Bando “Storevolution” – Sostegno agli investimenti per l’innovazione delle micro, piccole e medie imprese commerciali

Bando “Storevolution” – Sostegno agli investimenti per l’innovazione delle micro, piccole e medie imprese commerciali

ecommerce-1706103_1280

Il bando supporta le micro, piccole e medie imprese commerciali al dettaglio in sede fissa con lo scopo di affrontare i cambiamenti legati alla rivoluzione digitale che ha cambiato le abitudini e i comportamenti di acquisto dei consumatori e di consentire un riposizionamento strutturale del modo di fare negozio. Domande dal 10 settembre all’8 ottobre 2018.

Il bando supporta le micro, piccole e medie imprese commerciali al dettaglio in sede fissa con lo scopo di affrontare i cambiamenti legati alla rivoluzione digitale che ha cambiato le abitudini e i comportamenti di acquisto dei consumatori e di consentire un riposizionamento strutturale del modo di fare negozio

Sono ammissibili investimenti per l’acquisto di soluzioni e sistemi digitali da parte dei soggetti beneficiari per:

  1. Organizzazione del back-end ossia nei processi di interazione retailer-fornitori o processi interni del retailer: sistemi ERP, Soluzioni a supporto della fatturazione elettronica, self scanning, sistemi di business intelligence e business analytics, soluzioni per incrementare le performance di magazzino, come il voice picking, sistemi per il monitoraggio dei clienti in negozio (attraverso telecamere e sensori), Sistemi per demand and distribution planning, sistemi di tracciamento dei prodotti lungo la supply chain attraverso RFId, soluzioni di intelligent transportation system;
  2. Sviluppo di servizi di front-end e customer experience nel punto vendita: sistemi per l’accettazione di pagamenti innovativi, sistemi per l’accettazione di couponing e loyalty, chioschi, light box, totem e touchpoint, sistemi di cassa evoluti e Mobile POS, Electronic Shelf Labeling, digital signage, vetrine intelligenti, specchi e camerini smart, realtà aumentata, sistemi di sales force automation, sistemi di in store mobility, sistemi CRM, proximity marketing, sistemi di self-scanning;
  3. Omnicanalità con integrazione con la dimensione del retail online: sviluppo di canali digitali per supportare le fasi di pre-vendita, post-vendita o per abilitare la vendita, sviluppo di app e mobile site per le fasi di pre-vendita, post-vendita o per abilitare la vendita; siti informativi/e commerce e app/mobile site.

Nel caso di ristrutturazioni totali del punto vendita, a fronte della presentazione di un progetto di riposizionamento strategico del punto vendita (store), verso il mercato e i consumatori, con modifica del layout, delle attrezzature e degli arredi, del target, del merchandising e dell’offerta di servizi resi alla clientela, sono ammissibili, nel limite massimo del 30% delle spese ammissibili, anche investimenti per la sostituzione di arredi. In tal caso è comunque obbligatorio l’abbinamento di uno dei precedenti interventi (1,2 e 3).

Gli interventi devono essere realizzati unicamente presso il punto vendita (unità locale) ubicato in Lombardia.

In presenza di più unità locali ubicate in Lombardia, l’impresa dovrà sceglierne una sola ed indicarla in fase di domanda.

Nelle aggregazioni, per ciascun partner dovrà essere indicato un singolo punto vendita in Lombardia oggetto dell’investimento.

Camera di Commercio di Torino: pubblicato il bando Voucher Digitali I4.0 – Anno 2018

Camera di Commercio di Torino: pubblicato il bando Voucher Digitali I4.0 – Anno 2018

success-2917048_1280

La Camera di commercio di Torino ha pubblicato il nuovo Bando “Voucher Digitali I4.0 – Anno 2018” , aperto a tutte le Micro, Piccole e Medie Imprese della provincia di Torino.

Il Voucher è un contributo a fondo perduto (voucher pari a massimi 10.000 euro) a copertura di spese per investimenti di consulenza e formazione sulle nuove competenze e tecnologie digitali.

Ogni voucher coprirà il 60% del costo totale dell’investimento che dovrà essere pari ad almeno 5.000 euro. Ogni impresa può effettuare una sola richiesta di Voucher, esclusivamente in modalità telematica. Inoltre la richiesta dovrà essere necessariamente inserita all’interno di un Progetto aggregato, condiviso da più imprese partecipanti e coordinato da un soggetto proponente.

Le domande potranno essere inviate dalle ore 9:00 del 10 luglio 2018 fino alle ore 16:00 del 21 settembre 2018.

Telecomunicazioni: bando CEF-TC-2018-4

Telecomunicazioni: bando CEF-TC-2018-4

 

La Commissione europea, DG delle Reti di comunicazione, dei contenuti e delle tecnologie, ha lanciato quattro inviti a presentare proposte per sovvenzioni a progetti tesi a stimolare e sostenere la diffusione delle infrastrutture europee di servizi digitali nel quadro del Meccanismo per collegare l’Europa (Connecting Europe Facility, CEF).

Saranno finanziati progetti di interesse comune presentati da uno o più Stati membri UE (oltre che Islanda e Norvegia) oppure da organizzazioni internazionali, enti pubblici o privati, compresi enti comuni, con l’assenso degli Stati coinvolti.

I progetti di interesse comune devono contribuire ad aumentare l’interoperabilità, la connettività e l’impiego delle infrastrutture digitali transeuropee in tutta l’UE, migliorando la vita quotidiana dei cittadini, delle imprese e delle amministrazioni pubbliche, contribuendo così allo sviluppo di un Mercato unico digitale.

Per essere finanziabili le azioni devono essere pronte per l’impiego, contribuire alle politiche del mercato unico digitale dell’UE e disporre di una strategia di sostenibilità a lungo termine.

Gli inviti, pubblicati sul sito dell’INEA (Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti) sono:

CEF-TC-2018-4: Sanità elettronica (eHealth) – migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria transfrontaliera e i servizi attraverso strumenti ITC

Budget: 5 milioni di euro

CEF-TC-2018-4 – Appalti elettronici (eProcurement) – per servizi che consentono alle imprese e società UE di rispondere alle procedure di aggiudicazione degli appalti in qualsiasi Stato membro

Budget: 3 milioni di euro

CEF-TC-2018-4 – Portale europeo e-Justice – garantire che i cittadini e le imprese possano sfruttare rapidamente i vantaggi pratici degli strumenti di giustizia elettronica

Budget: 4 milioni di euro

CEF-TC-2018-4 – Risoluzione delle controversie online – risolvere le controversie tra consumatori e commercianti derivanti dagli acquisti online transfrontalieri e nazionali

Budget: 400.000 euro

La scadenza per presentare le proposte, per tutti i tre inviti, è il 22 novembre 2018

Turismo smart – candidature per le capitali 2019

Turismo smart – candidature per le capitali 2019

La Commissione europea ha lanciato la prima edizione del premio Capitale europea del turismo smart, che premierà 2 città europee che si distinguono per accessibilità, sostenibilità e digitalizzazione e per l’attenzione al patrimonio culturale e alla creatività.

Il premio è rivolto alle città dell’UE di almeno 100.000 abitanti (per gli Stati che non hanno città di questa dimensione sarà accettata la candidatura della città più grande) e con esso l’Unione intende incoraggiare lo sviluppo di soluzioni innovative ed inclusive per un turismo sostenibile e accessibile, che fa uso delle tecnologie digitali e che rafforza la funzione del patrimonio e dell’industria culturale e della creatività come beni turistici.

Il turismo nel suo complesso è la terza maggiore attività socioeconomica dell’UE e riveste un ruolo cruciale per la crescita e la creazione di posti di lavoro, in particolare attraverso l’implementazione di strategie volte a migliorare l’esperienza dei visitatori, a creare nuove partnership e opportunità di cooperazione e a potenziare i processi di innovazione nelle città e nelle regioni europee.

Le città candidate saranno selezionate sulla base di 4 criteri:

– Accessibilità: devono essere accessibili ai viaggiatori con esigenze speciali, indipendentemente dall’età, dalla situazione economica o sociale, da eventuali disabilità, facilmente raggiungibili con diversi mezzi di trasporto e dotate di una rete di trasporto interna funzionale ed efficiente,

– Sostenibilità: devono essere attivamente impegnate per preservare e migliorare l’ambiente e le risorse naturali mantenendo un equilibrio tra lo sviluppo economico e lo sviluppo socioculturale,

– Digitalizzazione: devono offrire un sistema innovativo di informazioni, prodotti, servizi, spazi ed esperienze turistici e legati all’ospitalità, disegnato sulle esigenze dei consumatori per mezzo di soluzioni e strumenti digitali basati sulle TIC,

– Patrimonio culturale e creatività: devono mostrare di fare un uso pieno e ingegnoso del proprio patrimonio culturale e dell’industria della creatività, per un’esperienza turistica ricca e unica.

Le candidature ricevute saranno valutate da un comitato di esperti indipendenti che assegnerà loro un punteggio per ognuno dei quattro criteri. Fra tutte quelle che, per ogni criterio, superano la soglia del 50% del punteggio massimo possibile, saranno selezionate le 10 con i migliori punteggi, che saranno quindi invitate a presentare la loro candidatura a Bruxelles, davanti a una giuria di esperti e rappresentanti istituzionali, che sceglierà le due vincenti e attribuirà un premio tematico alle quattro città che otterranno il miglior punteggio per ciascuna categoria.

Il titolo di Capitale Europea del Turismo smart 2019 offrirà alle città premiate l’opportunità di essere oggetto per un anno di una strategia di comunicazione mirata e di ricevere il supporto di un gruppo di esperti del settore per le loro attività di branding. Attraverso una vasta campagna di comunicazione, le città saranno poste sulla mappa delle destinazioni del turismo intelligente e guadagneranno visibilità come pioniere del turismo intelligente in Europa. Le vincitrici riceveranno inoltre una grande scultura interattiva, che sarà istallata nel centro della città per testimoniare il loro impegno in favore di un turismo sostenibile, accessibile, digitale e culturale.

Le loro attività promozionali saranno anche arricchite da un breve video di presentazione che metterà in evidenza i risultati raggiunti e da un’esibizione in occasione della Cerimonia di Premiazione, in programma a Bruxelles il 7 novembre, nella giornata europea del turismo.

Le città vincitrici rappresenteranno anche una fonte di ispirazione per le destinazioni turistiche di tutta Europa, accresceranno la propria visibilità come destinazione turistica e aumenteranno il numero di visitatori generando una crescita economica.

La scadenza per la presentazione delle candidature è il 30 giugno 2018.

 

Bando per la ricerca di idee progettuali proposte da team composti da giovani designer e imprese

Design Competition in Expo Dubai 2020 – Bando per la ricerca di idee progettuali proposte da team composti da giovani designer e imprese

Fiera

Il bando fa parte delle azioni previste dall’iniziativa Design Competition in Expo Dubai 2020 promossa da Regione Lombardia e Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi in collaborazione con il Politecnico di Milano, e si rivolge a giovani designer che intendono realizzare, con l’endorsement di imprese lombarde, prototipi di idee progettuali che saranno presentati in occasione dell’evento Expo Dubai 2020.

Obiettivo del bando è l’individuazione di idee progettuali presentate da giovani designer insieme alle imprese interessate a realizzarne il prototipo, sul tema “Connecting spaces”, declinate in:

  • Innovative crafting: inteso come oggetti di design per connettere gli spazi che richiamano la tradizione italiana dell’artigianato interpretato in maniera innovativa;
  • Digital Connecting spaces: inteso come spazi connessi attraverso il digitale, IoT, nuove tecnologie di domotica applicate al design e information design;
  • Design for human connection: inteso come strutture temporanee per connettere le persone (esempio: per il ristoro, per la preghiera, per i bambini, per stare in un microclima controllato).

Per tutte le idee progettuali si richiede di collegarsi alle tematiche di Expo Dubai 2020 Sustainability, Mobility e Opportunity e di porre l’accento sull’innovazione di prodotto e di processo.

Tali tematiche sono coerenti altresì con il tema scelto da Padiglione Italia a Expo Dubai 2020, Creatività, Connessione e Conoscenza, che intende sottolineare la capacità del sapere italiano di creare innovazione attraverso la competenza e la bellezza, combinando arte e scienza, tradizione e tecnologia, creatività e bellezza, quale base di dialogo a livello globale.

Possono presentare domanda di partecipazione team composti da giovani designer e imprese che abbiano i seguenti requisiti alla data di pubblicazione del presente bando:

  • Giovani designer (singoli o in gruppo):
  • Imprese lombarde

La dotazione finanziaria del bando è pari a € 400.000,00 a carico di Regione Lombardia.

Le domande di partecipazione devono essere presentate a Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi dal 22 maggio 2018 al 22 gennaio 2019.

Horizon 2020: pubblicato il bando Cybersecurity

Horizon 2020: pubblicato il bando Cybersecurity

Pirateria Informatica - Europa Innovazione

Con un budget totale superiore a 2.500 milioni di euro, il Work Programme 2018-2020 LEIT-ICT di Horizon 2020, concentra alcuni topic sul tema cyber-sicurezza.

Il 1° febbraio 2018 è stato aperto il bando SU-ICT-03-2018: Establishing and operating a pilot for a Cybersecurity Competence Network to develop and implement a common Cybersecurity Research & Innovation Roadmap, per un progetto pilota del valore di 50 milioni di euro, a sostegno della creazione della rete di centri di competenza sulla cibersicurezza in tutta l’UE. I consorzi selezionati, laboratori universitari e centri di ricerca inclusi, dovranno migliorare le ricerche esistenti a profitto della cibersicurezza nel mercato unico digitale tramite soluzioni commercializzabili. L’esperienza maturata con i progetti selezionati concorrerà alla creazione della futura rete di competenza di cui farà parte un Centro europeo di ricerca e competenza sulla cibersicurezza. Il bando si chiuderà il 29 maggio 2018.

Di seguito, invece, i topic di prossima apertura:

SU-ICT-01-2018: Dynamic countering of cyber-attacks, che si aprirà il 15 marzo 2018 con scadenza 28 agosto 2018

SU-ICT-02-2020: Building blocks for resilience in evolving ICT systems, che si aprirà il 25 luglio 2019 con scadenza 19 novembre 2019

SU-ICT-04-2019: Quantum Key Distribution testbed, che si aprirà il 26 luglio 2018 con scadenza 14 novembre 2018

Europa Creativa – MEDIA: Bando EACEA/09/2018 – Sostegno alla formazione

Europa Creativa – MEDIA: Bando EACEA/09/2018 – Sostegno alla formazione

video-camera-273750_1280

Nel quadro del sottoprogramma MEDIA di Europa Creativa è stato pubblicato il bando EACEA/09/2018 per il sostegno alla formazione. L’obiettivo della call è facilitare l’acquisizione e il miglioramento delle capacità e delle competenze dei professionisti dell’audiovisivo, compreso l’uso delle nuove tecnologie digitali, in modo da garantire l’adattamento agli sviluppi del mercato e la sperimentazione di nuovi modi di narrazione, nuovi approcci di audience development e nuovi modelli di business.

I progetti da candidare possono riguardare una delle seguenti categorie di azioni:

  1. azioni europee: azioni mirate all’acquisizione e al miglioramento di capacità e competenze che permettano ai professionisti di operare prevalentemente in Europa;
  2. azioni internazionali: azioni mirate allo sviluppo di competenze, conoscenze e capacità che consentano ai professionisti europei di operare fuori dall’Europa attraverso lo sviluppo di reti e la collaborazione con professionisti non europei;
  3. azioni regionali: azioni volte a rafforzare le capacità dei professionisti dei Paesi a bassa capacità di produzione.

Le azioni di formazione possono riguardare i seguenti campi:

– sviluppo del pubblico, marketing, nuove forme di distribuzione e sfruttamento, comprese quelle basate sulle tecnologie digitali più moderne, in particolare per intercettare il pubblico più giovane;

– gestione finanziaria e commerciale al fine di migliorare la capacità di accedere agli strumenti finanziari e a nuovi modelli di business;

– sviluppo e produzione di opere audiovisive, compresa l’innovazione nello sviluppo di contenuti (nuovo storytelling, nuovi formats per tutte le piattaforme), la condivisione delle conoscenze e la capacità di networking;

– capacità di integrare le opportunità offerte dalle tecnologie digitali per garantire l’adattamento agli sviluppi del mercato

Le azioni di formazione devono essere destinate a professionisti dell’industria audiovisiva quali: fornitori di contenuti nel settore dei nuovi media, professionisti del settore dell’animazione, professionisti della post-produzione, commissioning editors, produttori, registi, agenti di vendita, distributori, sceneggiatori, scrittori. Destinatari delle attività possono essere anche i professionisti del settore finanziario, bancario e legale che operano con l’industria audiovisiva.

La maggioranza dei partecipanti alle attività di formazione devono avere nazionalità diversa da quella del proponente di progetto.

Possono partecipare al bando organismi operanti nel settore audiovisivo (scuole di cinema e televisione, istituti specializzati di formazione, imprese private, associazioni e organizzazioni del settore audiovisivo.) che siano stabiliti in uno dei Paesi ammissibili al sottoprogramma MEDIA. Attualmente tali Paesi sono (per i Paesi non UE l’elenco è aggiornato al 28/09/2017):

– Stati UE (In considerazione della Brexit, si ricorda che se il Regno Unito esce dall’UE durante il periodo di concessione della sovvenzione senza concludere un accordo che garantisca che i candidati britannici continuano ad essere ammissibili, eventuali proponenti/partner del Regno Unito potranno non ricevere più i finanziamenti UE oppure essere invitati a lasciare il progetto);

– Paesi EFTA/SEE (solo Islanda e Norvegia);

– Paesi candidati effettivi e potenziali (solo Albania, Bosnia-Erzegovina, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia);

– Paesi PEV (solo Georgia, Moldova, Ucraina, Tunisia).

Il sostegno dell’UE previsto dal bando consisterà in un Accordo quadro di partenariato della durata di 3 anni (si tratta dell’ultimo bando per la formazione che viene pubblicato nell’ambito di Europa Creativa).

Il contributo finanziario potrà coprire fino al 60% dei costi totali ammissibili del progetto nel caso di azioni europee, oppure fino all’80% in caso di azioni internazionali e regionali.

Le risorse complessive a disposizione del bando ammontano a 7,5 milioni di euro con i quali si prevede di finanziare 55 progetti.

Le candidature devono essere presentate entro le ore 12 del 26/04/2018.

Sostegno all’educazione cinematografica

Europa Creativa – MEDIA: Bando EACEA 14/2017 – Sostegno all’educazione cinematografica

movie-918655_1280

Con questa call la Commissione europea mette a disposizione 2 milioni di euro per finanziare progetti che prevedono meccanismi per una migliore cooperazione tra le iniziative di educazione cinematografica in Europa, con l’obiettivo di migliorare l’utilità di queste iniziative e la loro dimensione europea e sviluppare progetti nuovi e innovativi, soprattutto con l’utilizzo delle tecnologie digitali. Potranno essere sostenuti anche progetti che prevedono meccanismi per accrescere il contributo dei film e delle opere audiovisive europee all’istruzione. Il pubblico target delle iniziative di educazione cinematografica deve essere quello giovane, ovvero i ragazzi fino ai 19 anni.

Il bando è indirizzato a persone giuridiche – imprese private, organizzazioni no-profit, associazioni, fondazioni, comuni/consigli comunali, ecc. – stabilite in uno dei Paesi ammissibili al Sottoprogramma MEDIA e possedute direttamente o per partecipazione maggioritaria da cittadini di questi Paesi.

Tali Paesi ammissibili sono (per i Paesi non UE l’elenco è aggiornato al 28/09/2017):

– Stati UE (In considerazione della Brexit, si ricorda che se il Regno Unito esce dall’UE durante il periodo di concessione della sovvenzione senza concludere un accordo che garantisca che i candidati britannici continuano ad essere ammissibili, eventuali proponenti/partner del Regno Unito potranno non ricevere più i finanziamenti UE oppure essere invitati a lasciare il progetto);

– Paesi EFTA/SEE (solo Islanda e Norvegia);

– Paesi candidati effettivi e potenziali (solo Albania, Bosnia-Erzegovina, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia);

– Paesi PEV (solo Georgia, Moldova, Ucraina, Tunisia).

I progetti da candidare devono coinvolgere almeno 3 partner (il capofila di progetto + 2 partner) provenienti da 3 diversi Paesi ammissibili al Sottoprogramma MEDIA che coprono almeno 3 lingue diverse. Almeno 2 dei partner devono essere soggetti provenienti dal settore dell’educazione cinematografica.

La durata dei progetti deve essere di 24 mesi con inizio tra il 01/09/2018 e il 01/01/2019.

Il contributo UE per questi progetti potrà coprire fino al 60% dei loro costi totali ammissibili.

La scadenza per la presentazione delle candidature è il 1° marzo 2018, ore 12:00 (ora di Bruxelles).

 

Trusted digital solutions and Cybersecurity in Health and Care

Horizon 2020: pubblicato il bando Trusted digital solutions and Cybersecurity in Health and Care
Pirateria Informatica - Europa Innovazione

Questo invito si prefigge di sviluppare tecnologie e soluzioni multidisciplinari in materia di salute e cura, con particolare attenzione alla sicurezza informatica per assicurare la privacy dei dati, la sicurezza e la protezione delle infrastrutture sanitarie e di assistenza.

Al momento sono stati pubblicati i seguenti topic:

SU-TDS-02-2018: Toolkit for assessing and reducing cyber risks in hospitals and care centres to protect privacy/data/infrastructures
SU-TDS-03-2018: Raising awareness and developing training schemes on cybersecurity in hospitals
Data chiusura: 24 aprile 2018
Data apertura: 26 luglio 2018
DT-TDS-01-2019: Smart and healthy living at home
Data chiusura: 14 novembre 2018

Horizon 2020: pubblicato il bando Digital transformation in Health and Care

Horizon 2020: pubblicato il bando Digital transformation in Health and Care

health-2082630_960_720Questa chiamata mira a sostenere la gestione della salute e il benessere, potenziando la partecipazione dei cittadini e facilitando la trasformazione dei servizi sanitari e di assistenza a modelli digitali più attenti alle persone e alla cura della comunità, consentendo così un migliore accesso all’assistenza sanitaria e alla sostenibilità delle salute e sistemi di cura.

Al momento sono stati pubblicati i seguenti topic:

SC1-DTH-03-2018: Adaptive smart working and living environments supporting active and healthy ageing
SC1-DTH-07-2018: Exploiting the full potential of in-silico medicine research for personalised diagnostics and therapies in cloud-based environments
SC1-DTH-08-2018: Prototyping a European interoperable Electronic Health Record (EHR) exchange
SC1-HCC-01-2018: Supporting investment in smart living environments for ageing well through certification
SC1-HCC-03-2018: Support to further development of international cooperation in digital transformation of health and care
SC1-HCC-04-2018: Digital health and care services – support for strategy and (early) adoption
SC1-HCC-05-2018: Support to a Digital Health and Care Innovation initiative in the context of Digital Single Market strategy
Data chiusura: 24 aprile 2018

Data apertura: 26 luglio 2018
SC1-DTH-10-2019-2020: Digital health and care services
Data chiusura: 14 novembre 2018

Data apertura: 16 ottobre 2018
SC1-DTH-01-2019: Big data and Artificial Intelligence for monitoring health status and quality of life after the cancer treatment
SC1-DTH-05-2019: Large scale implementation of digital innovation for health and care in an ageing society
SC1-DTH-09-2019: Scaling up the univocal Identification of Medicinal Products
SC1-DTH-11-2019: Large Scale pilots of personalised & outcome based integrated care
SC1-HCC-02-2019: Support for the large scale uptake of open service platforms in the Active and Healthy Ageing domain
Data chiusura: 24 aprile 2019

1 2