Infoday Exploitation opportunities in EIC Pathfinder

riccardo-annandale-7e2pe9wjl9m-unsplash
Il 16 settembre 2020 si terrá un infoday sulle exploitation opportunities dei finanziamenti elargiti da EIC Pathfinder (ex Future Emerging Technologies) organizzato dall’Access2EIC – EIC National Contact Point Network, in collaborazione con la Commissione Europea. L’evento si concentrerà sulle opportunità di sfruttamento dei risultati nell’ambito del programma Pathfinder dello European Innovation Council.
Durante l’evento, verrà presentata l’ultima Call for Proposal del FET Innovation LaunchPad (deadline 14 ottobre 2020) e saranno inoltre condivise le esperienze di vincitori del FET Innovation LaunchPad ed EIC Transition to Innovation Activities.
La partecipazione all’iniziativa è gratuita.
Per maggiori informazioni, si prega di visitare la pagina web dell’infoday.
(Fonte: APRE)

Bando per la qualificazione e innovazione degli stabilimenti balneari

Bando per la qualificazione e innovazione degli stabilimenti balneari

sea-nature-sunny-beach

La Regione Emilia-Romagna intende promuovere e rilanciare l’offerta turistica e il turismo balneare dell’Emilia-Romagna sostenendo interventi di riqualificazione e innovazione degli stabilimenti e delle strutture balneari marittime anche in termini di sostenibilità e in relazione ai nuovi scenari determinatisi a seguito dell’emergenza causata dal diffondersi del contagio da Covid-19.

Possono essere beneficiari dei contributi le imprese, aventi qualsiasi forma giuridica, che esercitano in Emilia-Romagna, anche in regime di concessione, l’attività di gestione degli stabilimenti e delle strutture balneari marittime.

Interventi ammissibili:

  1. a) riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento delle strutture nelle quali si svolgono l’attività e delle relative pertinenze;
  2. b) riqualificazione dell’attività finalizzata all’introduzione di nuovi servizi da offrire alla clientela e/o al loro potenziamento, miglioramento e/o consolidamento, anche tramite l’introduzione delle più moderne tecnologie informatiche e digitali, e anche finalizzate ad introdurre efficaci sistemi di distanziamento fisico per il contrasto alla diffusione del virus Covid 19;
  3. c) riqualificazione dell’attività e dei servizi in termini di sostenibilità ambientale, con particolare riferimento:
  • alla riduzione del consumo di plastiche e imballaggi e riduzione di ogni tipologia di rifiuto;
  • alla riduzione dei consumi energetici anche tramite l’utilizzo di fonti rinnovabili di energia;
  • ad una efficace gestione della risorsa idrica finalizzata al risparmio dei consumi di acqua;
  • alla promozione della mobilità sostenibile da parte della clientela;
  • alla riqualificazione delle strutture e dell’attività tramite l’utilizzo di materiali eco-sostenibili
  • al contenimento del rumore e alla riduzione in generale dell’inquinamento acustico;
  • all’accessibilità ai servizi offerti da parte della clientela con disabilità

L’agevolazione, a fondo perduto, è concessa nella misura pari al 40% delle spese ritenute ammissibili. Il progetto finanziabile dovrà avere una dimensione minima di investimento ammesso pari a euro 30.000. Il contributo massimo concedibile per ciascun progetto ammesso, non potrà comunque eccedere, l’importo di euro 15.000.

La misura del contributo è incrementata del 5% in uno dei due casi alternativi:

  • qualora l’attività di impresa del richiedente sia caratterizzata dalla rilevanza della presenza femminile e/o giovanile;
  • qualora gli interventi previsti siano diretti a caratterizzare in maniera sostenibile l’attività e i servizi offerti, riscontrabili da specifica relazione sia in fase di domanda che di rendicontazione

Le domande di contributo dovranno essere presentate a partire dalle ore 10.00 del giorno 29 settembre 2020 e fino alle ore 13.00 del giorno 15 ottobre 2020.

A partire dal giorno 28 settembre 2020 l’applicativo Sfinge 2020 sarà aperto e disponibile al fine di consentire la compilazione delle domande all’interno del sistema.

La Regione, al fine di monitorare che il fabbisogno delle domande di contributo non superi il plafond di risorse finanziarie stanziate per il finanziamento degli investimenti previsti nel presente bando, procederà alla chiusura anticipata al raggiungimento di 250 domande presentate.

Centro Ricerche FIAT – FCA e Biobridges: bando per soluzioni innovative bio-based

Centro Ricerche FIAT - FCA e Biobridges: bando per soluzioni innovative bio-based

business-561387__340

Il progetto europeo Biobridges finanziato da Horizon 2020, in collaborazione con il Centro Ricerche FIAT (FCA), lancia un bando per cercare soluzioni innovative bio-based a specifici bisogni identificati da FCA.

Gli innovatori selezionati verranno invitati a partecipare ad un evento online nel quale avranno l’opportunità di entrare in contatto e presentare la propria idea a FCA attraverso un pitch.

Come già avvenuto grazie alla precedente collaborazione con P&G, l’obbiettivo dell’evento (27 ottobre 2020) è instaurare un dialogo costruttivo, al fine di valutare pro e contro delle soluzioni offerte, che rispondano alle specifiche sfide dal brand, e facilitare la nascita di possibili collaborazioni.

Le soluzioni proposte dovranno concentrarsi nelle seguenti aree:

  • Bio-based polymers for exterior
  • Exterior and engine compartment plastic
  • Elastomers
  • Textile and upholstery materials

Gli interessati possono inviare la propria candidatura entro e non oltre il 24 settembre 2020.

Lanciata la prima innovation challenge di Le Village by CA Parma rivolta alle startup innovative

Lanciata la prima innovation challenge di Le Village by CA Parma rivolta alle startup innovative

startup-1018514_1280

Al via la prima innovation challenge di Le Village by CA Parma, rivolta alle startup innovative che vogliono intraprendere un percorso di crescita e collaborare con aziende partner consolidate.

Le Village by CA Parma ha mappato i bisogni di innovazione delle aziende partner, definendo insieme ad esse le aree di interesse verso cui indirizzare la call for innovation, e gli ambiti potenziali di collaborazione.

Le startup possono candidarsi in una delle due aree di interesse della challenge:

  • Packaging nella circular economy – Soluzioni per aumentare il grado di circolarità e di sostenibilità del packaging in termini di nuovi materiali (es. packaging edibile, no pack), riutilizzo e riciclabilità del packaging, diffusione della cultura della circolarità applicata al packaging e conseguente incremento del livello di collaborazione su questa tematica tra gli stakeholder chiave (es. tramite piattaforme digitali)
  • Analytics e Industrial IoT – Soluzioni mirate al monitoraggio del funzionamento dei macchinari industriali (es. sensoristica e software per l’Industrial IoT) in ottica di ottimizzazione delle performance, di manutenzione predittiva e controllo di qualità della produzione. Soluzioni di analytics applicabili in contesti aziendali che fanno leva su tecnologie quali a titolo di esempio: predictive analytics & modeling, demand forecasting application, deep learning, meta-heuristic modeling, machine learning, data ingestion & integration, data visualization

Le startup interessate potranno candidarsi entro il 15 settembre 2020.  Le aziende partner selezioneranno le startup cui inviare le innovation challenge, che dovranno rispondere entro 15 giorni. In caso di esito positivo, le aziende partner decideranno quali startup incontrare.

Fondo per l’innovazione: primo bando per progetti su larga scala

Fondo per l’innovazione: primo bando per progetti su larga scala

business-561387__340

Primo bando relativo al Fondo per l’Innovazione, un programma per la dimostrazione di tecnologie innovative a basse emissioni di carbonio finanziato con i proventi della vendita all’asta di quote del sistema di scambio delle quote di emissione dell’UE (Sistema ETS).

Obiettivo:

  1. a) sostenere progetti dimostrativi di tecnologie, processi o prodotti altamente innovativi, sufficientemente maturi per il mercato, che presentano un elevato potenziale di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra;
  2. b) offrire un sostegno finanziario adeguato alle esigenze di mercato e ai profili di rischio dei progetti ammissibili, attraendo nel contempo risorse pubbliche e private aggiuntive.

Il bando finanzia progetti su larga scala nel quadro del Fondo per l’Innovazione ovvero investimenti innovativi nei settori dell’energia pulita e dell’industria pulita che contribuiscono alla ripresa verde dell’economia dell’UE e a mantenere lo slancio verso il raggiungimento della neutralità climatica.

I progetti devono essere maturi e pronti per il mercato e il sostegno del Fondo per l’innovazione contribuisce a superare i rischi legati alla commercializzazione e alla dimostrazione su larga scala che si sostengono per portare il prodotto sul mercato. I progetti devono raggiungere la chiusura finanziaria entro 48 mesi dalla sottoscrizione della sovvenzione.

Attività finanziabili:

– attività a sostegno dell’innovazione nelle tecnologie e nei processi a basse emissioni di carbonio nei settori elencati nell’allegato I della direttiva ETS (Direttiva 2003/87) dell’UE (compresa la cattura e l’utilizzazione del carbonio ecocompatibili) che contribuiscono a mitigare i cambiamenti climatici in modo significativo, nonché dei prodotti che sostituiscono quelli ad alta intensità di carbonio emesso nei settori elencati nell’allegato I della stessa direttiva,

– attività che aiutano a stimolare la costruzione e il funzionamento di progetti che mirano alla cattura e allo stoccaggio geologico ecologici di CO2 (CCS),

– attività che contribuiscono a stimolare la costruzione e il funzionamento di tecnologie innovative riguardanti le energie rinnovabili e lo stoccaggio di energia.

La cattura e l’utilizzazione del carbonio possono essere finanziate se la cattura di CO2 avviene all’interno di una delle attività elencate nell’allegato I della direttiva ETS o se l’utilizzo di CO2 ha come risultato prodotti che sostituiscono quelli ad alta intensità di carbonio nai settori elencati nell’allegato I della Direttiva ETS anche se il carbonio viene catturato al di fuori delle attività dell’allegato I.

Beneficiari del bando sono soggetti in possesso di personalità giuridica classificabili come enti privati, enti pubblici o organizzazioni internazionali

Il contributo può coprire fino al 60% dei costi supplementari sostenuti dal promotore del progetto in conseguenza dell’applicazione della tecnologia innovativa per la riduzione o prevenzione di emissioni di gas a effetto serra.

Sono finanziabili solo progetti con una spesa in conto capitale superiore a 7.500.000 EUR.

Una proposta progettuale può essere presentata da un solo proponente o da una partnership di più soggetti ammissibili. Deve essere presentata in formato elettronico seguendo le indicazioni contenute nella pagina web del bando sul portale Funding and tenders.

La presentazione di una proposta progettuale avviene in due fasi: nella prima, il proponente invia la manifestazione di interesse contenente la descrizione delle caratteristiche chiave del progetto e della sua efficacia, del livello di innovazione e della maturità del progetto. Successivamente, se ammissibile, invierà la domanda completa, contenente una descrizione dettagliata del progetto e tutta la documentazione giustificativa, compreso il piano di condivisione delle conoscenze.

Nella prima fase, i progetti saranno valutati in base a tre criteri di aggiudicazione: il potenziale di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (GHG), il grado di innovazione e la maturità del progetto

Per le proposte pervenute l’INEA verifica l’ammissibilità e l’eligibilità e trasmette quelle che la superano a dei valutatori esterni, che la valutano sulla base dei tre criteri indicati; i proponenti delle proposte ammesse presenteranno quindi la domanda completa e in questa seconda fase i progetti saranno valutati anche sulla base di due ulteriori criteri: la scalabilità e l’efficienza economica

Le proposte che nella prima fase vengono respinte in quanto non abbastanza mature, ma che:

  1. a) soddisfano i requisiti minimi in materia di prevenzione delle emissioni di gas a effetto serra e criteri di grado di innovazione; e
  2. b) ricevono almeno il 50% dei punti totali secondo il criterio di maturità del progetto; e
  3. c) sono considerati dai valutatori come potenzialmente in grado di migliorarne la maturità attraverso assistenza specifica allo sviluppo del progetto.

Potranno beneficiare di un sostegno in termini di assistenza allo sviluppo del progetto (PDA) attraverso l’intervento della Banca europea per gli investimenti (BEI): al termine del processo di valutazione l’INEA invierà alla BEI un elenco di massimo 40 proposte ammissibili alla PDA, fra le quali la BEI ne selezionerà un massimo di 20 che potrebbero beneficiare di questa assistenza. L’elenco definitivo verrà infine stabilito successivamente a una consultazione con gli Stati membri.

Scadenza: 29 ottobre 2020

CIAK #INLOMBARDIA – LOMBARDIA RIPARTE

CIAK #INLOMBARDIA – LOMBARDIA RIPARTE

marketing-board-strategy

Nell’ambito delle attività di marketing territoriale il bando “Ciak #InLombardia – Lombardia Riparte” ha lo scopo di:

  • promuovere la Lombardia e rilanciarne l’immagine e la reputazione, in Italia e all’estero, in termini di “destinazione sicura”;
  • promuovere il territorio e il suo patrimonio storico culturale anche attraverso la memoria e i ricordi delle tradizioni, delle leggende e delle storie popolari;
  • incrementare l’attrattività turistica, valorizzando le esperienze, i momenti dell’anno e le destinazioni che possono garantire libertà di movimento in sicurezza.

Oggetto del bando è la selezione di progetti audiovisivi della durata massima di 30 secondi che saranno strumento di comunicazione e promozione da parte di Regione Lombardia. I video devono avere una dimensione non superiore a 75 MB ed essere girati almeno in HD: 1280×720 pixel oppure in full HD: 1920×1080 pixel, inquadratura orizzontale 16:9. L’elaborato deve essere accompagnato da un’immagine (da usare come copertina) e da un video promo di massimo 10 secondi, inquadratura verticale 9:16, che mostri le sequenze più significative ed interessanti. I progetti presentati dovranno tassativamente essere realizzati con materiale originale ed inedito, girati in Lombardia e privi di persone identificabili, marchi o riferimenti pubblicitari evidenti.

Possono partecipare al bando persone fisiche di età compresa tra i 18 e i 35 anni alla data di pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (Serie Ordinaria n. 28 del 7 luglio 2020).

I soggetti interessati possono presentare una sola domanda ed inviare un solo video.

L’agevolazione si configura come contributo a fondo perduto.

Ai primi 3 classificati è riconosciuto un corrispettivo economico a titolo di prestazione d’opera così ripartito:

1° classificato – € 5.000,00 lordi

2° classificato – € 4.000,00 lordi

3° classificato – € 3.000,00 lordi

Sono inoltre previsti due riconoscimenti speciali anche eventualmente cumulabili al corrispettivo economico di cui sopra:

Lombardia Out of Season – al video che meglio promuove luoghi, destinazioni ed esperienze da vivere e visitare fuori stagione: € 2.000,00 lordi.

Montagna in Libertà – al video che meglio promuove la montagna come destinazione ideale in grado di assicurare libertà di movimento in sicurezza: € 2.000,00 lordi.

Sull’importo lordo dei singoli corrispettivi economici verrà applicata una ritenuta d’imposta del 25% ai sensi dell’art. 30 del DPR 600/1973. Tale ritenuta sarà versata da Regione Lombardia all’erario in qualità di sostituto d’imposta.

I video che si aggiudicano un riconoscimento saranno acquisiti in proprietà di Regione Lombardia che sarà esclusiva titolare di tutti i diritti di proprietà e di riproduzione. I restanti video rimangono in proprietà degli autori che cedono a Regione Lombardia il solo diritto di riproduzione.

Scadenza: 08/09/2020

Contributi per l’innovazione e la sostenibilità del sistema produttivo dell’Emilia-Romagna – Annualità 2021

Contributi per l’innovazione e la sostenibilità del sistema produttivo dell’Emilia-Romagna - Annualità 2021

business-561387__340

La Regione Emilia-Romagna intende sostenere i soggetti impegnati in progetti di innovazione che rispondono agli obiettivi per lo sviluppo sostenibile – i SDGs – e ai targets indicati nell’Agenda 2030, mettendo a disposizione un contributo per lo sviluppo di interventi che contribuiscono alla sostenibilità del sistema produttivo dell’Emilia-Romagna.

Possono presentare la domanda di contributo, esclusivamente i soggetti che avranno inviato una propria candidatura alla 6° edizione del Premio Innovatori Responsabili 2020 e che avranno superato la fase di verifica di ammissibilità formale prevista all’art.8 del regolamento di partecipazione.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, nella misura del 70% della spesa ritenuta ammissibile e nel rispetto del tetto massimo di € 5.000 a ciascun beneficiario richiedente. Le risorse stanziate ammontano a 90 mila euro

Tutti i partecipanti che risulteranno ammessi al Premio, indipendente dal risultato raggiunto, potranno presentare la domanda dal 2/11/2020 al 30/11/2020 per progetti da realizzare nell’annualità 2021. Le modalità di partecipazione e di trasmissione della domanda di contributo verranno comunicate direttamente ai soggetti interessati

Scadenza: 30/11/2020

Amministrazioni locali Smart: nuovo bando della Commissione europea

Amministrazioni locali Smart: nuovo bando della Commissione europea


La Commissione europea lancia un invito a presentare proposte per un’azione preparatoria nel settore delle soluzioni digitali volte a favorire la realizzazione di amministrazioni locali smart, con scadenza il 10 settembre 2020.

La tecnologia può essere utilizzata per facilitare l’accesso dei cittadini alle amministrazioni pubbliche e le interazioni con esse. L’obiettivo di questa azione preparatoria è di creare una rete di “laboratori” locali per sostenere lo sviluppo e l’introduzione di soluzioni innovative digitali per favorire l’impegno dei cittadini nel processo decisionale e politico, nonché la co-creazione di servizi pubblici a livello locale.

Le proposte possono essere presentate da uno dei seguenti soggetti, o da un partenariato costituito dagli stessi:

  • organizzazioni senza scopo di lucro (private o pubbliche);
  • autorità pubbliche (nazionali, regionali, locali);
  • organizzazioni internazionali;
  • università;
  • istituzioni educative;
  • centri di ricerca;
  • enti a scopo di lucro;
  • PMI;
  • società civile;
  • persone fisiche: le persone fisiche sono ammissibili come parte di un consorzio, ma il progetto non può essere coordinato da una persona fisica.

Il bando dispone di un budget di 1.000.000 di euro. Il tasso di co-finanziamento è pari al 75% dei costi totali ammissibili. Saranno selezionate 1 o 2 proposte progettuali.

Scadenza: 10/09/2020

Giappone-Europa: al via il programma “Vulcanus in Europe” per ospitare nelle aziende europee ricercatori tirocinanti giapponesi

Giappone-Europa: al via il programma "Vulcanus in Europe" per ospitare nelle aziende europee ricercatori tirocinanti giapponesi

business-561387__340

Aperte le candidature per il programma “Vulcanus in Europa” che offre alle aziende con sede nell’UE la possibilità di ospitare un ricercatore tirocinante giapponese.

Tramite il programma lanciato dall’EU-Japan Centre for Industrial Cooperation, le imprese avranno un’aggiunta preziosa alla loro forza lavoro e un contributo positivo allo sviluppo del loro business con il Giappone. Per i tirocinanti si concretizzerà l’opportunità di acquisire un know-how in vista di future relazioni commerciali con l’Europa.

Il tirocinio dura 7 mesi, da fine agosto a fine marzo.

Sono ammissibili tutte le aziende del settore industriale o dei servizi e gli studi di architettura all’interno dell’UE.

La scadenza per la presentazione delle candidature è il 15 ottobre 2020.

Bando per l’Azione preparatoria “Finanza, Apprendimento, Innovazione, Proprietà intellettuale per le industrie culturali e creative (FLIP for CCIs 3)”

Bando per l'Azione preparatoria “Finanza, Apprendimento, Innovazione, Proprietà intellettuale per le industrie culturali e creative (FLIP for CCIs 3)”

creativity-70192__340

La Commissione europea ha pubblicato un bando per l’Azione preparatoria “Finance, Learning, Innovation and Patenting for Cultural and Creative Industries (FLIP for CCIs 3)”.

La call si basa sui risultati delle due precedenti fasi del progetto pilota FLIP for CCIs (FLIP-1 e FLIP-2) e dei relativi bandi (EAC/S11/2018 e EAC/S12/2019) e punta a preparare proposte in vista dell’adozione di future azioni per il sostegno e lo sviluppo delle industrie culturali e creative, in grado di generare benefici intersettoriali e ricadute nelle diverse aree e settori con cui le ICC si interfacciano.

L’obiettivo principale in questa terza fase è organizzare attività nei settori del finanziamento, dell’apprendimento, dell’innovazione e dei diritti di proprietà intellettuale per i settori culturali e creativi. Tenendo in considerazione l’impatto della pandemia di COVID-19, l’obiettivo di questa fase è anche quello di cercare risposte per aiutare le ICC ad affrontare la crisi in atto e renderle più resilienti.

In particolare, le proposte dovrebbero comprendere almeno una serie di attività (dettagliate nel par. 2.4 del bando) nei settori del finanziamento, del rafforzamento delle competenze delle ICC, della sperimentazione di approcci innovativi, nonché della valutazione e protezione della proprietà intellettuale prodotta dalle ICC.

Possono partecipare al bando persone giuridiche stabilite in uno degli Stati UE. Può trattarsi di organizzazioni non-profit, autorità pubbliche (a livello nazionale, regionale, locale), università, istituti di istruzione, centri di ricerca, enti a scopo di lucro, organizzazioni internazionali.

Le proposte devono essere presentate da un consorzio costituito da almeno 5 differenti soggetti di 5 Paesi ammissibili principalmente attivi nei settori culturali e creativi.

Il progetto da finanziare dovrà avere una durata massima di 28 mesi, indicativamente con inizio nel 1° semestre del 2021.

Lo stanziamento complessivo a disposizione del bando è pari a 1.500.000 euro. Il contributo Ue potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto. Si intende finanziare una sola proposta.

La scadenza per presentare candidature è il 4 agosto 2020.

1 2 3 21