Promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi: avviso per la presentazione dei progetti campagna

Promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi: avviso per la presentazione dei progetti campagna

 

Con Decreto dirigenziale n. 17541 del 8 ottobre 2021, viene approvato l’allegato A, parte integrante e sostanziale del presente atto, avente per oggetto: “Regolamento (UE) n. 1308/2013 – Misura della promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi – Avviso per la presentazione dei progetti campagna 2021/2022 – definizione delle modalità operative e procedurali”, in attuazione all’art. 45 del Regolamento UE n.1308/2013, è finalizzato alla concessione di contributi per lo svolgimento di azioni di promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi (extra UE).
Con il presente avviso sono adottate le disposizioni attuative della misura della promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi inserita nel programma nazionale di sostegno del settore vitivinicolo, prevista dalla Organizzazione Comune di mercato (OCM). Obiettivo della misura è quello di far conoscere e promuovere il vino toscano nei Paesi non europei.

Chi può partecipare alla domanda

  • a) le organizzazioni professionali, purché abbiano, tra i loro scopi, la promozione dei prodotti agricoli;
  • b) le organizzazioni di produttori di vino, come definite dall’art. 152 del Regolamento (UE) n.1308/2013 del 17/12/2013 (di seguito Regolamento);
  • c) le associazioni di organizzazioni di produttori di vino, come definite dall’art. 156 del Regolamento;
  • d) le organizzazioni interprofessionali, come definite dall’art. 157 del Regolamento;
  • e) i consorzi di tutela, riconosciuti ai sensi dell’art. 41 della legge 12 dicembre 2016 n. 238, e le loro associazioni e federazioni;
  • f) i produttori di vino, cioè le imprese, singole o associate, in regola con la presentazione delle dichiarazioni vitivinicole nell’ultimo triennio, che abbiano ottenuto i prodotti da promuovere dalla trasformazione dei prodotti a monte del vino, propri o acquistati e/o che commercializzano vino di propria produzione o di imprese ad esse associate o controllate;
  • g) i soggetti pubblici, cioè organismi aventi personalità giuridica di diritto pubblico (ente pubblico) o personalità giuridica di diritto privato (società di capitale pubblico di esclusiva proprietà pubblica), con esclusione delle Amministrazioni governative centrali, Regioni, Province Autonome e Comuni, con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli;
  • h) le associazioni temporanee di impresa e di scopo, costituende o costituite dai soggetti di cui alle lettere a), b), c), d), e), f), g) e i);
  • i) i consorzi, le associazioni, le federazioni e le società cooperative, a condizione che tutti i partecipanti al progetto di promozione rientrino tra i soggetti proponenti di cui alle lettere a), e), f) e g);
  • j) le reti di impresa, composte da soggetti di cui alla lettera f); esse devono essere già costituite al momento della presentazione della domanda.

Opportunità

L’importo del contributo a valere sui fondi Europei è pari, al massimo al 50% delle spese sostenute per realizzare il progetto, salvo che, in attuazione di quanto disposto all’articolo 2 del decreto del Direttore Generale del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali n. 513885 del 7/10/2021, il Ministero stabilisca una diversa percentuale di contributo concedibile, rispetto a quanto previsto dall’articolo articolo 13, comma 1 del decreto ministeriale 3893/2019, ove lo stato della procedura e l’efficace ed efficiente attuazione della misura lo consentano.
In ogni caso la residua percentuale è a carico del beneficiario.

Non è consentita la cumulabilità con altri aiuti pubblici.

Lo stesso soggetto può presentare o partecipare a più progetti, purché siano rivolti a Paesi terzi o mercati di Paesi terzi diversi e il limite massimo di contributo pubblico spettante per ciascun progetto non può superare i 650.000,00 euro (contro i 3 milioni di euro fissati per i progetti nazionali).

Rispetto alle scorse annualità, vi sono numerose novità, tutte a vantaggio delle imprese toscane: è stato abbassato il contributo minimo ammissibile per ciascun progetto, che in Toscana non può essere inferiore a 60.000,00 Euro, qualora il progetto sia destinato ad un solo Paese terzo. ed a 20.000,00 Euro per Paese terzo qualora il progetto sia destinato a due o più Paesi terzi, in quanto ritenuti limiti adeguati per la realtà vitivinicola toscana; sono stati introdotti limiti inferiori qualora il progetto sia rivolto a Paesi emergenti; è stato confermato il contributo minimo che ciascun soggetto partecipante deve richiedere (2.000 euro per Paese terzo, 1.000 euro nel caso il progetto sia rivolto ad un Paese emergente, al fine di garantire la partecipazione alla misura anche alle piccole e/o micro imprese.

Durata dei progetti

I progetti non hanno una durata massima di 12 mesi ma devono iniziare il 1° di marzo e concludersi entro il 31 agosto 2022 se non si ricorre all’anticipo o entro il 31 dicembre 2022 se ci si avvale dell’anticipo.

Scadenza presentazione domande

Presentazione domande: 18 ottobre 2021

Scadenza: 11 novembre 2021

OCM vino – Promozione sui mercati dei paesi extra UE annualità 2021/2022

OCM vino - Promozione sui mercati dei paesi extra UE annualità 2021/2022

 

Il bando sostiene, nell’ambito della OCM Vino – Misura promozione del vino sui mercati dei paesi extra UE, i progetti regionali e multiregionali di promozione dei vini di qualità per l’annualità 2021/2022.

La misura si propone di sostenere le attività di promozione del vino di qualità sui mercati dei paesi extra UE svolte dai consorzi di tutela, associazioni di produttori vitivinicoli.

L’aiuto è concesso ha una percentuale massima del 50% per le attività promozionali.

Possono beneficiare i consorzi di tutela viticoli, le associazioni di produttori vitivinicoli, consorzi, società cooperative, ATI e ATS.

Scadenza per Progetti multiregionali con la Regione Piemonte come Regione Capofila: ore 23:59:59 del 5 novembre 2021.

Scadenza per Progetti regionali: ore 23:59:59 del 9 novembre 2021.

Avviso pubblico di selezione per costituire il Consiglio “Toscani nel mondo” 2021-2025

Avviso pubblico di selezione per costituire il Consiglio "Toscani nel mondo" 2021-2025

riccardo-annandale-7e2pe9wjl9m-unsplash

 

La Regione Toscana con decreto dirigenziale 14922 del 30 agosto 2021 ha approvato
tre avvisi pubblici rivolti ad associazioni ed istituzioni interessate a far parte del Consiglio dei Toscani nel Mondo per il periodo 2021-2025, rispettivamente per le categorie previste alle lettere  d), e), f), ossia

  • d) un componente designato d’intesa dalle associazioni di toscani nel mondo che hanno sede nel territorio toscano;
  • e) un componente designato d’intesa dalle organizzazioni sindacali e dagli istituti di patronato e assistenza sociale per lavoratori residenti all’estero che hanno sede nel territorio toscano;
  • f) un componente designato d’intesa dalle associazioni rappresentative delle categorie economiche operanti in Toscana;

Scadenza e presentazione domanda: Le domande devono essere inviate entro lunedì 27 settembre 2021.