Bando per il finanziamento e il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da Organizzazioni di Volontariato o Associazioni di Promozione Sociale

Bando per il finanziamento e il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da Organizzazioni di Volontariato o Associazioni di Promozione Sociale

group-418449_1280

Per il terzo anno consecutivo, il Bando per il finanziamento e il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da Organizzazioni di volontariato o Associazioni di promozione sociale, approvato con Deliberazione di Giunta regionale n. 1826 del 7 dicembre 2020, dispone di una somma complessiva di Euro 1.204.936,46 derivante dall’Accordo di programma con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali approvato con propria deliberazione n. 669/2020

Deliberazione di Giunta regionale n. 1826 del 7 dicembre 2020 «Bando per il finanziamento e il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da Organizzazioni di Volontariato o Associazioni di Promozione Sociale. Accordo di programma sottoscritto tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione Emilia-Romagna ai sensi degli articoli 72 e 73 del D.lgs. n. 117/2017 recepito con DGR. N. 699/2020»

I progetti dovranno riferirsi ad una o più delle seguenti Aree di bisogno e attività individuate dalla Regione tra quelle indicate all’interno dei 17 obiettivi dell’Agenda nonché delle eventuali ulteriori priorità emergenti a livello locale:

  • contrasto delle solitudini involontarie specie nella popolazione anziana attraverso iniziative e percorsi di coinvolgimento attivo e partecipato;
  • sostegno all’inclusione sociale, in particolare delle persone con disabilità e non autosufficienti;
  • contrasto delle condizioni di fragilità e di svantaggio della persona al fine di intervenire sui fenomeni di marginalità e di esclusione sociale;
  • promozione e sviluppo della cultura della salute e della prevenzione e degli stili di vita sani;
  • promozione della partecipazione e del protagonismo dei minori e dei giovani, perché diventino agenti del cambiamento;
  • sostegno scolastico al di fuori dell’orario scolastico ed extra-scolastico (attività sportive, musicali, studio, ecc.);
  • sviluppo e rafforzamento dei legami sociali, da promuovere all’interno di aree urbane o extraurbane disgregate o disagiate, con particolare riferimento allo sviluppo di azioni comunitarie, di coesione, che abbiano l’obiettivo di creare legami e relazioni significative e che favoriscano la partecipazione delle famiglie alla vita di quartieri;
  • sviluppo di forme di welfare generativo di comunità anche attraverso il coinvolgimento attivo e partecipato in attività di utilità sociale dei soggetti che beneficiano di prestazioni di integrazione e sostegno al reddito;
  • sviluppo e rafforzamento della cittadinanza attiva, della legalità e della corresponsabilità, anche attraverso la tutela e la valorizzazione dei beni comuni e dei beni confiscati alla criminalità organizzata;
  • sensibilizzazione delle persone sulla necessità di adottare comportamenti responsabili per contribuire a minimizzare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici sulle comunità;
  • naturali e umane; promozione di azioni e buone pratiche di economia circolare volte a ridurre l’impatto sull’ambiente delle attività umane e incentivare modelli di consumo e produzione sostenibili.

Come dettagliato nel Bando, i progetti dovranno essere descritti anche attraverso una serie di elementi quali le azioni messe in campo, le risorse impiegate, i beneficiari, la partnership interassociativa (almeno 3 enti compresa il capofila), la trasversalità, ecc.

Le domande dovranno essere compilate e trasmesse esclusivamente per via telematica, entro le ore 13.00 di venerdì 26 febbraio 2021, tramite l’applicativo web “TESEO”.

6.1.01 “Insediamento dei giovani agricoltori” e 4.1.02 “Ammodernamento di aziende agricole dei giovani agricoltori”

6.1.01 "Insediamento dei giovani agricoltori" e 4.1.02 "Ammodernamento di aziende agricole dei giovani agricoltori”

agriculture

Risorse a bando: 6.072.426 euro

– 4.072.426 euro (6.1.01)

– 2.000.000 euro (4.1.02)

Beneficiari: giovani (maggiorenni che non abbiano compiuto ancora 41 anni) che assumono la responsabilità civile e fiscale di una azienda agricola per la prima volta

Sostegno: 50.000 euro per gli insediamenti in zona con vincoli naturali o altri vincoli specifici (per i quali è previsto anche un criterio di priorità per la concessione dell’aiuto), 30.000 euro nelle altre zone

Termini presentazione domande di sostegno: dal 3 dicembre alle ore 13.00 del 18 marzo 2021

Modalità presentazione domande di sostegno: on line compilando la specifica modulistica prodotta dal SIAG – Sistema Informativo Agricolo di AGREA e presentate ai Servizi Territoriali Agricoltura Caccia e Pesca. Per poter compilare la domanda on line è necessario farsi accreditare alla piattaforma con procedura Agrea.

Gal del Ducato 19.2.02 – “Azione specifica B.3.1.c2” – Promozione e marketing unitario e coordinato dell’Appennino piacentino e parmense – beneficiari privati

Gal del Ducato 19.2.02 - “Azione specifica B.3.1.c2” – Promozione e marketing unitario e coordinato dell’Appennino piacentino e parmense - beneficiari privati

laser-light-461515__340

Sono ammessi all’aiuto progetti indirizzati alla organizzazione di manifestazioni/festival/rassegne comprensive di almeno n.3 eventi a contenuto artistico e/o culturale e/o eno-gastronomico e/o sportivo, coerenti con la strategia del GAL del Ducato e con la politica di promozione turistica prevista da Destinazione Turistica Emilia.

Beneficiari del bando sono:

  • le ditte individuali;
  • le società (di persone, di capitale, cooperative e consortili) e i consorzi definiti come micro e piccole imprese ai sensi del Regolamento UE n. 1305/2013 e del Decreto del Ministero delle Attività Produttive 18 aprile 2005: “Adeguamento alla disciplina comunitaria dei criteri di individuazione di piccole e medie imprese” (G.U. 12 ottobre 2005 – in recepimento della Raccomandazione 2003/361/CE);
  • le associazioni senza scopo di lucro, con personalità giuridica (ai sensi del DPR 10 febbraio 2000, n. 361). Le Associazioni dovranno garantire una struttura amministrativa capace di supportare la realizzazione del progetto e il mantenimento di vincoli o impegni anche successivi al pagamento che dovessero essere connessi alla realizzazione del progetto;
  • liberi professionisti

Tempistica raccolta domande: dal 01/12/2020 al 26/02/2021, ore 12,00

Non saranno considerati ammissibili progetti che prevedono una spesa ammissibile, in sede di concessione del contributo inferiore a Euro 10.000,00.

La spesa massima ammissibile per ogni progetto è di Euro 50.000,00.

La dimensione minima dell’investimento per l’intero progetto dovrà essere mantenuta e assicurata anche in fase di rendicontazione a saldo delle spese sostenute per la sua realizzazione. Pertanto, qualora a seguito delle verifiche istruttorie compiute dall’Ente competente in merito alla rendicontazione a saldo delle spese

sostenute dovesse risultare il mancato rispetto di tale dimensione minima, il contributo concesso sarà revocato.

Il contributo in conto capitale è pari:

– al 60% per soggetti privati senza scopo di lucro;

– al 40% per microimprese, comprese le ditte individuali ed i liberi professionisti, e PMI in forma singola o associata;

elevabile al 60% per

– progetti presentati da giovani con età non superiore a 40 anni;

– Investimenti collettivi;

– interventi in zone soggette a vincoli o altri vincoli specifici di cui all’art.32 del reg. 1305/2013. Tale

criterio si applica in base alla localizzazione dell’evento.

Spese ammissibili:

  • esperti (giornalisti, critici d’arte, storici, presentatori, artisti, sportivi, chef, ecc.)
  • consulenti (es. spese per progettazione grafica ed organizzazione eventi, direzione artistica, studio di comunicazione, studio creativo di allestimenti, ufficio stampa, ecc.)
  • produzione di materiali di informazione e realizzazione di campagne di promozione-comunicazione del singolo evento/manifestazione (es. manifesti/locandine, depliant, spazi pubblicitari su quotidiani, riviste e periodici cartacei, su piattaforme digitali, web e social network, affissioni, ecc.).
  • noleggio di materiale di arredo e attrezzature dedicate anche ad uso temporaneo (es. tensostrutture, stand, maxischermi, materiale e attrezzature per allestire mostre – escluse le opere d’arte -, impianti audio e luci, sedie e tavoli, palchi e passerelle, tappeti e moquette, portali di arrivo gare sportive, ecc.)

Le domande di sostegno, pagamento, variante e le rettifiche vanno presentate utilizzando il Sistema Informativo Agrea (SIAG), secondo le procedure, le modalità e la modulistica indicate dall’Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l’Emilia-Romagna, disponibili sul sito http://agrea.regione.emilia-romagna.it.

Modelli di business innovativi per lo sviluppo sostenibile: al via il 1° dicembre la Call for Papers di Sinergie per ricercatori e imprenditori

Modelli di business innovativi per lo sviluppo sostenibile: al via il 1° dicembre la Call for Papers di Sinergie per ricercatori e imprenditori

startup-1018514_1280

Nell’ambito del progetto “I AM GREEN”, finanziato dal programma Horizon 2020, Sinergie lancia il 1° dicembre 2020 una Call for Papers rivolta a ricercatori e imprenditori.

L’obiettivo sarà raccogliere best practices di servizi di incubazione e accelerazione per start-up, ed esempi di modelli di business innovativi nell’ambito dello sviluppo sostenibile, efficienza energetica e protezione dell’ambiente.

Gli autori dei papers selezionati verranno invitati a partecipare al Kick of Meeting del progetto, che si terrà online a febbraio 2021. Saranno inoltre menzionati nel “Design Option Paper of an Incubation Academy Model” e pubblicati come appendice al suddetto Deliverable.

La scadenza per la partecipazione al bando è il 20 gennaio 2021.

Operazioni in attuazione del Programma regionale cinema e audiovisivo 2018/2020 – Quinto Invito

Operazioni in attuazione del Programma regionale cinema e audiovisivo 2018/2020 – Quinto Invito

Cinema

L’Invito intende proseguire nell’attuazione di quanto previsto dal Programma regionale in materia di cinema e audiovisivo ai sensi della LR n. 20 del 2014, approvato con deliberazione dell’Assemblea legislativa n. 134/2018, con l’obiettivo di continuare a investire per rendere disponibile un’offerta formativa finalizzata a concorrere alla qualificazione e all’innalzamento delle competenze dell’industria cinematografica e audiovisiva regionale.

Gli interventi devono concorrere a:

  • valorizzare attitudini, aspettative e propensioni delle persone, creando opportunità per acquisire nuove e qualificate professionalità per sostenere un’occupazione di qualità nell’ambito dei processi produttivi di un settore che per generare e consolidare strategie di sviluppo e innovazione richiede competenze di alto profilo;
  • sostenere la qualificazione delle differenti professionalità che operano, a titolo differente e con differenti contratti, in modo non strutturato e non continuativo, nel settore del cinema e dell’audiovisivo, per favorirne un inserimento qualificato e la permanenza nel mercato del lavoro;
  • sostenere le persone nei percorsi di qualificazione e crescita per esercitare professionalmente il proprio ruolo sia come lavoratori dipendenti sia come lavoratori autonomi;
  • sostenere una crescita diffusa di competenze gestionali e manageriali per permettere alle persone di gestire in modo efficace il proprio lavoro e per rafforzare le organizzazioni di impresa nelle logiche di sostegno all’imprenditorialità.

Destinatari del bando sono persone che hanno assolto l’obbligo d’istruzione e il diritto-dovere all’istruzione e formazione che necessitano di azioni formative per la riduzione del divario tra le competenze richieste per esercitare professionalmente il proprio ruolo e le competenze possedute.

Le operazioni devono rendere disponibile un’offerta finalizzata a permettere di acquisire le conoscenze e le competenze necessarie a esercitare professionalmente il proprio ruolo sia come lavoratori dipendenti sia come lavoratori autonomi nel sistema del cinema e dell’audiovisivo favorendone la qualificazione e l’innovazione.

Al fine di perseguire gli obiettivi attesi sulle persone e sul sistema delle imprese, le proposte formative devono essere progettate e realizzate nella stretta collaborazione e con il concorso dei diversi soggetti, imprese e istituzioni, che costituiscono e concorrono a qualificare e innovare il sistema del cinema e dell’audiovisivo. Tale collaborazione deve essere formalizzata in un Protocollo di collaborazione sottoscritto dalle parti. Particolare attenzione deve essere posta nel coinvolgimento attivo degli operatori economici non solo per l’apporto garantito alla progettazione e realizzazione dei percorsi ma anche per attivare percorsi lavorativi e professionali al termine. Il Protocollo di collaborazione deve essere allegato alle operazioni candidate, pena la non ammissibilità delle stesse.

L’offerta formativa complessiva deve permettere di corrispondere alla domanda di competenze riferita ai due macro processi di lavoro:

  • processi di progettazione e produzione di beni e servizi che richiedono di agire competenze e conoscenze tecniche e professionali unitamente a competenze artistiche e creative specifiche e specialistiche del sistema del cinema e dell’audio visivo;
  • processi gestionali che richiedono di agire competenze connesse alle funzioni trasversali necessarie per rafforzare il profilo competitivo degli operatori economici ovvero la capacità di esercitare l’attività economica in forma di impresa o di lavoro autonomo.

Concorrono a formare le competenze connesse ai processi di progettazione e produzione di cui al primo punto l’offerta formativa progettata con riferimento al Sistema regionale delle qualifiche e l’offerta di alta formazione. A completamento e in risposta alla domanda di competenze gestionali concorre l’offerta di formazione permanente.

Possono essere candidate operazioni costituite da progetti di cui alle seguenti tipologie:

  • Formazione progettata con riferimento al Sistema regionale delle qualifiche per rendere disponibili percorsi che prevedono al termine il conseguimento di un Certificato di competenze o di Qualifica professionale dell’area professionale Produzione artistica dello spettacolo ad esclusione della qualifica di Tecnico organizzazione eventi.
  • Percorsi di alta formazione che permettano alle persone, con conoscenze-capacità attinenti l’area professionale, acquisite in contesti di apprendimento formali, non formali o informali, l’acquisizione di conoscenze e competenze tecniche e professionali, unitamente a competenze artistiche e creative, spendibili nei processi di lavoro tipici del sistema del cinema e dell’audiovisivo favorendone la qualificazione e l’innovazione.
  • Percorsi di formazione permanente che permettano alle persone, con conoscenze-capacità attinenti l’area professionale, acquisite in contesti di apprendimento formali, non formali o informali e con pregresse esperienze lavorative, di consolidare le competenze gestionali e completare le competenze specialistiche con competenze utili a rafforzare la capacità di stare sui mercati e di incrementare il proprio profilo professionale e competitivo.

Possono candidare operazioni a valere sul presente Invito, in qualità di soggetti gestori:

  • organismi accreditati alla formazione per l’ambito formazione superiore o formazione continua e permanente, ai sensi della normativa regionale vigente o che abbiano presentato domanda di accreditamento al momento della presentazione dell’operazione;
  • organismi accreditati per le attività formative nell’ambito dello spettacolo ai sensi della L.R. 12/2003 e ss.mm.ii. di cui alle L.R. n. 28/2013 e n.20/2014, o che abbiano presentato domanda di accreditamento al momento della presentazione dell’operazione.

Le operazioni devono essere compilate esclusivamente attraverso l’apposita procedura applicativa web SIFER progettazione 2014/2020 e devono essere inviate alla Pubblica Amministrazione per via telematica entro e non oltre le ore 12.00 del 14/01/2021 pena la non ammissibilità

10.1.09 – Gestione dei collegamenti ecologici dei siti Natura 2000 e conservazione di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario -10.1.10 – Ritiro dei seminativi dalla produzione per venti anni per scopi ambientali e gestione dei collegamenti ecologici dei siti Natura 2000

10.1.09 – Gestione dei collegamenti ecologici dei siti Natura 2000 e conservazione di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario -10.1.10 – Ritiro dei seminativi dalla produzione per venti anni per scopi ambientali e gestione dei collegamenti ecologici dei siti Natura 2000

hummel-4289689_640

Beneficiari del bando sono imprenditori agricoli sia in forma individuale che associata, incluse le cooperative; altri gestori del territorio, incluse le Proprietà Collettive, limitatamente alle superfici agricole.

Il termine per la presentazione domande di sostegno è fissato entro il 26 febbraio 2021.

Il valore di sostegno finanziario erogato per 10 anni, per superficie oggetto di impegno di pianura è pari a:

  • 0,08 Euro/mq/anno per i sottotipi di operazione A) Conservazione di piantate e/o di alberi isolati o in filare e B) Conservazione di siepi e/o boschetti;
  • 0,10 Euro/mq/anno per i sottotipi di operazione C) Conservazione di stagni, laghetti e D) Conservazione di maceri, risorgive e fontanili.

Il valore di sostegno finanziario erogato per 20 anni, per superficie oggetto di impegno è pari a:

  • superfici di pianura per la gestione di prati umidi 1.500 €/ettaro;
  • superfici di pianura per la gestione di complessi macchia-radura 1.000 € e per le tipologie di intervento F2 1.000 €/ettaro;
  • superfici di collina e montagna per le tipologie di interventi F2 e per i complessi macchia-radura 500 €/ettaro.

La modalità di presentazione delle domande di sostegno è on line compilando la specifica modulistica prodotta dal SIAG – Sistema Informativo Agricolo di AGREA, previo accreditamento con procedura Agrea.

Commercializzazione turistica – Anno 2021

Commercializzazione turistica - Anno 2021

tourist-information-11284477779im1c

L’intervento finanziario ha l’obiettivo di favorire gli investimenti delle imprese nell’ambito della promo-commercializzazione dei prodotti e dei servizi offerti dal settore turistico emiliano-romagnolo.

La Regione contribuisce ai progetti presentati dalle imprese turistiche, anche in forma associata. Le imprese per poter presentare la domanda di contributo devono partecipare al Programma di promo-commercializzazione della Destinazione Turistica (DT) di riferimento. È quindi necessario mettersi in contatto con la DT per acquisire ogni utile informazione.

Nel caso specifico di imprese che operano nel territorio della provincia di Modena, è importante sapere quanto segue:

  • le imprese che presentano un progetto relativo esclusivamente a prodotti turistici previsti dalla specifica Convenzione sottoscritta tra Città Metropolitana di Bologna e Provincia di Modena, per poter presentare domanda di contributo, devono partecipare al Programma di promo-commercializzazione della Destinazione Turistica Bologna Metropolitana;
  • le imprese che presentano un progetto relativo esclusivamente a prodotti turistici non previsti dalla suddetta convenzione, per poter presentare domanda di contributo, devono partecipare al Progetto di valorizzazione e sviluppo dei prodotti tematici trasversali di interesse regionale di APT Servizi s.r.l.
  • le imprese che presentano un progetto relativo a prodotti rientranti solo in parte nella convenzione, per poter presentare domanda di contributo, potranno valutare a propria discrezione, anche sulla base del prodotto prevalente, a quale delle due programmazioni partecipare (Programma di promo-commercializzazione turistica della Destinazione turistica Bologna Metropolitana oppure Progetti di valorizzazione e sviluppo dei prodotti tematici trasversali di APT Servizi s.r.l.). Rimane comunque possibile, qualora se ne ravvisi l’opportunità, partecipare ad entrambe le programmazioni.

La concessione di contributi a progetti di promo-commercializzazione turistica può avvenire sia per imprese singole che in forma associata. Nella valutazione dei progetti si terrà conto, tra l’altro, della capacità del progetto di raggiungere gli obiettivi prefissati in coerenza con gli obiettivi strategici individuati con le Linee Guida triennali regionali per gli anni 2018-2020 (approvate con D.G.R. n. 1149 del 02/08/2017 e prorogate per l’anno 2021 con D.G.R. n. 931 del 28.07.2020) e con il Programma di attività 2021 della Destinazione Turistica di riferimento. Nel caso riportato al sopradescritto punto con riferimento agli operatori della Provincia di Modena il documento di riferimento sarà quello elaborato da APT Servizi S.r.l.

Le domande di contributo, compilate avvalendosi della modulistica scaricabile da questa pagina, dovranno essere inviate alla Regione Emilia-Romagna, pena inammissibilità, entro e non oltre il 30 novembre 2020 esclusivamente tramite PEC.

Open Innovation per le cooperative dell’Emilia-Romagna: aperto il bando TALENTS4COOP

Open Innovation per le cooperative dell'Emilia-Romagna: aperto il bando TALENTS4COOP

business-561387__340

Sono aperte le candidature al bando TALENTS4COOP, volto ad intercettare competenze e progetti di innovazione radicale delle cooperative dell’Emilia-Romagna.

Il bando ricerca persone e organizzazioni capaci di coniugare quanto fatto durante il periodo di emergenza Covid-19 con progetti capaci di assicurare resilienza di imprese e organizzazioni di fronte alle crisi. In particolare, il bando è dedicato a:

  • innovazioni radicali: ristrutturazione dei servizi e riconfigurazione del business e dell’organizzazione, anche attraverso il digitale
  • nuovi progetti e soluzioni per contrastare la crisi pandemica

Possono partecipare al bando le cooperative aderenti a Confcooperative Emilia-Romagna, ovvero:

  • gruppi informali che hanno intenzione di costituirsi in forma cooperativa
  • singole cooperative
  • rete di cooperative

TALENTS4COOP offrirà percorsi mirati composti da formazione, accompagnamento dei singoli progetti, mentoring e coaching.

La scadenza per partecipare è il 20 dicembre 2020.

Il progetto è promosso da Confcooperative Emilia-Romagna con il supporto di Social Seed ed è realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna.

Avviso pubblico per sostegno al settore vitivinicolo – Misura “Promozione sui mercati dei Paesi terzi”

Avviso pubblico per sostegno al settore vitivinicolo – Misura “Promozione sui mercati dei Paesi terzi”

6-Agri-Food

La Regione Emilia-Romagna concede contributi al 60% ai produttori di vino e alle loro associazioni per la promozione del vino nei Paesi terzi. Scadenza domande 30 novembre 2020 ore 15.00.

Il bando regionale adotta le modalità di attuazione della misura della promozione contenute nell’avviso pubblico emanato dal Mipaaft con decreto direttoriale 30 settembre 20120 n. 9193815, stabilendo al contempo di:

  • destinare 250.000 euro ai progetti multiregionali
  • presentare massimo 2 progetti per beneficiario purché riguardino Paesi terzi diversi
  • abbassare la soglia minima di contributo a 100.000 euro
  • abbassare il quantitativo minimo di vino confezionato per partecipante, comunque superiore ai 50hl
  • fissare a 5.000 euro la soglia di contributo minimo per partecipante per Paese terzo e per Paese emergente

Prodotti: Ammessa la promozione di vini Doc e IGP, vini spumanti di qualità anche aromatici e vini con l’indicazione della varietà purché la promozione di quest’ultimi non sia esclusiva.

Criteri di accesso: i produttori di vino e le loro associazioni possono usufruire dei contributi previsti purché dispongano di sufficienti capacità tecniche e risorse finanziare e abbiano adeguata disponibilità di vino da esportare come stabilito nel bando ministeriale.

Risorse: € 6.041.314,46

Concorso di idee per la valorizzazione della dieta mediterranea. Innovazione e creatività nei processi e nei prodotti

Concorso di idee per la valorizzazione della dieta mediterranea. Innovazione e creatività nei processi e nei prodotti

village-2730798_640

La Regione Emilia-Romagna con delibera di Giunta regionale n. 1329 del 12 ottobre 2020 intende sostenere una serie di iniziative per creare sinergie tra produzione e commercializzazione di prodotti, patrimonio culturale, offerta turistica e industria creativa per dare impulso alla Dieta Mediterranea come marchio di destinazione. Saranno preferite le idee progettuali che contemplino lo sviluppo di nuovi modelli di business ed attività intersettoriali. Le proposte devono avere come esito un’iniziativa originale da realizzare con il coinvolgimento attivo di operatori impiegati nel settore del turismo e del commercio con una ricaduta diretta sugli stessi settori.

Al concorso sono ammesse le idee progettuali presentate da Associazioni rappresentative delle imprese che operano a vario titolo nel turismo e nel commercio.

Ogni proposta vincitrice diventerà beneficiaria di un corrispettivo in acquisto di servizi necessari alla realizzazione dell’iniziativa quali: assistenza tecnica alle imprese, acquisto di software e di servizi informatici, formazione e consulenza specialistica legata alle tematiche della Dieta Mediterranea e del progetto, grafica, stampa, marketing e comunicazione per un valore massimo non superiore a € 5.000 IVA inclusa.

Le domande dovranno essere compilate online dal 10 novembre al 24 novembre 2020 fino ore 12.00, utilizzando il servizio on-line che sarà disponibile dal 10 novembre. Per l’accesso al servizio on-line è necessario dotarsi di una identità digitale di persona fisica SPID o Federa.

1 2 3 12