GAL Valli Marecchia e Conca operazione 19.2.02.09 Valorizzazione dei centri e nuclei storici “Tolgo, metto, dipingo”. (Seconda edizione)

GAL Valli Marecchia e Conca operazione 19.2.02.09 Valorizzazione dei centri e nuclei storici “Tolgo, metto, dipingo”. (Seconda edizione)

david-rodrigo-fr6zexbmjmc-unsplash

Possono beneficiare degli aiuti gli Enti Pubblici che abbiano la proprietà/disponibilità ad intervenire nelle aree oggetto di intervento.

Risorse stanziate: € 275.000

La spesa ammissibile va da un limite minimo di euro 30.000 ad un massimo di euro 75.000.

Il sostegno, in forma di contributo in conto capitale, sarà pari al 100%

Spese ammissibili a titolo non esaustivo:

  • Consulenze (studio preliminare specifico) nel limite massimo del 5%
  • Interventi di fondo e di tinteggiatura facciate;
  • Interventi di restauro di paramenti in pietra e laterizio, elementi in ferro e legno quali ringhiere, inferriate, infissi, persiane, ecc.;
  • Rimozione di elementi incongrui;
  • Trattamento e rimozione di piante;
  • Manutenzione straordinaria su spazi pertinenziali;
  • Acquisto e messa a dimora di piante perenni autoctone;
  • Azioni finalizzate alla conoscenza e alla fruizione pubblica del sito;
  • Spese generali nel limite massimo del 10%.

Scadenza: 12 gennaio 2022

Bando straordinario per la rivitalizzazione e ripopolamento dei centri storici nelle aree colpite dal sisma – 2020

Bando straordinario per la rivitalizzazione e ripopolamento dei centri storici nelle aree colpite dal sisma - 2020

earthquake-2790855_960_720

La Regione Emilia-Romagna intende agevolare nel rispetto delle identità e delle vocazioni dei territori colpiti dal sisma, processi di insediamento, riqualificazione e ammodernamento di attività d’impresa, professionali e no profit al fine di:

  • favorire il ripopolamento e la rivitalizzazione delle aree dei centri storici e delle frazioni e/o di altre aree dei Comuni dell’Emilia-Romagna più colpiti dagli eventi sismici accaduti nel maggio del 2012;
  • preservare il senso di comunità e promuovere il ritorno a normali condizioni di vita sociale ed economica attraverso la realizzazione di interventi orientati alla sostenibilità economica, ambientale e sociale in linea con quanto previsto dall’Agenda 2030 dell’Onu

Possono presentare domanda ed essere beneficiari dei contributi esclusivamente i soggetti identificati nell’allegato D al bando, i quali, in occasione dell’apertura della terza finestra del bando Ripopolamento e rivitalizzazione dei centri storici nei comuni più colpiti dagli eventi sismici del 20-29 maggio 2012 avvenuta in data 04/06/2020, hanno dato inizio alla compilazione delle domande che, al momento di chiusura anticipata della suddetta finestra avvenuta per il raggiungimento del numero massimo di richieste previste, risultavano pertanto in uno stato di lavorazione precedente a quello dell’invio alla pubblica amministrazione e in relazione alle quali non è stato possibile effettuare l’invio telematico.

Si tratta di un contributo a fondo perduto compreso tra il 50% e il 70% delle spese ritenute ammissibili. Il contributo può aumentare del 10% nel caso di rilevanza della presenza femminile e/o giovanile o nel caso di possesso del rating di legalità.

Il contributo massimo concedibile non può superare i 150.000 €

Le risorse stanziate sul bando ammontano complessivamente a 7,5 milioni di euro

I progetti devono prevedere interventi aventi ad oggetto l’insediamento e/o la riqualificazione, l’ammodernamento e/o l’ampliamento delle attività d’impresa, professionali e/o no profit, in immobili localizzati nelle aree dei centri storici, delle frazioni e/o di altre aree dei comuni indicati nel bando, che abbiano come obiettivo prioritario quello di aumentare l’attrattività dei luoghi e l’aumento dei flussi di persone verso le aree stesse.

La domanda di contributo dovrà essere inviata a partire dalle ore 10 del 9 settembre 2020, fino alle ore 13 del 16 settembre 2020