Tecnologie per lo Sviluppo Sostenibile

Tecnologie per lo Sviluppo Sostenibile

business-561387__340

E’ rivolta interamente alle Organizzazioni della Società Civile la call Tecnologie per lo Sviluppo Sostenibile, una delle attività 2020-2021 del programma Innovazione per lo Sviluppo di Fondazione Cariplo e Compagnia di San Paolo interamente dedicate al continente africano.

Questa opportunità vuole supportare soluzioni esistenti, concrete, inclusive e sostenibili, con l’obiettivo di potenziarle e/o replicarne l’applicabilità in altri contesti o Paesi. Le soluzioni esistenti possono essere di due tipi:

–          Prodotti e servizi basati su tecnologie mature, frutto di innovazione frugale, low-tech e low-cost, progettate nell’ambito di relazioni virtuose con il mondo dell’innovazione locale (startup, università, fablab, designer, creativi);

–          Prodotti e servizi data driven, come applicazioni, piattaforme e soluzioni ICT, mobile e cash transfer, blockchain, intelligenza artificiale, Internet of Things (IoT), machine learning, soluzioni open source.

Sono inclusi anche prodotti e servizi essenziali nel contenimento del contagio e degli impatti negativi da Covid-19.

La call si rivolge sia a singole Organizzazioni della Società Civile attive nella cooperazione internazionale allo sviluppo, sia a partenariati composti da diversi soggetti (OSC, associazioni delle diaspore e delle nuove generazioni, dipartimenti universitari, imprese sociali).

Le organizzazioni dovranno dimostrare di poter operare in Burkina Faso, Etiopia, Kenya, Mozambico, Niger, Tunisia, Senegal, Sudan (Paesi prioritari per la cooperazione italiana allo sviluppo), Costa d’Avorio, Madagascar, Marocco, Repubblica Democratica del Congo, Rwanda, Tanzania, Uganda, Zimbabwe (Paesi non prioritari ma dove le OSC operano all’interno di relazioni consolidate).

La richiesta di contributo dovrà essere compresa tra 15.000 e 45.000 euro e non dovrà essere superiore al 90% dei costi totali del progetto. I progetti dovranno avere una durata tra i 6 e i 18 mesi.

Per questa prima edizione della call Tecnologie per lo Sviluppo Sostenibile è previsto un budget complessivo di 500.000 euro.

La Call Tecnologie per lo Sviluppo Sostenibile resterà aperta dall’1 al 31 luglio 2020. Il modulo online sarà disponibile nell’area riservata del portale di Fondazione Cariplo a partire da lunedì 6 luglio 2020. Le organizzazioni dovranno registrarsi sul portale di Fondazione Cariplo, compilare la sezione di anagrafica e il modulo progetto dedicato alla call.

Gestione sostenibile del suolo agricolo: prossima pubblicazione del primo bando interno della EJP SOIL

Gestione sostenibile del suolo agricolo: prossima pubblicazione del primo bando interno della EJP SOIL

agriculture

Al via il 30 giugno il primo bando interno dell’EJP SOIL, un programma congiunto europeo che comprende 24 paesi impegnati nell’obiettivo generale di fornire soluzioni sostenibili per la gestione dei suoli agricoli che contribuiscano alle principali sfide sociali, tra cui il cambiamento climatico e il futuro approvvigionamento alimentare.

L’obiettivo generale del bando è quello di finanziare progetti di ricerca aperti ai partner della EJP SOIL e a terzi collegati in base all’accordo consortile per colmare le lacune di ricerca e sviluppo individuate dalla “Roadmap for EU Agricultural Soil Management research” della EJP SOIL.

Le proposte progettuali dovranno afrontare uno dei seguenti 8 topic:

  • Quantification of the potential of agricultural soils to sequester more carbon and reduce GHGs emissions at the regional & national scale in the different partner countries
  • Evaluating soil management options for specific objectives: Trade-offs between soil organic carbon sequestration and greenhouse gas emissions
  • Evaluating soil management options for the specific objective of Climate change adaptation
  • Innovative soil management practices in Europe and their suitability for European farming systems
  • Methodologies and tools to assess the contribution of soils to ecosystem services / for assessing soil quality
  • Enabling conditions to implement improved management options and tools to monitor soil quality: Analysis on how soil indicators could be used to support CAP measures
  • Landscape analyses: Erosion processes
  • Good knowledge of the present status of agricultural soils: Innovative techniques for high-detail mapping soil spatial variation

Il budget messo a disposizione dal bando corrisponde a 15 milioni di euro.

In Italia è beneficiario dell’EJP SOIL il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA) e sono enti terzi collegati il CNR, ISPRA, UNIPA, ENEA, AGRIS, ERSAF Lombardia.

Scadenza: 04/09/2020

Blue Economy: al via due bandi del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca

Blue Economy: al via due bandi del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca

jellyfish-698521_640

In linea con il Green Deal dell’UE, il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) ha appena lanciato due bandi per promuovere un’economia blu pulita e circolare, preservando e proteggendo la biodiversità e gli habitat marini: “Cross-sectoral development of innovative port clusters in the Atlantic: Developing a blue accelerator scheme for Atlantic ports” e “Maritime Spatial Planning Projects”.

  1. EMFF-APC-2020 – Cross-sectoral development of innovative port clusters in the Atlantic: Developing a blue accelerator scheme for Atlantic ports

I porti sono il fulcro dell’attività economica marittima. Per mantenere tale ruolo, devono essere sostenibili e rimanere competitivi. In questo contesto, il bando intende stimolare l’imprenditorialità e promuovere un’economia blu sostenibile nell’area atlantica, aumentando la competitività e la resilienza dei porti atlantici.

Più specificamente, il bando mira a:

Creare una rete/partenariato tra almeno due porti atlantici dell’UE in due diversi Stati membri dell’UE; e

Sviluppare uno schema di acceleratore blu per i porti atlantici per stimolare le imprese innovative a promuovere un’economia blu sostenibile.

Le domande possono essere presentate dal 9 giugno al 10 settembre 2020.

  1. EMFF-MSP-2020 – Maritime Spatial Planning Projects

Le attività umane in mare stanno occupando una quantità sempre maggiore di spazio ed esercitano una pressione sugli ecosistemi marini e costieri. Ciò rende necessaria una gestione integrata dei nostri oceani e dei nostri mari. Il bando intende sostenere gli Stati membri nell’elaborazione di piani per lo spazio marittimo e garantire che i piani siano coerenti e coordinati tra le regioni marine interessate.

Il bando prevede due topic distinti:

EMFF-MSP-01-2020 – Riservato ai richiedenti provenienti da almeno due Stati membri costieri confinanti con i bacini marittimi/regioni marine interessati, ossia il Mare del Nord e/o il Mar Baltico

EMFF-MSP-02-2020 – Riservato ai richiedenti di almeno uno Stato membro costiero responsabile del PSM nella o nelle regioni ultraperiferiche dell’UE interessate

Le domande possono essere presentate dal 9 giugno al 10 settembre 2020.

Settimana Europea per l’Energia Sostenibile

capture

Dal 22 al 26 giugno 2020 si svolgerà in modalità virtuale la nuova edizione della Settimana Europea per l’Energia Sostenibile. Quest’anno il tema sará “Beyond the crisis: clean energy for green recovery and growth”.

I temi principali dell’evento saranno le energie rinnovabili, l’efficienza energetica, la mitigazione dei cambiamenti climatici e l’esplorazione di nuove idee per rendere la società e l’economia più verdi e sostenibili.

La Settimana Europea per l’Energia Sostenibile sará strutturata in diverse parti. In particolare, ospiterà la Policy Conference più importante a livello europeo sul tema dell’energia e la celebrazione degli EU Sustainable Energy Awards che andranno a individui e progetti meritevoli per le loro innovazioni in materia di efficienza energetica ed energie rinnovabili. Sará inoltre presente una sezione dedicata al networking, che permetterá ai partecipanti di scambiare informazioni su temi di ricerca e innovazione e discutere di potenziali collaborazioni.

Inoltre, per tutto il mese di giugno verranno organizzati gli Energy Days, attività ed eventi online in tutta Europa promossi da organizzazioni locali pubbliche e private per dare visibilità all’impegno in questo settore.

Le registrazioni per partecipare apriranno a giugno. Per avere maggiori informazioni, si prega di consultare il sito dell’evento.

Programma LIFE: innovazione e standard per la sostenibilità ambientale

capture

Si terrá il 29 maggio il webinar sulle opportunitá del programma LIFE riguardanti l’innovazione e gli standard per la sostenibilità ambientale.

L’evento è organizzato da Confindustria Lombardia, nell’ambito delle attività della rete Enterprise Europe Network, e UNI Ente Nazionale di Normazione.

Durante il webinar, interverranno:

  • Carmen DisantoInnovation Expert presso Confindustria Lombardia
  • Silvia Mozzi, Project Manager presso Confindustria Lombardia
  • Elena MocchioResponsabile Divisione Innovazione presso UNI Ente Nazionale di Normazione
  • Giovanni BergnaDirettore Tecnico presso Lariana Depur S.p.A.
  • Nazarena SpinelliProject Financing Specialist presso Turboden S.p.A.

L’agenda é in via di pubblicazione, per avere maggiori informazioni ed iscriversi si prega di consultare il sito dell’evento.

European City Facility: Supportare le autorità locali nello sviluppo di concetti di investimento per l’energia sostenibile

European City Facility: Supportare le autorità locali nello sviluppo di concetti di investimento per l’energia sostenibile

industries-87546_960_720

L’obiettivo dell’EUCF è quello di costruire una sostanziale pipeline di progetti di investimento in energia sostenibile tra i comuni/le autorità locali (o i loro raggruppamenti) in Europa, fornendo supporto allo sviluppo di concetti di investimento. I concetti di investimento rappresenteranno un primo passo verso piani aziendali e finanziari a pieno titolo e agevoleranno la successiva mobilitazione di investimenti (locali) nell’efficienza energetica e nelle energie rinnovabili.

Il processo di candidatura EUCF si basa sui principi di semplicità, flessibilità e trasparenza. Il processo prevede 2 passaggi: controllo di idoneità e domanda completa.

Il finanziamento EUCF è ammissibile a comuni / autorità locali e raggruppamenti di comuni / autorità locali.

I tipi di attività che possono beneficiare di un sostegno finanziario sono attività necessarie per lo sviluppo di concetti di investimento, come studi di fattibilità, analisi ingegneristiche, analisi legali, studi sociali, studi di mercato, analisi finanziarie e ulteriori attività di supporto.

L’importo della sovvenzione può essere utilizzato per il personale interno, per esperti esterni/ subappaltatori o per altre spese necessarie per lo sviluppo del concetto di investimento.

Importo massimo dell’agevolazione: € 60.000

Scadenza: 02/10/2020

INTERREG MED: pubblicato il secondo bando per progetti strategici

INTERREG MED: pubblicato il secondo bando per progetti strategici

 

 

 

 

jellyfish-698521_640

E’ stato lanciato il secondo bando per progetti strategici del Programma INTERREG MED.

Saranno sostenuti unicamente proposte presentate nell’ambito dell’Asse 4 – Enhancing Mediterranean Governance. La candidatura potrà essere promossa da soggetti pubblici o equivalenti. Pertanto è esclusa la partecipazione ai soggetti privati.

In particolare, l’Asse 4 del Programma presenta il seguente obiettivo specifico:

  • To support the process of strengthening and developing multilateral coordination frameworks in the Mediterranean for joint responses to common challenges

All’interno di questo obiettivo è stato individuato il seguente topic su cui poter candidare progetti:

  • Innovazione

I progetti finanziati potranno avere un budget compreso tra 1.5 e 1.6 milioni di €. Saranno finanziati massimo 2 progetti. Il contributo previsto per i partner sarà dell’85% dei costi ammissibili.

La scadenza per la presentazione dei progetti è fissata al 10 giugno 2020.

Pilastro Sfide della società: bandi 2018-2020 “Salute, cambiamento demografico e benessere”

HORIZON 2020 – Pilastro Sfide della società: bandi 2018-2020 “Salute, benessere e cambiamento demografico”

health-2082630_960_720

All’inizio di luglio 2019 la Commissione europea ha pubblicato gli aggiornamenti ai programmi di lavoro tematici di Horizon 2020, fornendo indicazioni sui nuovi bandi per progetti di ricerca e innovazione con scadenza nel corso del 2020. Si tratta degli ultimi bandi che vengono lanciati nel quadro di Horizon 2020.

Sulla base degli aggiornamenti del Work Programme 2018-2020 relativo alla Sfida per la Società Health, demographic change and wellbeing, segnaliamo le nuove opportunità che si aprono con i bandi di seguito indicati. Cliccando sui link riportati, si verrà direttamente indirizzati alla pagina web dei singoli topic dei bandi dove è possibile reperire informazioni dettagliate e documentazione.

• Bando Better health and care, economic growth and sustainable health systems (H2020-SC1-BHC-2018-2020)

Fino al 15/04/2020 è possibile presentare proposte per i topic:
– SC1-BHC-06-2020: Digital diagnostics – developing tools for supporting clinical decisions by integrating various diagnostic data
– SC1-BHC-11-2020: Advancing the safety assessment of chemicals without the use of animal testing
– SC1-BHC-17-2020: Global Alliance for Chronic Diseases (GACD) – Prevention and/or early diagnosis of cancer
– SC1-BHC-20A-2020: Pre-commercial procurement (PCP) for integrated care solutions
– SC1-BHC-20B-2020: Public procurement of innovative solutions (PPI) for diagnostics for infectious diseases
– SC1-BHC-33-2020: Addressing low vaccine uptake
– SC1-BHC-34-2020: New approaches for clinical management and prevention of resistant bacterial infections in high prevalence settings
– SC1-BHC-35-2020: Creation of a European wide sustainable network for harmonised large-scale clinical research studies for infectious diseases
– SC1-BHC-36-2020: Micro- and nano-plastics in our environment: Understanding exposures and impacts on human health
– SC1-BHC-37-2020: Towards the new generation of clinical trials – trials methodology research
– SC1-DTH-12-2020: Use of Real-World Data to advance research on the management of complex chronic conditions
– SC1-HCC-10-2020: Towards a Health research and innovation Cloud: Capitalising on data sharing initiatives in health research
– SC1-HCO-01-2018-2019-2020: Actions in support of the International Consortium for Personalised Medicine
– SC1-HCO-03-2020: Bridging the divide in health research and innovation – boosting return on investment
– SC1-HCO-07-2020: ERA-NET to support the Joint Programming Initiative on Antimicrobial resistance (JPIAMR)
– SC1-HCO-14-2020: ERA-NET: Sustained collaboration of national and regional programmes in cancer research
– SC1-HCO-16-2020: ERA-NET: Sustained collaboration of national and regional programmes in research on brain-related diseases and disorders of the nervous system
– SC1-HCO-17-2020: Coordinating and supporting research on the human microbiome in Europe and beyond
– SC1-HCO-18-2020: Developing methodological approaches for improved clinical investigation and evaluation of high-risk medical devices
– SC1-HCO-19-2020: Reliable and accessible information on cell and gene-based therapies
– SC1-HCO-20-2020: Coordination of clinical research activities of the European Reference Networks

E’ stabilita invece una procedura di presentazione delle proposte a 2 fasi con due scadenze, 24/09/2019 (1° fase) e 7/04/2020 (2° fase), per i topic:
– SC1-BHC-08-2020: New interventions for Non-Communicable Diseases
– SC1-BHC-24-2020: Healthcare interventions for the management of the elderly multimorbid patient
– SC1-BHC-29-2020: Innovative actions for improving urban health and wellbeing – addressing environment, climate and socioeconomic factors
– SC1-DTH-13-2020: Implementation research for scaling up and transfer of innovative solutions involving digital tools for people-centred care
• Bando Digital transformation in health and care (H2020- SC1-DTH-2018-2020)

E’ prevista il 19/11/2019 l’apertura dei topic sotto indicati. La scadenza per presentare proposte è il 22/04/2020:
– SC1-DTH-02-2020: Personalised early risk prediction, prevention and intervention based on Artificial Intelligence and Big Data technologies
– SC1-DTH-04-2020: International cooperation in smart living environments for ageing people
– SC1-DTH-06-2020: Accelerating the uptake of computer simulations for testing medicines and medical devices
– SC1-DTH-14-2020: Pre-commercial Procurement for Digital Health and Care Solutions
– SC1-HCC-08-2020: Scaling up innovation for active and healthy ageing
– SC1-HCC-09-2020: Supporting deployment of eHealth in low and lower middle income countries in Africa for better health outcomes
• Bando Trusted digital solutions and Cybersecurity in Health and Care (H2020-SC1-FA-DTS-2018-2020)

Aperto il 19/11/2019, con scadenza il 22/4/2020, il topic:
– DT-TDS-04-2020: AI for Genomics and Personalised Medicine

POR FESR, APEA – Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate

POR FESR, APEA – Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate

ecosostenibile

Obiettivo del presente bando è quello di promuovere e valorizzare le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), e quindi l’economia circolare, la simbiosi e lo sviluppo industriale e tecnologico sostenibile.

Il bando POR FESR sostiene investimenti finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti e la riduzione degli altri impatti ambientali delle Imprese, coerenti con gli obiettivi generali delle APEA e quelli specifici della singola APEA alla quale aderiscono.

Un’APEA è costituita da un insieme di aziende (minimo 2) industriali, artigianali, commerciali, agricole e alle ulteriori attività previste dall’art. 1, comma 1, lettera i) del DPR n. 160/2010, anche in forma mista, ed è caratterizzata dalla gestione integrata di infrastrutture, servizi centralizzati e risorse. Non è necessaria la contiguità dei soggetti aderenti, che possono operare in qualsiasi punto del territorio regionale.

L’obiettivo di ogni APEA è migliorare le prestazioni ambientali, industriali e sociali, in coerenza con gli indirizzi dell’Unione europea, per la promozione di uno sviluppo economico ambientale sostenibile nonché di un modello di gestione delle attività produttive in grado di accrescere la competitività delle imprese aderenti. Un obiettivo fissato dalla Regione Lazio attraverso una specifica Azione Cardine della programmazione 2014-2020.

Sono agevolabili Progetti che prevedono una o più delle seguenti Tipologie di Interventi:

  • Investimenti per l’Efficienza Energetica, inclusi impianti di Teleriscaldamento e Teleraffreddamento Efficienti sotto il Profilo Energetico, di Cogenerazione (autoconsumo) e, in forma combinata, per la Produzione di Energia da Fonti Rinnovabili (destinata all’autoconsumo);
  • Investimenti per la riduzione di emissioni inquinanti di PM10 o di NO2;
  • Investimenti per il risparmio, il riciclo dell’acqua all’interno del ciclo produttivo o per il riutilizzo delle Acque Reflue Industriali;
  • Investimenti per rendere i propri residui di lavorazione Prodotti o Sottoprodotti;
  • Investimenti per utilizzare Sottoprodotti di altre Imprese o materiale Riutilizzato o Riciclato nel proprio ciclo produttivo in luogo di materie prime vergini;
  • Investimenti per la Preparazione al Riutilizzo o il Riciclaggio di determinati Rifiuti Speciali (c.d. “End of Waste”), a determinate condizioni (realizzati da Imprese già autorizzate e i cui input o output provengano o siano utilizzati per almeno il 50% da altre Imprese Aderenti all’APEA);
  • Investimenti per la riduzione di altri impatti ambientali, tramite l’ecoinnovazione o l’introduzione di prodotti o processi che riducono l’uso di una risorsa naturale o prevengono la produzione di rifiuti.

Oltre a tali Tipologie di Interventi e Investimenti “core”, che includono le relative spese di progettazione e tecniche, il Progetto può comprendere:

  • altri Investimenti non compresi nelle Tipologie di Intervento precedenti, ma strettamente strumentali a uno o più di essi;
  • altri studi ambientali e i servizi relativi all’ottenimento di certificazioni energetiche o ambientali;
  • l’avviamento di iniziative imprenditoriali dedicate a perseguire gli obiettivi dell’APEA e alla realizzazione del “programma per il miglioramento dell’efficienza dell’uso delle risorse dell’APEA”.

L’agevolazione è concessa in regime De Minimis, sotto forma di contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle Spese Ammesse.

In alternativa il contributo a fondo perduto può essere richiesto nella forma di Aiuto in esenzione ai sensi del Reg. (UE) 651/2014 (RGE):

  • nella misura del 20% degli Investimenti realizzati dalle Piccole o Micro Imprese, o del 10% nel caso di Medie Imprese (art. 17);
  • nella misura del 50% per servizi di consulenza, inclusi studi e certificazioni, nel caso di Medie, Piccole o Micro Imprese (MPMI) (art. 18);
  • nella misura e alle condizioni indicate ai sensi degli artt. 36, 37, 38, 40, 41, 46, 47 e 49 del RGE (Aiuti per la tutela dell’ambiente). Qualora l’importo dell’Investimento non risultasse interamente una Spesa Ammissibile ai sensi di tali articoli, sull’importo residuo è concedibile l’Aiuto in regime De Minimis o, nel caso delle MPMI, un Aiuto ai sensi dell’art. 17 del RGE.

Alle nuove iniziative imprenditoriali dedicate a perseguire le finalità dell’APEA è concedibile anche un sostegno ai fabbisogni finanziari per l’avviamento ai sensi dell’art. 22 del RGE, che non prevede Spese Ammissibili individuabili. Tale Aiuto, nella forma di contributo a fondo perduto, è dimensionato sugli effettivi fabbisogni finanziari necessari a raggiungere il punto di pareggio, ma non può comunque superare 400.000 euro (600.000 se in Zona Assistita) e il minore importo tra:

  • il 100% degli apporti cash dei soci o consorziati, effettivamente versati a titolo di capitale sociale, incluso eventuale sovraprezzo, o finanziamenti soci in conto capitale;
  • il 25% delle Spese Ammesse per gli Investimenti previsti dal Progetto.

In ogni caso devono essere rispettati il massimale per Impresa Unica previsto dal De Minimis e i limiti di cumulo con altri Aiuti sulle medesime spese ammissibili previsto dal RGE.

Beneficiari di questo bando sono le Imprese Aderenti all’APEA al momento della concessione definitiva dell’Aiuto, ovvero che abbiano sottoscritto il Regolamento di Adesione e Gestione di una APEA formalmente riconosciuta tale dalla Regione Lazio. Possono tuttavia presentare richiesta anche soggetti che hanno aderito ad un progetto di APEA per la quale sia stato richiesto formalmente il riconoscimento, mediante il Portale Green Lazio (in modalità non modificabile, status “trasmesso”), entro il termine ultimo per la presentazione delle Domande.

Le Grandi Imprese sono ammissibili limitatamente alla Tipologie di Intervento n. 1.

I Progetti possono essere realizzati:

  • da singole Imprese, inclusi Consorzi e Contratti di Rete, già iscritti al Registro delle Imprese al momento della presentazione della Domanda o, nel caso dei Liberi Professionisti, già titolare di partita IVA attiva. Solo nei casi di Progetti da realizzarsi mediante una Aggregazione Stabile o/e una nuova iniziativa imprenditoriale dedicata a perseguire le finalità dell’APEA, queste possono essere costituite anche successivamente alla concessione del contributo;
  • da più Imprese in modo unitario tramite una Aggregazione Temporanea, anche da costituire successivamente alla concessione del contributo.

Le richieste di contributo devono essere presentate esclusivamente via PEC, dalle ore 12:00 del 28 aprile 2020 e fino alle ore 18:00 del 9 luglio 2020

FEAMP 2014-2020 – Misura 2.50 – Sviluppo sostenibile dell’acquacoltura – Promozione del capitale umano e del collegamento in rete – Anno 2020

FEAMP 2014-2020 – Misura 2.50 – Sviluppo sostenibile dell’acquacoltura – Promozione del capitale umano e del collegamento in rete – Anno 2020

oyster-farm-1404177_640

Il presente Avviso intende promuovere il capitale umano per contribuire a migliorare la competitività e il rendimento economico delle attività acquicole, per ottenere un settore competitivo e rispettoso dell’ambiente.

La Misura intende favorire la formazione professionale, l’apprendimento permanente, la diffusione delle conoscenze scientifiche, lo scambio di esperienze e il collegamento in rete nel settore dell’acquacoltura.

Gli interventi potranno consistere in percorsi di formazione continua, seminari tematici formativi, collegamenti in rete, scambi di esperienze e buone pratiche, eventi di diffusione.

I soggetti ammissibili sono gli Organismi accreditati ai sensi della normativa della Regione Emilia-Romagna vigente per l’ambito “Formazione continua e permanente”.

Scadenza: 6 maggio 2020

1 2 3 8