Bando per attrezzature sanitarie 2019-2020

Bando per attrezzature sanitarie 2019-2020

media-2082641_640

Il presente bando, sostenuto da Compagnia di San Paolo, intende essere uno strumento funzionale a una migliore programmazione e a una attività di valutazione e selezione più strutturata delle domande di contributo.

Possono presentare richiesta di contributo unicamente le Aziende sanitarie di Torino e provincia.

La richiesta di contributo dovrà riguardare l’acquisto di attrezzature e dovrà essere accompagnata dalla descrizione del modello gestionale che l’Azienda sanitaria intende adottare con l’entrata a regime della nuova attrezzatura.

La richiesta dovrà essere inoltrata da una Azienda sanitaria ma è possibile che il modello gestionale adottato presupponga l’utilizzo dell’attrezzatura anche da parte di altre ASL/ASO. In tal caso si richiede al proponente di specificare eventuali future collaborazioni e dettagliarne le modalità di realizzazione

La disponibilità complessiva del bando ammonta a € 9.000.000.

Il contributo della Compagnia potrà coprire unicamente le spese relative all’acquisizione dell’attrezzatura. Non sono ammissibili richieste alla Compagnia per la copertura di oneri relativi a opere edili e impiantistiche (che dovranno essere oggetto di co-finanziamento da parte del proponente).

Le domande dovranno essere presentate tramite la procedura ROL presente sul sito della Compagnia di San Paolo – www.compagniadisanpaolo.it, attraverso la compilazione di quanto previsto alla voce “Bando per attrezzature sanitarie 2019-2020”.

Scadenza: 20/12/2019

Agevolazioni per le cooperative sociali

Agevolazioni per le cooperative sociali

Training

È possibile presentare domande per le agevolazioni a favore delle cooperative sociali. Tali agevolazioni hanno lo scopo di favorire lo sviluppo e la promozione della cooperazione sociale sul territorio regionale.

Possono partecipare:

  • Cooperative sociali iscritte all’Albo regionale che gestiscono servizi socio-sanitari, socio-assistenziali ed educativi (sezione A);
  • che attraverso lo svolgimento di attività diverse –agricole, industriali, commerciali o di servizi- inseriscono al lavoro soggetti svantaggiati (sezione B);
  • Consorzi di cooperative sociali di tipo A e B costituiti ai sensi di quanto stabilito dall’art. 8 della Legge n. 381/1991 e s.m.i. (sezione C).

La misura sostiene gli interventi a sostegno dell’avvio di impresa o a sostegno di investimenti propedeutici all’incremento occupazionale, tramite aumento di capitale.

L’agevolazione consiste in una concessione di finanziamento a tasso agevolato pari al 100% della spesa ammissibile, di cui 50 o 70% della spesa con fondi regionali a tasso zero. L’intervento del fondo regionale non può superare euro 280.000 per tutti gli obiettivi fatta eccezione:

– per l’incremento di capitale sociale, tetto massimo di finanziamento euro 500.000 per cui è previsto un intervento regionale di euro 350.000,00, se la cooperativa sociale ha più di 250 occupati;

– per spese in conto gestione, tetto massimo di finanziamento euro 100.000 per cui è previsto un intervento regionale pari ad euro 70.000

Il Fondo di garanzia è collegato al finanziamento bancario.

Promozione delle risorse turistiche piemontesi per l’anno 2019

Promozione delle risorse turistiche piemontesi per l’anno 2019

tourist-information-11284477779im1c

Apertura dei termini per la presentazione di domanda di contributo per la realizzazione di azioni di comunicazione e di attività di promo-pubblicità, nell’ambito di manifestazioni e iniziative organizzate nelle località del Piemonte, che valorizzino l’offerta turistica e contribuiscano all’arricchimento del prodotto turistico della regione.Possono accedere ai contributi:

a) le Agenzie Turistiche Locali;

b) gli enti pubblici o di diritto pubblico del Piemonte;

c) le associazioni senza scopo di lucro, con sede legale in Piemonte, aventi nell’oggetto sociale finalità di tipo turistico.

Scadenza: 15/11/2019

Bando BiciXtutti – contributi per la mobilità sostenibile

Bando BiciXtutti – contributi per la mobilità sostenibile

bike-1208309__340

Il bando BiciXtutti è parte del Progetto “Vi.VO: Via le Vetture dalla Zona Ovest di Torino”, un Programma sperimentale di azioni finalizzate a ridurre l’inquinamento atmosferico derivante dall’utilizzo massivo dell’automobile ad uso individuale. Gli obiettivi del bando sono:

  • promuovere la mobilità alternativa per tutte le categorie di utenti;
  • incentivare l’utilizzo di mezzi di mobilità sostenibile all’interno del territorio comunale anche per spostamenti diversi da scuola e lavoro;
  • creare una relazione positiva con i cittadini sui temi della mobilità sostenibile.

A tal proposito, il bando BiciXtutti assegna incentivi economici pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisito di bici tradizionali, bici a pedalata assistita, cargo bike, tricicli, tandem, handbike, per importi massimi da 150 a 500 euro a seconda del mezzo scelto. Imprese, enti non profit e condomìni potranno acquistare più bici per un contributo massimo di 1.500 euro. La somma totale a disposizione del bando per il 2019 ammonta a 45.000 euro. All’esaurimento fondi le richieste pervenute verranno inserite in lista d’attesa, a cui potranno essere dedicate le somme residue che si renderanno disponibili nell’ambito del progetto Vi.VO.

Possono presentare domanda di contributo i residenti, le imprese, i condomìni e le organizzazioni non profit dei Comuni della Zona Ovest di Torino: Alpignano, Buttigliera Alta, Collegno, Druento, Grugliasco, Pianezza, Rivoli, Rosta, San Gillio, Venaria Reale, Villarbasse.

Il bando scade il 23-12-2019

Sostegno agli investimenti per lo sviluppo delle imprese e per l’ammodernamento e innovazione dei processi produttivi

Sostegno agli investimenti per lo sviluppo delle imprese e per l’ammodernamento e innovazione dei processi produttivi

business-561387__340

Sono stati approvati il fondo di finanza agevolata e le relative schede tecniche “Finanziamento agevolato” e “Contributo a fondo perduto” della Misura “Sostegno agli investimenti per lo sviluppo delle imprese e per l’ammodernamento e innovazione dei processi produttivi”.

La Misura sostiene la realizzazione di progetti di investimento, sviluppo, consolidamento e acquisto scorte da parte di Micro, piccole e medie imprese (Linea A) e Grandi imprese (Linea B), tramite concessione di finanziamenti agevolati (100% delle spese, con intervento massimo regionale a tasso zero del 70%) e contributi a fondo perduto in abbinamento a linee di finanziamento già concesse sulle seguenti Misure:

  • R. 34/04 Sostegno agli investimenti per lo sviluppo delle imprese e per l’ammodernamento e innovazione dei processi produttivi – Linea A
  • POR FESR 14/20 Asse III Azione III.3c.1.1 Fondo agevolazioni per le PMI

Beneficiari della misura possono essere: Micro, Piccole Medie e Grandi Imprese, in qualunque forma costituite (escluse le cooperative), iscritte presso la CCIAA, con codice Ateco ammissibile da Bando e con sede o unità locale operativa attiva in Piemonte, o da attivare alla conclusione del progetto.

Sono ammissibili le attività manifatturiere, commerciali, artigiane e di servizi alla produzione.

Per entrambe le linee sono ammissibili gli interventi legati allo sviluppo ed all’operatività dell’impresa di importo minimo pari a:

  • € 25.000,00 per micro e piccole imprese (durata progetto 18 mesi);
  • € 250.000,00 per le medie imprese (durata progetto 24 mesi);
  • € 500.000,00 per le grandi imprese (durata progetto 36 mesi).

Rientrano tra i costi ammissibili le seguenti spese:

  1. a) Spese principali: investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali (es: macchinari, impianti, attrezzature, brevetti, R&S, ecc)
  2. b) Spese con limitazione rispetto alle spese principali: acquisto e/o costruzione di immobili, avviamento d’azienda, scorte, spese per servizi, spese generali.

L’agevolazione è ripartita come segue:

LINEA A (Micro, Piccole e Medie Imprese – MPMI): prestito agevolato a copertura delle spese ritenute ammissibili, con rimborso variabile tra 60 e 84 mesi. Rate trimestrali posticipate, eventuale preammortamento di 6 mesi. Sovvenzione a fondo perduto: tra il 4% e il 10% in base alle dimensioni dell’impresa richiedente.

LINEA B (Grandi Imprese): prestito agevolato a copertura delle spese ritenute ammissibili, con rimborso variabile tra 60 e 84 mesi. Rate trimestrali posticipate, eventuale preammortamento di 6 mesi.

Bando CIC 2

Bando CIC 2

hand-1137977_1280

Dopo aver accompagnato le fasi di realizzazione del Polo del ‘900, centro culturale che interpreta il proprio ruolo quale laboratorio permanente di cittadinanza e democrazia, la Compagnia di San Paolo ha proseguito la riflessione su queste tematiche aprendo un nuovo fronte di lavoro sul rapporto potenziale tra cultura, innovazione e dimensione civica, in linea con quanto si sta dibattendo a livello europeo circa il ruolo della cultura nella diffusione della pratica democratica. Tutto questo ha portato all’emanazione dal 2018 del bando CivICa.

Il bando si rivolge a progetti interamente focalizzati sulla sperimentazione di beni, processi e servizi culturali volti a favorire l’attivazione della propensione civica degli individui.

Verrà data la priorità a quei progetti ideati per essere adottati permanentemente nelle attività delle organizzazioni culturali coinvolte e/o che abbiano un potenziale sviluppo imprenditoriale, in grado di renderlo replicabile e sostenibile nel medio periodo (legacy).

L’individuazione del bisogno civico sul quale agire e le modalità con cui provare a incidere dovranno prendere le mosse da evidenze empiriche, studi, collaborazioni con ricercatori, studiosi, istituti culturali, utilizzo di patrimoni materiali, immateriali e competenze specifiche.

Una particolare importanza assumerà la composizione del partenariato che costituirà il gruppo di progetto e la sua coerenza con gli obiettivi che si prefigge.

Sono previsti bonus per la presenza di istituzioni culturali proporzionali alla loro capacità di impatto grazie alla partecipazione al progetto.

Le attività dovranno svolgersi nel territorio del nord-ovest (Piemonte-Liguria-Valle d’Aosta e dovranno partire da giugno 2020; la durata minima prevista è di 18 mesi.

Sono esclusi progetti che includano esclusivamente presentazioni di libri e cicli di conferenze e/o convegni, nonché i progetti che si esauriscono con la sola attività di ricerca.

Scadenza: 23/12/2019

Bando #Extragram

Bando #Extragram

school-3980940_640

Il presente bando, finanziato da Compagnia di San Paolo, si pone i seguenti obiettivi generali:

  • promuovere la nascita e lo sviluppo di comunità educanti attive sui territori attraverso partenariati ampi tra scuole, istituzioni, organizzazioni della società civile e altri soggetti del territorio per contribuire al benessere di bambini e adolescenti;
  • sostenere percorsi educativi e formativi efficaci per bambini e adolescenti finalizzati a ridurre e prevenire il rischio di dispersione scolastica;
  • promuovere lo sviluppo di competenze trasversali socio-emotive, complementari a quelle cognitive che possano costituire un bagaglio solido di risorse utili per affrontare i compiti di sviluppo nelle varie fasi della vita e contribuire a ridurre l’insorgere di situazioni di disagio sociale, devianza, dispersione scolastica favorendo, quindi, l’inclusione sociale;
  • promuovere il coinvolgimento attivo delle famiglie e sostenere il loro ruolo educativo.

I progetti dovranno coinvolgere, quali destinatari, bambini e adolescenti di età compresa tra i 6 e i 16 anni, che frequentano scuole pubbliche o paritarie del territorio della Regione Piemonte con l’esclusione della Città di Torino, con priorità alle zone particolarmente disagiate o periferiche o alle aree interne e prive di servizi. Verranno altresì sostenuti interventi rivolti ai genitori e alle famiglie di minori in questa fascia di età

Scadenza: 29/11/2019

RECUPERO E VALORIZZAZIONE DI BENI E MANUFATTI INSERITI NELLA RETE DI ITINERARI ORGANIZZATI ALL’INTERNO DEL PRODOTTO TURISTICO “Le terre di Libarna e Coppi”

RECUPERO E VALORIZZAZIONE DI BENI E MANUFATTI INSERITI NELLA RETE DI ITINERARI ORGANIZZATI ALL’INTERNO DEL PRODOTTO TURISTICO “Le terre di Libarna e Coppi”

tourist-information-11284477779im1c

L’operazione 7.6.4 è finalizzata a sostenere e incentivare il recupero e la conservazione degli elementi tipici del paesaggio e del patrimonio architettonico rurale, con finalità di fruizione pubblica permanente (anche eventualmente in modo regolamentato, come ad es. ingressi ad orario o eventualmente con tecnologie innovative e sistemi ICT). Fatta salva la disponibilità dei beni da parte dei beneficiari e la loro titolarità ad agire sugli stessi, si può intervenire su:

  • Nuclei storici, spazi a fruizione pubblica e relativi manufatti;
  • Edifici e manufatti rurali e loro pertinenze.

Il GAL Giarolo Leader, coerentemente con le proprie linee strategiche e in ragione dei fabbisogni rilevati sul proprio territorio, intende sostenere le seguenti tipologie di intervento:

  1. recupero, conservazione, restauro e riqualificazione di nuclei storici, spazi a fruizione pubblica, beni storico-artistici in essi collocati (a titolo esemplificativo e non esaustivo: recupero di facciate, cinte murarie, fontane, monumenti storici, edifici signorili, edifici religiosi, ecc.), comprese le aree esterne di pertinenza dei beni stessi; nel caso di beni ecclesiastici o di proprietà privata, possono beneficiare del contributo soltanto nel caso di stipulazione, tra il privato proprietario ed il Comune, di un contratto istitutivo, in favore di quest’ultimo, di un diritto personale o reale di godimento (es. locazione, comodato d’uso, …), di durata almeno decennale dalla data del saldo del contributo, che giustifichi un utilizzo per pubblici scopi (es. edificio religioso di proprietà privata dato in gestione all’ente pubblico che richiede il contributo per restaurarlo e renderlo pubblicamente fruibile);
  2. recupero / rifacimento della pavimentazione, esclusivamente nei centri con caratteristiche storiche e, all’interno di questi in spazi a fruizione e/o dove è presente almeno un manufatto di rilevanza storico-artistica, culturale, ecc., anche senza interventi sul manufatto stesso, purché́ esista un’effettiva continuità tra il manufatto esistente e l’area oggetto di intervento;
  3. riqualificazione energetica dei beni di cui al precedente punto 1, con tecniche coerenti con le indicazioni fornite dal Manuale Guida per l’integrazione degli impianti di produzione di energie rinnovabili negli edifici esistenti, Asse IV LEADER – PSR 2007-2013 nei limiti del 30% del costo totale dell’intervento;
  4. recupero, conservazione, restauro e riqualificazione di manufatti rurali esistenti e loro pertinenze (a titolo di esempio: forni, fontane, essiccatoi, pozzi, muretti a secco, ecc.);
  5. allestimento interno (arredi, attrezzature) per la fruizione pubblica permanente (eventualmente regolamentata), anche attraverso tecnologie innovative e sistemi ICT, compresa cartellonistica descrittiva del bene recuperato; l’allestimento interno è ammesso solo a completamento:
  • di un intervento di cui ai precedenti punti 1 e 3 (di un intervento, cioè, candidato a finanziamento nell’ambito della presente operazione);
  • di interventi già finanziati con la programmazione 2007-2013.

L’agevolazione prevista è un contributo in conto capitale pari all’80% della spesa ammessa.

La spesa massima ammissibile a contributo, riferita comunque ad un intervento in sé concluso ed autonomo nello svolgimento delle sue funzioni e nel rispetto delle finalità dichiarate a progetto è pari a € 50.000,00.

La spesa minima ammissibile a contributo, alle stesse condizioni di cui sopra, è pari a € 10.000,00.

Le domande di sostegno dovranno essere trasmesse, esclusivamente a Sistema Piemonte, obbligatoriamente entro il 28/02/2020 ore 17.00.

Bando PASS

Bando PASS

business-561387__340

Sarà possibile presentare domande dal 23 settembre per partecipare al Bando PASS – Programmi di Accesso a Servizi qualificati a sostegno dell’innovazione e alla realizzazione di Studi di fattibilità preliminari ad attività di ricerca industriale

Il Bando supporta la realizzazione di studi di fattibilità tecnica e progetti, anche collaborativi, di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, nonché l’acquisizione di servizi innovativi da parte delle imprese nei seguenti ambiti tematici: Agrifood, Energy and Clean Technologies, Green Chemistry, ICT, Life Sciences, Smart Products and Manufacturing, Textile.

Il sostegno avviene mediante la concessione di un contributo alla spesa, fino ad un massimo del 55% dei costi ammissibili, a copertura delle spese sostenute (IVA esclusa) per la realizzazione dello studio, del progetto o del servizio.

E’ prevista l’attivazione di 3 linee di intervento:

Linea 1, riservata a progetti di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale, anche in collaborazione, di importo di spesa complessiva non superiore ad € 270.000,00;

Linea 2, riservata agli studi di fattibilità tecnica preliminari ad attività di ricerca, anche in collaborazione;

Linea 3, riservata all’acquisizione di qualificati servizi a sostegno della ricerca e dell’innovazione.

Scadenza: 13/12/2019, ore 12:00

Bando per la valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO sul territorio regionale

Bando per la valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO sul territorio regionale

unesco

Il presente bando dispone le modalità di ammissione a finanziamento di interventi di valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO sul territorio regionale, tramite una procedura a sportello.

Gli interventi ammissibili consistono nel recupero, nel restauro, nella ristrutturazione e nella rifunzionalizzazione e valorizzazione di beni culturali compresi nell’ambito territoriale dei siti UNESCO (territorio comunale su cui insiste sito UNESCO, riconosciuto ed incluso nella lista del Patrimonio mondiale.

Possono partecipare:

  • Enti locali
  • Consorzi pubblici

Tali soggetti, sin dal momento della presentazione della domanda di contributo, devono disporre per un periodo di almeno 10 anni della proprietà o della disponibilità dei beni culturali oggetto degli interventi di valorizzazione proposti per l’ammissione a finanziamento, da comprovare tramite atto di proprietà, atto di conferimento del bene o analoga documentazione probatoria la cui adeguatezza sarà valutata dalla struttura Responsabile della gestione del presente bando.

Le domande possono essere inviate a partire dalle ore 9 del giorno 01/10/2018 e fino ad esaurimento delle risorse.

1 2 3 14