Sviluppo rurale: contributi per realizzare progetti pilota e progetti di cooperazione

Sviluppo rurale: contributi per realizzare progetti pilota e progetti di cooperazione

ravi-roshan-_adus32i0jc-unsplash

La Regione Toscana con decreto dirigenziale 4547 del 14 marzo 2022 ha approvato il bando “Sostegno a progetti pilota e allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie” (allegato A del decreto), che dà attuazione alla sottomisura 16.2 del Psr Feasr 2014-2022.

La sottomisura 16.2 è finalizzata alla concessione di un sostegno economico per l’attivazione di progetti pilota e di progetti di cooperazione che diano risposte concrete ai fabbisogni delle imprese agricole e forestali per promuovere l’innovazione nelle zone rurali e contribuire a una ripresa economica, resiliente, sostenibile e digitale.

Tutti i soggetti beneficiari dei contributi devono appartenere ad una delle tipologie previste nel bando, che sono:

  • le imprese agricole iscritte alla Camera commercio industria artigianato agricoltura e dotate di partita Iva;
  • le imprese forestali iscritte alla Ciaa e che abbiano un’attività principale o secondaria con codice Ateco che inizi con 02;
  • le Pmi operanti nel settore rurale;
  • i soggetti di diritto pubblico;
  • i soggetti operanti nella produzione e trasferimento di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica;
  • le associazioni, le organizzazioni dei produttori, le organizzazioni di categoria agricole e cooperative;
  • i soggetti operanti nella divulgazione e informazione.

Tra i beneficiari devono essere presenti obbligatoriamente almeno due imprese agricole/forestali ed un soggetto impegnato nel campo della produzione e trasferimento di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica.

I partner di progetto devono costituire un Accordo di partenariato che potrà prendere la forma di Raggruppamento temporaneo di impresa (Rti) , Associazione Temporanea di Scopo (Ats) o di Rete contratto.

Tra di loro deve essere indicato un capofila che sarà l’unico interlocutore nei confronti della Regione Toscana.

La domanda di aiuto deve essere presentata a partire dal 20 aprile 2022 ed entro le ore 13.00 di martedì 31 maggio 2022, esclusivamente mediante procedura informatizzata.

Le domande ricevute oltre il suddetto termine di scadenza non sono ammissibili a finanziamento.

I progetti devono essere riferiti almeno ad una delle seguenti tematiche:

  1. Agricoltura e selvicoltura di precisione, digitalizzazione dell’agricoltura e del settore forestale, adozione di sistemi di supporto alle decisioni (DSS);
  2. Bioeconomia ed economia circolare (valorizzazione economica di sottoprodotti agricoli e forestali, materiali di scarto e residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia);
  3. Miglioramento della qualità e sostenibilità dei prodotti agricoli anche in funzione dei nuovi orientamenti di mercato;
  4. Valorizzazione economica dell’agrobiodiversità e della multifunzionalità dell’impresa agricola.

Le tipologie di attività finanziabili sono le seguenti:

  1. a) costituzione, funzionamento, gestione e coordinamento del partenariato di progetto;
  2. b) studi preliminari e di contesto che comprendono l’analisi dei fabbisogni, studi di fattibilità, indagini di marketing;
  3. c) animazione del partenariato;
  4. d) attività specifiche finalizzate all’innovazione, che non possono essere ricondotte alle altre attività previste nel presente paragrafo;
  5. e) progettazione per la realizzazione di prototipi, per la realizzazione di test e prove, per la messa a punto di nuovi prodotti, nuovi processi, nuovi servizi;
  6. f) realizzazione di test e prove;
  7. g) divulgazione dei risultati ottenuti (convegni, seminari, visite in campo, pubblicazioni, sito web progetto, focus groups, newsletter, social media).

L’intensità del sostegno è pari al 100% della spesa ammissibile.

L’importo massimo del contributo pubblico ammissibile per progetto/domanda di aiuto è pari a 200.000,00 euro.

Non sono ammessi progetti che prevedano un contributo richiesto complessivo inferiore a 50.000,00 euro.

Scadenza: 31 maggio 2022

Sviluppo rurale: contributi per creare e sviluppare filiere corte e mercati locali

Sviluppo rurale: contributi per creare e sviluppare filiere corte e mercati locali

legumes-1714871__340

La Regione Toscana con decreto dirigenziale 4348 del 9 marzo 2022 ha approvato il bando “Sostegno alla cooperazione di filiera, sia orizzontale che verticale, per la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali e sostegno ad attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali, annualità 2022” (allegato A del decreto).

La misura 16.4 ha la finalità di creare nuove forme di cooperazione commerciale tra piccoli operatori indipendenti nelle filiere agroalimentari, con lo scopo di raggiungere economie di scala non raggiungibili isolatamente, consolidare le relazioni tra gli operatori di filiera e di ridurre il numero dei soggetti intermediari;  di sviluppare nuove forme di vendita per avvicinare i produttori di base ai consumatori finali, per accrescere e consolidare la competitività delle imprese agricole, per sostenere la creazione di sbocchi di mercato dei prodotti di nicchia; e infine di promuovere e valorizzare a raggio locale le produzioni commercializzate in forma aggregata con sviluppo del senso di fiducia e di appartenenza al territorio, promuovendone l’identità nei consumatori e negli operatori economici anche attraverso il ricorso a sistemi di tracciabilità delle produzioni locali.

La sottomisura 16.4 è finalizzata allo sviluppo economico e alla creazione di opportunità di lavoro nelle aree rurali. Tali finalità sono perseguite attraverso il sostegno alle seguenti tipologie d’intervento che risultano indispensabili per creare nuove possibilità di mercato su piccola scala nell’ambito delle filiere corte e dei mercati locali:

  1. a) creazione di nuove forme di cooperazione commerciale tra piccoli operatori indipendenti nelle filiere agroalimentari, con lo scopo di raggiungere economie di scala non raggiungibili isolatamente, di consolidare le relazioni tra gli operatori di filiera e di ridurre il numero dei soggetti intermediari;
  2. b) sviluppo di nuove forme di vendita per avvicinare i produttori di base ai consumatori finali, per accrescere e consolidare la competitività delle imprese agricole, per sostenere la creazione di sbocchi di mercato dei prodotti di nicchia;
  3. c) promozione e valorizzazione a raggio locale delle produzioni commercializzate in forma aggregata con sviluppo del senso di fiducia e di appartenenza al territorio, promuovendone l’identità nei consumatori e negli operatori economici anche attraverso il ricorso a sistemi di tracciabilità delle produzioni locali

Tutti i soggetti beneficiari dei contributi devono appartenere ad una delle tipologie previste nel bando, che sono: le imprese agricole iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato, agricoltura (Cciaa) ed in possesso di partita Iva, le Pmi operanti nel settore agro-alimentare, le comunità del cibo e della biodiversità di interesse agricolo e alimentare, le associazioni, le organizzazioni dei produttori, le cooperative agricole di conferimento, le organizzazioni di categoria agricole e cooperative.

Tra i componenti devono essere obbligatoriamente presenti

  • almeno due imprese agricole operanti nella fase di produzione primaria,
  • almeno il 50% dei soggetti partecipanti all’Accordo di partenariato devono essere imprese agricole.

I partner di progetto devono costituire un Accordo di partenariato che potrà prendere la forma di Raggruppamento temporaneo di impresa, Associazione temporanea di scopo (Ats) o di Rete contratto.

Tra di loro deve essere indicato un capofila che sarà l’unico interlocutore nei confronti della Regione Toscana.

 

La domanda di aiuto deve essere presentata a partire dal primo aprile 2022 ed entro le ore 13.00 di martedì 31 maggio 2022, esclusivamente mediante procedura informatizzata.

Le domande ricevute oltre il suddetto termine di scadenza non sono ammissibili a finanziamento.

Le tipologie di attività finanziabili sono le seguenti:

  1. studi preliminari e di contesto che comprendono l’analisi dei fabbisogni, studi di fattibilità, indagini di marketing;
  2. attività di animazione del partenariato;
  3. redazione e presentazione del progetto (eventi ed attività di divulgazione dei risultati del progetto);
  4. costituzione dell’Accordo di partenariato;
  5. promozione dei prodotti attraverso attività di informazione, comunicazione e pubblicità; la promozione dei prodotti deve essere svolta a raggio locale;
  6. acquisto di macchine e attrezzature per la logistica e per la commercializzazione dei prodotti delle aziende aggregate nell’Accordo di partenariato. Per logistica si intende la gestione delle operazioni di stoccaggio e distribuzione dei prodotti. Per commercializzazione si intende l’attività necessaria alla vendita dei prodotti.

Intensità del sostegno:

  • Per le spese di natura immateriale (lettere a, b, c, d, e del paragrafo precedente), l’intensità del sostegno è pari al 70% della spesa ammissibile;
  • Per le spese di natura materiale (lettera f del paragrafo precedente), l’intensità del sostegno è pari al 40% della spesa ammissibile.

L’importo massimo del contributo pubblico complessivo concedibile per progetto/domanda di aiuto è pari a 150.000,00 euro.

L’importo massimo del contributo pubblico concedibile per spese di natura immateriale per progetto/domanda di aiuto è pari a 50.000,00 euro.

Scadenza: 31 maggio 2022

REInA – Spazio europeo dell’innovazione rurale

john-reed-04wigkb8jc-unsplash

Il 6 e 7 aprile 2021 EIT organizza l’evento di lancio REInA (Rural European Innovation Area), una piattaforma pan-europea che mira a riunire iniziative innovative per sostenere la creazione di uno Spazio europeo dell’innovazione rurale.

L’obiettivo di REInA è quello di essere l’altoparlante delle voci delle aree rurali europee, spingendone lo sviluppo, la crescita, il business e le risorse naturali attraverso una gestione equa, verde e sostenibile.

Durante l’evento, rappresentanti delle istituzioni europee presenteranno la piattaforma e discuteranno le iniziative dell’UE per le comunità rurali innovative. Verranno inoltre presentati le sfide rilevanti, bandi, concorsi e altre azioni legate alle tematiche rurali e territoriali.

Per maggiori informazioni ed effettuare l’iscrizione, si prega di visitare la pagina dell’evento.

Gli approcci territoriali all’innovazione: le aree rurali

schermata-2021-03-18-alle-16-10-07

Il 25 e il 26 marzo 2021 si terrànno due webinar per esaminare la necessità di approcci territoriali all’innovazione, basati su forti legami rurali-urbani e strategie di competenze ambiziose e lungimiranti. Gli eventi sono organizzati dall’Assemblea delle Regioni d’Europa.

ll primo webinar “Ambitious Skills and Innovation Strategies: A territorial Approach” darà la possibilità di apprendere e scambiare informazioni sulle politiche e le pratiche regionali per ambiziose strategie di competenze e innovazione attraverso approcci territoriali.

Il secondo webinar “Innovation and farming: Applications of Advanced Manufacturing in the food value chain” esaminerà l’uso esistente della produzione avanzata nel settore agro-alimentare e si concentrerà sulle strategie di competenze per questo particolare settore.

In generale, i webinar offriranno l’opportunità di condividere le esperienze regionali e di ascoltare le iniziative di sostegno a livello europeo.

Per partecipare è necessaria la registrazione sul sito web dell’evento.

InfoDay Bandi Societal Challenge 2

L’InfoDay sui nuovi bandi Societal Challenge 2 avrà luogo il 25 giugno 2018 a Bruxelles. Questo evento è organizzato dal progetto BIOHORIZON in concomitanza con il brokerage event, previsto per il 26 giugno 2018.

Nel corso della prima giornata, sarà esposto il programma 2019 della Societal Challenge 2 – “Food security, sustainable agriculture and forestry, marine and maritime and inland water research and the bioeconomy“, relativo alla sicurezza alimentare, all’agricoltura sostenibile e alla silvicoltura, alla ricerca marina e marittima e alla bioeconomia.

Questo InfoDay si rivolge ai potenziali candidati dei tre imminenti inviti a presentare proposte nell’ambito del programma di lavoro SC2 per il 2018-2020:

  • Sustainable Food Security
  • Blue Growth
  • Rural Renaissance

La registrazione per l’evento è gratuita e obbligatoria. Le iscrizioni saranno aperte fino al 15 giugno.

Tutte le sessioni saranno trasmesse via web e registrate e le presentazioni saranno pubblicate dopo l’evento.

I collegamenti Web saranno in diretta il 25 giugno 2018 dalle 9:30 in poi.

Per maggiori informazioni ed effettuare le iscrizioni, si prega di consultare il seguente link.