Cooperazione internazionale – Progetti delle organizzazioni della società civile e di altri soggetti senza scopo di lucro

Cooperazione internazionale – Progetti delle organizzazioni della società civile e di altri soggetti senza scopo di lucro

Training

Sostenere progetti di cooperazione internazionale, presentati dalle Organizzazioni della Società Civile e da altri soggetti senza finalità di lucro e volti a favorire il posizionamento della Regione Lazio nei Paesi Target, in linea con il modello di business inclusivo adottato dal Sistema paese, anche a seguito della riforma della legge nazionale sul tema (Legge n. 125 dell’11 agosto 2014).

E’ questo l’obiettivo del bando da 210.000 euro a valere sulla Legge regionale 27 maggio 2008, n. 5 “Disciplina degli interventi regionali a sostegno delle piccole e medie imprese nel Lazio”.

Per quanto riguarda i Paesi target, si fa riferimento all’opportunità di individuare Paesi con cui intraprendere/approfondire rapporti sulla base dei seguenti criteri prossimità territoriale, potenzialità di sviluppo, complementarità di mercato/settori.

Si tratta di un contributo a fondo perduto commisurato al 50% delle Spese Ammesse, nel rispetto di quanto indicato nell’Avviso e con un limite massimo di 70.000 euro per Progetto.

Il bando è rivolto alle Organizzazioni della Società civile e ad altri soggetti senza finalità di lucro validamente iscritte all’elenco di cui all’art. 17 del Decreto 22 luglio 2015, n. 113 del Ministero degli Affari Esteri e della

Cooperazione internazionale e con sede operativa principale nel territorio del Lazio: in forma singola o in aggregazione temporanea tra loro.

I progetti dovranno:

  1. promuovere il trasferimento di competenze, conoscenze, capacità professionali e finanziarie alle popolazioni dei Paesi Target del Progetto per il miglioramento della filiera produttiva e delle capacità imprenditoriali nei Paesi Target;
  2. sostenere l’istituzione e il rafforzamento dei sistemi di gestione dei territori e dei servizi di “governance” in favore degli enti locali nei Paesi Target attraverso il trasferimento di esperienze e best practice;
  3. promuovere la creazione di opportunità di lavoro, con particolare focus su giovani e donne, favorire lo sviluppo socio-economico e sostenere la promozione dello sviluppo economico e del miglioramento del tessuto produttivo economico locale, in particolare delle piccole medie imprese;
  4. promuovere il raggiungimento degli obiettivi previsti dall’Agenda 2030 dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per Raggiungere gli Obbiettivi di Sviluppo Sostenibile, tra quelli indicati nel bando.

In particolare, i progetti dovranno riguardare uno o più dei 22 paesi prioritari della Cooperazione italiana individuati nel documento di programmazione 2016-2018 per il triennio 2017-2019 (Paesi target).

I progetti presentati devono essere di importo complessivo non inferiore a 30.000 euro; inoltre, devono essere realizzati entro 12 mesi dalla Data di Concessione dell’agevolazione e rendicontare Spese Effettivamente Sostenute non inferiori al 70% delle Spese Ammesse.

Il contributo sarà erogato secondo le modalità di seguito indicate:

una eventuale anticipazione, da richiedersi facoltativamente entro 90 giorni dalla Data di Concessione, nella misura massima del 50% della sovvenzione concessa, garantita da Fidejussione;

una erogazione a saldo, a fronte di rendicontazione delle relative Spese Effettivamente Sostenute da presentarsi entro 360 giorni dalla Data di Concessione.

Le richieste devono essere presentate esclusivamente a mezzo Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo incentivi@pec.lazioinnova.it, a partire dalle ore 12:00 del 14 marzo 2019 e fino alle ore 12:00 del 7 maggio 2019, tramite invio della Domanda e dei relativi allegati obbligatori che devono essere debitamente compilati e sottoscritti con Firma Digitale.

La selezione avviene sulla base di predefiniti criteri di valutazione e mediante il procedimento a graduatoria.

Sostegno ai progetti di cooperazione europea 2019 – Call EACEA / 34/2018

Sostegno ai progetti di cooperazione europea 2019 – Call EACEA / 34/2018

creativity-70192__340

La presente call ha l’obiettivo di sostenere la capacità dei settori culturali e creativi europei di operare a livello transnazionale e internazionale, promuovendo la circolazione di opere culturali e creative e la mobilità degli operatori culturali e creativi, in particolare di artisti, a livello transnazionale.

Mira inoltre a migliorare l’accesso alle opere culturali e creative europee e ad estendere la loro portata a un pubblico nuovo e più ampio.

Inoltre, contribuisce all’innovazione e alla creatività nel campo della cultura.

La call supporta i progetti che mirano a:

  • sviluppare abilità, competenze e know-how, incluso come adattarsi alle tecnologie digitali
  • testare approcci innovativi allo sviluppo del pubblico
  • testare nuovi modelli di business e di gestione
  • consentire la cooperazione internazionale e lo sviluppo delle carriere nell’UE e oltre
  • facilitare l’accesso alle opportunità professionali
  • organizzare attività culturali internazionali, come eventi itineranti, mostre, scambi e festival
  • sostenere la circolazione della letteratura europea
  • stimolare l’interesse e migliorare l’accesso alle opere culturali e creative europee.

I progetti possono coprire uno o più settori culturali e creativi e possono essere interdisciplinari.

Posso partecipare Organizzazioni attive nei settori culturali e creativi. Nel caso di progetti di cooperazione su scala ridotta, il progetto deve includere un capo progetto e almeno altri due partner. Devono avere la loro sede legale in almeno tre diversi paesi che partecipano al sottoprogramma Cultura. Per i progetti di cooperazione su più larga scala, il leader del progetto deve collaborare con un minimo di altri cinque partner. Devono avere la loro sede legale in almeno sei paesi diversi che partecipano al sottoprogramma Cultura. In entrambi i tipi di progetto, il responsabile del progetto o un partner deve avere la propria sede legale in uno Stato membro dell’UE o in un paese EFTA.

Scadenza: 11/12/2018 ore 12.00

Piemonte&Africa sub-sahariana: partenariati territoriali per un futuro sostenibile

Piemonte&Africa sub-sahariana: partenariati territoriali per un futuro sostenibile

hand-1917895_640

La Regione Piemonte e la Compagnia di San Paolo si impegnano congiuntamente per la promozione e il coordinamento di programmi di cooperazione per lo sviluppo sostenibile e di partenariato territoriale tra Piemonte e Africa Sub sahariana, anche a seguito della proficua collaborazione realizzata a partire dal 2015 con l’ACRI e le Fondazioni partner dell’Iniziativa Fondazioni for Africa Burkina Faso, di cui la Compagnia è membro. L’iniziativa è coerente con le esperienze maturate negli anni dai due enti nell’ambito della cooperazione internazionale.

Con il presente Bando, la Regione Piemonte e la Compagnia di San Paolo intendono sostenere progetti di cooperazione decentrata promossi dalle autorità locali piemontesi impegnate nella cooperazione allo sviluppo in Benin, Burkina Faso (ad eccezione delle località partner del progetto “Giovani al Centro”: Banfora, Boussou, Gourcy, Ouahigouya, Ziniaré), Costa d’Avorio, Mali, Mauritania, Niger, Senegal, Gambia, Repubblica di Guinea (Conakri) e Guinea Bissau.

Le iniziative cofinanziate dovranno contribuire a:

– promuovere lo sviluppo locale sostenibile dei contesti territoriali dei Paesi dell’Africa Sub – sahariana identificati e il miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni locali;

– ridurre la povertà, le ineguaglianze e l’insicurezza alimentare.

Tali iniziative dovranno, inoltre:

– facilitare le relazioni tra le comunità partner, piemontesi e africane;

– migliorare la reciproca percezione dei territori, favorendo in particolare una maggiore conoscenza delle realtà nelle quali si originano i flussi migratori.

Il Bando è articolato in due Lotti:

Lotto n. 1 – Partenariati territoriali per un futuro sostenibile per sostenere iniziative di cooperazione decentrata sviluppate dalle Autorità Locali piemontesi nell’ambito di partenariati territoriali già attivati con omologhe istituzioni dei Paesi africani individuati;

Lotto n. 2 – Avvio di azioni di cooperazione decentrata per sostenere le Autorità Locali piemontesi nella fase di avvio di nuovi processi di cooperazione decentrata nei Paesi africani individuati.

Le richieste di contributo possono essere presentate esclusivamente dai seguenti soggetti pubblici del territorio piemontese:

Province, Città Metropolitana, Comuni, Unioni montane del territorio piemontese e ogni forma associativa tra i medesimi prevista dal T.U.EE.LL. vigente o da sedi piemontesi delle Associazioni di Enti Locali di cui al punto 272 T.U.EE.LL.

Sul Bando, ciascun soggetto pubblico può candidarsi in qualità di capofila presentando complessivamente al massimo due progetti, utilizzando il relativo modulo di domanda. I soggetti pubblici possono aderire in qualità di partner a più progetti.

Scadenza: 12/11/2018

Tandem Europe: call 2018 per innovatori culturali e sociali

Tandem Europe: call 2018 per innovatori culturali e sociali

hand-1917895_640

Tandem Europe è il programma transnazionale per creare scambi e collaborazioni internazionali tra organizzazioni culturali promosso da European Cultural Foundation (Olanda) e MitOst (Germania) e realizzato con la collaborazione di un gruppo di organizzazioni provenienti da 7 paesi europei tra cui, per l’Italia, Fondazione Cariplo.

Ideato per le iniziative culturali che stanno lavorando per mettere a punto soluzioni creative di innovazione sociale in aree urbane o rurali di diversi contesti europei, Tandem prevede l’avvio e lo sviluppo di una collaborazione tra due innovatori di due differenti Paesi europei per elaborare e testare nuove idee realizzando progetti pilota per lo sviluppo europeo e locale, stabilendo nuovi network su interessi culturali, sociali e artistici.

La call si rivolge a promotori di progetti che:

  • Sono impegnati in attività culturali che esplorano proattivamente nuove modalità di lavoro e formati innovativi
  • Promuovono per le persone e le comunità la possibilità di scoprire la loro creatività ed incrementare il senso di comunità
  • Sono impegnati in attività di innovazione culturale che affrontano le attuali sfide socio-economiche o riflettono sulle più ampie questioni culturali o sociali delle nostre comunità
  • Esplorano modalità di intervento non convenzionali su piccola scala che mostrano un potenziale contributo più ampio (a livello locale ed europeo)
  • Sono altamente motivati ad estendere il loro lavoro culturale a nuove aree per contribuire a sviluppare processi di innovazione economica e sociale in tutta Europa
  • Sviluppano soluzioni creative che si basano sulle esigenze dei cittadini per uno sviluppo socio-economico sostenibile delle loro comunità, città o regioni
  • Progettano nuovi formati culturali per impegnare i cittadini nel riformare realtà sociali ed economiche del contesto in cui vivono
  • Sono interessati a trovare nuove soluzioni strutturali, opportunità di sviluppo strategico e modelli di finanziamento alternativi
  • Ambiscono ad impegnarsi in una cooperazione strategica e duratura oltre i confini nazionali, culturali e mentali
  • Possono contare su strutture operative che presentano sufficienti capacità finanziarie e organizzative, sono flessibili e adattabili, socialmente responsabili e rispettate nel loro campo di lavoro
  • Hanno alcune responsabilità decisionali e/o sono strategicamente coinvolti nella mission della loro organizzazione di appartenenza
  • Sono socialmente impegnati, empatici, altamente motivati, dinamici ed aperti
  • Posseggono capacità, esperienze e risorse sufficienti per impegnarsi in un intenso processo di apprendimento e di riflessione internazionale che richiede un investimento minimo di 10 settimane di lavoro ed il compimento di un percorso della durata di un anno e sono “fluent in English”.

 

Il programma Tandem supporterà queste organizzazioni nella costruzione di nuovi canali di collaborazione strategica per realizzare un progetto pilota di loro interesse con potenzialità di replicabilità e scalabilità.

 

Possono partecipare alla call organizzazioni non profit, istituzioni pubbliche, iniziative della società civile e imprese creative o sociali impegnate in attività culturali appartenenti agli Stati membri del Consiglio d’Europa (più la Bielorussia).

Che cosa offre: La partecipazione al Tandem Partner Forum per i 32 candidati selezionati, un meeting (28 febbraio – marzo 2019) dove troveranno opportunità di network e anche il loro potenziale partner nel progetto Tandem. Insieme faranno quindi l’application per il programma completo per sviluppare un piano e un’idea di collaborazione specifici.

Di questi, 12 team saranno selezionati per diventare parte della famiglia Tandem e realizzare un programma di un anno beneficiando di:

  • un’esperienza professionale di due settimane all’estero presso l’organizzazione partner
  • 3 incontri di gruppo, tra cui sessioni di apprendimento tra pari e seminari con formatori esperti sull’innovazione sociale
  • rimborso delle spese di viaggio e di soggiorno durante gli eventi e gli stage
  • un finanziamento di 5.000 euro per testare l’iniziativa pilota di collaborazione
  • un percorso di mentoring e supporto per tutta la durata dell’iniziativa
  • un evento pubblico di presentazione dei risultati di tutte le iniziative
  • la possibilità di entrare a far parte di un network di innovatori culturali in Europa e nei paesi vicini.

Scadenza: 15 novembre 2018

ENI Twinning Georgia.

ENI Twinning Georgia

Scadrà il 19 Ottobre 2018 l’Invito ‘Strengthening Public Procurement Practices in Georgia (reference EuropeAid/161037/DD/ACT/GE)’, reso pubblico nell’ambito del Programma europeo ENI Twinning.

Attraverso lo stesso si vuole sostenere lo sviluppo e il mantenimento di un sistema di appalti pubblici trasparente, non discriminatorio e concorrenziale in linea con le migliori norme europee e internazionali che nella prospettiva a lungo termine consentiranno alla Georgia di diventare parte del mercato degli appalti pubblici dell’Ue, portando a maggiori opportunità per le Società dell’Unione europea di partecipare agli appalti pubblici georgiani e viceversa.

 

IPA Twinning Macedonia

 IPA Twinning Macedonia

Scadrà il 9 Ottobre 2018 la possibilità di presentare proposte in risposta al bando ‘Aligning the national systems with the EU and the Schengen requirements for border management’, reso pubblico nell’ambito di IPA Twinning Macedonia.

Attraverso lo stesso si vuole contribuire all’allineamento del sistema nazionale macedone a quello dell’Unione europea e agli standard previsti dal sistema Schengen nel settore della gestione integrata delle frontiere in linea con gli obiettivi della strategia di adesione all’Ue.

 

 

Programma IEV CT Italie-Tunisie II Fase

Programma IEV CT Italie-Tunisie II Fase

hand-1917895_640

L’Autorità di Gestione (AG) informa che la seconda fase dell’invito a presentare proposte per Progetti standard nell’ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia Tunisia 2014 – 2020 è stata lanciata e si chiuderà il 18 ottobre 2018.

La seconda fase di candidatura è riservata ai progetti che hanno presentato la “note succinte” durante la I fase di candidatura e che sono stati ammessi alla II fase.

Questa II fase prevede la sottomissione, da parte dei candidati, del “formulaire de candidature” completo, con i relativi allegati, del budget del progetto e del piano finanziario.

Al fine di illustrare i documenti e le procedure operative relative alla loro presentazione, l’AG – insieme con i membri del Segretariato Tecnico Congiunto (STC) del programma e con il supporto di esperti TESIM progetto, hanno previsto dei workshop di approfondimento per i candidati ammessi alla seconda fase.

Questi incontri saranno organizzati in Tunisia per i candidati tunisini nella settimana del 17-21 Settembre 2018 e in Sicilia per i candidati italiani, nella settimana del 24-28 settembre 2018.

Per motivi logistici e organizzativi per ciascun progetto candidato, solo tre rappresentanti saranno ammessi tra cui, se il richiedente lo riterrà necessario, un rappresentante del partenariato del progetto.

Tra i rappresentanti dei candidati viene chiesto di garantire la presenza del responsabile della parte tecnica e del responsabile della parte finanziaria del progetto.

Con una nota successiva, a ciascun richiedente verrà comunicato il luogo e la data in cui saranno invitati a partecipare.

Italia – Serbia: pubblicato il bando per progetti congiunti

Italia – Serbia: pubblicato il bando per progetti congiunti

 

Nell’ambito dell’Accordo di Cooperazione scientifica e tecnologica tra Italia e Serbia firmato a Roma nel 2009, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha pubblicato il nuovo bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca.

In particolare, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano e il Ministero dell’Istruzione e dello Sviluppo Scientifico e Tecnologico serbo co-finanzieranno congiuntamente progetti di mobilità dei ricercatori tra i due Paesi. Inoltre, l’Italia sosterrà anche progetti di Grande Rilevanza, secondo lo schema consueto che prevede il co-finanziamento ministeriale a fronte di un finanziamento adeguato anche da parte dell’ente proponente.

Le tematiche per i progetti congiunti che il bando prevede sono le seguenti:

  • Scienze di base;
  • Salute e benessere;
  • Tecnologie agroalimentari;
  • Energie sicure, pulite ed efficienti – Protezione e sviluppo ambientale;
  • ICT, incluse le tecnologie applicate ai beni culturali;
  • Processi di produzione avanzati, nanotecnologie e biotecnologie.

Per la Parte italiana, possono presentare proposta di progetto enti di ricerca pubblici e privati. Le candidature italiane devono essere inviate utilizzando la piattaforma online del MAECI entro il 12 luglio 2018.

COSME – Prodotti turistici tematici collegati alle industrie culturali e creative

COSME – Prodotti turistici tematici collegati alle industrie culturali e creative

 

Oggetto del bando è quello di promuovere e sviluppare prodotti turistici tematici transnazionali collegati alle industrie culturali e creative (ICC), nell’ottica di diversificare ed incrementare la visibilità dell’offerta turistica dell’Europa, migliorando così la competitività del turismo europeo e promuovendo l’immagine dell’Europa come destinazione turistica globale di eccellenza.

Obiettivo primario è quello di esplorare le sinergie fra il turismo e le industrie culturali e creative (ICC) e in particolare le ricadute della cultura e della creatività sui prodotti turistici in termini di:

– rivitalizzazione delle attrazioni e delle destinazioni turistiche e diversificazione delle esperienze di turismo transnazionale;

– prolungamento della stagionalità delle destinazioni UE e/o migliore sostenibilità delle offerte turistiche;

– supporto all’innovazione attraverso catene del valore transnazionali del turismo.

Il bando sosterrà finanziariamente progetti incentrati su esperienze turistiche nuove o esistenti che si basano sul potenziale creativo e di innovazione delle ICC per sviluppare servizi e prodotti. In particolare, intende:

– sviluppare soluzioni o strumenti di gestione innovativi per le attrazioni o le destinazioni turistiche attraverso la cooperazione tra le PMI del turismo e le ICC,

– esplorare nuovi modi di coinvolgere i visitatori, con l’aiuto di aziende o professionisti delle ICC, per rivitalizzare prodotti/servizi turistici esistenti e/o crearne di nuovi,

– creare solidi partenariati pubblico-privati nel settore del turismo e delle ICCe assicurare lo scambio di conoscenze ed esperienze nell’ambito dei partenariati.

Priorità:

  1. a) sviluppo di prodotti turistici tematici transnazionali incentrati su soluzioni innovative, come ad esempio le App di AR (Realtà aumentata), utilizzate come interfaccia per esplorare le attrazioni/destinazioni turistiche e per sviluppare nuove modalità di assistenza ai visitatori, la narrazione e il gamification,
  2. b) creazione di reti di cooperazione transnazionale, che facilitano lo sviluppo delle capacità attraverso il trasferimento di conoscenze e innovazione, di joint venture e la creazione di toolkit o manuali replicabili,
  3. c) una combinazione di servizi, prodotti e offerte personalizzate, risultante dalla cooperazione tra le PMI del turismo e le imprese delle ICC, nell’ambito di partenariati pubblico-privato,
  4. d) elaborazione di nuove offerte di nicchia rivolte a un pubblico che trascende i mercati geografici nazionali.

I progetti devono essere innovativi nel loro approccio e proporre soluzioni sostenibili, basate sulla stretta cooperazione e partecipazione delle PMI e dei professionisti del turismo e delle ICC che intendono esplorare le ricadute della cultura e della creatività sui prodotti e servizi turistici.

Beneficiari del bando sono organizzazioni dotate di personalità giuridica attive nel settore del turismo e negli altri settori toccati dal bando e in particolare:

– autorità pubbliche e loro reti o associazioni a livello europeo, internazionale, nazionale, regionale e locale, oppure enti che agiscono per conto di queste,

– istituti di istruzione e di formazione, comprese università e centri di ricerca,

– camere di commercio, industria e artigianato o similari e loro associazioni,

– organizzazioni di gestione delle destinazioni e loro reti/associazioni,

– agenti di viaggio e tour operator e loro associazioni,

– organizzazioni no profit/ONG, organizzazioni della società civile, fondazioni, think-tank, associazioni ombrello, reti o federazioni di enti pubblici o privati la cui attività principale ricada nei campi del turismo e delle ICC,

– organizzazioni/federazioni/associazioni internazionali, europee e nazionali attive nei settori del turismo e dei settori delle ICC, comprese quelle che operano in partnership transfrontaliere fra più paesi con una dimostrata dimensione transfrontaliera,

– micro-imprese e piccole e medie imprese (PMI) che operano nel settore del turismo o delle ICC,

– organizzazioni nazionali, regionali e locali per il turismo, agenzie pubbliche e private che si occupano di turismo, promozione del patrimonio culturale o sviluppo regionale.

Il contributo comunitario può coprire fino al 75% delle spese ammissibili per un massimo di 400.000 euro (saranno finanziati circa 5-7 progetti).

Una proposta progettuale deve essere portata avanti da un partenariato strategico transnazionale di almeno sei partner (e al massimo otto) di almeno cinque diversi paesi ammissibili (NB: oltre ai 28 Stati UE* sono ammissibili, Islanda, Moldova, Armenia, Ucraina e i Paesi dell’allargamento, escluso il Kosovo – l’elenco dei paesi extra-UE ammissibili aggiornato è disponibile qui).

Il partenariato deve comprendere almeno:

– quattro PMI (due del settore turistico e due dei settori ICC)

– una autorità pubblica di livello nazionale, regionale o locale

La durata prevista dei progetti deve essere di 18-24 mesi.

Le proposte progettuali devono essere inviate in formato elettronico.

Scadenza: 19/07/2018

 

Interreg Europe: Competitività delle PMI

L’evento organizzato da Interreg Europe, nell’ambito della Policy Learning Platform, si terrà il 19 e 20 Ottobre a Milano e sarà dedicato a ricerca e sviluppo e competitività delle PMI.

In particolare, sarà un’occasione per incontrare altri partner che lavorano nell’ambito di ricerca e innovazione e competitività delle PMI, per condividere buone pratiche e per testare i servizi della Piattaforma.

Il 19 ottobre si caratterizzerà per un focus particolare su “ricerca e innovazione”, mentre il 20 sarà dedicato a “competitività delle PMI”.

L’evento è dedicato ai partner dei progetti di Interreg Europe, ai rappresentanti delle Autorità di Gestione dei Fondi strutturali e a tutti gli attori politici interessati ai temi trattati.

Per maggiori informazioni ed effettuare le iscrizioni, si prega di fare riferimento al seguente link.

Fonte: http://first.aster.it/_aster_/viewNews?ID=39246

 

1 2 3