OCM Vino – Misura Investimenti. Campagna 2020/2021

OCM Vino – Misura Investimenti. Campagna 2020/2021

6-Agri-Food

La misura finanzia opere di natura edilizia e acquisto immobili, acquisto di attrezzature e impianti, acquisto di attrezzature informatiche e relativi programmi e piattaforme per punti vendita aziendali  ubicati sia all’interno che all’esterno delle unità produttive di trasformazione e conservazione, comprensivi di sale di degustazione, investimenti materiali per l’esposizione e la vendita dei prodotti vitivinicoli, compresa la degustazione.

Possono partecipare aziende produttrici di vino.

Scadenza: 15/11/2020

Misura OCM vino “Investimenti” per la campagna 2020/2021

Misura OCM vino “Investimenti” per la campagna 2020/2021

6-Agri-Food

La Regione Emilia-Romagna concede contributi per investimenti materiali e/o immateriali in impianti di trattamento e in infrastrutture vinicole nonché in strutture e strumenti di commercializzazione del vino diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa e ad aumentarne la competitività.

Sono ammissibili a sostegno le spese per investimenti materiali e immateriali quali:

  • costruzione/ristrutturazione di immobili strumentali allo svolgimento delle attività, con esclusione degli interventi che riguardino punti vendita non attigui alla sede di lavorazione delle uve e/o vino;
  • acquisto di impianti, macchinari ed attrezzature specifici per l’attività di trasformazione e/o commercializzazione;
  • arredi ed allestimenti finalizzati alla funzionalità di punti vendita diretta al consumatore finale dei prodotti aziendali;
  • creazione e/o implementazione di siti internet, finalizzati all’e-commerce;
  • acquisto di software;
  • spese tecniche, quali onorari di professionisti e consulenti, direttamente riconducibili agli investimenti proposti.

Modalità presentazione domande di sostegno: on line compilando la specifica modulistica prodotta dal SIAG – Sistema Informativo Agricolo di AGREA. Per poter compilare la domanda on line è necessario farsi accreditare alla piattaforma con procedura Agrea.

Scadenza: 15/11/2020

Ristrutturazione e riconversione vigneti – Campagna 2020-2021

Ristrutturazione e riconversione vigneti – Campagna 2020-2021

Il bando è rivolto alle imprese agricole emiliano-romagnole per la ristrutturazione e la riconversione di vigneti, adatti alla produzione di vini Doc e Igp, valorizzando i vini di qualità legati al territorio. Tra gli obiettivi quello di rafforzare l’identità delle produzioni e fare un altro passo avanti nell’operazione di rinnovo e modernizzazione delle vigne, oltre ad incentivare il ricorso alla meccanizzazione delle coltivazioni abbassando i costi di produzione delle aziende, spesso di piccole dimensioni, e aumentare la competitività sui mercati. Gli imprenditori agricoli singoli o associati, i conduttori di superfici vitate o chi possiede un’autorizzazione al reimpianto possono accedere al bando e fare richiesta di finanziamenti che mirano a dare risposte alle diverse realtà produttive del territorio, dalla collina alla pianura. Sono previsti diversi tipi di interventi: la riconversione varietale (cioè il reimpianto di una varietà di vite di maggior pregio enologico o commerciale o il sovrainnesto su impianti esistenti), la ristrutturazione (intesa come la ricollocazione del vigneto in una posizione più favorevole o il reimpianto con modifiche al tipo di allevamento), il passaggio a tecniche di gestione più efficaci, quali ad esempio l’introduzione di impianti irrigui o la modifica della forma di allevamento dei vigneti. Tutti gli interventi per i quali è richiesto il contributo possono iniziare solo in data successiva alla richiesta.

Il bando rispetto a quello della campagna 2019/2020, contiene le seguenti novità:

  1. È un bando biennale nel quale i richiedenti potranno scegliere da subito se terminare i lavori entro il 31 maggio dell’anno 2021 ottenendo il pagamento a saldo, oppure entro il 31 maggio 2022 richiedendo il pagamento anticipato;
  2. Le risorse assegnate, pari a quelle dell’anno precedenti ovvero oltre 15,6 milioni di € sono subordinate all’approvazione da parte dell’Unione Europea della disponibilità finanziaria per l’annualità 2021 o del quadro finanziario pluriennale. A seguito dell’emergenza sanitaria in atto si ipotizza che la Unione Europea approverà il regolamento di transizione che dia copertura alle risorse finanziarie dell’annualità 2021 e stabilisca anche quelle dell’anno 2022.
  3. I viticoltori che aderiscono al bando prevedendo di estirpare un vigneto preesistente dovranno iniziare le operazioni dopo il 15 settembre 2020 (come sempre anche se non richiedono a contributo le operazioni di estirpazioni e mancato reddito);
  4. Ampliata la possibilità di subentro dei beneficiari a tutte le aziende che debbono garantire il ricambio generazionale in azienda di un giovane imprenditore agricolo che si sia insediato per la prima volta in agricoltura (oltre al caso del decesso già previsto in precedenza).
  5. Per semplificarne l’attuazione è stato:
  6. eliminata la scadenza prevista per la presentazione delle domande di autorizzazione al reimpianto da estirpo (quella che nel bando 2019/2020 fissava al 10 marzo 2020 la scadenza);
  7. eliminata la leggera differenza di contributo prevista per i vigneti realizzati con forme di allevamento come la Guyot e la Silvoz, diffuse in ambito regionale;
  8. eliminata la possibilità di richiedere l’impianto irriguo su un vigneto chiesto a contributo nelle precedenti campagne e non ancora terminato. I predetti vigneti potranno richiedere il contributo per l’impianto di irrigazione non appena il vigneto sarà terminato e iscritto nello schedario viticolo aziendale, già in questo bando se l’iscrizione in schedario avviene prima della scadenza dei termini delle domande o l’anno successivo.
  9. eliminate le penalità connesse ai viticoltori che decidono di rinunciare al contributo fino alla scadenza dei termini previsti per presentare le domande di pagamento a saldo o anticipo.

Scadenza: 15/07/2020

OCM Vino ‐ Campagna 2019/2020 Regione Puglia

OCM Vino ‐ Campagna 2019/2020 Regione Puglia

6-Agri-Food

Per la campagna 2019/2020 è stata assegnata alla Regione Puglia la somma di Euro 6.893.389,95. L’aiuto è concesso ai soggetti che hanno sede operativa nella Regione Puglia, si qualificano come microimprese, piccole e medie imprese e svolgono almeno una delle seguenti attività: 1) la produzione di mosto di uve; 2) la produzione di vino ottenuto dalla trasformazione di uve fresche o da mosto di uve; 3) l’elaborazione, l’affinamento e/o il confezionamento del vino; 4) la produzione di vino attraverso la lavorazione delle proprie uve da parte di terzi vinificatori qualora la domanda sia rivolta a realizzare ex novo un impianto di trattamento o una infrastruttura vinicola, anche ai fini della commercializzazione.
Le azioni ammissibili sono riportate di seguito: 1) Realizzazione di punti vendita e sale degustazione extra aziendali dei vini regionali sul territorio regionale e nazionale; 2) Attività di e‐commerce ‐ “Cantina virtuale”; 3) Logistica a sostegno della filiera vitivinicola.
L’importo minimo della spesa ammissibile a finanziamento non può essere inferiore a: Euro 30.000,00 per l’Azione 1 (Realizzazione Punti vendita e sale degustazioni extra aziendali);Euro 5.000,00 per l’Azione 2 (Attività di e‐commerce); Euro 30.000,00 per l’Azione 3 (Logistica a sostegno della filiera vitivinicola).
L’importo massimo di spesa ammissibile non può essere superiore a:Euro 200.000,00 per l’Azione 1 (Realizzazione Punti vendita e sale degustazioni extra aziendali);Euro 30.000,00 per l’Azione 2 (Attività di e‐commerce); Euro 400.000,00 per l’Azione 3 (Logistica a sostegno della filiera vitivinicola).
Si possono richiedere aiuti per più azioni. Il contributo pubblico concedibile sulla spesa ammessa è pari al 50% della stessa. La compilazione e presentazione delle domande di aiuto è effettuata esclusivamente in via telematica, utilizzando le funzionalità on‐line messe a disposizione dall’OP Agea sul portale SIAN. Il termine per la presentazione da parte dei richiedenti delle domande di aiuto è fissato alla data del 15 novembre del 2019.

OCM Vino ‐ Campagna 2019/2020 Regione Campania

OCM Vino ‐ Campagna 2019/2020 Regione Campania

6-Agri-Food

Il Piano nazionale di sostegno (PNS) del vino 2019-2023 contiene una serie di misure tra le quali quella degli Investimenti. Anche per la Regione Campania, si tratta di una misura che finanzia i progetti di investimenti materiali o immateriali, impianti di trasformazione e commercializzazione del vino diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa vitivinicola, con l’obiettivo di adeguare la struttura dell’azienda alla domanda di mercato e di conseguire una maggiore competitività nel settore del vino.
Le azioni della presente Misura sono riservate alle micro, piccole e medie imprese che hanno sede legale o unità locali nella Regione Campania ed il cui investimento sia realizzato sul territorio regionale. l sostegno è limitato alle microimprese, piccole e medie imprese impegnate in almeno una delle seguenti attività: 1) la produzione di mosto di uve; 2) la produzione di vino ottenuto dalla trasformazione di uve fresche o da mosto di uve; 3) l’elaborazione, l’affinamento e/o il confezionamento del vino;4) la produzione di vino attraverso la lavorazione delle proprie uve da parte di terzi vinificatori qualora la domanda sia rivolta a realizzare ex novo un impianto di trattamento o una infrastruttura vinicola, anche ai fini della commercializzazione.
Sono ammissibili a finanziamento le seguenti azioni: spese per acquisto di nuove macchine e/o attrezzature; onorari per consulenze e spese generali; Realizzazione di punti vendita e sale degustazione extra aziendali; attività di e‐commerce; spese manutenzione ordinaria dei locali extra aziendali.
L’importo del contributo delle azioni da realizzare è pari massimo al 50% dell’importo totale della spesa approvata e rendicontata. I progetti possono essere ammessi a finanziamento per un importo progettuale minimo di euro 20.000,00, mentre l’importo progettuale massimo è pari: per gli investimenti aziendali € 80.000,00; per quelli extra aziendali € 150.000,00.
La compilazione e la presentazione delle domande di aiuto è effettuata in via telematica utilizzando le funzionalità on-line messe a disposizione dall’OP AGEA sul portale SIAN.
l termine per la presentazione delle domande è fissato alla data del 15 novembre del 2019.

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO CAMPAGNA VITIVINICOLA 2019/2020

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO CAMPAGNA VITIVINICOLA 2019/2020

6-Agri-Food

La presente misura, destinata al settore vitivinicolo, prevede il sostegno finanziario per investimenti materiali o immateriali in impianti di trasformazione ed infrastrutture vinicole nonché in strutture e strumenti di commercializzazione, diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa, soprattutto in termini di adeguamento alla domanda del mercato, e aumentarne la competitività.

Destinatari del bando sono le microimprese, piccole e medie imprese che hanno sede legale o unità locali nella Regione Abruzzo e che svolgono attività sul vino e/o prodotti a monte del vino di provenienza regionale.

Sono ammissibili a finanziamento le seguenti azioni: Produzione di prodotti vitivinicoli (dalla lavorazione delle uve all’imbottigliamento e all’etichettatura di vino in cantina); Controllo di qualità; Marketing dei prodotti vitivinicoli; Spese di partecipazione generale.

La disponibilità finanziaria della Misura ammonta ad Euro 3.094.106,78; l’importo della spesa ammissibile a finanziamento va da un minimo di Euro 10.000,00 ad un massimo di Euro 700.000,00.

Il sostegno per gli investimenti materiali o immateriali realizzati è erogato al 40% delle spese ammesse al finanziamento, realmente effettuate e rendicontate dal beneficiario.

Scadenza: 15/11/2019

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati extra UE

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati extra UE

6-Agri-Food

La misura “Promozione del vino sui mercati dei paesi terzi”, nell’ambito dell’OCM Vino, è stata introdotta dall’Unione Europea con l’intento di accrescere la competitività delle aziende vitivinicole europee incidendo sulla loro capacità di esportazione, in un contesto economico reso difficile dalla concorrenza di nuovi paesi esportatori di vino che sono stati favoriti in questi anni da vantaggi consistenti dovuti al rafforzamento dell’euro rispetto al dollaro, da aree di libero mercato, nonché da accordi WTO tra paesi e infine da politiche di protezionismo attuate ai danni delle aziende europee.
L’Unione Europa, attraverso un processo di riforma del comparto vitivinicolo europeo con l’adozione dei Regolamenti (CE) n. 1234/2007, n. 555/2008 e Regolamento (CE) n. 1308/2013 in merito a “Organizzazione Comune dei Mercati dei prodotti agricoli” (nuova Ocm unica), ha quindi cercato di semplificare l’organizzazione comune del mercato vitivinicolo per conseguire un migliore equilibrio tra l’offerta e la domanda e rendere il settore più competitivo a lungo termine.
L’impianto normativo dell’OCM vino, predisposto dall’Unione Europea, presenta una struttura innovativa e flessibile basata su programmi quinquennali di sostegno definiti ad inizio programmazione da ciascun Stato membro. Attraverso questi programmi ciascun stato membro ha a disposizione una dotazione finanziaria comunitaria che permette di finanziare specifiche misure di sostegno (tra le quali quella della promozione nei paesi terzi) finalizzate al raggiungimento di determinati obbiettivi riguardanti il rafforzamento della struttura competitiva del proprio comparto.
In merito al programma nazionale di sostegno l’Italia ha individuato come propri obiettivi di medio-lungo termine lo stimolo all’aggregazione tra aziende, per sopperire alla eccessiva frammentazione e sottodimensionamento del comparto, e all’esportazione sui mercati tradizionali ed emergenti sostenendo soprattutto i vini di qualità: Denominazioni di origine e indicazioni geografiche.
Nel periodo di programmazione 2014/2020 la Regione Piemonte ha approvato contributi nell’ambito della misura OCM Vino “Promozione del vino sui mercati dei paesi terzi” per un importo complessivo di oltre 48 milioni di euro finanziando investimenti per oltre 107 milioni di euro in 5 anni.
Il bando scade 15 luglio 2019.

Campagna vitivinicola 2018/2019 – Bando per l’ammissione ai finanziamenti previsti dalla misura “Investimenti”

Campagna vitivinicola 2018/2019 – Bando per l’ammissione ai finanziamenti previsti dalla misura “Investimenti” in attuazione dell’articolo 50 del Regolamento (UE) n. 1308/2013 e del Decreto Ministeriale n. 911/2017

6-Agri-Food

La presente misura finanzia i progetti diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa vitivinicola, con l’obiettivo di adeguare la struttura dell’azienda alla domanda di mercato e di conseguire una maggiore competitività nel settore del vino.
Sono finanziabili le domande di sostegno relative a progetti di investimento di durata annuale la cui conclusione deve essere entro il 31 agosto 2019.
I progetti finanziabili riguardano solo la promozione e la valorizzazione dei vini DOP e/o IGP.
L’accesso alla misura è riservato ai soggetti la cui attività rientri almeno in una delle seguenti: produzione di mosto di uve ottenuto dalla trasformazione di uve fresche da esse stesse ottenute, acquistate, o conferite dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione; produzione di vino ottenuto dalla trasformazione di uve fresche o da mosto di uve da esse stesse ottenuti, acquistati o conferiti dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione; elaborazione, l’affinamento e/o il confezionamento del vino conferito dai soci, e/o acquistato anche ai fini della sua commercializzazione; produzione di vino attraverso la lavorazione delle proprie uve da parte di terzi vinificatori qualora la domanda sia rivolta a realizzare ex novo un impianto di trattamento o una infrastruttura vinicola, anche ai fini della commercializzazione.

Le risorse finanziarie assegnate sono di € 1.889.120,00.
L’importo del contributo delle è pari massimo al 50% dell’importo totale della spesa approvata e rendicontata; la percentuale residua è a carico del soggetto beneficiario. Il limite massimo del 50% di contributo è riconoscibile alle micro, piccole e medie imprese; mentre per la grande impresa il livello dell’aiuto è fissato al 15% della spesa effettivamente sostenuta.
L’importo progettuale minimo di €20.000,00, mentre l’importo progettuale massimo è pari € 80.000,00 per gli investimenti aziendali (spese per acquisto di nuove macchine e/o attrezzature; spese per studi di sostenibilità finanziaria dell’intervento; onorario per la progettazione degli interventi e la direzione dei lavori e gestione del cantiere; compensi per studi di fattibilità e acquisizione di brevetti e licenze) e € 150.000,00 per gli investimenti extra aziendali (la realizzazione di punti vendita extra-aziendali, attività di e-commerce, adozione di tecnologie di informazione e comunicazione (ICT), spese manutenzione dei locali extra aziendali).

Il termine di scadenza è il 15 febbraio 2019

Contributo sui fondi OCM vino previsti dalla misura “Promozione sui mercati dei Paesi terzi” per la campagna 2018/2019

Contributo sui fondi OCM vino previsti dalla misura “Promozione sui mercati dei Paesi terzi” per la campagna 2018/2019

6-Agri-Food

Il bando regionale adotta le modalità di attuazione della misura della promozione contenute nell’avviso pubblico emanato dal Mipaaft con decreto direttoriale 27 luglio 2018, n. 55508, stabilendo al contempo di:

  • non finanziare progetti multiregionali
  • abbassare la soglia minima di contributo a 100.000 euro
  • modificare il punteggio attribuito ai criteri di priorità

E’ ammessa la promozione di vini Doc e IGP, vini spumanti di qualità anche aromatici e vini con l’indicazione della varietà purché la promozione di quest’ultimi non sia esclusiva.

I produttori di vino e le loro associazioni possono usufruire dei contributi previsti purché dispongano di sufficienti capacità tecniche e risorse finanziare e abbiano adeguata disponibilità di vino da esportare come stabilito nel bando ministeriale.

Gli interventi finanziabili sono:

  • Attività di pubbliche relazioni, pubblicità e promozione dei prodotti vitivinicoli
  • Partecipazioni a fiere ed esposizioni d’importanza internazionale
  • Campagne di informazione in particolare sui sistemi di produzione di qualità
  • Studi per la valutazione dei risultati delle attività realizzate

Scadenza: 5 ottobre 2018

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati dei paesi terzi.

OCM Vino Misura promozione dei vini sui mercati dei paesi terzi.

6-Agri-Food

La misura si propone di sostenere le attività promozionali a favore delle produzioni di qualità a denominazione di origine svolte dai consorzi di tutela e dalle aziende vitivinicole associate o singole sui mercati extra UE promuovendo l’export piemontese. Sonno ammissibili le spese inerenti alle attività di marketing. L’aiuto è concesso per un importo pari al 50% delle spese sostenute.

Possono beneficiare della misura i produttori di vino di qualità singoli o associati con priorità ai marchi collettivi promossi da i Consorzi di tutela e alle micro, piccole e medie imprese.

Le domande possono essere inviate entro 25.09.2018.

1 2