GAL Valli Marecchia e Conca, tipo di operazione 6.2.01 “Aiuto avviamento imprese extra agricole in zone rurali” (III edizione).

GAL Valli Marecchia e Conca, tipo di operazione 6.2.01 “Aiuto avviamento imprese extra agricole in zone rurali” (III edizione).

the-morra-3582695_640

il bando è rivolto esclusivamente a persone fisiche, limitatamente alla zona D del territorio GAL, cioè ai Comuni di: Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria e Talamello.

Il bando ha un budget iniziale di € 30.000,00  e un budget finale: € 80.000,00 (implementazione di € 50.000,00 a seguito dell’approvazione variante Pal).

Il sostegno consiste in un premio unico di € 20.000 per ogni progetto.

Spese ammissibili: A titolo non esaustivo:

  • realizzazione del progetto;
  • informazione e comunicazione;
  • realizzazione siti web; acquisizione di hardware e software;
  • investimenti immateriali quali: acquisizione/sviluppo programmi informatici, brevetti/licenze;
  • costruzione/ristrutturazione immobili produttivi;
  • nuovi canoni di affitto e/o ratei del mutuo, leasing, pagati nel periodo di vigenza del PSA;
  • strumenti, apparecchiature, attrezzature, macchinari.

Scadenza: 20/11/2020

Appalti pubblici: lanciato il nuovo bando COSME per PMI nei paesi terzi

Appalti pubblici: lanciato il nuovo bando COSME per PMI nei paesi terzi

paper-3213924_640

Lanciato il bando COSME “Supporting European SMEs to participate in public procurement outside EU”, che mira a migliorare l’accesso delle PMI agli appalti pubblici nei paesi terzi con i quali l’Unione europea ha firmato un accordo bilaterale o plurilaterale in materia.

L’obiettivo principale di questo invito a presentare proposte è quello di contribuire alla crescita e alla competitività globale delle PMI destinatarie attraverso approcci strategici che possano sostenere la loro internazionalizzazione attraverso gli appalti pubblici al di fuori dell’UE.

I richiedenti devono essere persone giuridiche unite in un partenariato e rappresentanti di organizzazioni di sostegno alle imprese (Camere di commercio, federazioni), organizzazioni di cluster, organizzazioni senza scopo di lucro (private o pubbliche), enti pubblici (nazionali, regionali, locali), università o istituti di istruzione, centri di ricerca. Le persone fisiche e le organizzazioni a scopo di lucro non sono ammissibili.

Il budget totale stanziato è pari a 2.000.000 di euro. L’EASME prevede di finanziare fino a cinque progetti che beneficeranno di una sovvenzione UE di massimo 400.000 euro. Sarà coperto il 75% dei costi ammissibili.

La scadenza per la presentazione delle candidature è il 15 settembre 2020.

Gal L’AltGal Appennino Bolognese 19.2.02 – Azione 11 C “Aiuto all’avviamento e investimenti in neoimprese extra-agricole in zone rurali”

Gal Appennino Bolognese 19.2.02 - Azione 11 C “Aiuto all’avviamento e investimenti in neoimprese extra-agricole in zone rurali”

the-morra-3582695_640

Beneficiari della presente misura sono:

  1. persone fisiche che intendono costituire micro o piccola impresa extra-agricola esclusivamente sotto forma di impresa individuale;
  2. imprese individuali, le società (di persone, di capitale, cooperative), soggetti che esercitano la libera professione (purché in forma individuale) e le associazioni, non partecipate da soggetti pubblici, con caratteristiche di micro e piccole imprese.

Il sostegno, in forma di contributo in conto capitale, sarà pari al 60% della spesa ammissibile a contributo e sarà calcolato ed erogato nel rispetto delle norme fissate per gli aiuti “de minimis”

Spese ammissibili:

  • costruzione/ristrutturazione immobili destinati all’attività aziendale;
  • arredi funzionali all’attività;
  • macchinari, impianti, attrezzature funzionali al processo innovativo aziendale;
  • impianti, attrezzature per la lavorazione/trasformazione/conservazione dei prodotti e/o servizi offerti o somministrati;
  • investimenti funzionali alla vendita;
  • veicoli purché strettamente funzionali alle attività extra agricola oggetto del finanziamento;
  • allestimenti e dotazioni specifiche per veicoli aziendali strettamente necessari per svolgere l’attività extra agricola oggetto del finanziamento;
  • spese generali quali onorari di professionisti/consulenti, spese notarili e studi di fattibilità, entro il limite massimo del 10% delle stesse; nel caso particolare degli studi di fattibilità, la relativa spesa è riconosciuta a fronte della presentazione di specifici elaborati frutto dell’effettuazione di analisi di mercato, economiche e similari, finalizzate a dimostrare la sostenibilità economico finanziaria del progetto;
  • investimenti immateriali quali: acquisizione/sviluppo programmi informatici, acquisizione di licenze per uso di brevetti o software informatici, promozione e comunicazione.

Scadenza: 30/10/2020

Credito adesso evolution

Credito adesso evolution

commercio

Credito Adesso Evolution supporta il fabbisogno di capitale circolante delle imprese mediante l’erogazione, in compartecipazione con il sistema bancario ed il sistema dei confidi, di finanziamenti chirografari.

Domande dal 18 maggio 2020 fino a esaurimento risorse.

Possono partecipare alla presente misura:

  1. PMI e MID CAP:

operative da almeno 24 mesi in Lombardia con una media dei ricavi tipici, risultante dagli ultimi due esercizi contabilmente chiusi, di almeno 300 mila euro appartenenti a uno dei settori elencati nell’avviso

  1. LIBERI PROFESSIONISTI

dotati di partita Iva da almeno 24 mesi;

operanti in uno dei comuni della Lombardia;

appartenenti ad uno dei settori di cui alla lettera M del codice ISTAT primario – ATECO 2007;

con una media dei Ricavi Tipici, risultante dagli ultimi due esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda di partecipazione, di almeno Euro 72.000,00.

  1. STUDI ASSOCIATI

dotati di partita Iva da almeno 24 mesi;

operanti in uno dei comuni della Lombardia;

appartenenti ad uno dei settori di cui alla lettera M del codice ISTAT primario – ATECO 2007;

con una media dei Ricavi Tipici, risultante dagli ultimi due esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda di partecipazione, pari ad almeno Euro 72.000,00.

L’intervento finanziario è costituito da un finanziamento chirografario e da un contributo in conto interessi.

L’importo del finanziamento è compreso tra 75 mila e 800 mila euro per le PMI, tra 100 mila e 1,5 milioni di euro per le MID CAP, tra 18 mila e 200 mila euro per professionisti e studi associati, e non oltre il 25% dalla media dei ricavi tipici risultante dagli ultimi due esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda;

La durata è compresa tra 24 e 72 mesi (di cui preammortamento massimo di 24 mesi).

Il contributo in conto interessi abbinato al finanziamento è pari al 3% e comunque non superiore al tasso definito per il finanziamento sottostante. I contributi sono concessi in regime “de minimis”, salvo successivo inquadramento nel Quadro Temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19.

Credito Adesso 2020

Credito Adesso 2020

commercio

Credito adesso rientra nel pacchetto di misure approvate per affrontare l’emergenza Coronavirus e soddisfare l’esigenza di piccole e medie imprese e professionisti lombardi di poter disporre di liquidità per garantire la continuità aziendale e avere le risorse necessarie per consentire la ripartenza. Domande dal 23 aprile 2020 fino ad esaurimento risorse. La dotazione finanziaria di Credito adesso è stata incrementata e la misura è stata modificata per assicurare a PMI e a professionisti strumenti che facilitino l’accesso al credito e la liquidità in tempi rapidi.

Le principali novità sono:

– ampliata la tipologia delle imprese che possono accedere alla misura;

– prevista la possibilità di convenzionare anche i Consorzi di Garanzia Collettiva fidi (Confidi) iscritti nell’elenco di cui all’112 bis TUB ovvero all’albo unico di cui all’art. 106 TUB come modificato dal D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141 che, insieme alle banche già convenzionate, diventeranno funding partner dell’iniziativa;

– incrementato il contributo in conto interessi dal 2% al 3%;

– prevista l’introduzione, ove tecnicamente possibile e non sia necessario modificare le attuali Convenzioni con i funding partner, di modalità per una sensibile riduzione degli attuali tempi di deliberazione dei finanziamenti;

– prevista, ove tecnicamente possibile e non sia necessario modificare le attuali Convenzioni con i funding partner, l’introduzione di un periodo di preammortamento pari a 6 – 12 mesi.

Possono partecipare:

  1. PMI e MID CAP:
  • singole e in qualunque forma costituite, ivi comprese le imprese artigiane;
  • sede Operativa in Lombardia;
  • iscritte al registro delle imprese;
  • operative da almeno 24 mesi;
  • media dei Ricavi Tipici, risultante dagli ultimi due Esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda di partecipazione, pari ad almeno Euro 120.000,00;
  • appartenenti a uno dei settori elencati nell’avviso con riferimento al codice ISTAT primario – ATECO 2007.
  1. LIBERI PROFESSIONISTI
  • dotati di partita Iva da almeno 24 mesi;
  • operanti in uno dei comuni della Lombardia;
  • iscritti a un albo professionale del territorio lombardo del relativo ordine o collegio professionale o aderenti a una delle associazioni professionali iscritte nell’elenco del Mise;
  • appartenenti ad uno dei settori di cui alla lettera M del codice ISTAT primario – ATECO 2007;
  • media dei Ricavi Tipici, risultante dagli ultimi due Esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda di partecipazione, pari ad almeno Euro 120.000,00.
  1. STUDI ASSOCIATI
  • dotati di partita Iva da almeno 24 mesi;
  • operanti in uno dei comuni della Lombardia;
  • i cui soci risultano iscritti a un albo professionale del relativo ordine o collegio professionale o aderenti a una delle associazioni professionali iscritte nell’elenco del Mise;
  • appartenenti ad uno dei settori di cui alla lettera M del codice ISTAT primario – ATECO 2007;
  • media dei Ricavi Tipici, risultante dagli ultimi due Esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda di partecipazione, pari ad almeno Euro 120.000,00.

L’Intervento finanziario è costituito da un finanziamento e da un contributo in conto interessi.

L’importo del singolo Finanziamento richiesto:

  • non può superare il 15% della media dei ricavi tipici risultante dagli ultimi due esercizi contabilmente chiusi;
  • per i soggetti che depositano il bilancio, il singolo finanziamento deve essere minore o uguale alla differenza media tra Attivo circolante e Disponibilità liquide;
  • compreso tra 18 mila e 200 mila euro (per i Liberi Professionisti, gli Studi Associati e le imprese Ateco J 60), 750 mila euro (per le PMI) e 1,5 milioni di euro (per le MID CAP).

Finlombarda SpA concederà un contributo in conto interessi pari al 3% a parziale copertura degli oneri connessi al finanziamento in termini di minore onerosità del finanziamento e, comunque, in misura tale da non superare il tasso definito per il finanziamento sottostante.

Open Innovation: candidature aperte per la call #Open2TheFuture dedicata a nuovi servizi digitali

Open Innovation: candidature aperte per la call #Open2TheFuture dedicata a nuovi servizi digitali

Al via il bando #Open2TheFuture, lanciato da Open Innovation di Fastweb insieme a Cariplo Factory, per selezionare idee innovative che possano generare servizi e soluzioni concrete in risposta alle necessità di famiglie e imprese sfruttando le opportunità offerte dal digitale.

Il bando si rivolge a tutti i dipendenti di Fastweb, coinvolgendoli nella proposta di idee, e a startup, PMI, Centri di Ricerca e Università.

Le proposte devono rientrare nelle seguenti due aree di interesse:

  • Nuovi servizi digitali – Soluzioni sviluppate prevalentemente, nell’ambito del divertimento e il tempo libero, della Smart Home, della salute e del benessere e della sicurezza (principalmente rivolte a famiglie e /o PMI) che siano volte a migliorare la qualità della vita dei clienti risolvendo i loro bisogni e/o difficoltà
  • Soluzioni data driven – Soluzioni per supportare la trasformazione e il miglioramento delle decisioni strategiche, dell’efficienza operativa aziendale e dell’esperienza del cliente attraverso l’utilizzo dei big data, dell’intelligenza artificiale e di strumenti avanzati di automazione

Verranno selezionati fino ad un massimo di 8 progetti che verranno presentati durante il Concept Selection Event a giugno 2020.

La scadenza per la presentazione delle candidature è il 28 maggio 2020.

Brokerage event: boosting technology transfer in Central Europe

pexels-photo-1068523

Il 7 maggio 2020 si terrá in modalitá virtuale il brokerage event “Boosting technology transfer in Central Europe.” L’evento é organizzato dall’Enterprise Europe Network e dal programma Interreg Central Europe

La giornata é organizzata in occasione del lancio ufficiale della rete KETGATE, per la quale vengono invitate tutte le piccole e medie imprese e le organizzazioni di ricerca e tecnologia alla ricerca del giusto partner di ricerca e/o industria per esplorare le opportunità di cooperazione.

L’obiettivo di KETGATE è quello di mettere in contatto la scienza con il mondo aziendale. In questo modo, le imprese potranno guadagnare in competitività o persino entrare in nuovi mercati mentre le organizzazioni di ricerca e tecnologia potranno generare entrate (sia finanziarie, di prestigio accademico o di ricerca) grazie alle conoscenze in loro possesso.

A tal fine, KETGATE ed Enterprise Europe Network (EEN) hanno unito le forze per organizzare questo evento di brokerage completamente virtuale. L’obiettivo sará quello di stimolare la creaizone di partnership tra il mondo aziendale e quello scientifico.

Si terranno diverse sessioni di incontri prestabiliti, in cui i rappresentanti delle PMI e delle RTO avranno 30 minuti per presentarsi e discutere le opportunità di trasferimento di tecnologia in un campo relativo alle tecnologie abilitanti fondamentali.

Per maggiori informazioni, si prega di far riferimento alla pagina web dell’evento.

Innovare con gli Enti di Ricerca CNR ed ENEA

success-2917048_1280

Il 28 aprile 2020 alle ore 16 si terrá il webinar “Innovare con gli Enti di Ricerca: catalogo dei brevetti e opportunità per le imprese”. L’obiettivo dell’evento sará quello di illustrare brevetti e tecnologie selezionati sulla base dei cataloghi CNR ed ENEA e le loro possibili applicazioni in ambito industriale.

Il webinar è promosso dalla CCIAA di Reggio Emilia e da Fondazione REI. I brevetti che saranno presentati sono stati selezionati sulla base delle principali caratteristiche del tessuto economico provinciale.

Durante l’evento saranno approfondite le modalità ed i vantaggi della collaborazione con gli Enti di ricerca e le imprese interessate potranno prenotare una consulenza personalizzata per individuare brevetti ed opportunità più adatte alle proprie esigenze.

Per avere maggiori informazioni, si prega di far riferimento alla pagina web dell’evento.

Stampa 3D: bando per progetti industriali dimostrativi

Stampa 3D: bando per progetti industriali dimostrativi

printer-1455169_1280-1

Pubblicato il nuovo bando europeo dedicato alle PMI che offre l’opportunità di testare e convalidare progetti dimostrativi industriali basati sulla stampa 3D in diversi campi di applicazione.

Il bando è pubblicato nell’ambito del progetto europeo 3DP PAN EU che mette a disposizione una piattaforma di matchmaking online su scala europea che fa incontrare domanda ed offerta nel campo dei servizi dimostrativi per la stampa 3D.

Le 10 PMI che verranno selezionate riceveranno:

Sostegno finanziario sotto forma di sovvenzione che coprirà il 100% dei costi ammissibili con un massimo di 40.000€, per usufruire dei servizi di almeno due fornitori registrati nel portale 3DP Pan EU;

Supporto nella definizione delle partnership tra la PMI e i fornitori di servizi.

Per gli interessati, è possibile candidarsi entro il 31 agosto 2020.

Piano di Innovazione Family friendly nelle PMI

Piano di Innovazione Family friendly nelle PMI

business-561387__340

La regione Puglia ha pubblicato il nuovo avviso “Attivazione di un Piano di Innovazione Family friendly nelle PMI” finalizzato a sostenere la promozione del welfare aziendale e di nuove forme di organizzazione del lavoro family friendly. L’obiettivo è favorire l’adozione, da parte delle imprese, di modelli di organizzazione del lavoro improntati alla destandardizzazione degli orari, attraverso strumenti come la flessibilità in entrata e in uscita, gli orari a menù, la banca delle ore, ecc., e/o delle modalità di lavoro, ad es. telelavoro, smart working.

L’Avviso finanzia la redazione e l’implementazione di un Piano di Innovazione volto al miglioramento della produttività aziendale e della conciliazione vita-lavoro. Il Piano, della durata di 18 mesi; il Piano dovrà essere redatto sulla base dell’analisi dei fabbisogni di conciliazione vita-lavoro e di benessere organizzativo rilevati fra le lavoratrici e i lavoratori dell’impresa e potrà prevedere l’implementazione: a) di misure di flessibilità oraria e/o organizzativa; b) di attività propedeutiche all’introduzione delle misure di flessibilità.

Ogni proposta progettuale non potrà superare l’importo complessivo di € 100.000,00. Il contributo regionale, aiuto de minimis, finanzia fino all’80% della spesa per la redazione e l’implementazione del Piano di Innovazione Family friendly e fino al 100% della spesa per la formazione, propedeutica alla realizzazione del Piano. Le risorse complessive sono pari a €14.500.000,00. La modalità di presentazione delle domande è sportello, fino a esaurimento della dotazione finanziaria.

Possono presentare domanda le PMI con sede legale e operativa in Puglia. Tutta la documentazione deve essere indirizzata alla pec: servizisociali_pariopportunita@pec.rupar.puglia.it indicando come oggetto: Candidatura per Avviso Pubblico: “Attivazione di un Piano di Innovazione Family Friendly nelle PMI” POR Puglia 2014-2020 – Sub-Azione 8.6.b.

SCADENZA: FINO AD ESAURIMENTO RISORSE

1 2 3 11