AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO CAMPAGNA VITIVINICOLA 2019/2020

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO CAMPAGNA VITIVINICOLA 2019/2020

6-Agri-Food

La presente misura, destinata al settore vitivinicolo, prevede il sostegno finanziario per investimenti materiali o immateriali in impianti di trasformazione ed infrastrutture vinicole nonché in strutture e strumenti di commercializzazione, diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa, soprattutto in termini di adeguamento alla domanda del mercato, e aumentarne la competitività.

Destinatari del bando sono le microimprese, piccole e medie imprese che hanno sede legale o unità locali nella Regione Abruzzo e che svolgono attività sul vino e/o prodotti a monte del vino di provenienza regionale.

Sono ammissibili a finanziamento le seguenti azioni: Produzione di prodotti vitivinicoli (dalla lavorazione delle uve all’imbottigliamento e all’etichettatura di vino in cantina); Controllo di qualità; Marketing dei prodotti vitivinicoli; Spese di partecipazione generale.

La disponibilità finanziaria della Misura ammonta ad Euro 3.094.106,78; l’importo della spesa ammissibile a finanziamento va da un minimo di Euro 10.000,00 ad un massimo di Euro 700.000,00.

Il sostegno per gli investimenti materiali o immateriali realizzati è erogato al 40% delle spese ammesse al finanziamento, realmente effettuate e rendicontate dal beneficiario.

Scadenza: 15/11/2019

Fondo Asilo, migrazione e integrazione: Bando AMIF-2019-AG – CALL

Fondo Asilo, migrazione e integrazione: Bando AMIF-2019-AG - CALL

hand-1137977_1280

Nell’ambito del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (FAMI) è stato lanciato il bando 2019 per progetti transnazionali. Con una dotazione complessiva di 21,5 milioni di euro, la nuova call intende sostenere progetti focalizzati su 7 tematiche. Ciascun progetto proposto può riguardare una sola delle tematiche individuate:

  1. Promuovere l’integrazione delle persone bisognose di protezione attraverso programmi di sponsorizzazione privata (risorse disponibili: 4.000.000 euro)
  2. Orientamento sociale dei cittadini di Paesi terzi appena arrivati attraverso il coinvolgimento delle comunità locali, comprese attività di mentoring e di volontariato (risorse disponibili: 4.000.000 euro)
  3. Integrazione sociale ed economica delle donne migranti (risorse disponibili: 4.000.000 euro)
  4. Campagne di informazione e sensibilizzazione sui rischi della migrazione irregolare in determinati Paesi terzi e in Europa (risorse disponibili: 4.850.000 euro)
  5. Sostegno alle vittime della tratta (risorse disponibili: 2.550.000 euro)
  6. Protezione dei minori migranti (risorse disponibili: 1.700.000 euro)
  7. Progetti transnazionali ad opera degli Stati membri per la formazione di esperti nel settore dell’asilo e dell’immigrazione (risorse disponibili: 400.000 euro)

Il bando è aperto a persone giuridiche stabilite negli Stati UE (escluso Danimarca in quanto unico Paese UE che non partecipa al Fondo). Più precisamente, possono essere lead-applicant di progetto:

– Enti pubblici (per progetti riguardanti tutti i temi)

– Enti privati non-profit (escluso progetti riguardanti il tema 7)

– Organizzazioni internazionali (escluso progetti riguardanti i temi 5 e 7)

Possono essere co-applicant di progetto:

– Enti pubblici (per progetti riguardanti tutti i temi)

– Enti privati non-profit (escluso progetti riguardanti il tema 7)

– Enti a scopo di lucro (escluso progetti riguardanti i temi 5 e 7)

– Organizzazioni internazionali (escluso progetti riguardanti i temi5 e 7)

Solo per i progetti riguardanti il tema 1 possono essere co-applicant anche enti stabiliti in Svizzera e Canada, ma senza copertura dei costi.

I progetti da candidare devono essere transnazionali, ovvero i progetti riguardanti i temi 1, 4, 5, 6 e 7 devono coinvolgere almeno 2 partner stabiliti in 2 diversi Stati UE, mentre i progetti relativi ai temi 2 e 3 devono essere realizzati da una partnership costituita da almeno 3 partner di 3 diversi Stati UE.

Il contributo UE per i progetti selezionati potrà coprire fino al 90% dei loro costi totali ammissibili, ma la sovvenzione richiesta deve essere compresa tra:

– € 400.000 e € 1.000.000 per i progetti relativi ai temi 1, 2, 3

– € 300.000 e € 1.000.000 per i progetti relativi al tema 4

– € 300.000 e € 600.000 per i progetti relativi ai temi 5 e 6

– € 300.000 e € 400.000 per i progetti relativi al tema 7

I progetti proposti devono avere una durata massima di 36 mesi (solo per progetti sul tema 1) o di 24 mesi, con inizio indicativamente tra dicembre 2020/gennaio 2021.

Scadenza: 30 gennaio 2020, ore 17.00

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati extra UE

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati extra UE

6-Agri-Food

La misura “Promozione del vino sui mercati dei paesi terzi”, nell’ambito dell’OCM Vino, è stata introdotta dall’Unione Europea con l’intento di accrescere la competitività delle aziende vitivinicole europee incidendo sulla loro capacità di esportazione, in un contesto economico reso difficile dalla concorrenza di nuovi paesi esportatori di vino che sono stati favoriti in questi anni da vantaggi consistenti dovuti al rafforzamento dell’euro rispetto al dollaro, da aree di libero mercato, nonché da accordi WTO tra paesi e infine da politiche di protezionismo attuate ai danni delle aziende europee.
L’Unione Europa, attraverso un processo di riforma del comparto vitivinicolo europeo con l’adozione dei Regolamenti (CE) n. 1234/2007, n. 555/2008 e Regolamento (CE) n. 1308/2013 in merito a “Organizzazione Comune dei Mercati dei prodotti agricoli” (nuova Ocm unica), ha quindi cercato di semplificare l’organizzazione comune del mercato vitivinicolo per conseguire un migliore equilibrio tra l’offerta e la domanda e rendere il settore più competitivo a lungo termine.
L’impianto normativo dell’OCM vino, predisposto dall’Unione Europea, presenta una struttura innovativa e flessibile basata su programmi quinquennali di sostegno definiti ad inizio programmazione da ciascun Stato membro. Attraverso questi programmi ciascun stato membro ha a disposizione una dotazione finanziaria comunitaria che permette di finanziare specifiche misure di sostegno (tra le quali quella della promozione nei paesi terzi) finalizzate al raggiungimento di determinati obbiettivi riguardanti il rafforzamento della struttura competitiva del proprio comparto.
In merito al programma nazionale di sostegno l’Italia ha individuato come propri obiettivi di medio-lungo termine lo stimolo all’aggregazione tra aziende, per sopperire alla eccessiva frammentazione e sottodimensionamento del comparto, e all’esportazione sui mercati tradizionali ed emergenti sostenendo soprattutto i vini di qualità: Denominazioni di origine e indicazioni geografiche.
Nel periodo di programmazione 2014/2020 la Regione Piemonte ha approvato contributi nell’ambito della misura OCM Vino “Promozione del vino sui mercati dei paesi terzi” per un importo complessivo di oltre 48 milioni di euro finanziando investimenti per oltre 107 milioni di euro in 5 anni.
Il bando scade 15 luglio 2019.

Bando pubblico per la presentazione di domande di sostegno Misura 6 – sottomisura 6.2. OPERAZIONE 6.2.1. Aiuti all’avviamento di attività imprenditoriali extra agricole

Bando pubblico per la presentazione di domande di sostegno Misura 6 - sottomisura 6.2. OPERAZIONE 6.2.1. Aiuti all'avviamento di attività imprenditoriali extra agricole

marketing-board-strategy

L’operazione sostiene l’avvio di attività specificamente connesse al turismo rurale con particolare attenzione alla fornitura di servizi anche di carattere culturale e ludico-sportivo, alla presentazione-commercializzazione di produzioni tipiche locali, alla introduzione di tecnologie informatiche innovative per la promozione e la fruizione del territorio.

Le nuove imprese di cui il GAL Giarolo sostiene la creazione sono finalizzate all’erogazione di servizi turistici e commerciali collegati alle naturali vocazioni artistiche, storiche e paesaggistiche del territorio e alla promozione delle produzioni tradizionali locali.

Possono partecipare:

  • Persone fisiche
  • disoccupati, inattivi (persone che non sono attualmente occupate e non sono alla ricerca attiva di lavoro),
  • occupati – di età compresa tra i 18 e i 61 anni non ancora compiuti alla data di trasmissione della domanda di sostegno, che intendono avviare un’iniziativa imprenditoriale / di lavoro autonomo collegata al turismo rurale, con sede legale ed operativa in Area GAL Giarolo.

Questi beneficiari seguiranno il percorso descritto nell’Appendice del presente banco al punto 1 relativamente al Programma MIP Mettersi in Proprio del settore regionale Politiche del Lavoro.

  • Microimprese neo-costituite ovvero costituite da massimo 180 giorni (data di iscrizione al Registro imprese della Camera di Commercio) al momento della presentazione della domanda di partecipazione al bando che non abbiano seguito o concluso positivamente il percorso di assistenza ex ante del Programma MIP.

Questi beneficiari seguiranno il percorso descritto nell’Appendice del presente bando al punto 2 relativamente al Programma MIP Mettersi in Proprio del settore regionale Politiche del Lavoro.

Gli interventi devono essere localizzati in uno dei 56 Comuni facenti parte del GAL Giarolo Leader.

L’operazione prevede l’erogazione di un aiuto forfettario per cui non è direttamente collegabile ad operazioni o investimenti sostenuti dalla nuova impresa. Il premio erogato in conto capitale è pari a 35.000,00 €.

Il premio verrà erogato obbligatoriamente in due rate, la prima in acconto del 50% a seguito della dimostrazione di avvio dell’attività desunto dalla Visura Camerale, la seconda a saldo pari al 50 %, entro i 24 mesi, previa dimostrazione di aver raggiunto gli obiettivi minimi fissati nel Piano aziendale, la cui attuazione incompleta esclude l’erogazione della quota a saldo (50%) e, in funzione del livello di responsabilità dell’imprenditore, può comportare la richiesta di restituzione della quota già erogata.

La rata iniziale pari al 50% verrà erogata previa presentazione di idonea garanzia fideiussoria, come meglio dettagliato al punto 11 del presente bando.

Scadenza: 30/08/2019

Contributi ai Centri di assistenza tecnica – anno 2019

Contributi ai Centri di assistenza tecnica - anno 2019

Training

Sono previsti contributi, in regime de minimis, ai centri di assistenza tecnica di cui all’art. 23 del D.Lgs. 114/98, autorizzati dalla Regione Emilia Romagna, antecedentemente la data di presentazione della domanda, nella misura massima del 50% delle spese ammissibili e per un importo massimo di € 50.000 per i C.A.T. di livello regionale e di € 25.000 per quelli di livello non regionale, per la realizzazione di progetti di valorizzazione di aree commerciali finalizzati alla:

  • realizzazione e/o promozione di marchi di qualità territoriali anche in settori non coperti dalle attuali normative;
  • realizzazione di strategie di marketing territoriale in funzione delle specificità e potenzialità locali;
  • realizzazione di specifiche campagne promozionali di eventi, manifestazioni, iniziative, ecc;
  • realizzazione di specifici servizi collettivi a livello territoriale.

Sono ammissibili i progetti la cui realizzazione abbia avuto inizio a partire dal 01/01/2020 e completati e rendicontati entro 31/12/2020.

Le domande devono essere presentate entro e non oltre il 31 luglio 2019.

Valorizzazione e promozione del pane e dei prodotti da forno – anno 2019

Valorizzazione e promozione del pane e dei prodotti da forno - anno 2019

bread-1281053_1280

La Regione intende promuovere e valorizzare il pane e i prodotti da forno realizzati da soggetti iscritti all’Albo delle imprese artigiane. Il bando sostiene, con specifici contributi, le iniziative promozionali da tenersi in concomitanza con la “Giornata del pane e dei prodotti da forno”, che si svolgerà nel mese di ottobre 2019.

Possono presentare domanda le associazioni senza fini di lucro che tra le proprie finalità sociali si prefiggano la promozione e valorizzazione del pane e dei prodotti da forno nonché delle imprese di panificazione e affini, iscritte all’Albo delle Imprese Artigiane, con sede legale nell’Emilia-Romagna.

L’agevolazione, a fondo perduto, è concessa nella misura massima dell’80% delle spese ritenute ammissibili.

I contributi previsti nel presente bando non sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche concessi sulle medesime spese sostenute per la realizzazione dei progetti.

I progetti devono prevedere azioni di promozione finalizzate a diffondere tra i cittadini, specialmente tra bambini e giovani, la consapevolezza della qualità del pane e dei prodotti da forno artigianali.

Sono ammesse spese:

  1. a) legate all’organizzazione di eventi
  2. b) per produzione di materiale divulgativo, promozionale e pubblicitario
  3. c) per consulenze e/o acquisizione servizi specialistici strettamente correlati al progetto
  4. d) per acquisto spazi pubblicitari;
  5. e) generali connesse alla realizzazione del progetto, nella misura massima del 5% della somma di tutte le altre voci di spesa.

Tutte le spese dovranno essere sostenute dopo la presentazione della domanda ed entro l’anno 2019.

La domanda di contributo e il relativo progetto devono essere inviate alla Regione in formato elettronico, a partire dal giorno 23 aprile 2019 ed entro le ore 13.00 del 3 giugno 2019. La realizzazione dei progetti deve concludersi entro il 31 dicembre 2019. Le risorse destinate al bando ammontano a € 100.000,00.

Azioni di promozione internazionale ClustER – Anno 2019 – Programma attività produttive

Azioni di promozione internazionale ClustER - Anno 2019 - Programma attività produttive

Fiera

La Regione intende sostenere azioni di promozione all’estero realizzate dalle Associazioni per lo sviluppo della Strategia di Specializzazione intelligente dell’Emilia-Romagna.

Associazioni formalmente costituite nell’ambito del percorso e con le caratteristiche richieste dall’avviso approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 671/2017 possono partecipare.

Il contributo regionale verrà concesso nella misura del 100% delle spese previste, nei limiti degli importi massimi sotto indicati.
Importo massimo di € 15.000 calcolato con la seguente modalità:

-fino a € 5.000 per le attività realizzate nei paesi dell’Unione Europea

-fino a € 10.000 per le attività svolte nei paesi extra-Unione Europea

In caso di progetti che comprendano azioni sia in Paesi dell’UE che in Paesi extra UE si applicheranno i massimali sopra indicati separatamente per ciascun gruppo di paesi.

Le spese che possono essere finanziate sono:

-costi di viaggio, vitto e alloggio nei paesi target

-costi per l’adesione a eventi high tech di promozione, fiere, convegni nei paesi target

-costi per l’affitto di spazi e attrezzature, costi per allestimenti finalizzati a realizzare eventi di promozione nei paesi target

-costi di interpretariato

Le domande devono essere presentate a partire dalle ore 09.00 del 04 marzo 2019

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati dei paesi terzi.

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati dei paesi terzi.

6-Agri-Food

La misura si propone di sostenere le attività promozionali a favore delle produzioni di qualità a denominazione di origine svolte dai consorzi di tutela e dalle aziende vitivinicole associate o singole sui mercati extra UE promuovendo l’export piemontese. Sonno ammissibili le spese inerenti alle attività di marketing. L’aiuto è concesso per un importo pari al 50% delle spese sostenute.

Possono beneficiare della misura i produttori di vino di qualità singoli o associati con priorità ai marchi collettivi promossi da i Consorzi di tutela e alle micro, piccole e medie imprese.

Le domande possono essere inviate entro 25.09.2018.

Contributi triennali 2018-2020 per i Carnevali storici

Contributi triennali 2018-2020 per i Carnevali storici

eyes-1283163_640

La Direzione Generale Spettacolo del Mibact, attraverso i contributi triennali 2018-2020 contribuisce al sostegno dei Carnevali Storici, al fine di valorizzarne la funzione per la conservazione e la trasmissione delle tradizioni storiche e popolari in relazione alla promozione dei territori.

Le manifestazioni devono attestare almeno 25 edizioni documentabili, con una riconosciuta identità storica e culturale a livello nazionale e internazionale.

Possono presentare istanza di contributo Comuni, Fondazioni e Associazioni con personalità giuridica senza scopo di lucro, nella cui composizione societaria siano presenti Enti locali, aventi come fine statutario l’organizzazione e la promozione di carnevali storici e che siano organizzatori dei carnevali a cui si riferisce la domanda presentata.

Le risorse ammontano a complessivi due milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020.

L’entità del contributo annuale al singolo progetto non può superare la cifra massima di Euro 100.000,00 e non può essere inferiore alla cifra minima di Euro 50.000,00.

La domanda di progetto triennale 2018-2020 corredata dal relativo programma annuale per il 2018 dovrà essere presentata attraverso la procedura telematica utilizzando i modelli disponibili online previa registrazione sulla piattaforma http://dos.beniculturali.it/login.php  dal 6 agosto 2018 ed entro le ore 12.00 del 30 settembre 2018. Qualora la scadenza coincida con un giorno festivo, il termine è prorogato alle ore 12.00 del primo giorno successivo non festivo.

Sostegno per lo sviluppo della strategia di specializzazione intelligente dell’Emilia-Romagna, finalizzato ad azioni di promozione internazionale

Sostegno per lo sviluppo della strategia di specializzazione intelligente dell’Emilia-Romagna, finalizzato ad azioni di promozione internazionale

industry-2489601_960_720

 

 

La Regione Emilia intende promuovere il sistema produttivo regionale sostenendo ed espandendo iniziative di sistema volte alla promozione di filiere e/o settori produttivi regionali.

Beneficiari – Associazioni formalmente costituite nell’ambito del percorso e con le caratteristiche richieste dall’avviso approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 671/2017

Contributo regionale.

La Regione contribuirà alla realizzazione delle azioni di ciascuna Associazione in non più di due paesi con un importo massimo di € 10.000,00 calcolato con la seguente modalità:

  • o fino a € 5.000 per le attività realizzate nei paesi dell’Unione Europea
  • o fino a € 10.000 per le attività svolte nei paesi extra-Unione Europea

Le domande potranno essere presentate dal 9 agosto 2018 fino alle ore 16.00 del 31 ottobre 2018.

1 2