Giornata Nazionale bandi Secure Societies

capture

Il 5 dicembre 2019 si terrá a Roma la Giornata Nazionale di lancio dei bandi Secure Societies – Protecting freedom and security of Europe and its citizens di Horizon 2020, in cui la Commissione europea presenterà le principali opportunità relative al Programma di Lavoro 2018-2020.

La giornata é organizzata da APRE per conto del MIUR e sosterrá la partecipazione italiana nell’ultimo biennio di Horizon 2020 in vista della futura programmazione 2021-2027 di Horizon Europe.

La Commissione Europea presenterà le principali opportunità relative al Programma di Lavoro 2018-2020 e verranno successivamente presentati i risultati della partecipazione italiana evidenziandone i punti di forza e di criticità.

Seguiranno una presentazione relativa ad uno dei temi più importanti dei nuovi bandi Sicurezza, cioè la sezione Articifial Intellingence, le sue implicazioni sul tema ed una presentazione incentrata sui meccanismi di valutazione delle proposte in ambito Sicurezza.

La giornata sarà rivolta alle università, centri di ricerca, grandi imprese, industries, Piccole Medio Imprese (PMI), Pubbliche amministrazioni, Associazioni e ogni soggetto che ha interesse nelle tematiche relative alla sicurezza.

Per partecipare è necessario effettuare l’iscrizione sul sito APRE.

Economia circolare – Ecomondo

schermata-2019-09-20-alle-12-29-01

Si terrá a Rimini, dal 5 all’8 Novembre, la 23a edizione di Ecomondo, la fiera di riferimento in Europa per l’innovazione industriale e tecnologica nell’ambito dell’economia circolare.

L’evento si pone come un laboratorio permanente di idee, soluzioni e opportunità per i temi di economia circolare ed ecologia. Ogni anno vengono presentate le nuove priorità legislative, della ricerca e nella formazione in relazione all’economia circolare, i nuovi processi 4.0 e i prodotti che verranno adottati dall’industria e dalle città e regioni.

L’evento si svolgerá in collaborazione con associazioni industriali, ministeri e altre istituzioni, istituti di ricerca, la Commissione europea e l’OCSE. Tra il 5 e l’8 novembre, verranno esaminati e discussi i principali sviluppi, bisogni e opportunità nei diversi campi d’azione dell’economia circolare, le materie prime alternative, l’eco-progettazione industriale e della bioeconomia.

Per maggiori informazioni ed effettuare le iscrizioni, si consiglia di consultare la pagina dell’evento.

Cross-border Innovation Procurement in Health

eventi

Il 17 ottobre 2019 si terrá a Bruxelles il seminario “Cross-border Innovation Procurement in Health: EU funding opportunities & best practices“.

Organizzato dalla Commissione europea – DG Connect, il workshop si rivolge a potenziali fornitori, committenti, regioni o organizzazioni ombrello e legislatori per discutere come ideare, ottenere e diffondere soluzioni innovative per affrontare sfide nel campo dei servizi sanitari attraverso strumenti di appalto in materia di innovazione. Tali soluzioni possono essere finanziate tramite PCP (Pre-Commercial Procurement) e PPI (Public Procurement of Innovative solutions).

Ideare, ottenere e diffondere soluzioni innovative è un’importante componente di qualsiasi strategia di modernizzazione del settore pubblico, specialmente nei settori della salute e della cura. I fornitori di servizi sanitari devono però affrontare numerose sfide, quali i finanziamenti, un quadro legale frammentato, la mancanza di standard comuni o l’interoperabilità e le preferenze variabili dei pazienti/utenti in tutta Europa.

L’evento cercará di rispondere a queste domande e saranno inoltre presentate le opportunità di finanziamento PCP e PPI per il 2020. Si potrà anche discutere con gli stakeholder il miglior modo di creare ed implementare progetti di successo.

Maggiori informazioni nella pagina web dell’evento.

Progetti per la creazione di un archivio storico sulla tematica lgbt

Progetti per la creazione di un archivio storico sulla tematica lgbt

lgbt

L’azione si intende realizzare nell’ambito dell’Avviso pubblico è finalizzata alla tutela, alla valorizzazione, alla promozione e alla fruizione di documenti storici inerenti alla tematica lgbt, poco conosciuti e diffusi o addirittura sconosciuti, attraverso la mappatura, la digitalizzazione e l’archiviazione di materiale che può costituire una fonte importante per ricerche storiche basate sulla memoria della comunità lgbt italiana e non.

Tutto ciò al fine di non disperdere nel tempo tale patrimonio, aumentarne la fruibilità anche al fine di veicolare alle nuove generazioni gli strumenti idonei per prevenire e contrastare i fenomeni discriminatori.

Le azioni proposte nell’ambito dell’avviso dovranno riguardare:

  • attività di ricognizione e schedatura/inventariazione di materiale storico (es. manoscritti, carteggi, libri, pellicole cinematografiche, stampa, immagini, materiale audio-video…) riguardante la tematica lgbt;
  • digitalizzazione del patrimonio materiale raccolto;
  • archiviazione e caricamento del materiale raccolto sul sistema di gestione dei contenuti CMS secondo le modalità che saranno successivamente definite e comunicate dall’Amministrazione.

 

Enti e Associazioni, in forma singola o attraverso associazioni temporanee di scopo, anche non riconosciute, che svolgono attività inerenti alla promozione dei diritti e la tutela delle persone lgbt, in possesso di documentazione storica sulla cultura lgbt.

L’ammontare delle risorse complessivamente stanziate è di euro 350.000. Il contributo finanziario non potrà superare la somma di € 70.000 per ciascun progetto. È ammessa una eventuale quota di cofinanziamento.

La domanda di partecipazione, redatta secondo lo schema allegato all’avviso e corredata dalla documentazione richiesta, dovrà essere inviata all’indirizzo PEC avvisiebandi.una@pec.governo.it entro e non oltre il 30 settembre 2019.

Credito Adesso 2019

Credito Adesso 2019

commercio

Credito Adesso è un’iniziativa per finanziare il fabbisogno di capitale circolante connesso all’espansione commerciale delle imprese operanti in Lombardia e con organico fino a 3.000 dipendenti, dei Liberi Professionisti e degli Studi Associati, mediante la concessione di un finanziamento e di un contributo in conto interessi.

  1. PMI e MID CAP:

– singole e in qualunque forma costituite, ivi comprese le imprese artigiane;

– con sede operativa in Lombardia;

– iscritte al registro delle imprese;

– operative da almeno 24 mesi;

– appartenenti ad uno dei seguenti settori

  • settore manifatturiero, codice ISTAT – ATECO 2007, lett. C;
  • settore dei servizi alle imprese con codice ISTAT uno dei seguenti codici ATECO 2007: J60 (attività di programmazione e trasmissione), J62 (produzione di software, consulenza informatica e attività connesse); J63 (attività dei servizi di informazione e altri servizi informatici); M69 (attività legali e contabilità); M70 (attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale); M71 (attività degli studi di architettura e di ingegneria collaudi ed analisi tecniche); M72 (ricerca scientifica e di sviluppo); M73 (pubblicità e ricerche di mercato); M74 (altre attività professionali, scientifiche e tecniche); N78 (attività di ricerca, selezione, fornitura del personale);N79 (attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse); N81 (attività di servizi per edifici e paesaggi); N82 (attività di supporto per le funzioni d’ufficio e altri servizi di supporto alle imprese); H49 (trasporto terrestre e trasporto mediante condotte); H52 (magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti); S.96.01.10 (attività delle lavanderie industriali);
  • settore del commercio all’ingrosso limitatamente ai seguenti codici ISTAT – ATECO 2007: G46.2 (commercio all’ingrosso di materie prime, agricole e di animali vivi); G46.3 (commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, bevande e prodotti del tabacco); G46.4 (commercio all’ingrosso di beni di consumo finale); G46.5 (commercio all’ingrosso di apparecchiature ICT); G46.6 (commercio all’ingrosso di altri macchinari, attrezzature e forniture);G46.7 (commercio all’ingrosso specializzato di altri prodotti).
  • settore delle costruzioni, codice ISTAT – ATECO 2007, l
  • settore del turismo limitatamente
  1. LIBERI PROFESSIONISTI

– dotati di partita Iva da almeno 24 mesi;

– operanti in uno dei comuni della Lombardia;

– iscritti a un albo professionale del territorio lombardo del relativo ordine o collegio professionale o aderenti a una delle associazioni professionali iscritte nell’elenco del Mise;

– appartenenti ad uno dei settori di cui alla lettera M del codice ISTAT primario – ATECO 2007.

  1. STUDI ASSOCIATI

– dotati di partita Iva da almeno 24 mesi;

– operanti in uno dei comuni della Lombardia;

– i cui soci risultano iscritti a un albo professionale del relativo ordine o collegio professionale o aderenti a una delle associazioni professionali iscritte nell’elenco del Mise;

– appartenenti ad uno dei settori di cui alla lettera M del codice ISTAT primario – ATECO 2007.

Le risorse finanziarie ammontano:

  • per i finanziamenti a 600 milioni di euro di cui 240 milioni di euro a carico di Finlombarda S.p.A. e 360 milioni di euro messi a disposizione dalle Banche convenzionate (il cui elenco è consultabile nei documenti allegati alla presente pagina);
  • per i contributi a 19,07 milioni di euro (di cui 70 mila euro a favore delle imprese che svolgono attività di programmazione e trasmissione televisiva e radiofonica in possesso di alcuni requisiti previsti dalla Legge regionale n. 8/2018).

La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente su Bandi on Line a partire dalle ore 10.30 del 05 settembre 2019.

Bando per la valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO sul territorio regionale

Bando per la valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO sul territorio regionale

unesco

Il presente bando dispone le modalità di ammissione a finanziamento di interventi di valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO sul territorio regionale, tramite una procedura a sportello.

Gli interventi ammissibili consistono nel recupero, nel restauro, nella ristrutturazione e nella rifunzionalizzazione e valorizzazione di beni culturali compresi nell’ambito territoriale dei siti UNESCO (territorio comunale su cui insiste sito UNESCO, riconosciuto ed incluso nella lista del Patrimonio mondiale.

Possono partecipare:

  • Enti locali
  • Consorzi pubblici

Tali soggetti, sin dal momento della presentazione della domanda di contributo, devono disporre per un periodo di almeno 10 anni della proprietà o della disponibilità dei beni culturali oggetto degli interventi di valorizzazione proposti per l’ammissione a finanziamento, da comprovare tramite atto di proprietà, atto di conferimento del bene o analoga documentazione probatoria la cui adeguatezza sarà valutata dalla struttura Responsabile della gestione del presente bando.

Le domande possono essere inviate a partire dalle ore 9 del giorno 01/10/2018 e fino ad esaurimento delle risorse.

Bando REC-CONS-RPPI-AG-2019: limitare la doppia qualità dei prodotti e rafforzare le organizzazioni dei consumatori nell’UE

Bando REC-CONS-RPPI-AG-2019: limitare la doppia qualità dei prodotti e rafforzare le organizzazioni dei consumatori nell'UE

customer-1253483_1280

Bando nell’ambito del programma “Diritti, uguaglianza, cittadinanza””: sostegno ad azioni volte a limitare la doppia qualità dei prodotti e a rafforzare le organizzazioni dei consumatori nell’UE. Obiettivo è di rafforzare il ruolo delle organizzazioni dei consumatori nel testare e comparare i prodotti di consumo di base, sia nel contesto nazionale che transfrontaliero, e nell’identificare strategie di marchio potenzialmente ingannevoli o informazioni ingannevoli riportate sulla confezione dei prodotti, anche relativamente alla doppia qualità.

Sostegno a progetti orientati ai seguenti obiettivi specifici:

– consentire alle organizzazioni dei consumatori di:

(i) testare e comparare i prodotti di consumo di base, sia alimentari che non alimentari, riguardo alla doppia qualità, seguendo solide pratiche metodologiche;

(ii) divulgare i risultati dei test sia nel contesto nazionale che transnazionale;

– conseguire un’attuazione efficace a livello nazionale del “Framework for selecting and testing of food products to assess quality related characteristics: EU harmonised testing methodology”, presentato dal Centro Comune di Ricerca della Commissione Ue il 25 aprile 2018;

– sviluppare e implementare metodi validi per testare e comparare i prodotti non alimentari;

– individuare strategie di marchio o informazioni riportate sulla confezione dei prodotti potenzialmente ingannevoli e creare strumenti per la loro segnalazione, al fine di massimizzare la protezione dei consumatori;

– scambiare migliori pratiche e facilitare la cooperazione transfrontaliera tra le organizzazioni dei consumatori e/o le autorità competenti e i soggetti privati ​​pertinenti e migliorare le politiche di advocacy delle organizzazioni dei consumatori nelle aree prioritarie menzionate;

Attività finanziabili:

– formazione delle organizzazioni dei consumatori mirata a sviluppare o migliorare le competenze/conoscenze per testare i prodotti;

– scambi di buone pratiche ed eventi e/o seminari di condivisione delle conoscenze;

– creazione o potenziamento di reti di organizzazioni di consumatori coinvolte nel controllo dei prodotti e/o altre misure;

– sviluppo e lancio di progetti pilota per testare e compare i prodotti in linea con solidi principi metodologici, come la metodologia sviluppata dal Centro Comune di Ricerca per testare i prodotti alimentari;

– attività di sensibilizzazione e/o di advocacy fra le organizzazioni dei consumatori, le autorità pubbliche, le parti interessate e/o il pubblico in generale;

– sviluppo di strumenti informatici per la segnalazione di prodotti di doppia qualità o informazioni ingannevoli;

– attività di supporto all’attuazione a livello nazionale del ” Framework for selecting and testing of food products to assess quality related characteristics: EU harmonised testing methodology”.

Beneficiari:

  • Proponenti di progetto (lead applicant) di progetto possono essere solo le organizzazioni dei consumatori che siano non governative, senza scopo di lucro, indipendenti e operanti per la promozione e la tutela della salute, della sicurezza e degli interessi economici dei consumatori a livello nazionale o regionale.

 

  • Partner di progetto (co-applicant) possono essere enti pubblici, organizzazioni private non-profit o organizzazioni internazionali.

Questi soggetti devono essere stabiliti in uno degli Stati membri UE.

Il contributo UE può coprire fino al 90% dei costi totali ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta deve essere compresa tra € 150.000 e € 250.000.

I progetti proposti devono essere realizzati da una partnership che coinvolga almeno due soggetti (proponente di progetto + 1 partner) di due diversi Paesi UE. I progetti proposti devono prevedere una durata massima 12.

Il bando scade il 06/11/2019, ore 17

WiFi4EU

WiFi4EU -terzo bando

wireless-signal

Giovedì 19 settembre aprirà il terzo bando WiFi4EU. L’iniziativa è finanziata dal Meccanismo per collegare l’Europa – settore Telecomunicazioni ed è creata per offrire connettività WiFi gratuita per cittadini e visitatori delle città europee in luoghi pubblici come piazze, edifici pubblici, biblioteche, parchi, centri sanitari ecc.

 

Attraverso questo bando, come con i due precedenti, vengono erogate sovvenzioni per l’installazione di hotspot WiFi nei comuni (o enti equivalenti) dell’UE, oltre che di Islanda e Norvegia, per una connettività gratuita che contribuirà a colmare il digital divide, in particolare nelle comunità in ritardo in termini di alfabetizzazione digitale (comprese zone rurali e comunità remote), e a migliorare l’accesso ai servizi online, come quelli della sanità elettronica, promuovendo così anche lo sviluppo di PMI locali che puntano sull’innovazione di prodotti e servizi digitali.

 

Le sovvenzioni saranno erogate in forma di voucher del valore di 15.000 euro. Per farne richiesta i comuni interessati devono registrarsi sul portale WiFi4EU e inviare la richiesta nei tempi di apertura del bando. La richiesta deve essere accompagnata dalla “prova dell’approvazione”, da parte del rappresentante legale del comune, dalla copia dell’atto di nomina dello stesso e della sua carta d’identità. Le domande di finanziamento saranno selezionate in base all’ordine di presentazione ma sarà garantita un’equa distribuzione territoriale: in particolare ad ogni Stato ammissibile saranno garantiti almeno 15 voucher e inoltre per nessuno Stato il numero totale di voucher può superare l’8% del budget del bando.

 

Il voucher copre i costi delle attrezzature e delle installazioni degli hot-spot WiFi che soddisfano i requisiti richiesti fino a un massimo di 15.000 euro: se i costi sopportati sono superiori, la differenza è a carico del comune beneficiario. Attrezzature e installazione possono essere destinate a realizzare una nuova rete WiFi pubblica oppure a potenziare o estenderne una esistente.

 

Il budget di questo terzo bando ammonta a 26,7 milioni di euro e consentirà l’erogazione di 1.780 voucher. I comuni che risulteranno assegnatari di un voucher avranno un anno e mezzo per installare e mettere in funzione gli hot-spot, selezionando i centri della vita pubblica da coprire con il WiFi e appaltando a uno o più fornitori l’installazione delle apparecchiature. Dopo la messa in funzione i Comuni dovranno garantire la connessione WiFi gratuita per almeno 3 anni (i costi di abbonamenti internet ed eventuali costi di manutenzione sono a carico del Comune).

 

Sul portale WiFi4EU devono essere registrati anche i fornitori di servizi, indicando dove operano, così i comuni potranno consultarne l’elenco ed eventualmente avvalersene per le proprie procedure d’appalto; dovranno in ogni caso essere registrati al termine dell’esecuzione dei lavori per poter riscattare il buono, dopo che saranno state fatte le opportune verifiche di operatività della rete locale. Il voucher assegnato a un comune deve essere incassato da un solo fornitore (non può essere frazionato fra più fornitori).

 

Le registrazioni già fatte –sia dai comuni sia dai fornitori- in occasione dei bandi precedenti restano valide e, in caso di cambiamenti del legale rappresentante, è possibile aggiornare la documentazione già inviata.

Il bando resterà aperto fino al 20 settembre alle 17.

Gli organizzatori sottolineano che nel bando precedente, pubblicato lo scorso aprile, per i 3.400 voucher da assegnare sono arrivate 10.000 domande, e che il 98% dei voucher disponibili sono stati assegnati nei primi 60 secondi di apertura del bando.

Info Day Societal Challenge 5

capture

Il 15 ottobre si svolgerà a Roma la Giornata Nazionale di lancio dei bandi 2020 del Work programme Societal Challenge 5: ‘Climate Action, Environment, Resource Efficiency and Raw Materials’ di Horizon 2020. L’evento si svolgerá al CNR presso l’Aula Marconi.

L’nfoday organizzato da APRE per conto del MIUR prevederá anche la partecipazione di alcuni funzionari della Commissione Europea per la presentazione dei due bandi principali del programma di lavoro:

  • Building a low-carbon, climate resilient future: Climate action in support of the Paris Agreement
  • Greening the economy in line with the Sustainable Development Goals (SDGs)

Il programma della Giornata

La Giornata informativa, sarà divisa in due sessioni, una mattutina e una pomeridiana.

La sessione della mattina avrà inizio alle 9.30 e saranno presentati bandi 2020 relativi alla Quinta Sfida sociale del programma Horizon 2020 in presenza dei funzionari della Commissione Europea.

Nella seconda parte della mattinata saranno coordinate invece due tavole rotonde. La prima relativa ai rischi legati alla preparazioni di proposte e a come evitare errori che rischiano di compromettere il lavoro svolto. La seconda invece darà una prospettiva sul prossimo programma di finanziamento Horizon Europe.

Iscrizione alla sessione della mattina

La sessione del pomeriggio sarà invece dedicata al networking. Imprese e ricercatori avranno l’occasione di presentare le loro idee di progetto, le proprie competenze o selezionare le tecnologie e expertise a completamento della propria idea progettuale.

Attraverso la sesisone di pitching sarà possibile presentare in 6 minuti la propria idea progettuale o le proprie competenze/tecnologie da offrire nell’ambito di un progetto di ricerca SC5 H2020. La sessione sarà in inglese ed in presenza di alcuni National Contact Points europei che assisteranno ai pitch al fine di raccogliere skill e competenze da integrare nei consorzi in formazione nei loro paesi.

Per partecipare alla sessione del pomeriggio, anche solo come uditore, è possibile iscriversi compilando entro il 19 settembre il modulo di registrazione.

Science with and for Society – Brokerage Event

swafs

Il 14 e 15 ottobre 2019, si terrà a Varsavia il brokerage event sul tema di Horizon 2020: Science with and for Society.

Queste due giornate metteranno in evidenza gli argomenti trattati nei bandi 2020 nell’ambito del programma Science with and for Society (SWAFS).  I partecipanti avranno la possibilità di partecipare ad un brokerage event (15 ottobre) che sarà di particolare interesse e rilevanza per i membri della comunità SWAFS che sono alla ricerca di opportunità di networking e finanziamenti all’interno di Horizon 2020. L’evento di matchmaking offrirà ai partecipanti l’opportunità di partecipare a incontri prestabiliti con altri partecipanti al fine di identificare possibili collaboratori e facilitare l’installazione dei consorzi di progetto SWAFS.

Per avere maggiori informazioni, si prega di visitare la pagina web dell’evento.

Inoltre, per i coordinatori che cercano attivamente partner di progetto, sarà possibile presentare le proprie idee progettuali durante una sessione di presentazione flash.

La sessione di matchmaking sarà preceduta da un info day (14 ottobre), che si concentrerà sul contesto politico, sulle opportunità di finanziamento e sull’invito a presentare proposte. Questa sessione informativa fornirà preziose informazioni per la preparazione della proposta, aggiungendo importanti input di base per completare gli incontri bilaterali il secondo giorno dell’evento.

La partecipazione è gratuita, previa registrazione entro e non oltre il giorno 8-10-19 sul sito web dell’evento.

1 2 3 112