’Unione Europea all’AICS all’interno del Fondo fiduciario di emergenza dell’UE per l’Africa. Un ampio programma con una dotazione finanziaria di oltre 13 milioni di euro che contiene una serie di componenti anche sviluppate da attori diversi.

E’ questo il caso di “Investo in Senegal” che mira alla valorizzazione della diaspora senegalese che vive in Italia ed in generale in Europa, l’azione è frutto di un finanziamento AICS Dakar e sarà implementata da Amref Health Africa in collaborazione con una serie di altri attori tra i quali CNA, LVIA e diverse associazioni del mondo delle diaspore, delle comunità africane ed in particolare del contesto senegalese.

Il bando “Investo in Senegal” è finalizzato alla selezione di idee imprenditoriali e al loro supporto formativo e di affiancamento. Dal 15 aprile al 31 maggio si potrà inviare la propria candidatura. Settanta di queste candidature saranno presentate per il finanziamento alla commissione di conformità di PLASEPRI/PASPED, al fine di fornire assistenza finanziaria ad almeno 50 di esse, che di fatto saranno i progetti di impresa selezionati. Si tratta di un’opportunità di sovvenzione – da un minimo di 5mila ad un massimo di 30mila euro- di progetti di attività imprenditoriali esistenti o costituende (start up) nelle regioni senegalesi di Dakar, Diourbel, Kaolack, Louga, Saint Louis, Thiès.

Vi possono partecipare tutti i cittadini e le cittadine senegalesi che, al momento della pubblicazione del presente bando, hanno compiuto 18 anni e sono presenti legalmente in Italia e più in generale in Europa. Le idee di impresa saranno valutate da una commissione, formata da esperti nominati dai partner, che ne analizzeranno qualità, rilevanza, fattibilità e possibile sostenibilità, al fine di identificare quelle che hanno il maggior potenziale di successo.

I progetti di impresa che rientreranno nella graduatoria potranno ricevere una sovvenzione, da un minimo di 5.000 EUR ad un massimo di 30.000 EUR, a copertura delle spese ammissibili del progetto di attività imprenditoriale presentato. L’importo della sovvenzione sarà commisurato ai livelli di esperienza e competenza dei progetti di impresa.

Categoria A

Da 5.000 a 20.000 EUR

Livelli minimi di:

  • Competenza nel settore di investimento,
  • Competenza amministrativa e gestionale di impresa,
  • Esperienza professionale specializzata pregressa

Importo totale disponibile 750.000 EUR

Categoria B

Da 20.001 a 30.000 EUR

Livelli buoni o ottimi di:

  • Competenza nel settore di investimento,
  • Competenza amministrativa e gestionale di impresa,
  • Esperienza professionale specializzata pregressa.

Importo totale disponibile 450.000 EUR

Il bando è finalizzato a selezionare i progetti imprenditoriali di imprese costituite o costituende, in Senegal, che dimostrano di avere già (o di avere previsto) una capacità di funzionamento giuridico-legale, bancario e tecnico, e che soddisfano i seguenti criteri minimi:

  • Sono presentate da cittadini senegalesi che soddisfano tutti i requisiti previsti per i soggetti proponenti (v. sezione successiva).
  • Realizzano, o intendono realizzare, le loro attività in una o più delle seguenti regioni: Dakar, Diourbel, Kaolack, Louga, Saint Louis, Thiès. Nel caso di imprese costituite o costituende in altre regioni del Senegal, le idee imprenditoriali saranno prese in considerazione a condizione che intendano sviluppare filiali o aree di attività specifiche nelle aree di intervento ammissibili ai fini del presente bando.

Realizzano, o intendano realizzare, attività produttive nei seguenti settori: industria, artigianato, produzione e trasformazione dei prodotti agricoli, allevamento, pesca, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, turismo. Non sono ammissibili idee imprenditoriali che sviluppino, o intendano sviluppare, attività nel settore del commercio.

EIT DIGITAL 2022

EIT DIGITAL 2022

pexels-photo-1068523

EIT Digital ha lanciato il nuovo bando EIT Digital 2022 per promuovere l’imprenditorialità e l’educazione per la costruzione di una forte Europa digitale.

Il programma di lavoro EIT Digital 2022 è guidato dalla EIT Digital Strategic Innovation Agenda 2020-2022, che identifica cinque aree strategiche a cui i programmi di innovazione e istruzione dovrebbero contribuire: Tecnologia digitale, Industria digitale, Città digitali, Benessere digitale e Finanza digitale.

In particolare, EIT Digital 2022 si rivolge a menti imprenditoriali che progettano di:

  • lanciare o potenziare un’impresa e un prodotto deep tech (EIT Digital Innovation Factory). Le proposte dovrebbero presentare una soluzione tecnologica specifica all’interno delle 5 aree di interesse strategico e si raccomanda di costruire un team imprenditoriale di 2 o 4 organizzazioni che collaboreranno su un piano di innovazione comune per 6 o 12 mesi;
  • fornire programmi e corsi di educazione tecnologica digitale imprenditoriale per lo sviluppo del business (EIT Digital Entrepreneurial Academy). La formazione in EIT Digital è organizzata in tre scuole: Master School, Professional School e Summer School, che insieme formano la EIT Digital Entrepreneurial Academy.

Le proposte possono essere presentate fino al 12 maggio 2021 e le attività dovrebbero iniziare il 1° gennaio 2022.

Evento di lancio del Consiglio europeo per l’innovazione

schermata-2021-03-10-alle-22-00-29
Il 18 e 19 Marzo si terrà l’evento di lancio del Consiglio europeo per l’innovazione (EIC), che fornirà informazioni fondamentali sulla visione dell’EIC e su cosa c’è dietro le sue opportunità di finanziamento.

L’EIC è una novità fondamentale di Horizon Europe e rappresenta l’iniziativa di innovazione più ambiziosa che l’Europa abbia intrapreso, con un budget di 10 miliardi di euro per il periodo 2021-2027. L’EIC ha la missione di identificare, sviluppare e ampliare le tecnologie rivoluzionarie e le innovazioni dirompenti. L’EIC sosterrà le startup, le PMI e i team di ricerca che sviluppano innovazioni rivoluzionarie ad alto rischio e ad alto impatto, con particolare attenzione all’ampliamento di soluzioni rivoluzionarie che contribuiscono agli obiettivi del Green Deal europeo e del Piano di ripresa per l’Europa.

Il primo giorno (18 Marzo) sarà dedicato alla cerimonia di apertura che toccherà i seguenti punti:

  • EIC for building businesses from breakthrough science
  • EIC for investing in deep tech
  • EIC for creating innovation ecosystems for sustainability

La seconda giornata avrà luogo invece con il nome “Applicants’ day” e sarà dedicata ai potenziali beneficiari e le parti interessate. La giornata fornirà informazioni concrete su come funziona l’EIC, come presentare domanda, i criteri di ammissibilità ammissibile, ecc.

Per maggiori informazioni, si prega di visitare la pagina web dell’evento.

EIT Jumpstarter: candidature aperte al programma di pre-accelerazione dell’EIT

EIT Jumpstarter: candidature aperte al programma di pre-accelerazione dell'EIT

business-561387__340

Sono aperte le candidature per partecipare al programma EIT Jumpstarter che sostiene imprenditori, innovatori, scienziati, ricercatori, studenti di master o dottorato in possesso di idee innovative nei settori healthcare, materie prime, energia, mobilità urbana, manufacturing, per trasformare tali idee in business.

L’obiettivo del programma è quello di creare un impatto sostenibile nelle regioni dell’Europa centro-orientale e meridionale, promuovendo l’innovazione e l’imprenditorialità in questa parte dell’Europa.

I paesi di queste regioni affrontano sfide simili: hanno un enorme potenziale di innovazione, con menti scientifiche brillanti, ma i risultati della ricerca rischiano di rimanere all’interno dei laboratori. Allo stesso tempo, c’è un numero significativo di esigenze che non sono state soddisfatte dal lato aziendale.

Per superare queste sfide e collegare le soluzioni innovative con le richieste articolate dell’industria e aumentare la competitività delle nostre regioni, sei comunità di innovazione EIT – EIT Health, EIT Food, EIT RawMaterials, EIT InnoEnergy, EIT Manufacturing e EIT Urban Mobility – si sono unite per gestire insieme l’EIT Jumpstarter.

Il programma, della durata di 8 mesi, consentirà ai partecipanti di individuare il miglior modello di business per la propria idea innovativa, e di imparare nozioni relative alla segmentazione del mercato, alle basi di un investimento, agli aspetti finanziari e legali.

I partecipanti riceveranno sostegno per il viaggio e l’alloggio durante il programma, e i migliori team di ogni categoria avranno la possibilità di vincere un premio in denaro di 10.000 euro.

La scadenza per la presentazione delle idee è il 16 aprile 2021.

L’imprenditorialità femminile – Workshop COSME

brooke-cagle-g1kr4ozfoac-unsplash

L’European Entrepreneurship Education NETwork (EE-HUB.EU) organizza per le giornate del 9 e 11 marzo 2021, il terzo workshop dedicato all’imprenditorialità femminile.

Il workshop “Peer-learning activities in entrepreneurship education and in Women’s Entrepreneurship” rientra in un ciclo di 3 incontri online con l’obiettivo di contribuire alla progettazione e all’implementazione di nuove strategie europee e nazionali per il sostegno all’imprenditorialità femminile in Europa e nel mondo.

L’iniziativa è cofinanziata dal programma europeo COSME, il programma della Commissione europea dedicato alle piccole e media imprese.

Per partecipare è necessario contattare gli organizzatori all’indirizzo women.entrepreneurship@cz.ey.com.

Per ulteriori informazioni, si consiglia di consultare il primo e il secondo workshop.

EaSI – Asse Progress: bando VP/2019/017 – Incubatori per l’imprenditoria inclusiva e sociale

EaSI – Asse Progress: bando VP/2019/017 – Incubatori per l’imprenditoria inclusiva e sociale

Nell’ambito del programma EaSI, Asse Progress è stato pubblicato il bando “Incubatori (organizzazioni di sostegno alle imprese) per l’imprenditoria inclusiva e sociale”.

L’obiettivo della call è mobilitare le reti esistenti di incubatori di imprese per estendere il loro raggio d’azione all’imprenditoria inclusiva e sociale. Attraverso l’azione sostenuta, i membri della rete acquisiranno conoscenze in merito a:

– i concetti di imprenditoria inclusiva e sociale e il valore aggiunto dell’integrazione di questi concetti nel loro lavoro;

– le principali sfide specifiche dei gruppi sottorappresentati nell’imprenditoria e degli imprenditori sociali;

– le metodologie necessarie per lavorare efficacemente con questi gruppi target (tra cui metodi di lavoro specifici del gruppo target, metodi di comunicazione, misurazione dell’impatto sociale, conoscenza delle reti di supporto disponibili e dei programmi di finanziamento specifici);

– programmi, reti, organizzazioni e piattaforme europee e internazionali in questi settori.

I progetti proposti devono, pertanto, essere centrati su attività che promuovono i concetti di “imprenditoria inclusiva e sociale” tra tutte le singole organizzazioni membri della rete o del consorzio di reti. Le attività devono concentrarsi in particolare sul trasferimento di conoscenze e sullo sviluppo di capacità tra le organizzazioni membri, in modo che siano preparate a lavorare con i potenziali imprenditori dei settori target.

Le attività che possono essere finanziate possono consistere in (elenco non esaustivo):

– raccolta, produzione e diffusione di materiale informativo pertinente;

– visite di studio e scambio di buone pratiche;

– attività di formazione, webinar, seminari, conferenze;

– servizi di sostegno alle imprese per imprenditori sociali e inclusivi, incluso toolkit, modelli, manuali e altro materiale di supporto;

– azioni volte a creare e migliorare i collegamenti con gli stakeholder dell’imprenditoria sociale e inclusiva;

– azioni di sensibilizzazione e diffusione tra i membri della rete e verso un pubblico più ampio.

La durata dei progetti deve essere di 24 mesi (indicativamente con inizio a settembre 2020).

Il bando è indirizzato a soggetti stabiliti nei Paesi ammissibili a EaSI-Progress (voce “Aree geografiche” a fondo scheda). Può trattarsi di:

– una rete formale esistente di incubatori di imprese con propria personalità giuridica, o che rappresentano (come segretariato congiunto o coordinatore ufficiale) una rete formale esistente;

– un consorzio di reti esistenti.

Se il proponente è una singola rete, essa deve avere membri stabiliti in almeno 14 Stati UE e almeno un Paese non-UE ammissibile ad EaSI-Progress.

I progetti proposti devono richiedere una sovvenzione UE indicativamente compresa tra 1.000.000 € e 1.300.000 €, che potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili.

Lo stanziamento complessivo a disposizione del bando è pari a 1.300.000 €, con il quale la Commissione europea vorrebbe finanziare un solo progetto.

La scadenza per presentare proposte è fissata al 25 maggio 2020.

POC Città Metropolitane 2014-2020

POC Città Metropolitane 2014-2020

startup-1018514_1280

Avviso Pubblico per la creazione di nuove attività imprenditoriali presso i quartieri target della rigenerazione urbana Avviso pubblico D_BARI START UP Imprese

La misura intende sostenere la creazione di nuove realtà micro-imprenditoriali nel settore del commercio, dell’artigianato e dei servizi, presso le aree target dei programmi di rigenerazione urbana del Comune di Bari, attraverso un supporto tecnico-economico dedicato e l’erogazione di incentivi a fondo perduto.

Possono essere ammesse a finanziamento esclusivamente le seguenti attività economiche e produttive, purché aventi sede fissa e svolte in locali di cui almeno uno al pianterreno, aperti al pubblico e con accesso ed affaccio diretto alla strada: a) commercio al dettaglio di vicinato; b) artigianato; c) somministrazione di alimenti e bevande; d) strutture turistico-ricettive; e) servizi al cittadino e alle imprese in genere e attività di agenzia di affari.

I soggetti ammessi a presentare domanda di candidatura al presente avviso sono le micro e piccole imprese e i soggetti – singoli o in gruppo informale – che si impegnano a costituire una micro/piccola impresa entro 45 gg dalla comunicazione di ammissione al contributo (nuove imprese).

Il presente avviso prevede: attività di tutoraggio e accompagnamento lungo l’arco dell’intero ciclo del progetto di investimento; un contributo finanziario a fondo perduto sino ad un massimo del 50% sul totale delle spese di investimento ammissibili e comunque non superiore a € 40.000,00; un contributo finanziario del 100% sulle spese di gestione ammissibili, da sostenere nei primi 12 mesi sino ad un massimo di € 10.000,00. Ove l’impresa realizzi un investimento superiore a € 80.000,00 o sostenga spese in conto esercizio che superino la quota di € 10.000,00 i contributi erogati non potranno andare oltre i valori sopra indicati.

I contributi sono concessi a seguito di procedura  a sportello, fino ad esaurimento risorse.

Il presente avviso resterà comunque aperto non oltre al 31/12/2020.

AVVISO PUBBLICO “RADICI E ALI”

AVVISO PUBBLICO “RADICI E ALI” - SOSTEGNO ALLE IMPRESE DELLE FILIERE CULTURALI, TURISTICHE, CREATIVE E DELLO SPETTACOLO INTERVENTI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO DI PRODOTTI E SERVIZI COMPLEMENTARI ALLA VALORIZZAZIONE DI IDENTIFICATI ATTRATTORI CULTURALI E NATURALI DEL TERRITORIO REGIONALE, ANCHE ATTRAVERSO L'INTEGRAZIONE TRA IMPRESE DELLE FILIERE CULTURALI, TURISTICHE, CREATIVE E DELLO SPETTACOLO

village-552082_640

Il presente Avviso pubblico, in attuazione del P.O.R. Puglia 2014-2020, disciplina la concessione di contributi a sostegno delle piccole e medie imprese culturali e creative, favorendo in particolare l’imprenditorialità giovanile nel settore dei servizi culturali e di accoglienza, per la creazione di contenuti innovativi e servizi connessi alla valorizzazione delle eccellenze regionali culturali e naturali.

Possono essere finanziate le proposte progettuali di interventi su beni siti sul territorio regionale pugliese, identificabili come attrattori culturali e naturali, suddivise nelle seguenti misure: Misura A, Sale cinematografiche; Misura B, Teatri e luoghi dello spettacolo dal vivo; Misura C, Luoghi d’arte e produzione culturale e creativa.

La dotazione finanziaria complessiva per il presente Avviso è pari a€ 35.000.000,00, ripartita nelle tre misure: Misura A, € 10.000.000,00; Misura B, € 10.000.000,00; Misura C, € 15.000.000,00. La dimensione minima del contributo per i progetti e gli interventi finanziabili è definita nel seguente modo: Misura A, € 400.000,00; Misura B, € 250.000,00; Misura C, € 250.000,00. L’importo massimo dell’aiuto è fissato nella misura dell’80%, mentre il 20% residuo deve essere garantito dal soggetto beneficiario. Il contributo non potrà superare in ogni caso per ogni progetto l’importo complessivo di € 2.000.000,00 (duemilioni/00).

Le domande di contributo dovranno essere compilate, firmate digitalmente ed inviate esclusivamente per via telematica a mezzo Pec all’indirizzo radicieali@pec.rupar.puglia.it. Le domande di agevolazione saranno protocollate in ordine di arrivo ed esaminate nell’arco temporale delle finestre programmate; la data ultima per la presentazione delle istanze non potrà essere successiva al 31/12/2021.

SCADENZA: 31.12.2021

AVVISO PER L’ATTRIBUZIONE DEL TITOLO “MAESTRO ARTIGIANO”

AVVISO PER L’ATTRIBUZIONE DEL TITOLO “MAESTRO ARTIGIANO”

4-PMI

L’art. 5, della L.R. n. 26/2018 prevede l’attribuzione del titolo di “Maestro artigiano” al fine di favorire la costruzione, attraverso l’istituzione delle “Botteghe scuola”, di percorsi formativi aziendali che consentano la trasmissione delle conoscenze e delle competenze degli imprenditori artigiani della Puglia nell’ambito dei settori delle lavorazioni artistiche e tradizionali, nonché dell’abbigliamento su misura.

Il titolo di “Maestro artigiano” è attribuito a coloro che siano titolari o siano stati titolari di imprese artigiane, regolarmente iscritte all’Albo provinciale o regionale delle imprese artigiane, ovvero ai soci di queste, purché partecipino o abbiano partecipato personalmente e professionalmente all’attività.

Gli interessati ad ottenere il titolo, devono presentare la domanda alla Regione Puglia – Sezione Attività Economiche, Artigianali e Commerciali – Commissione Regionale per l’Artigianato Pugliese (C.R.A.P.) in via autonoma o tramite l’assistenza di un Centro di Assistenza Tecnica per l’Artigianato (C.A.T.A.). Le domande devono essere presentate, a pena di esclusione, unicamente in via telematica attraverso la procedura online.

Ai fini dell’esame per il riconoscimento del titolo di “Maestro Artigiano”, la Regione Puglia si riserva il diritto, tramite i propri uffici, di accertare la veridicità delle dichiarazioni rilasciate dal candidato. L’elenco aggiornato dei soggetti a cui è stato attribuito il titolo di “Maestro Artigiano” è tenuto dalla Commissione Regionale per l’Artigianato Pugliese (C.R.A.P.) presso la Sezione Attività Economiche, Artigianali e Commerciali e sarà pubblicato sul sito istituzionale nella Sezione dedicata del portale di Sistema Puglia.

L’avviso non è soggetto a scadenza.

Premio europeo per Donne Innovatrici – 2019

Premio europeo per Donne Innovatrici – 2019

La Commissione europea ha dato il via all’edizione 2019 del Premio europeo per Donne Innovatrici (EU Prize for Women Innovators), il concorso finanziato dal programma Horizon 2020 che intende dare visibilità e attribuire un riconoscimento alle donne che hanno saputo coniugare l’eccellenza scientifica con l’attitudine al business, creando imprese innovative e portando innovazioni sul mercato.

Quest’anno il concorso punta a premiare 4 vincitrici: 3 vincitrici del “Premio per donne innovatrici”, alle quali verrà assegnata una somma di 100mila euro ciascuna, e 1 vincitrice del “Premio per innovatrici emergenti” che riceverà invece una somma pari a 50mila euro.

Il contest intende premiare donne innovatrici che hanno saputo generare il maggiore impatto sull’ecosistema dell’innovazione, trasformando idee in prodotti e/o servizi nuovi e avanzati a vantaggio e per il benessere dei cittadini europei.

Al concorso possono partecipare donne residenti negli Stati UE e nei Paesi associati ad Horizon 2020 che abbiano fondato o co-fondato una società innovativa esistente che sia stata registrata prima del 1° gennaio 2017. Le candidate al premio dedicato alle innovatrici emergenti devono essere di età pari o inferiore ai 35 anni (nate a partire dal 1° gennaio 1984).

Il concorso rimane aperto fino al 16 gennaio 2019.

 

1 2