Bando per contrastare le fake news con particolare riguardo al settore salute

Bando per contrastare le fake news con particolare riguardo al settore salute

newspaper-943004_640

L’obiettivo è quello di finanziare progetti editoriali finalizzati a contrastare il fenomeno delle fake news con particolare riguardo al settore della salute. L’obiettivo dei progetti dovrà essere quello di fornire un impulso all’alfabetizzazione digitale sanitaria che renda il cittadino in grado di compiere scelte consapevoli sulla propria salute.

I progetti ammessi al contributo dovranno essere conclusi entro il termine massimo di 18 mesi dalla pubblicazione della graduatoria finale sul sito del Dipartimento.

Possono presentare richiesta per la concessione del contributo:

  • le imprese editoriali, identificate con i codici ATECO 2007 58.13 e 58.14, con un fatturato medio annuo, nell’ultimo triennio, non superiore a 250.000 euro;
  • associazioni, fondazioni, imprese sociali, enti ed istituzioni di diritto privato senza fini di lucro impegnati in attività di promozione dell’educazione, dell’inclusione sociale e della salute.

Ciascuna Associazione può presentare un solo progetto e non può essere partner di altra proposta progettuale.

Le risorse economiche destinate al finanziamento sono assegnate a valere sul Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione ed ammontano complessivamente a 500.000 euro.

Ai primi due progetti risultati vincitori in graduatoria sarà attribuito un contributo fino ad un massimo di 200.000 euro ciascuno, a fronte delle spese sostenute e debitamente documentate per la realizzazione del progetto; la somma residua sarà attribuita al progetto collocatosi nella posizione migliore dopo quelli finanziati.

Scadenza: 30 settembre 2022

Finanziamenti ai Comuni per progetti di supporto psico-fisico a favore dei giovani

Finanziamenti ai Comuni per progetti di supporto psico-fisico a favore dei giovani

marco-bianchetti-vzftmxtl0dq-unsplash

La Regione Piemonte intende costruire dei percorsi esperienziali per la promozione del benessere giovanile che prevedano azioni culturali (laboratori artistici e musicali) e attività fisiche e sportive atti a migliorare le loro condizioni di salute psico-fisica.

I “Progetti di supporto psico-fisico”, a favore dei giovani tra i 15 e i 29 anni, dovranno prevedere il coinvolgimento dei Centri di Aggregazione Giovanili (CAG), la collaborazione con le Strutture complesse di psicologia, nonché delle organizzazioni di volontariato che offrano specifici percorsi di crescita, partecipazione e inclusione sociale rivolti ai giovani con problematiche di disagio e difficoltà anche conseguenti alla pandemia da Covid-19.

Le attività oggetto di finanziamento sono le seguenti:

  • facilitazione all’accesso ai servizi di supporto psicologico;
  • realizzazione di laboratori espressivi (anche artistici e musicali);
  • fruizione con accesso, libero e gratuito, alle attività sportive sul territorio mirate al contrasto del disagio giovanile individuale o di gruppo;
  • supporto psicologico (individuale e/o di gruppo);
  • rafforzamento del lavoro di “rete” tra diversi stakeholders.

Obiettivi principali dell’azione:

  • favorire la ripresa della vita quotidiana dei giovani tra i 15 e i 29 anni, il recupero di relazioni positive, il superamento delle difficoltà e dei vissuti negativi del periodo di lock down e l’acquisizione di risorse positive per affrontare in modo più adeguato la situazione critica venutasi a creare a seguito dell’emergenza sanitaria daCovid-19;
  • promuovere lo sviluppo e il consolidamento di risposte a livello di sistema territoriale coinvolgendo, a vario titolo, le tematiche dell’educazione, dello sport e del sociale per:
  • contrastare le nuove problematiche del disagio giovanile emerso dopo il lungo periodo di emergenza epidemiologica
  • implementare azioni volte a favorire l’inclusione e l’innovazione sociale, lo sviluppo individuale e la promozione di attività sportive per i giovani;
  • creare reti tra enti locali, centri di aggregazione giovanili, i servizi di psicologia territoriale e/o servizi ambulatoriali locali e associazioni di volontariato.

Scadenza: 15 settembre 2022

Ministero della salute: pubblicato il bando “Scienza partecipata per il miglioramento della qualità di vita delle persone con malattie rare”

Ministero della salute: pubblicato il bando “Scienza partecipata per il miglioramento della qualità di vita delle persone con malattie rare"

science

È stato pubblicato il bando per il progetto “Scienza partecipata per il miglioramento della qualità di vita delle persone con malattie rare”, che ha lo scopo di contribuire al miglioramento della vita delle persone e delle loro famiglie, attraverso la proposta e la condivisione di strumenti, idee ed esperienze.

Coordinato dal Centro Nazionale Malattie Rare (CNMR) dell’Istituto Superiore di Sanità e finanziato dal Ministero della Salute nell’ambito di un più ampio accordo di collaborazione, il progetto si rivolge a cittadini, ricercatori, scuole, associazioni e istituzioni che potranno condividere idee operative, soluzioni, tecnologie, strategie al servizio delle persone con malattia rara, per aiutarle concretamente nelle piccole e grandi sfide di ogni giorno.

Ogni contributo può riguardare una o più delle seguenti aree:

  • mobilità (es. strumenti o strategie per facilitare i movimenti e le attività fisiche);
  • autonomia e strategie per provvedere a necessità quotidiane;
  • comunicazione (es. utilizzo alternativo di ausili informatici, app);
  • abilità cognitive (es. metodi formativi alternativi, soluzioni innovative per l’apprendimento);
  • sport e tempo libero;
  • gestione delle emozioni (es. gestione dello stress, dell’ansia, dell’aggressività);
  • strategie di inclusione sociale, scolastica e lavorativa.

Scadenza: 30 ottobre 2022

PR FSE+, AVVISO PUBBLICO PER ACCEDERE A BUONI SERVIZIO FINALIZZATI ALLA PREVENZIONE DEL DISAGIO PSICHICO, ALL’ASSISTENZA PSICOLOGICA E ALLA TUTELA DELLA SALUTE MENTALE

PR FSE+, AVVISO PUBBLICO PER ACCEDERE A BUONI SERVIZIO FINALIZZATI ALLA PREVENZIONE DEL DISAGIO PSICHICO, ALL’ASSISTENZA PSICOLOGICA E ALLA TUTELA DELLA SALUTE MENTALE

marco-bianchetti-vzftmxtl0dq-unsplash

Con l’approvazione della DGR n. 39 del 8 febbraio 2022, la Regione Lazio ha approvato una misura integrata dedicata all’accesso alle misure a tutela della salute mentale e la prevenzione del disagio psichico dei giovani, a valere sul PR FSE+ 2021-2027 Priorità “Inclusione sociale”.

La misura deriva da un’esigenza, che trova riscontro nelle numerose e recenti testimonianze, da cui si evince che con la pandemia da Covid19 i disturbi psicologici sono aumentati, specie tra i giovani e i giovanissimi.

La Regione Lazio, anche grazie a questa misura, intende quindi dare risposte immediate alla sofferenza reale e alla condizione di malessere profondo che moltissimi giovani stanno provando a seguito degli effetti della pandemia Covid19, con specifica attenzione a quelle fasce di popolazione più fragili che non possono permettersi cure adeguate.

L’intervento a carattere pluriennale, intende fornire prestazioni integrative e non sostitutive dei servizi sistematici attivati nei territori, con la finalità di potenziare gli interventi in essere incrementando e migliorando complessivamente l’accesso ai servizi.

L’Assessorato Lavoro e nuovi diritti, Scuola e Formazione, Politiche per la ricostruzione, Personale, in stretto raccordo con l’Assessorato Sanità e integrazione Socio-Sanitaria, ha promosso pertanto un avviso pubblico che definisce le procedure gestionali di erogazione dei buoni servizio all’interno della Sovvenzione Globale E-Family del FSE, rivolto ai giovani, prestando particolare attenzione alle fasce più fragili ed in situazione di difficoltà anche familiare, attraverso l’erogazione di voucher (Buoni servizio) per accedere a servizi specialistici a carattere preventivo.

Per richiedere i buoni servizio è necessario presentare domanda di partecipazione, nelle modalità e nei tempi indicati nell’avviso a cui si rimanda.

I buoni servizio sono spendibili esclusivamente per accedere alle seguenti tipologie di prestazione:

  • interventi di “primo livello di consultazione e diagnosi” per cui è definito un percorso di 4 colloqui di un’ora ciascuno;
  • interventi brevi di “primo livello di abilitazione-riabilitazione e sostegno” costituiti da 8 fino a 16 colloqui di un’ora ciascuno. Il numero di colloqui sarà definito dallo psicologo, informando il medico invitante.

Per accedere ai servizi garantiti attraverso i buoni servizio è previsto un sistema strutturato che prevede il coinvolgimento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, di riferimento delle famiglie, per una prima valutazione delle persone e del contesto familiare. I medici dovranno evidenziare il bisogno di supporto a cui si ritiene necessario offrire una risposta.

Il medico identifica il bisogno del paziente tramite una prima valutazione clinica; la decisione di accedere al servizio è delle singole famiglie (se minori) o direttamente del potenziale utente (se maggiorenne).

Appurata la necessità di attivare l’intervento dello psicologo, il medico di medicina generale o pediatra di libera scelta formula, sullo specifico modello fornito nell’ambito del presente intervento, la relativa richiesta con indicazione del numero massimo di sedute richieste.

 

Alla richiesta del medico seguirà l’attivazione delle prestazioni da parte del richiedente attraverso le modalità definite all’articolo 11 dell’avviso a cui si rimanda per i dettagli.

Al fine del riconoscimento del costo del servizio, è previsto un buono del valore di 50 euro/ora per la copertura del servizio erogato dallo psicologo.

L’ammontare complessivo massimo del buono è pari ad euro 1.000 comprensivo di:

  • servizio relativo al “primo livello di consultazione e diagnosi” (4 sedute psicologiche);
  • servizio relativo al “primo livello di abilitazione-riabilitazione e sostegno”, per un massimo di 16 sedute psicologiche – servizio avanzato.

Le risorse complessivamente stanziate per il presente avviso pluriennale 2022-2024 a valere sul PR LAZIO FSE+ 2021-2027 ammontano complessivamente ad Euro 2.500.000.

Sono destinatari del buono servizio i giovani, in particolare quelli che presentano una situazione di vulnerabilità accertata dal medico di base o pediatra, che al momento della data di presentazione della domanda sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere cittadino/a italiano/a o di uno Stato membro dell’Unione Europea o essere in possesso di regolare permesso di soggiorno CE (ai sensi del D.lgs 286/98 e ss.mm.ii.)
  • essere residente o domiciliato in uno dei comuni della Regione Lazio;
  • avere un’età compresa tra 6 e 21 anni (22 anni ancora non compiuti al momento della presentazione della domanda);
  • essere regolarmente iscritto ad uno dei seguenti percorsi del sistema di istruzione e formazione regionale (istruzione primaria di primo e secondo grado; istruzione secondaria; sistema regionale della formazione professionale IeFP; istruzione di tipo universitario, ITS e Accademie);
  • essere all’interno di un nucleo familiare con attestazione ISEE o ISEE minorenni in caso di genitori non conviventi in corso di validità relativa all’anno di partecipazione non superiore a € 40.000,00 (per esempio, se richiedo il buono nell’annualità 2022 devo presentare ISEE 2022 relativo ai redditi 2020).

I richiedenti devono presentare domanda di partecipazione ai sensi dell’avviso, redatta esclusivamente on line accedendo all’apposita piattaforma e-family al seguente indirizzo: http://buonopsicologico.efamilysg.it

compilata in ogni sua parte e completa di tutta la documentazione richiesta, da allegare alla stessa in formato elettronico, e inoltrata, debitamente firmata e scansionata in formato pdf o firmata digitalmente in formato p7m, esclusivamente utilizzando la procedura informatica di invio telematico.

La presentazione “on demand” delle domande potrà avvenire a partire dai giorni sotto indicati e comunque fino ad esaurimento delle risorse:

Annualità 2022  Ore 09.00 del 22 giugno 2022

Annualità 2023  Ore 09.00 del 15 maggio 2023

Annualità 2024  Ore 09.00 del 15 febbraio 2024

Rimane facoltà dell’Amministrazione modificare gli importi destinati alle singole annualità in funzione della numerosità della richiesta da parte dei potenziali destinatari.

Scadenza: Bando a sportello

Condivisione dei dati nella medicina personalizzata: ICPerMed lancia la sua quinta “Recognition”

Condivisione dei dati nella medicina personalizzata: ICPerMed lancia la sua quinta "Recognition"

ICPerMed lancia la sua quinta “Recognition” per onorare, incoraggiare, promuovere e diffondere esempi eccezionali di ricerca clinica nel campo della medicina personalizzata utilizzando dataset clinici e tecnologie, al fine di ottenere un impatto proficuo a livello regionale, nazionale e internazionale.

In particolare, la proposta dovrebbe rappresentare un esempio di buona pratica di almeno uno dei seguenti aspetti di condivisione dei dati:

  • Uso di tecnologie/infrastrutture innovative per lo scambio di dati
  • Esempi di condivisione dei dati efficiente ed economicamente vantaggiosa, coinvolgendo cittadini, pazienti, operatori sanitari e ricercatori, evitando ridondanze/perdite di dati
  • Scambio di dati a livello regionale, nazionale e internazionale, con un’attenzione particolare alla condivisione di dati tra paesi dell’UE ed extra-UE o paesi con diversi regolamenti sulla protezione dei dati

Gli autori selezionati saranno invitati alla Conferenza ICPerMed dell’autunno 2022 sulla medicina personalizzata e potranno presentare i loro risultati agli stakeholder del settore durante una sessione plenaria. Inoltre, i candidati premiati riceveranno un contributo non monetario di 500 euro per la diffusione del loro esempio di Best Practice.

Le proposte devono coinvolgere almeno due dei seguenti gruppi:

  • Ricercatori o clinici
  • Rappresentanti di organizzazioni di difesa dei pazienti
  • Professionisti dell’assistenza sanitaria
  • Impiegati del settore privato/industria

Il bando è aperto a candidati da tutto il mondo, provenienti da tutti i campi della ricerca medica. Saranno selezionati fino a 3 candidati.

La scadenza per presentare proposte è il 30 giugno 2022.

Scadenza: 30 giugno 2022

EU4Health – Assistenza sanitaria mentale per gli sfollati dall’Ucraina

EU4Health - Assistenza sanitaria mentale per gli sfollati dall'Ucraina

 

Per contribuire ad affrontare l’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina sulla salute mentale delle persone che si sono rifugiate nell’Ue (e in particolare i bambini e i gruppi vulnerabili), HaDEA ha lanciato un invito a presentare proposte nell’ambito del programma EU4Health con tema: Assistenza sanitaria mentale per gli sfollati dall’Ucraina.

Obiettivo principale dell’azione è aumentare la consapevolezza, la generazione e condivisione di conoscenze e lo sviluppo delle capacità per migliorare la salute mentale e il benessere psicologico degli sfollati ucraini,

Le attività ammissibili riguarderanno lo scambio e l’attuazione delle migliori pratiche che aumentano la condivisione delle conoscenze e il supporto per gli operatori sanitari e le ONG che lavorano con i rifugiati. In particolare, le azioni sosterranno le organizzazioni interessate nel discutere e scambiare pratiche e conoscenze in materia di salute mentale e nell’attuazione di pratiche promettenti e di azioni basate sull’evidenza concentrandosi sui bisogni degli sfollati ucraini che si trovano principalmente nei paesi vicini all’Ucraina o in altri stati membri dell’UE e sul sostegno alle ONG e agli operatori sanitari che parlano ucraino/russo e che lavorano con sfollati provenienti dall’Ucraina.

Possono presentare una proposta di progetto istituzioni accademiche ed educative, organizzazioni della società civile a sostegno di migranti e rifugiati (associazioni professionali sanitarie e sociali, scuole, fondazioni, ONG ed enti simili) riuniti in consorzi di almeno 3 enti di 3 diversi Stati ammissibili; il consorzio deve comprendere almeno una ONG attiva nel campo della salute mentale, di preferenza a livello europeo, e almeno una ONG che opera nell’area di migranti e rifugiati

Budget: 2.000.000 euro

Scadenza: 31 maggio 2022

EIT Health Summit 2022

banner_02_register

Il 24 e 25 maggio 2022 si svolgerà l’EIT Health Summit 2022 a Stoccolma, in Svezia.

Durante l’evento i leader del settore sanitario provenienti da circa 30 paesi diversi si impegneranno in stimolanti discussioni sugli argomenti, le tendenze e le invenzioni più recenti in campo sanitario.

In particolare, verranno esaminati nuovi approcci per sistemi sanitari sostenibili e resilienti, per affrontare le future minacce sanitarie e garantire la ripresa dal COVID-19.

L’evento sarà trasmesso anche online.

Per registrarsi, cliccare su questo link.

IDIH Week 2022, una settimana su salute digitale e invecchiamento attivo

 

L’evento è organizzato da APRE all’interno del progetto H2020 IDIH – International Digital Health Cooperation for Preventive, Integrated, Independent and Inclusive Living.

La IDIH Week 2022 si terrà tra il 21 e il 24 Marzo 2022. L’evento è dedicato a ricercatori, innovatori, fornitori di assistenza e associazioni di pazienti e cittadini attive sul tema.

L’evento offre sessioni informative sulle opportunità di cooperazione internazionale, nonché sessioni dedicate al networking e al brokerage.  Una vera e propria piattaforma di matchmaking econdivisione di idee progettuali, expertise offer/request, sessioni di co-creazione con attori chiave della R&I a livello internazionale.

IDIH Week 2022, in programma

  • Info Day (21 marzo 2022) è l’occasione per conoscere le opportunità di cooperazione internazionale nel campo della salute digitale per l’invecchiamento attivo e in buona salute. Si parte dai risultati e dai prodotti del progetto IDIH.
  • US Regional Workshop (21 marzo 2022) è dedicato al panorama statunitense della ricerca e dell’innovazione nel campo della salute digitale e dell’aging. Il focus è sull’impatto del COVID sulla vita delle persone anziane e partecipano start-up, investitori e associazioni di pazienti.
  • Partnering Days (22 e 23 marzo 2022) offrono visibilità per business e idee progettuali nel campo della salute digitale per l’invecchiamento attivo e in buona salute.  Per partecipare ai Pitch è necessario iscriversi attraverso modello di presentazione prestabilito da inviare a idih@apre.it.
  • Japan Regional Workshop (23 marzo 2022) prevede la partecipazione del Ministero dell’Interno e della Comunicazione giapponese e di alcuni attori chiave nel panorama della R&I in Giappone.
  • Innovation Day (24 marzo 2022) Panel di esperti apriranno sessioni di co-creazione sulle soluzioni digitali applicate all’aging sulla base delle tre aree suggerite dal Forum di esperti IDIH. Obiettivo è rafforzare la cooperazione internazionale nei settori Data Governance, Digital Inclusion e Interoperability-by-design.

EU4Health – Prima tornata di bandi 2022

EU4Health - Prima tornata di bandi 2022

 

Hadea – l’Agenzia esecutiva europea per la salute e il digitale, ha pubblicato il primo bando 2022 sul programma europeo per la salute EU4Health, che presenta 8 topic distinti, ciascuno con obiettivi e azioni specifiche, un budget dedicato e documentazione specifica per la preparazione della proposta progettuale.

  1. EU4H-2022-PJ-01 – Monitorare e rafforzare l’attuazione di approcci innovativi allo screening del cancro alla prostata, ai polmoni e allo stomaco a livello Ue
    Obiettivo:fornire agli Stati membri conoscenze basate sull’evidenza da trasferire per progettare, pianificare e implementare ulteriormente gli screening del cancro alla prostata, ai polmoni e allo stomaco. Gli approcci metodologici saranno allineati e coordinati con le linee guida europee e i sistemi di garanzia della qualità per i tumori al seno.
    Azioni:
  • sostegno all’ottimizzazione del trasferimento di conoscenze, migliore comprensione dei bisogni e progettazione, pianificazione e sviluppo di possibili opzioni per l’attuazione futura di screening mirati sui tumori della prostata, del polmone e dello stomaco;
  • sostegno a iniziative per colmare le lacune di conoscenza esistenti e per mettere a punto e migliorare gli approcci degli Stati membri alla diagnosi precoce del cancro alla prostata, ai polmoni e allo stomaco;
  • sostegno all’allineamento e alla coerenza di una serie di requisiti di base attualmente trattati in modo frammentario negli Stati membri.
    Queste attività svilupperanno e lanceranno progetti pilota attraverso la cooperazione paneuropea, con un’attenzione particolare all’affrontare questioni ancora aperte, compreso il rapporto costi-benefici, l’equilibrio ottimale beneficio-danno e il potenziale impatto sulla disuguaglianza sanitaria dei programmi di screening del cancro alla prostata, al polmone e gastrico, compresa l’identificazione di meccanismi di finanziamento appropriati.

Proponenti: Istituzioni accademiche e educative, istituti di ricerca, autorità sanitarie nazionali e regionali che si occupano di programmi di screening del cancro, ospedali, organizzazioni della società civile (associazioni, fondazioni, ONG ed enti simili), reti di esperti e reti consolidate nel campo della salute pubblica. Una proposta progettuale deve essere presentata anche da un singolo proponente.
Budget: 30 milioni di euro (10 milioni per ogni tipologia di cancro); sarà finanziato 1 progetto per tipologia di cancro.

  1. EU4H-2022-PJ-02 – Prevenire le malattie non trasmissibili – altre malattie non trasmissibili (diverse dalle malattie cardiovascolari e dal diabete)
    Obiettivo: ridurre l’onere delle malattie non trasmissibili, concentrandosi su malattie diverse da quelle contemplate nei cinque filoni d’azione del documento Healthier Together – EU NCD Initiative(malattie cardiovascolari, diabete, malattie respiratorie croniche, salute mentale e disordini neurologici) e dal cancro (ad esempio, malattie renali ed epatiche, malattie autoimmuni, patologie muscolo-scheletriche ecc.), aumentando la consapevolezza, condividendo conoscenze e costruendo capacità per migliorare la salute pubblica, soprattutto a livello locale.
    Azioni: Saranno finanziate attività quali il trasferimento di pratiche e approcci promettenti, che contribuiscono ad affrontare l’onere di questa categoria di malattie. ONG e gruppi di professionisti e di pazienti attueranno progetti e attività mirati, integrando gli sforzi degli Stati membri nella progettazione, pianificazione e attuazione delle migliori pratiche, compreso il sostegno alla definizione di linee guida di salute pubblica e linee guida sanitarie, per la preparazione e il lancio di nuovi approcci politici, la sperimentazione pilota di pratiche innovative e azioni di sostegno come la formazione e il gemellaggio, la comunicazione sanitaria o l’alfabetizzazione sanitaria.
    Proponenti: Organizzazioni della società civile (OSC) a supporto dei settori prioritari di intervento (associazioni di professionisti sanitari, organizzazioni di pazienti, ONG ecc.). Il consorzio proponente deve comprendere almeno una ONG attiva nel campo della salute.
    Budget: 5.000.000 euro. Saranno finanziati fino a 7 progetti.
  2. EU4H-2022-PJ-03 – Promuovere la salute mentale
    Obiettivo: aumentare la consapevolezza, la generazione e condivisione di conoscenze e il rafforzamento delle capacità nell’area della salute mentale.
    Azioni: misure per il miglioramento della la salute mentale, in particolare attraverso lo scambio e l’attuazione delle migliori pratiche e l’attuazione di attività che aumenteranno la consapevolezza, la condivisione delle conoscenze e il supporto alla formazione degli operatori sanitari.
    sottotema 1: implementare la migliore pratica (Icehearts) per migliorare le capacità di vita e le risorse sociali, psicologiche ed emotive in bambini e adolescenti socialmente vulnerabili.
    sottotema 2: implementare la migliore pratica (Let’s Talk about Children) a sostegno della salute mentale e del benessere dei giovani e delle loro famiglie nei gruppi vulnerabili.
    Proponenti: istituzioni accademiche ed educative, OSC che sostengono le aree prioritarie (associazioni professionali sanitarie e sociali, scuole, fondazioni, ONG ed enti simili).
    Una proposta progettuale deve essere presentata da un consorzio di almeno 5 organismi stabiliti in 5 diversi Stati ammissibili; il consorzio deve comprendere almeno una ONG attiva nel campo della salute mentale a livello di Unione e almeno una ONG che opera nel settore della gioventù e/o rappresenta i giovani.
    Budget: 8 milioni di euro (4 milioni per ogni sottotema). Sarà finanziato 1 progetto per sottotema.
  3. EU4H-2022-PJ-04 – Dare attuazione al Regolamento sulla valutazione delle tecnologie sanitarie (HTA): formazione di pazienti ed esperti clinici che contribuiscono ad attività congiunte di valutazione delle tecnologie sanitarie
    Obiettivo: attuare tempestivamente il Regolamento (UE)2021/2282 attraverso attività di rafforzamento delle capacità. Il topic è articolato in due sotto-temi:
    a) pazienti esperti
    b) clinici esperti
    Attività:
    a) aumentare la capacità delle organizzazioni di pazienti e delle associazioni culturali di fornire un contributo solido e significativo alle attività di valutazione delle tecnologie sanitarie (HTA) svolte dal gruppo di coordinamento e dai suoi sottogruppi, inclusa la diffusione dei risultati prodotti;
    b) aumentare la conoscenza dei pazienti e degli esperti clinici sul nuovo quadro giuridico dell’Ue in materia di HTA, chiarirne il ruolo quando sono invitati a contribuire ad attività congiunte di HTA per le loro competenze in materia e agiscono a titolo individuale (piuttosto che in rappresentanza di una particolare organizzazione, istituzione o Stato membro);
    c) garantire l’adeguata attuazione delle regole per garantire l’indipendenza e l’imparzialità dei pazienti e degli esperti clinici coinvolti nel lavoro congiunto di HTA.
    Proponenti: Organizzazioni della società civile (associazioni, fondazioni, ONG ed enti simili), società mediche professionali; autorità sanitarie competenti; istituti accademici e di istruzione, organismi di ricerca
    Una proposta progettuale può essere presentata da un solo proponente o da un consorzio di partner. Il consorzio (o il proponente) deve comprendere almeno un proponente:
  • con esperienza documentata nello sviluppo di programmi di formazione;
  • con esperienza/capacità per garantire una rapida diffusione delle informazioni alla comunità dei pazienti e alla comunità medica in generale.
    La durata di un progetto deve essere compresa fra 24 e 36 mesi.

Budget: 1 milione di euro (500.000 euro per sotto-tema). Sarà finanziato un progetto per ciascun sotto-tema.

  1. EU4H-2022-PJ-05 – Sostenere una maggiore capacità dei laboratori certificati per i dispositivi medici
    Obiettivo: contribuire ad affrontare le preoccupazioni per la mancanza di disponibilità di dispositivi vitali a medio e lungo termine aumentando la capacità dei laboratori certificati e la preparazione degli operatori di mercato, in particolare le PMI, con particolare attenzione ai Dispositivi diagnostici in vitro (IDVs).
    Attività
    a) attività di formazione, coaching e tirocinio rivolte ai laboratori certificati dei dispositivi medici o a soggetti terzi (organismi di valutazione della conformità) che stanno seguendo il percorso per diventarlo;
    b) attività di capacity building quali webinar, workshop, feedback mirati e sessioni informative rivolte agli operatori di mercato;
    c) valutazione della domanda di certificazione, con l’obiettivo di individuare le tipologie di dispositivi per i quali la disponibilità dei laboratori certificati è scarsa o carente;
    d) proposta di soluzioni per facilitare l’incontro tra la domanda degli operatori di mercato e la disponibilità dei laboratori certificati, in particolare nei settori degli IVD, in cui le PMI sono predominanti.
    Proponenti: autorità competenti degli Stati membri, istituti accademici e di istruzione, istituti di ricerca, ospedali, organizzazioni internazionali e organizzazioni della società civile (associazioni, fondazioni, ONG ed enti simili) ed enti privati (compresi enti di valutazione della conformità e laboratori certificati).
    Una proposta progettuale può essere presentata da un solo proponente o da un consorzio di partner.
    Il consorzio proponente deve comprendere laboratori certificati con prova dimostrabile di valutazione dei dispositivi medici.
    Budget: 4 milioni di euro. Sarà finanziati 1 solo progetto.
  2. EU4H-2022-PJ-06 – Fornire formazione al personale sanitario, comprese le competenze digitali
    Obiettivo: rafforzare lo sviluppo professionale continuo e la formazione attraverso corsi di aggiornamento o corsi di formazione nuovi sviluppati in collaborazione con associazioni professionali, centri di istruzione e altre organizzazioni pertinenti.
    Attività:
    a) sviluppo e implementazione di moduli di formazione per lo sviluppo professionale continuo per le professioni mediche, inclusi infermieri e altro personale sanitario, affrontando i loro bisogni (i corsi di formazione includeranno competenze digitali e altre competenze pertinenti necessarie per aumentare la capacità nelle situazioni di crisi e per trasformare i sistemi sanitari in nuovi modelli assistenziali che forniscano un’assistenza sanitaria più integrata).
    b) sviluppo e implementazione di moduli di formazione per ilpersonale non clinico che opera nei sistemi sanitari per contribuire a sistemi sanitari efficaci, accessibili e resilienti con particolare attenzione alle competenze digitali per l’approvvigionamento, la pianificazione e la gestione. In linea con la imminente iniziativa della Commissione sulle micro credenziali, nei corsi di formazione potrebbero essere prese in considerazione micro credenziali.
    Proponenti: istituti accademici e di istruzione, associazione europea degli operatori sanitari, sindacati, organizzazioni della società civile (associazioni, fondazioni, ONG ed enti simili) e autorità degli Stati membri, con esperienza dimostrata nello sviluppo di corsi per personale clinico e non.
    Una proposta progettuale può essere presentata da un solo proponente o da un consorzio di partner.
    Budget: 29 milioni di euro. Saranno finanziati fino a 10 progetti; sovvenzione massima per progetto: 2 milioni di euro.
  3. EU4H-2022-PJ-07 – Sostenere gli Stati membri e altri attori rilevanti nell’attuazione dei risultati pertinenti della ricerca innovativa sulla salute pubblica in relazione alla vaccinazione contro il COVID-19
    L’azione mira a sostenere gli Stati membri e i principali stakeholder nell’attuazione dei risultati delle ricerche recenti in relazione alla vaccinazione contro il COVID-19.
    Proponenti: Istituti accademici e di istruzione, istituti di ricerca, ospedali, reti di esperti, enti privati, autorità degli Stati membri e organizzazioni della società civile (associazioni, fondazioni, ONG ed enti simili) con profonda esperienza nell’implementazione di programmi di vaccinazione su larga scala.
    Una proposta progettuale può essere presentata da un solo proponente o da un consorzio di partner.
    Budget: 30 milioni di euro. Saranno finanziati fino a 10 progetti.
  4. EU4H-2022-PJ-08 – Sviluppare funzionalità di allerta precoce e di orientamento nel settore della determinazione dei prezzi attraverso la banca dati EURIPID, sulla base di casi di concorrenza
    L‘azione intende creare approcci comuni per verificare le affermazioni sulle informazioni sui prezzi e fornire una guida per adeguare le metodologie di determinazione dei prezzi; le attività includeranno il monitoraggio della sequenza strategica degli aumenti di prezzo conseguenti alle minacce di cancellazione dall’elenco dei medicinali rimborsabili o di ritiro dei medicinali. Queste attività possono impedire aumenti di prezzo basati su pretese infondate di recupero degli investimenti e aumento dei costi.
    Proponenti: autorità degli Stati membri.
    Il consorzio proponente deve comprendere almeno 6 partner stabiliti in almeno 5 diversi Stati ammissibili.
    Budget: 300.000 euro. Sarà finanziato 1 progetto.

Il contributo per progetto copre fino al 60% dei costi ammissibili (80% per progetti considerati “di utilità eccezionale).

In linea di massima la durata di un progetto deve essere compresa fra 12 e 36 mesi (specifiche diverse possono essere precisate nel dettaglio del singolo topic).

Se non diversamente precisato, una proposta progettuale deve essere presentata da un consorzio di almeno 3 organismi stabiliti in 3 diversi Stati ammissibili.

Scadenza per tutti i topic: 24 maggio 2022

1 2 3 11