InfoDay Nazionale bandi Societal Challenge 1

salute
Per la giornata del 10 Luglio 2019, APRE ha organizzato a Roma una giornata di presentazione dei bandi europei relativi a Societal Challenge 1 di Horizon 2020.

Durante la giornata verrà presentato il programma 2018-2020 di SC1 e le principali aree di ricerca che verranno finanziate per il 2020. Verrá fornito inoltre una panoramica sulle diverse possibilità offerte dalla Commissione Europea per il settore salute, nell’ambito di altre Societal Challenges, i pilastri di H2020 o altre iniziative, quali i bandi IMI2 (Innovative Medicine Initiative), ICPerMed e EJP Rare Diseases.

L’evento prevede la partecipazione dei Funzionari della Commissione Europea (DG RTD e DG CONNECT) ai quali potranno essere poste domande e chiarificazioni sui bandi in questione.

È possibile consultare l’ultima bozza del Work Programme SC1 2020, la quale contiene i principali topics relativi ai 3 bandi:

Call 1. Better health and care, economic growth and sustainable health systems 

1.1 Personalised medicine

1.2 Innovative health and care industry

1.3 Infectious diseases and improving global health

1.4 Innovative health and care systems – Integration of care

1.5 Decoding the role of the environment, including climate change, for health and wellbeing

1.6 Supporting the digital transformation in health and care

Call 2. Digital Transformation in Health and Care

Call 3. Trusted digital solutions and cybersecurity in health and care 

3.1 Focus Area on Digitising and transforming European industry and services

3.2 Focus Area on Boosting the effectiveness of the Security Union

Per le iscrizioni e maggiori informazioni, si prega di consultare il sito APRE.

InfoDay Health, demographic change and wellbeing

schermata-2019-06-28-alle-16-07-19

Il prossimo 3 luglio 2019 si terrà a Bruxelles l’infoday sui prossimi bandi riguardanti il tema di Horizon 2020 Health, demographic change and wellbeing. Durante la giornata informativa verranno infatti presentate le opportunità di finanziamento per progetti incentrati di ricerca e innovazione sui seguenti temi:

  • personalised health and care
  • infectious diseases and improving global health
  • innovative and sustainable health systems
  • decoding the role of the environment (including climate change) for health and wellbeing
  • digital transformation
  • cybersecurity in health and care

Con i bandi previsti per il 2020, verranno allocati circa € 650 milioni. Inoltre, il network dei National Contact Points europei ha organizzato per la giornata del 4 luglio 2019 un evento di brokerage. Lo scopo sará quello di fornire una piattaforma di networking ai partecipanti provenienti da tutta Europa.

É possibile avere maggiori informazioni e registrarsi sul sito dell’InfoDay.

Health Partnering Day 2019 – Brokerage Event

schermata-2019-06-28-alle-16-21-30

Il 4 luglio 2019, si terrà al Crowne Plaza di Bruxelles il brokerage event dedicato ai bandi Health, Demographic change and Wellbeing di Horizon 2020.

L’evento è organizzato dal network dei National Contact Points Health NCP Net 2.0 e sará complementare all’InfoDay organizzato dalla Commissione Europea sullo stesso tema e che avrá luogo il giorno prima (3/07/2019) a Bruxelles.

Lo scopo dell’evento di brokerage sará di promuovere e facilitare lo sviluppo di consorzi di progetti di R&S per il programma di finanziamenti Societal Challenge 1.

Il brokerage event é aperto a PMI, grandi aziende, centri di sviluppo di nuove tecnologie, università e organizzazioni di ricerca. Inoltre fornirà una piattaforma per nuove collaborazioni commerciali e tecnologiche, in particolare tra imprese e organizzazioni di ricerca. Durante l’evento si potrá:

  • Presentare la propria idea progettuale o le proprie competenze di fronte ad un pubblico internazionale
  • Scopri le soluzioni innovative e le tecnologie degli altri partecipanti
  • Incontrare potenziali partner provenienti da tutta Europa e iniziare a costruire un consorzio

Per maggiori informazioni, effettuare le iscrizioni e consultare l’agenda, si prega di consultare la pagina dell’evento.

 

Salute 2014-2020 – Bando 2019 per progetti

Salute 2014-2020 - Bando 2019 per progetti

media-2082641_640

In generale il programma Salute 2014-2020 ha lo scopo di integrare, sostenere e aggiungere valore alle politiche degli Stati membri per migliorare la salute dei cittadini e ridurre le disuguaglianze fra gli stessi, promuovendo la salute, incoraggiando l’innovazione in ambito sanitario, accrescendo la sostenibilità dei sistemi sanitari e proteggendo i cittadini dalle gravi minacce sanitarie transfrontaliere.

Annualmente finanzia misure specifiche che contribuiscono alla realizzazione di questo obiettivo generale.

Il bando 2019 riguarda 2 topic:

Topic 1: Registri delle malattie rare per le Reti europee di riferimento (ERN).

I registri sono elementi fondamentali dello sviluppo delle Reti europee di riferimento (ERN) per le malattie rare.

Nel 2017 sono state create 24 ERN, ma solo per 5 di esse sono attivi i registri: con questo bando la Commissione intende finanziare la costruzione, il potenziamento, il collegamento e la creazione di registri interoperabili che coprano le malattie e le condizioni di ciascuna ERN. Sono ammissibili anche proposte per l’ulteriore sviluppo e il controllo della qualità dei registri esistenti.

I progetti devono riguardare le reti per le quali non è ancora attivo un registro e devono concludersi con registri pienamente operativi, interoperabili e visibili.

Topic 2: Azioni degli stakeholder per dare attuazione alle linee guida UE sull’uso degli antimicrobici nella salute umana

Su questo topic saranno finanziati uno o più progetti che coinvolgono i principali stakehoder nella promozione dell’attuazione del Piano d’azione europeo “One Health” contro la resistenza antimicrobica del 2017 che è volto a sensibilizzare e promuovere l’applicazione diretta degli orientamenti dell’UE sull’uso prudente degli antimicrobici da parte degli operatori sanitari e dei membri delle organizzazioni degli stakeholder, modificare le pratiche relative alla prescrizione antimicrobica e ridurre l’uso inappropriato di antimicrobici nella salute umana.

Le attività dovrebbero permettere agli stakeholder coinvolti di intraprendere ulteriori azioni sulla resistenza antimicrobica e sull’uso prudente degli antimicrobici nella salute umana coinvolgendo gruppi e ambienti professionali che richiedono un’attenzione specifica, che svilupperanno e implementeranno pacchetti di interventi nei loro contesti specifici (ad esempio l’assistenza ospedaliera, l’assistenza primaria a lungo termine) così che saranno disponibili, al termine, adattamenti delle linee guida alle situazioni locali, pacchetti formativi, strumenti di audit clinico, strumenti di valutazione, metodi per valutare gli indicatori di risultato, strumenti e metodi per fornire feedback positivi e negativi agli operatori e schemi di incentivi.

Possono partecipare a un progetto: associazioni professionali e società scientifiche rilevanti per i gruppi target identificati nelle linee guida – compresi prescrittori (medici o altro personale sanitario medici), farmacisti, infermieri, specialisti di malattie infettive e responsabile della gestione dei sistemi sanitari, etc.

Un progetto dovrebbe comprendere almeno un’organizzazione ombrello europea che copra una parte significativa della forza lavoro sanitaria. Idealmente le organizzazioni partner dovrebbero includere più organizzazioni di questo tipo e includere anche partner in singoli Stati partecipanti.

Sono ammissibili a presentare progetti organismi legalmente costituiti e in possesso di personalità giuridica che rientrano nelle seguenti categorie: enti pubblici, non governativi o privati.

Il contribuito comunitario di norma coprirà fino al 60% dei costi ammissibili di progetto. Per progetti “di utilità eccezionale” il contributo può essere aumentato fino all`80%.

Scadenza: 10/09/2019

Bando 6/2019 “Mezzi di trasporto” – Salute pubblica e medicina riabilitativa

Bando 6/2019 “Mezzi di trasporto” – Salute pubblica e medicina riabilitativa

ambulance-1468157_960_720

Il presente Bando è finalizzato all’assegnazioni di contributi per l’acquisto di mezzi di trasporto da adibire al trasporto e all’accompagnamento di persone affette da difficoltà motorie e non autosufficienti. L’obiettivo è quello di contribuire a rendere effettivo il c.d. “Welfare di prossimità” che consenta alle organizzazioni, che operano nell’ambito dei trasporti sociali, di garantire un servizio qualitativo e sicuro alle categorie svantaggiate presenti sul territorio di riferimento.

Il soggetto richiedente dovrà essere esclusivamente una organizzazione senza scopo di lucro dotate dei requisiti previsti nell’articolo 2.

Il contributo richiesto alla Fondazione non potrà superare l’importo di € 20.000,00, tenuto conto che la Fondazione finanzierà il progetto fino ad una concorrenza massima dell’80%. Pertanto l’autofinanziamento obbligatorio non dovrà essere inferiore al 20% del costo complessivo. Sono ammesse al finanziamento unicamente le spese attinenti all’acquisto del mezzo ed al suo allestimento.

La modalità di presentazione delle domande di contributo prevede l’accreditamento del Soggetto richiedente al portale ROL (Richieste e Rendicontazione On Line) presente sul sito della fondazione. Qualora non già effettuato, l’accreditamento dovrà avvenire entro e non oltre le ore 24.00 di martedì 21 maggio 2019. I progetti dovranno pervenire improrogabilmente entro e non oltre le ore 13 di martedì 28 maggio 2019. L’acquisto dell’automezzo dovrà essere effettuato entro il mese di febbraio 2020.

STANZIAMENTO: 200.000,00

Bando per potenziare le strutture sanitarie libiche

Bando per potenziare le strutture sanitarie libiche

media-2082641_640

L’Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo (AICS) ha aperto recentemente un bando per il potenziamento delle strutture sanitarie libiche all’interno del programma europeo “Recovery, Stability and Socio-economic Development in Libya”, finanziato nell’ambito del Fondo fiduciario di emergenza dell’Unione europea per l’Africa (Fondo fiduciario UE) implementato da AICS, UNDP e UNICEF. Le azioni previste – si apprende dal sito Info-Cooperazione – dovranno essere svolte in stretto coordinamento con 5 municipalità identificate nelle zone del litorale Occidentale e Sud Ovest del paese e con le autorità nazionali competenti. Le organizzazioni proponenti devono essere registrate e/o autorizzate ad attuare attività in Libia o aver già avviato il processo di registrazione. La scadenza dei concept note è fissata per il 22 marzo 2019.
Il programma “Recovery, Stability and Socio-economic Development in Libya” mira a migliorare le condizioni di vita per le comunità più vulnerabili, inclusi migranti, rifugiati e le comunità ospitanti in Libia in modo inclusivo e sensibile ai conflitti, migliorando l’accesso ai servizi di base. L’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo concentra il proprio intervento in tre macro-settori (sanità, istruzione e settore idrico – compresi servizi igienico-sanitari e igiene). Il programma viene svolto in stretto coordinamento con le 24 municipalità identificate e le autorità nazionali – tra cui il Ministero della governance locale, il ministero della pianificazione dei ministeri competenti – e si prevede che avrà impatti positivi multipli e cambiamenti, tra cui:

  • Capacità dei Comuni maggiori di fornire servizi di base alle comunità e ai gruppi vulnerabili, inclusi i migranti, in un contesto di frammentazione istituzionale e carenza di risorse;
  • Migliori strategie per i processi di resilienza e stabilizzazione, attraverso lo sviluppo di capacità e l’assistenza tecnica fornita da AICS a livello centrale e locale.

Gli obiettivi specifici del presente invito a presentare proposte sono:

  • strutture sanitarie potenziate nei comuni di Janzur, Zawiya, Zwara e Ghat / Tahala attraverso la fornitura di attrezzature e lavori di risanamento / manutenzione;
  • la capacità del personale dei fornitori di servizi pertinenti nella gestione, gestione e manutenzione delle strutture sanitarie aggiornate, compresa l’attrezzatura fornita;
  • aumentata consapevolezza tra la popolazione target sull’accesso inclusivo ai servizi sanitari.

La ripartizione dello stanziamento. L’importo totale indicativo reso disponibile nell’ambito del Bando è pari a 3.930.000 euro.

La scadenza dei concept note è fissata per il 22 marzo 2019.

Aviva Comunity Fund: salute, anziani, donne

Aviva Comunity Fund: salute, anziani, donne

health-2082630_960_720

Aviva Italia Holding S.p.a organizza una iniziativa a scopo benefico e sociale denominata “Aviva Community Fund” – giunta alla quarta edizione – al fine di individuare progetti di utilità sociale condotti da organizzazioni non profit a cui destinare un contributo economico.

Le categorie previste per la presentazione e valutazione dei progetti sono:

  • AvivAbility | Sostegno alla salute progetti orientati a sostenere la ricerca scientifica; sostenere la prevenzione strettamente connessa a problemi di salute e/o dipendenze; sostenere persone affette da problemi di salute e/o le loro famiglie.
  • Aviva Carers | Al fianco degli anziani progetti orientati a facilitare gli anziani e le loro famiglie nell’affrontare la vita di tutti i giorni (come ad esempio supporto per la spesa/badanti condivise); favorire l’inclusione sociale di anziani soli supportandone la partecipazione attiva alla vita sociale e comunitaria; diminuire il “digital divide” attraverso azioni volte all’avvicinamento degli anziani al mondo digitale.
  • Aviva Balance | Donne al centro progetti orientati a supportare le vittime di violenza e promuovere azioni volte a contrastare tali episodi; eliminare le disparità sociali e lavorative; incentivare l’imprenditoria in rosa.

 

Ciascun progetto potrà essere candidato solo da singole persone fisiche e deve essere collegato ad un’organizzazione non profit (Ente del Terzo Settore) che si farà carico del suo svolgimento e della sua gestione. Il progetto può essere candidato da chiunque sia direttamente coinvolto nell’organizzazione non profit – per lavoro o volontariato – o semplicemente abbia a cuore le cause supportate.

L’organizzazione non profit deve essere stata costituita da almeno 1 anno dall’inizio dell’Iniziativa (prima del 22/01/2018), avere sede in Italia e soddisfare i requisiti minimi di Due Diligence di Aviva (ai progetti finalisti verrà richiesto di fornire ulteriore documentazione al fine di valutare l’attività dell’azienda/requisiti di onorabilità e solidità patrimoniale, etc.).

 

L’Iniziativa mette a disposizione 10 donazioni economiche del valore di 114.000 euro totali per elargire 10 premi da destinare ad altrettante organizzazioni non profit, così suddivisi:

– Premi categoria: saranno elargiti un numero totale di 6 premi ai vincitori individuati tra i finalisti in base alla categoria. Ogni categoria riceverà:

  • 1 premio da 20.000 euro
  • 1 premio da 10.000 euro

– Premi speciali giuria: saranno elargiti un numero totale di 4 premi dal valore di 6.000 euro ciascuno. I vincitori dei premi giuria saranno individuati tra i 21 finalisti (7 per categoria), indipendentemente dalla categoria di appartenenza.

Per partecipare è necessario registrarsi al sito www.avivacommunityfund.it. Ultimata la registrazione, gli utenti potranno iniziare a partecipare. La partecipazione può avvenire con due diverse modalità:

  • candidatura dei progetti compilando il modello online dal 22 gennaio al 14 marzo 2019;
  • votazione dei progetti candidati dal 3 aprile al 7 maggio 2019 (gli utenti registrati hanno a disposizione 10 voti totali da assegnare ad uno o più progetti).

Una volta terminata la fase di votazione, accederanno alla fase finale 21 progetti: i 7 più votati per ogni categoria (per accedere alla fase finale occorre raggiungere un minimo di 500 voti).

Pilastro 3°Programma di salute – Trasferimento dell’iniziativa di promozione integrale in altri paesi. Call HP-PJ-04-2018

Pilastro 3°Programma di salute – Trasferimento dell’iniziativa di promozione integrale in altri paesi. Call HP-PJ-04-2018

bread-2984094_640

Le malattie croniche non trasmissibili hanno un impatto importante sulla salute dei cittadini europei, sul peso dei sistemi sanitari e sulla produttività delle nostre società. Contribuire affinché i responsabili delle decisioni negli Stati membri abbiano le conoscenze più aggiornate sulle migliori pratiche relative alla riduzione di tali oneri, è necessario per sostenere meglio i sistemi sanitari nazionali e i cittadini dell’UE. Supportare la consapevolezza, l’impegno e il roll-out delle iniziative che hanno dimostrato di funzionare è un modo essenziale per creare e fornire valore ai cittadini.

Le autorità sanitarie pubbliche dovrebbero avere accesso alla migliore base di prove scientifiche e alla valutazione da parte di esperti delle pratiche testate ogni qualvolta si considerino le opzioni di prevenzione e gestione delle malattie. Dovrebbero anche avere l’opportunità di essere informati direttamente da coloro che hanno condotto con successo (passate) iniziative e discutere, tra gli altri, di insidie ​​e fattori di successo. Infine, dovrebbero essere supportati nelle fasi chiave della preparazione dell’implementazione in modo da aumentare la portata e la probabilità di successo.

Basandosi su tali informazioni e sostegno, e considerando il loro contesto nazionale e le priorità politiche, gli Stati membri possono quindi essere in una posizione migliore per procedere con l’attuazione su vasta scala di migliori pratiche e interventi convalidati. Più è forte l’impegno e più ampia è la diffusione, più promettenti saranno i risultati per i pazienti e per i cittadini.

Per sostenere questo processo volto a promuovere soluzioni più sperimentate a vantaggio dei cittadini nel modo più rapido e ampio possibile, la Commissione ha istituito il gruppo direttivo sulla promozione della salute, la prevenzione delle malattie e la gestione delle malattie non trasmissibili Questo gruppo seleziona le migliori pratiche per il trasferimento tra paesi con il supporto del 3 ° Programma sanitario e altre fonti.

Durante un seminario sul mercato nel marzo 2018, l’iniziativa danese del partenariato integrale (WGP) è stata presentata agli Stati membri. In seguito, diversi Stati membri hanno già manifestato il proprio interesse a una più ampia diffusione di questa pratica e la Commissione desidera sostenere ulteriormente tale processo.

A tal fine, viene lanciata questa call per facilitare il trasferimento di questa migliore pratica ad altri paesi.

Le proposte dovrebbero descrivere come verrà utilizzato il concetto di WGP negli Stati membri partecipanti, compreso il modo in cui saranno coinvolte le autorità responsabili e il loro impegno assicurato con l’obiettivo di realizzare il più ampiamente possibile la pratica sostenibile entro la fine dell’ azione. Le parti principali dell’attuazione dovrebbero avere una durata massima di 3 anni.

  • Tra l’altro, le proposte dovrebbero descrivere come verranno intraprese le azioni per:
  • valutare la preparazione e la fattibilità di dipartimenti sanitari (locali, regionali, nazionali) in paesi selezionati per l’introduzione del WGP;
  • aumentare la consapevolezza tra i responsabili politici e gli operatori sanitari dell’importanza del grano integrale come parte di una dieta per promuovere la salute e prevenire le malattie;
  • sviluppare, adottare, tradurre e fornire strumenti di implementazione di alta qualità per il WGP;
  • informare ed educare gli operatori del settore alimentare affinché si impegnino a utilizzare più cereali integrali nei loro prodotti (come pane, pasta e riso) e ad aumentare la loro offerta di opzioni di cereali integrali, nel contesto appropriato (vale a dire con la garanzia – tramite l’uso di profili nutrizionali o altre azioni efficaci – che l’iniziativa non promuova prodotti nutrizionalmente squilibrati);
  • attuare attività locali, regionali o nazionali per il trasferimento di pratiche contestualizzate;
  • monitorare il processo di attuazione e valutare i risultati dell’attuazione del WGP;
  • progettare misure per valutare e aumentare la sostenibilità del WGP dopo la fase di implementazione;
  • sviluppare opportunità e reti di supporto per lo sviluppo di capacità tra i paesi partecipanti e l’UE.

Azioni come valutazioni di fattibilità o studi, verifiche legali, valutazione delle esigenze (compresa la formazione), stime dei costi, preparazione di manuali di replica (comprese le traduzioni ove necessario), visite di studio e gemellaggi, workshop con le parti interessate, ecc. A meno che non sia debitamente giustificato, si prevede che saranno coinvolte le autorità della sanità pubblica di almeno i seguenti paesi: Danimarca, Lussemburgo, Norvegia, Romania e Slovenia.

Le proposte dovrebbero descrivere e giustificare quali indicatori saranno utilizzati per misurare i risultati (ad esempio: aumento dell’apporto giornaliero di cereali integrali, aumento dell’uso di cereali integrali nei prodotti alimentari, aumento dell’offerta di opzioni per i cereali integrali) e controllare l’attuazione dell’ agire e misurare il successo del trasferimento delle migliori pratiche (ad esempio il numero di operatori del settore alimentare impegnati, la traduzione e la convalida di linee guida e strumenti). Per completare il compito di monitoraggio e valutazione, alla proposta selezionata verrà fornita una guida dell’OCSE per sostenere il monitoraggio dell’attuazione delle migliori pratiche in generale e della progettazione di indicatori in particolare. L’OCSE può inoltre fornire consulenza specifica a questa azione su come ottimizzare l’efficacia in termini di costi delle migliori pratiche e un’analisi economica dei suoi risultati.

Scadenza: 13 marzo 2019

Contributi per progetti nella lotta ai tumori al seno – periodo 2018-2019

Contributi per progetti nella lotta ai tumori al seno – periodo 2018-2019

pink-1745886__340

La Susan G. Komen Italia è un’organizzazione senza scopo di lucro basata sul volontariato che opera nella lotta ai tumori del seno su tutto il territorio nazionale, che ha tra i suoi scopi statutari anche quello di raccogliere fondi per sostenere progetti nel campo dei tumori del seno condotti da enti non lucrativi operanti in Italia.

AMBITI DI AZIONE DEI PROGETTI

Servizi per donne operate al seno:

  • terapie riabilitative dell’arto superiore
  • laboratori multidisciplinari per promuovere il benessere psicofisico: attività ludico-ricreative e artistiche, yoga, teatro-terapia, danza-terapia, ginnastica dolce e posturale, training autogeno, cucina macrobiotica, fisioterapia, etc.
  • gruppi di auto-aiuto e di sostegno psicologico guidato
  • servizi di tipo sociale: trasporto ai centri di terapia, donazione di medicinali, sostegno dopo la cura (reinserimento a lavoro, maternità, etc.)

Formazione ed aggiornamento continuo di operatori della sanità e volontari per assicurare prestazioni ottimali nel campo della prevenzione, diagnosi e cura

Attività di sensibilizzazione ed educazione alla prevenzione rivolta a donne sane e popolazione studentesca

Servizi di prevenzione offerti in particolare a categorie di donne svantaggiate (immigrate, prostitute, detenute, donne residenti in zone non servite da centri adeguatamente attrezzati)

Acquisto di apparecchiature per la diagnosi e cura dei tumori del seno.

 Possono presentare domanda di contributo le Associazioni italiane che operano senza finalità di lucro interessate a svolgere programmi educativi, di diagnosi, terapia, supporto o riabilitazione nel campo dei tumori del seno.

NON possono presentare domanda le Associazioni che:

  • Abbiano già ricevuto contributi dalla Komen Italia consecutivamente negli ultimi tre anni.
  • Non abbiano completato, entro la scadenza fissata dai termini del presente regolamento, almeno il 50% del progetto sostenuto tramite il regolamento 2017-2018.

Possono essere presentate domande per un importo massimo di € 15.000 e il contributo erogato potrà essere anche a copertura parziale del costo totale dell’intero progetto.

Il contributo sarà erogato in due tranche: un anticipo, pari al 50% della somma concessa, all’avvio del progetto, previa sottoscrizione da entrambe le parti di una lettera di intenti elaborata ed inviata dalla Susan G. Komen Italia; il restante 50% dietro presentazione di una relazione intermedia sull’andamento del programma.

I progetti finanziati dovranno iniziare a Marzo 2019 e dovranno terminare al massimo entro un anno dal loro inizio.

schermata-2018-09-24-alle-12-17-44

Brokerage Event per bando DTH-01-2019

Il 30 ottobre 2018, a Bruxelles, si terrà il brokerage event dedicato alla call DTH-01-2019: Big data and Artificial Intelligence for monitoring health status and quality of life after the cancer treatment. L’evento è organizzato da Innovate UK, Knowledge Transfer Network (KTN), Scotland Europa ed Enterprise Europe Network (EEN) e ha lo scopo di promuovere e facilitare lo sviluppo di consorzi di progetti di R&S per il bando di H2020 in questione.

L’evento, aperto a PMI, grandi aziende, centri di sviluppo di nuove tecnologie, università e organizzazioni di ricerca. Inoltre fornirà una piattaforma per nuove collaborazioni commerciali e tecnologiche, in particolare tra imprese e organizzazioni di ricerca.

L’evento è dedicato a chi sta cercando di guidare o partecipare a un progetto collaborativo di R&S per lo sviluppo di soluzioni AI e Big Data in campo medico. La giornata fornirà:

  • accesso a opportunità con aziende e organizzazioni di ricerca affini
  • accesso a nuovi partner per la collaborazione sia dall’industria che dal mondo accademico
  • aiuto a stabilire contatti transfrontalieri per la R&S collaborativa
  • informazioni utili sull’ecosistema della ricerca e dell’innovazione in Europa

Per maggiori informazioni, effettuare le iscrizioni e consultare l’agenda, si prega di consultare il seguente link.

1 2 3 6