Agenzia Spaziale europea: nuovo bando per prevenire e rilevare frodi in alimenti e bevande

Agenzia Spaziale europea: nuovo bando per prevenire e rilevare frodi in alimenti e bevande

fruit-428082_960_720

Al via il 3 novembre il nuovo bando dell’Agenzia Spaziale Europea per prevenire e rilevare frodi in alimenti e bevande grazie all’utilizzo di applicazioni spaziali.

Le tecnologie e i dati spaziali possono infatti svolgere un ruolo significativo nella prevenzione e nell’individuazione delle frodi alimentari e delle bevande:

  • Osservazione satellitare della Terra (EO)
  1. può fornire diversi dati ambientali, mappatura e immagini di rilevamento dei cambiamenti
  2. può supportare il funzionamento delle forze dell’ordine; per esempio, per identificare le scorte di cibo o per rilevare movimenti sospetti di gru e altri veicoli nei pressi di porti o aeroporti dove non dovrebbero esserci
  • Navigazione satellitare (SatNav):
  1. il trasporto è un elemento chiave della catena di approvvigionamento alimentare, sono incluse diverse fasi che vanno dalla produzione, al commercio alla distribuzione. Il GNSS è l’elemento chiave per il tracciamento degli alimenti e delle bevande lungo tutta la catena di approvvigionamento.
  2. le informazioni di posizionamento saranno in grado di fornire servizi di geo-tagging per la raccolta dei dati.
  • Comunicazione satellitare (SatCom):
  1. SATCOM consente la comunicazione quando non è disponibile una rete terrestre, ad esempio in zone remote e in mare.
  2. SATCOM può consentire la trasmissione di dati provenienti da sensori offshore (ad esempio in container nelle imbarcazioni)

Le proposte dovranno riguardare uno dei seguenti topics:

  • Increase supply chain transparency
  • Monitor and improve food logistics
  • Improve certification process
  • Detection of counterfeit food products and beverages
  • Improve consumer confidence and experience
  • Support food safety

Le attività saranno finanziate al 100% fino a 200.000 euro ciascuna e la scadenza per partecipare è il 19 gennaio 2021.

Hercule III – Bando 2020 Formazione e studi in campo giuridico

Hercule III - Bando 2020 Formazione e studi in campo giuridico

children-1562853__340

Il bando ha l’obiettivo di contribuire a migliorare la tutela degli interessi finanziari dell’UE contro la frode, la corruzione e altre attività illecite.

Azioni
Sostegno a progetti riguardanti una delle seguenti azioni:
1. Studi di diritto comparato e relativa divulgazione: sviluppo di attività di ricerca di alto profilo, tra cui studi di diritto comparato (compreso la divulgazione dei risultati e una conferenza conclusiva, se del caso);
2. Cooperazione e sviluppo di reti: rafforzamento della cooperazione tra professionisti e accademici e sviluppo di reti attive nella tutela degli interessi finanziari dell’Unione, compreso il sostegno alle associazioni per il diritto penale europeo e la tutela degli interessi finanziari dell’UE;
3. Pubblicazioni periodiche: sensibilizzazione di giudici e magistrati e altri professionisti del settore legale in merito alla tutela degli interessi finanziari dell’Unione, anche mediante la pubblicazione e divulgazione di conoscenze scientifiche.

Tematiche prioritarie
– misure a livello nazione e di Unione per supportare nuovo assetto istituzionale antifrode (in particolare nello scenario dell’istituzione dell’EPPO);
– cooperazione tra gli organismi dell’UE coinvolti nella tutela degli interessi finanziari dell’Unione (OLAF, EPPO, Eurojust, Europol) e cooperazione tra tali organismi e le autorità nazionali e di Paesi terzi;
– l’attività investigativa dell’OLAF, con particolare riferimento all’esercizio e all’attuazione dei suoi poteri, alla sua cooperazione con i partner nazionali, al funzionamento dell’AFCOS negli Stati membri, al valore probatorio delle relazioni dell’OLAF o al follow-up da parte delle autorità nazionali competenti;
– requisiti per ottenere, assicurare e utilizzare prove legali digitali nelle indagini in campo penale e amministrativo;
– poteri e procedure per accedere alle informazioni sui conti bancari nelle indagini in campo penale e amministrativo;
– lotta contro la frode delle entrate e le nuove sfide nel settore (ad esempio, il commercio elettronico);
– protezione del mercato interno dell’UE contro la contraffazione, il contrabbando di tabacco e le merci pericolose per la salute, la sicurezza o l’ambiente – protezione delle frontiere, cooperazione doganale e scambio di informazioni;
– ricerca sulle irregolarità e le frodi che colpiscono i fondi UE nel settore della migrazione;
– lotta contro la frode dei fondi dell’UE nei settori dell’ambiente, del clima e della sicurezza alimentare (azioni del Green Deal);
– valutazione della portata, della natura e delle cause delle frodi che colpiscono il bilancio dell’UE e metodologie per la valutazione;
– strategie antifrode europee e nazionali;
– efficacia dei controlli e sviluppo di approcci economicamente vantaggiosi, compresa la determinazione dei rischi di frode e il confronto delle strategie di controllo, in settori selezionati (ad esempio, ricerca e innovazione, ambiente, coesione, agricoltura, nonché nel settore del sostegno al bilancio pubblico);
– tutela degli interessi finanziari dell’Unione nel contesto delle misure proprie dello stato di diritto.

Beneficiari
– Amministrazioni nazionali o regionali, stabilite in uno degli Stati UE, che promuovono il rafforzamento dell’azione dell’UE nel settore della tutela degli interessi finanziari dell’Unione.
– Istituti di ricerca e insegnamento e organismi senza scopo di lucro che promuovono il rafforzamento dell’azione dell’UE a tutela dei suoi interessi finanziari; questi soggetti devono essere stabiliti e operativi da almeno 1 anno in uno degli Stati UE.

Entità Contributo
Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto (in casi eccezionali e debitamente giustificati la percentuale di cofinanziamento può arrivare fino 90 % dei costi ammissibili).
Possono essere cofinanziati unicamente progetti il cui budget complessivo non sia inferiore a 40.000 euro.

Modalità e procedura
Sono ammissibili unicamente proposte progettuali presentate da singoli candidati (non sono ammesse proposte presentate in consorzio).

I progetti devono avere una durata massima di 18 mesi e devono concludersi entro il 31 dicembre 2022 (con inizio indicativamente ad ottobre-novembre 2020).

Le candidature devono essere presentate per via telematica, utilizzando l’apposito sistema – Electronic Submission Service – accessibile dal Funding and Tenders Portal (dove per ciascuna azione del bando è predisposta una pagina dedicata).

Scadenza
27/05/2020, ore 17:00 (ora dell’Europa centrale)

Hercule III – Bando 2020 Formazione, conferenze e scambi di personale

Hercule III - Bando 2020 Formazione, conferenze e scambi di personale

children-1562853__340

Il bando ha l’obiettivo di contribuire a migliorare la tutela degli interessi finanziari dell’UE contro la frode, la corruzione e altre attività illecite.

Sostegno a progetti riguardanti una delle seguenti azioni:

1. Formazione specializzata: sviluppo di sessioni di formazione specializzata per migliorare le capacità d’indagine mediante l’acquisizione di nuove competenze e conoscenze in materia di metodologie e tecniche specializzate.

2. Conferenze, workshop e seminari: organizzazione di conferenze, workshop e seminari tra Stati membri, Paesi candidati, altri Paesi terzi e organizzazioni pubbliche internazionali al fine di: a) agevolare lo scambio di informazioni, esperienze e migliori pratiche; b) creare reti e piattaforme strutturali tra Stati membri, Paesi candidati, Paesi terzi e organizzazioni pubbliche internazionali.

3. Scambi di personale: organizzazione di scambi di personale tra le amministrazioni nazionali e regionali (comprese quelle dei paesi candidati (potenziali) e dei Paesi di vicinato) per contribuire all’ulteriore sviluppo, miglioramento e aggiornamento delle capacità e delle competenze del personale riguardo alla tutela degli interessi finanziari dell’Unione.

Tematiche prioritarie
– I rischi e le vulnerabilità a cui sono esposti gli interessi finanziari dell’UE.
– Pratiche di investigazione
– Attività di prevenzione
– Il ruolo dei servizi di coordinamento antifrode degli Stati membri (AFCOS)
– Analisi dei dati doganali e uso di banche dati commerciali
– Pratiche e metodi di analisi del rischio nei diversi settori di spesa del bilancio dell’UE
– Nuove sfide in materia di frode nelle entrate
– Lotta contro la frode nei settori riguardanti il clima, l’ambiente e la sicurezza alimentare (politiche del Green Deal)

Beneficiari
– Amministrazioni nazionali o regionali, stabilite in uno degli Stati UE, che promuovono il rafforzamento dell’azione dell’UE nel settore della tutela degli interessi finanziari dell’Unione.
– Istituti di ricerca e insegnamento e organismi senza scopo di lucro che promuovono il rafforzamento dell’azione dell’UE a tutela dei suoi interessi finanziari; questi soggetti devono essere stabiliti e operativi da almeno 1 anno in uno degli Stati UE.

Entità Contributo
Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto.
Possono essere cofinanziati unicamente progetti il cui budget complessivo non sia inferiore a 40.000 euro.

Modalità e procedura
Sono ammissibili unicamente proposte progettuali presentate da singoli candidati (non sono ammesse proposte presentate in consorzio).

I progetti devono avere una durata massima di 15 mesi e devono concludersi entro il 31 dicembre 2022 (con inizio indicativamente ad ottobre-novembre 2020).

Le candidature devono essere presentate per via telematica, utilizzando l’apposito sistema – Electronic Submission Service – accessibile dal Funding and Tenders Portal (dove per ciascuna azione del bando è predisposta una pagina dedicata).

Scadenza
27/05/2020, ore 17:00 (ora dell’Europa centrale)

Hercule III – Bando 2019 Formazione, conferenze e scambi di personale

Hercule III - Bando 2019 Formazione, conferenze e scambi di personale

network-1020332_1280

Bando nell’ambito del programma Hercule III: formazione, conferenze e scambi di personale per contribuire a migliorare la tutela degli interessi finanziari dell’UE contro la frode, la corruzione e altre attività illecite.

Sostegno a progetti riguardanti una delle seguenti azioni:

  1. Formazione mirata specializzata orientata a:
    1. creare reti e piattaforme strutturali tra Stati membri, Paesi candidati, Paesi terzi e organizzazioni pubbliche internazionali per agevolare lo scambio di informazioni, esperienze e migliori pratiche tra il personale dei soggetti beneficiari. Le informazioni e le migliori pratiche devono riguardare, tra l’altro, i rischi e le vulnerabilità cui sono esposti gli interessi finanziari dell’UE e le prassi investigative e/o le attività di prevenzione;
    2. combattere la frode sull’IVA per i beni importati nell’UE e creare sinergie tra i servizi fiscali e doganali degli Stati membri, l’OLAF e altri organismi competenti dell’UE, al fine di sviluppare reti, nuovi strumenti di supporto e facilitare lo scambio di informazioni, esperienze e migliori pratiche.
  2. Conferenze e workshop finalizzati a:
    1. creare reti e piattaforme strutturali tra Stati membri, Paesi candidati, Paesi terzi e organizzazioni pubbliche internazionali per agevolare lo scambio di informazioni, esperienze e migliori pratiche tra il personale dei soggetti beneficiari. Le informazioni e le migliori pratiche devono riguardare, tra l’altro, i rischi e le vulnerabilità cui sono esposti gli interessi finanziari dell’UE e le prassi investigative e/o le attività di prevenzione;
    2. facilitare lo scambio di informazioni, nonché l’individuazione dei bisogni e/o di progetti comuni per combattere la frode lesiva degli interessi finanziari dell’UE tra i servizi antifrode degli Stati membri, compresi i laboratori doganali, con l’eventuale partecipazione di OLAF e altri organismi dell’UE, in relazione a uno o più dei seguenti aspetti: la lotta contro la frode nelle misure commerciali dell’UE, il rilevamento di nuove classificazioni errate di tracciabilità dei prodotti, analisi chimiche specifiche per il rilevamento di origini errate; la frode nel trasporto ferroviario di merci; lo sviluppo di strumenti IT per la lotta contro la frode nell’e-commerce;
    3. riunire i rappresentanti degli Stati membri al fine di mappare l’origine geografica del tabacco grezzo e trinciato nelle regioni dell’UE;
    4. combattere la frode sull’IVA per i beni importati nell’UE attraverso workshop o conferenze sull’analisi del rischio e lo sviluppo di sinergie tra i servizi fiscali e doganali degli Stati membri, l’OLAF e altri organismi competenti dell’UE, al fine di creare reti, nuovi strumenti di supporto e facilitare lo scambio di informazioni, esperienze e buone pratiche.
  3. Scambi di personale tra le amministrazioni nazionali e regionali per contribuire all’ulteriore sviluppo, miglioramento e aggiornamento delle capacità e delle competenze del personale riguardo alla tutela degli interessi finanziari dell’UE.

Beneficiari:

  • Amministrazioni nazionali o regionali, stabilite in uno degli Stati UE, che promuovono il rafforzamento dell’azione dell’UE nel settore della tutela degli interessi finanziari dell’Unione.
  • Istituti di ricerca e insegnamento e organismi senza scopo di lucro che promuovono il rafforzamento dell’azione dell’UE a tutela dei suoi interessi finanziari; questi soggetti devono essere stabiliti e operativi da almeno 1 anno in uno degli Stati UE.

Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto.

Possono essere cofinanziati unicamente progetti il cui budget complessivo non sia inferiore a 40.000 euro.

Scadenza – 15/05/2019, ore 17:00