Banco a cascata CN AGRITECH – Spoke 9 “Misurazione, certificazione e valorizzazione della qualità, dell’origine, della tipicità, della sicurezza e della sostenibilità dei prodotti, dei processi, delle filiere e delle aziende agroalimentari”

Banco a cascata CN AGRITECH - Spoke 9 "Misurazione, certificazione e valorizzazione della qualità, dell’origine, della tipicità, della sicurezza e della sostenibilità dei prodotti, dei processi, delle filiere e delle aziende agroalimentari"

noah-buscher-x8zstuks2pm-unsplash

Bando pubblico per la selezione di proposte progettuali, da finanziare nell’ambito dello spoke 9, di cui al programma di ricerca del centro nazionale per tecnologie dell’agricoltura “national research centre for agricultural technologies (agritech)”, a valere sulle risorse del piano nazionale ripresa e resilienza (pnrr) missione 4, “istruzione e ricerca” – componente 2, “dalla ricerca all’impresa” – linea di investimento 1.4, “potenziamento strutture di ricerca e creazione di “campioni nazionali di r&s” su alcune key enabling technologies”, finanziato dall’unione europea – nextgenerationeu” progetto [agritech]

Cup agritech b63c22000640005 codice identificativo 00002022

Finalizzato alla misurazione, certificazione e valorizzazione della qualità, dell’origine, della tipicità, della sicurezza e della sostenibilità dei prodotti, dei processi, delle filiere e delle aziende agroalimentari.

Scadenza: 10 maggio 2024

Agroalimentare: al via un nuovo bando per sostegno finanziario a PMI europee dell’economia sociale

Agroalimentare: al via un nuovo bando per sostegno finanziario a PMI europee dell'economia sociale

noah-buscher-x8zstuks2pm-unsplash

Rimarrà aperto fino al 30 aprile 2024 il bando GRAINS (Greening Agrifood in Social Economy) per progetti di sostegno a PMI dell’economia sociale del settore agroalimentare.

Le attività per le quali le PMI possono ricevere supporto finanziario sono:

  • formazione, ossia attività di aggiornamento e riqualificazione
  • consulenza ed etichettatura per la sostenibilità delle loro operazioni
  • servizi di consulenza su misura per lo sviluppo di mercati locali
  • altri elementi necessari per rendere più sostenibili le loro imprese (certificazioni e packaging ecologici, digitalizzazione e tecnologie, ecc.)
  • percorsi aggiuntivi di accompagnamento e tutoraggio, oltre a quelli già offerti da altre iniziative del progetto

Possono partecipare al bando le PMI agroalimentari dell’economia sociale, secondo la definizione del programma COSME, stabilite negli Stati membri UE e in Ucraina.

Il budget complessivo a disposizione è pari a € 490.500, erogati in fondi a cascata per un massimo di € 8.175 per ciascuna delle 60 PMI selezionate.

Scadenza: 30 aprile 2024

Concessione di contributi per la promozione dei prodotti agroalimentari a qualità regolamentata

Concessione di contributi per la promozione dei prodotti agroalimentari a qualità regolamentata

noah-buscher-x8zstuks2pm-unsplash

Obiettivi: sostenere l’attività di promozione e valorizzazione dei prodotti Dop, Igp e Biologico

Risorse a bando: 150.000

Beneficiari:

  1. a) consorzi di tutela delle Dop e Igp riconosciute ai sensi del Reg. (Ue) n. 1151/2012;
  2. b) consorzi di promozione economica di prodotti di cui alle lettere b) e c) dell’art. 2 della legge regionale 16/95, a condizione che il consorzio rappresenti almeno la maggioranza del prodotto o dei prodotti stessi;
  3. c) consorzi o associazioni che rappresentino almeno il 25% degli operatori iscritti all’albo regionale dei produttori biologici;
  4. d) consorzi di grado ulteriore costituiti dall’unione di quelli previsti nelle precedenti lettere a), b) e c).

Entità dell’aiuto:

La spesa ammessa a contributo non deve essere inferiore a € 5.000 e superiore a € 25.000. L’intensità dell’aiuto non può superare il 70% della spesa ammessa.

Scadenza: 10 aprile 2024

Innovazione nel settore agroalimentare: lanciate quattro open call per servizi alla ricerca

Innovazione nel settore agroalimentare: lanciate quattro open call per servizi alla ricerca

noah-buscher-x8zstuks2pm-unsplash

Sono state aperte quattro distinte Open Call, due a livello italiano e due a livello europeo, per poter accedere gratuitamente alle strutture fisiche e digitali di METROFOOOD-IT e METROFOOD-RI, per sviluppare progetti e idee innovative in ambito agroalimentare:

Nello specifico:

METROFOOD-RI ha lanciato due open call nell’ambito dell‘innovazione del settore alimentare.

  1. Il primo bando, denominato ”Characterization of fermentation processes and their bio-based derived products from the food industries – Remote access”, ha come obiettivoquello di offrire un servizio gratuito per la caratterizzazione e la verifica della sicurezza dell’intero processo di fermentazionee dei prodotti a base biologica derivati dalla fermentazione utilizzati nella lavorazione e nel confezionamento degli alimenti.

Il bando si rivolge a ricercatori/universitari e aziende impegnate in processi di fermentazione legati agli alimenti:

  • operatori del settore alimentare
  • aziende di confezionamento degli alimenti
  • fornitori di ingredienti
  • agrobusiness
  • agenzie/organismi di ispezione alimentare

Il servizio include l’applicazione di

  • metodi di identificazione dei microorganismi (metagenomica)
  • caratterizzazione dei microorganismi (metabolomica, metatranscrittomica e metaproteomica)
  • valutazione della composizione chimica delle materie prime e/o dei prodotti finiti
  • identificazione di contaminanti
  • caratterizzazione dei biopolimeri
  • studi di migrazione
  • analisi di tossicità
  • test di bioattività dei prodotti

Sarà possibile usufruire di accesso remoto alle facilities di EUT (Spagna), IJZSRM (Nord Macedonia), INSA (Portogallo) e TUBITAK (Turchia).

La durata del servizio è prevista su una media di circa 3-8 settimane (a seconda della complessità della richiesta analitica).

  1. Il secondobando, intitolato “Pilots for food production and integrated analytical services: development of novel products with ingredients including alternative proteins and/or food by-products – Physical + Remote access”, ha come obiettivoquello di realizzare nuovi prodotti contenenti proteine alternative e/o sottoprodotti alimentari.

Il bando si rivolge a ricercatori/universitari operatori del settore alimentare industriale.

Il servizio offerto dalla call prevederà l’uso di sottoprodotti alimentari (ad esempio, dai cereali) e ingredienti innovativi (ad esempio, insetti) per la preparazione di nuovi ingredienti e prodotti.

Il servizio sarà fornito attraverso una combinazione di accesso fisico e remoto tramite diversi fornitori di servizi METROFOOD-RI. Sarà possibile usufruire di accesso fisico agli impianti sperimentali ed ai laboratori di IBA (Romania) e CZU (Rep. Ceca) e di accesso remoto ai laboratori analitici di TUM (Germania), ENEA (Italia), AUTH (Grecia) e JSI (Slovenia).

È prevista una durata media del servizio di circa 16 settimane (a seconda della complessità della richiesta analitica; da valutare in dettaglio tra gli utenti e il responsabile dell’accesso al servizio in base ai risultati della valutazione della domanda).

La scadenza per la presentazione delle domande per entrambi i bandi è fissata al 15 aprile 2024, entro le ore 12:00.

Allo stesso tempo, METROFOOD-IT (progetto finanziato da NextGenerationEU, PNRR –Missione 4: “Educazione e Ricerca” – Componente 2: “Dalla ricerca al business”) ha lanciato le sue prime due open call, anch’esse rivolte a professionisti del mondo della ricerca/accademico e a operatori del settore alimentare.

  1. La prima, intitolata “Open data per l’autenticità e la tracciabilità degli alimenti – Accesso fisico o remoto“, prevede un servizio per l‘analisi multi-elementale e metabolomica di campioni della stessa matrice agroalimentare forniti da ciascun utente/richiedente su prodotti agroalimentari freschi o trasformati, con l’obiettivo di valutarne la qualità e la sicurezzae di confrontare le variabili monitorate in prodotti di diversa varietà e provenienza.

Potranno essere presentati progetti da singoli ricercatori, aziende o consorzi di aziende. Sarà data priorità alle proposte progettuali presentate da gruppi composti da operatori della ricerca e PMI.

La durata del servizio è prevista su una media di circa 3-5 settimane. I tempi possono variare ed essere concordati in relazione alle specifiche esigenze analitiche

  1. Il secondo bando, “Open data di firme spettroscopiche per le frodi alimentari” – Remote + Virtual“, offre l’opportunità di utilizzare diversi sensori laser nella regione dell’infrarosso, compresi sistemi di imaging e telerilevamento, per la caratterizzazione dei prodotti alimentari ai fini dell’identificazione delle frodie della sicurezza alimentare.

Potranno essere presentati progetti da singoli ricercatori, aziende o consorzi di aziende. Sarà data priorità alle proposte progettuali presentate da gruppi composti da operatori della ricerca e PMI.

La durata del servizio è prevista su una media di circa 2-4 settimane e può variare in base aalla complessità dell’analisi ed al numero di campioni

La scadenza per entrambi i bandi è fissata al 30 aprile 2024, entro le 12:00.

Scadenze: 15 aprile 2024, 30 aprile 2024

Agroalimentare: al via il bando EIT Food “Fast Track to Market 2024” per startup e PMI

Agroalimentare: al via il bando EIT Food "Fast Track to Market 2024" per startup e PMI

noah-buscher-x8zstuks2pm-unsplash

EIT Food ha lanciato il bando di Fast Track to Market, il programma per startup mature e PMI nell’agroalimentare, con scadenza per le candidature al 10 aprile 2024. 

Il bando mira ad accelerare la commercializzazione di prodotti e servizi alimentari in UE, contribuendo a un cambiamento positivo nel sistema e contribuendo direttamente alle 3 missioni di EIT Food:

  • Vite più sane attraverso il cibo
  • Un sistema alimentare a zero emissioni
  • Un sistema alimentare completamente trasparente, equo e resiliente

La call finanzierà startup e PMI con un caso aziendale esistente con alto potenziale di generare vendite tra imprese (B2B) o per i consumatori (B2C) tramite nuovi o migliorati prodotti e servizi di innovazione alimentare, per una durata dei progetti di circa 10 mesi e un impatto atteso immediato sul mercato.

Possono candidarsi al bando PMI e startup costituite da almeno 12 mesi in uno degli Stati UE o associati a Horizon Europe, definite come aziende di piccole dimensioni e non più di 3 dipendenti a tempo pieno, le quali abbiano un caso chiaro per un progetto di 6-10 mesi che può accelerare significativamente il successo commerciale della loro startup/PMI, e che il progetto proposto debba essere in grado di avere un impatto immediato portando i loro prodotti o servizi sul mercato.

Le imprese selezionate riceveranno finanziamenti conformemente alle regole dell’Accordo di finanziamento fondato sui ricavi di EIT Food e per importi tra € 60.000 e € 400.000.

Scadenza: 10 aprile 2024

Agroalimentare: al via la call per esperimenti artistici di S+T+ARTS Hungry EcoCities

Agroalimentare: al via la call per esperimenti artistici di S+T+ARTS Hungry EcoCities

noah-buscher-x8zstuks2pm-unsplash

 

Sarà online dal 15 febbraio 2024 la seconda call aperta per esperimenti guidati dall’arte di S+T+ARTS Hungry EcoCities, articolata in due fasi e con la prima scadenza prevista per il 15 maggio 2024.

La prima fase di questa Open Call è rivolta alle PMI europee del settore agroalimentare interessate a esplorare il potenziale della tecnologia e dell’arte nell’affrontare aspetti come la riduzione degli sprechi e un consumo alimentare più etico nell’UE.

Nella seconda fase della call, le PMI selezionate saranno coinvolte in un processo di matchmaking con un artista partner per la preparazione di una proposta di prototipazione artistica per la collaborazione nel programma di supporto PPE (Paths to Progress Experiments), mirato ad affrontare specifiche sfide locali tramite sperimentazioni artistiche.

Artisti individuali, interessati a collaborare all’intersezione tra tecnologia e arte e con la voglia di sperimentare in un contesto reale soluzioni alimentari fondate sull’arte, potranno candidarsi alla call a partire dal 1° giugno 2024.

Il finanziamento massimo per ciascuna delle 10 PMI selezionate nella prima fase ammonta a € 45.000 e congiuntamente per due entità fino a € 81.000, mentre gli artisti riceveranno un budget separato fino a € 36.000.

Scadenza: 15 maggio 2024

Innovazione in campo agroalimentare e tutela della proprietà industriale

innovazione-agroalimentare

L’8 e il 9 novembre 2023 si terranno a Cesena e a Lugo di Ravenna, nonché online, due eventi sull’innovazione in campo agroalimentare e la tutela della proprietà industriale.

Gli eventi, realizzati da Botti & Ferrari in collaborazione con il Tecnopolo di Forlì-Cesena, il Clust-ER Agrifood e la partecipazione del CIRI Agroalimentare e del CIRI ICT dell’Università di Bologna, favorirà condivisione di esperienze e conoscenze tra esperti delle realtà accademiche, industriali e della consulenza.

L’obiettivo del convegno è far emergere iniziative e migliori pratiche a tutela dell’innovazione agroalimentare e la competitività nazionale ed internazionale.

Per partecipare occorre registrarsi sulla pagina dedicata.

Riapre lo sportello dei contratti di sviluppo agroalimentari

Riapre lo sportello dei contratti di sviluppo agroalimentari

agriculture

Il ministero delle Imprese e del Made in Italy, con decreto direttoriale, ha fissato i nuovi termini di riapertura dello sportello dei Contratti di sviluppo – settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, dopo la chiusura temporanea, a fine dicembre 2022, in previsione dell’adeguamento della normativa ai nuovi orientamenti per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali.

A partire dalle ore 12.00 del 20 ottobre i soggetti interessati potranno inviare le domande per le agevolazioni allo sportello online Invitalia, gestore della misura per conto del Ministero.

Scadenza: bando a sportello

Programma per il mercato unico – COSME: Partenariati europei di cluster per la sostenibilità alimentare Aiutare le PMI del settore agroalimentare ad adottare Tecnologie efficienti sotto il profilo delle risorse

Programma per il mercato unico – COSME: Partenariati europei di cluster per la sostenibilità alimentare
Aiutare le PMI del settore agroalimentare ad adottare Tecnologie efficienti sotto il profilo delle risorse

Nel quadro del programma per il mercato unico si è aperto ieri un invito a presentare proposte a sostegno di azioni preparatorie e di attuazione per l’istituzione e lo sviluppo di nuovi Partenariati europei di cluster per la sostenibilità alimentare che supporteranno l’attuazione del Codice di condotta dell’UE sulle pratiche commerciali e di marketing alimentari responsabili da parte delle PMI (uno degli elementi principali della “Strategia dal produttore al consumatore”).

Il focus dell’invito è sull’adozione di tecnologie efficienti sotto il profilo delle risorse da parte delle PMI del settore alimentare (compresi i produttori di alimenti e bevande) che si trovano al centro della catena di valore agroalimentare e sulla lotta contro l’inflazione alimentare nell’UE.

Sotto-Obiettivi del bando:

  • Networking: identificare e rafforzare le organizzazioni esistenti di sostegno all’industria agroalimentare, a diversi livelli di maturità, e metterle in rete.
  • Potenziamento: sostenere lo sviluppo di organizzazioni cluster agroalimentari in più regioni dell’UE, basandosi sulle organizzazioni esistenti di sostegno al settore, con l’obiettivo che tali organizzazioni sostengano meglio l’uso efficiente delle risorse e la transizione verso la sostenibilità delle loro PMI.
  • Capacity-building: creare e mantenere competenze a lungo termine in materia di sostenibilità nei cluster agroalimentari, nelle organizzazioni di sostegno all’industria e nei centri tecnologici su tutti gli obiettivi del Codice di condotta dell’UE sulle pratiche commerciali e di marketing alimentari responsabili, al fine di stabilire la capacità operativa di sostenere le PMI nell’attuazione del codice di condotta.

Possono presentare una candidatura a questo invito:

  • Organizzazione cluster agroalimentari: gruppo dinamico di imprese agroalimentari e soggetti economici collegati, attivi in una specifica area geografica, che hanno raggiunto una scala sufficiente per sviluppare competenze specializzate, servizi, risorse, fornitori e competenze e stanno già collaborando all’innovazione o presentando un potenziale di collaborazione per l’innovazione; comprende imprese di diverse dimensioni, ma anche altre entità essenziali di un ecosistema industriale come istituti di ricerca e di conoscenza, parchi scientifici e tecnologici, fornitori di talenti e di servizi finanziari, organizzazioni senza scopo di lucro, enti pubblici correlati
  • Organizzazione di supporto all’industria: organizzazione di supporto tecnico o aziendale con la capacità operativa di supportare direttamente un gran numero di aziende agroalimentari nella loro area geografica
  • Centri tecnologici agroalimentari: centri tecnici o tecnologici, istituti agronomici, agenzie ambientali, centri di innovazione digitale, università politecniche o università professionali; con comprovata competenza ed esperienza per fornire assistenza tecnica alle aziende del settore agroalimentare sulle migliori tecnologie per consentire la loro transizione alla sostenibilità

Le proposte devono essere presentate da un consorzio di candidati composto da almeno 4 enti dotati di personalità giuridica di 3 diversi Paesi ammissibili al programma; il coordinatore deve essere un’organizzazione cluster agroalimentare; nel partenariato devono inoltre essere compresi almeno altri due cluster agroalimentari o organizzazioni di sostegno all’industria e almeno un centro tecnologico agroalimentare.

Saranno finanziate 3-5 progetti; ogni cluster/organizzazione di sostegno alle imprese supporterà almeno 50 PMI del settore agroalimentare.

Scadenza: 28 settembre 2023

Concessione di contributi per la promozione dei prodotti agroalimentari a qualità regolamentata

Concessione di contributi per la promozione dei prodotti agroalimentari a qualità regolamentata

cantinaCon la Delibera di Giunta regionale n 240 del 20/2/2023 è stato approvato il bando regionale che stanzia 129.520 euro per l’annualità 2023 con l’obiettivo di sostenere l’attività di promozione e valorizzazione dei prodotti Dop, Igp e biologico.

Beneficiari:

  • consorzi di tutela delle Dop e Igp riconosciute ai sensi del Reg. (Ue) n. 1151/2012;
  • consorzi di promozione economica di prodotti di cui alle lettere b) e c) dell’art. 2 della legge regionale 16/95, a condizione che il consorzio rappresenti almeno la maggioranza del prodotto o dei prodotti stessi;
  • consorzi o associazioni che rappresentino almeno il 25% degli operatori iscritti all’albo regionale dei produttori biologici;
  • consorzi di grado ulteriore costituiti dall’unione di quelli previsti nelle precedenti lettere a), b) e c).

La spesa ammessa a contributo non deve essere inferiore a € 5.000 e superiore a € 25.000. L’intensità dell’aiuto non può superare il 70% della spesa ammessa.

Scadenza: 31 marzo 2023

1 2