EIT Urban Mobility COVID-19 Crisis Response Call

bike-1687088__340

Il 22 maggio si terrá online l’ultimo appuntamento della serie EIT Urban Mobility COVID-19 Crisis Response Call.

L’evento virtuale sará del tipo “Pitch&Meet” e dará quindi la possibilitá ai partecipanti di presentarsi e costruire nuovi partenariati in risposta al bando Crisis Response Call di EIT Urban Mobility.

Lo scopo di EIT Urban Mobility é infatti quello di riunire digitalmente nuovi potenziali partner e innovatori per condividere idee e contatti sul tema della mobilitá durante la crisi causata dalla pandemia di COVID-19.

L’evento si rivolge a qualsiasi partner dell’EIT Urban Mobility, ai partner di progetto o le rispettive terze parti, alle PMI, all’industria, al mondo accademico, ai fornitori di servizi di trasporto pubblico e alle amministrazioni cittadine.

Per registrarsi, si prega di far riferimento al seguente link.

Per avere maggiori informazioni, consultare invece la pagina dedicata sul sito EIT Urban Mobility.

Webinar – Post-pandemic recovery plans

capture

Il 14 maggio si terrá il webinar Post-pandemic recovery plans. L’evento é promosso dalla Intelligent Cities Challenge della Commissione europea per scambiare buone pratiche e sostenere le amministrazioni cittadine ad affrontare l’attuale crisi legata al COVID-19.

La pandemia attuale ha radicalmente trasformato la vita dei cittadini dell’UE, le strade delle cittá sono in stato di blocco e i servizi sanitari sono sottoposti a pressioni estreme. Eppure, in tempo di crisi, sono emerse innovazioni che salvano vite e proteggono i mezzi di sussistenza. Molte di queste innovazioni implicano usi innovativi della tecnologia, implementati da attori locali a livello cittadino e regionale.

Per aiutare le città a superare la crisi attuale e attuare le risposte appropriate, l’Intelligent Cities Challenge della Commissione europea sta lanciando un pacchetto di supporto per facilitare l’apprendimento e la condivisione delle migliori pratiche su interventi guidati dalle città efficaci da città europee e globali.

Il primo passo é l’organizzazione di una serie di webinar interattivi incentrati sulla città per apprendere, scambiare pratiche e supportare le amministrazioni cittadine. Gli argomenti trattati comprenderanno risposte ai rischi per la salute, interventi sugli impatti economici e strategie generali per una gestione e una preparazione efficaci.

Per maggiori informazioni, si prega di accedere alla pagina dei webinar.

JPI Urban Europe Policy Conference 2020

capture

Il network europeo JPI Urban Europe ha organizzato la sua quinta policy conference, che si terrá a Bruxelles l’11 e il 12 novembre.

Sullo sfondo del Green Deal Europeo e dell’agenda urbana per l’UE, l’Europa sta ora lavorando a un’ambiziosa strategia per diventare il primo continente neutro dal punto di vista climatico e garantire vivibilità, prosperità e benessere a tutte le persone nel processo. Per raggiungere questi obiettivi ambiziosi, le trasformazioni urbane svolgono un ruolo cruciale. L’evento é organizzato come un forum di scambio sulle opportunità e le esigenze delle città e dei comuni urbani nella prossima trasformazione urbana.

I partecipanti potranno prendere parte a discussioni per:

  • Sottolineare esempi di buone pratiche
  • Riflettere sui risultati dei progetti di ricerca e innovazione
  • Illustrare come migliorare l’impatto, la replica e l’apprendimento peer-to-peer in Europa e non solo
  • Concentrarsi su come collegare la ricerca e l’innovazione con l’azione locale

Inoltre le discussioni toccheranno anche punti sulle transizioni energetiche urbane, l’economia circolare e alla mobilità urbana sostenibile come aree chiave per la trasformazione urbana. Insieme, JPI Urban Europe e i partecipanti definiranno le priorità e prepareranno le azioni per i prossimi anni.

Per saperne di piú, si prega di far riferimento alla pagina web dell’evento.

Stepping up the game- Driving Urban Transitions

capture

Sullo sfondo dell’European Green Deal dell’UE e dell’agenda urbana per l’UE, l’Europa sta ora lavorando a una strategia ambiziosa per diventare il primo continente neutro dal punto di vista climatico e garantire vivibilità, prosperità e benessere a tutte le persone nel processo di transizione. Per raggiungere questi obiettivi ambiziosi, le trasformazioni urbane svolgono un ruolo cruciale. Senza che i quartieri, le città, i comuni, le città e le aree urbane siano corretti, molti sforzi andranno persi.

Questa sará la premessa sulla quale si baserá l’evento dell’11 e 12 novembre 2020 chiamato “Stepping up the game- Driving Urban Transitions” organizzato a Bruxelles dall’iniziativa congiunta europea JPI Urban Europe.

JPI Urban Europe ha lo scopo di intensificare le relazioni per guidare le transizioni urbane e supportare lo sviluppo di capacità a tutti i livelli per realizzare le trasformazioni richieste dall’Unione Europea. La conferenza di novembre sará quindi un forum per lo scambio di opportunità e necessità di città e comuni urbani nella prossima trasformazione.

Le discussioni ruoteranno intorno ai seguenti temi:

  • Esempi di buone pratiche
  • Riflessione sui risultati dei progetti di ricerca e innovazione
  • Dimostrazione di come migliorare l’impatto, la replica e l’apprendimento peer-to-peer in Europa ed oltre
  • Concentrarsi su come collegare la ricerca e l’innovazione all’azione locale

Sará inoltre un’occasione per imparare e contribuire con la propria esperienza su dilemmi e problemi di sviluppo integrato relativi alle transizioni energetiche urbane, all’economia circolare e alla mobilità urbana sostenibile come aree chiave per la trasformazione urbana. Insieme, JPI Urban Europe e i partecipanti daranno la priorità e prepareranno le azioni per i prossimi anni.

Per maggiori informazioni, si prega di consultare la pagina web di JPI Urban Europe.

Building Collective Intelligence to Support Local Governments

capture

Il 10 dicembre 2019 la Urban Europe Research Alliance (UERA) ospiterá una sessione speciale alla conferenza 2019 sulla pianificazione intelligente e sostenibile per città e regioni. La conferenza é organizzata in collaborazione con diversi attori, tra i quali JPI Urban Europe.

La sessione si colloca sul tema Societal, Research and Innovation Challenges in Integrated Planning and Implementation of Smart and Energy-efficient Urban Solutions e sará focalizzata su come supportare i governi locali in Italia e in tutta Europa.

L’evento mira a riunire una vasta gamma di stakeholders chiave intorno alla pianificazione integrata e all’implementazione di soluzioni intelligenti ed energeticamente efficienti nelle città, per discutere non solo su come gli sforzi per rendere le città più sostenibili possano essere intensificati e realizzare una replica più ampia nel prossimi anni, ma anche quale agenda per la ricerca e l’innovazione dovrebbe essere definita al fine di costruire una maggiore intelligenza collettiva e capacità trasformativa a supporto dei governi locali, non solo nell’ambito di Horizon Europe ma anche nell’ambito delle agende nazionali di ricerca e innovazione e nell’ambito della Ricerca strategica e innovazione di JPI Urban Europ Agenda 2.0 (SRIA 2.0).

L’obiettivo di questo evento è raccogliere messaggi chiave, non solo per le nuove agende politiche, ma anche per un’agenda di ricerca e innovazione fortemente ambiziosa incentrata sugli approcci integrati per la pianificazione e l’attuazione, che saranno trasferiti ai responsabili politici nazionali e al Mission Board on Smart and Climate-neutral Cities e altri organi di missione pertinenti.

Per maggiori informazioni, consultare la pagina web dell’evento.

Cities of the Future 2019

capture

L’evento Cities of the Future 2019 si terrá a Bruxelles il prossimo 8 novembre.

Il Consiglio di ricerca scientifica e tecnologica della Turchia (TUBITAK), con il sostegno del progetto finanziato dall’UE “Technical Assistance for Turkey in Horizon 2020 Phase II”, ha organizzato l’evento Cities of the Future 2019 (CoF 2019) che includerá anche un evento di brokerage.

L’evento avrá come scopo il favorimento del networking tra gli stakeholders e  presenterá i seguenti bandi di Horizon 2020:

  • Next Generation Batteries
  • Automated Road Transport
  • Mobility for Growth
  • Green Vehicles
  • Smart, Sustainable and Resilient Cities
  • Energy Efficient Buildings (EEB)
  • Smart Energy Systems and Consumers
  • Circular Economy
  • Raw Materials
  • Sustainable Process Industry (SPIRE)
  • Factories of the Future (FOF) and AI for Manufacturing
  • Robotics

Cities of the Future 2019 riunirà fino a 300 partecipanti provenienti da Europa e Turchia, provenienti da comunità di ricerca e industriali che lavorano in settori correlati al tema dell’evento. Questo darà l’opportunità unica di connettersi con ricercatori turchi ed europei per discutere delle idee progettuali da presentare per Horizon 2020. Inoltre sará possibile ottenere informazioni di prima mano sui prossimi bandi Horizon 2020. Questo evento sarà una piattaforma eccellente per espandere la propria rete e creare nuove partnership consorzi di successo.

Per maggiori e informazioni, si prega di visitare il sito dell’evento.

URBACT III – Bando per Action Planning Networks

URBACT III – Bando per Action Planning Networks

world-1264062_1280

Nell’ambito del programma URBACT III è stato appena aperto l’ultimo bando per la creazione di Action Planning Networks.

Le Action Planning Networks sono reti transnazionali costituite da città che condividono problematiche comuni a livello urbano e che mirano a elaborare piani d’azione integrati al fine di superare le problematiche individuate. Queste reti dovrebbero sostenere un processo organizzato di scambio e apprendimento fra pari con l’obiettivo di migliorare le politiche locali attraverso un processo di pianificazione condiviso. Il bando punta a sostenere 23 reti di questo tipo.

I temi sui quali è possibile creare reti coprono i 10 Obiettivi Tematici della Politica di coesione, ovvero:
– rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione (OT 1)
– migliorare l’accesso, l’utilizzo e la qualità delle ICT (OT 2)
– migliorare la competitività delle PMI (OT 3)
– sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori (OT 4)
– promuovere l’adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi (OT 5)
– proteggere l’ambiente e promuovere l’efficienza delle risorse (OT 6)
– promuovere il trasporto sostenibile ed eliminare le strozzature nelle principali infrastrutture di rete (OT 7)
– promuovere l’occupazione e la mobilità dei lavoratori (OT 8)
– promuovere l’inclusione sociale e combattere la povertà (OT 9)
– investire nell’istruzione, nelle competenze e nell’apprendimento permanente sviluppando infrastrutture di istruzione e formazione (OT 10)

Il bando interessa 2 categorie di beneficiari:

  1. city partners: città dei Paesi UE, della Norvegia e della Svizzera; per città deve intendersi un’autorità pubblica rappresentativa di città/comuni/aree metropolitane, distretti cittadini o circoscrizioni, autorità metropolitane e agglomerati organizzati, agenzie pubbliche o semi-pubbliche istituite dalle autorità locali e responsabili di specifiche politiche.
  2. non-city partners: autorità provinciali, regionali e nazionali, università e centri di ricerca nell’ambito delle politiche urbane. Per essere eleggibili questi soggetti devono essere autorità pubbliche o enti pubblici equivalenti (public equivalent body).

Capofila del Network – quindi proponente di progetto – deve essere una città. Il partenariato della rete deve essere costituito da minimo 7 e massimo 10 città stabilite negli Stati membri Ue e nei Paesi partner. Esso può comprendere al massimo 2 non-city partner e deve includere un numero minimo di città di regioni meno sviluppate variabile (da 3 a 5 città) a seconda della dimensione del partenariato.

I progetti per Action Planning Networks avranno una durata massima di 30 mesi, articolati in due fasi: una prima fase (6 mesi) dedicata allo sviluppo delle attività della rete e una seconda fase (24 mesi) dedicata all’implementazione delle attività della rete.

Il bando sosterrà la creazione di 23 reti. Il budget massimo ammissibile per una rete è pari a 750mila €; per la fase 1 il budget non può superare i 150mila euro.

Per ciascuna rete selezionata la percentuale di cofinanziamento del FESR varia a seconda della localizzazione delle città partner: per le città provenienti da regioni più sviluppate è del 70%, mentre per le città provenienti da regioni meno sviluppate e in transizione è l’85%.
Le città svizzere sono cofinanziate al 50% da fondi nazionali. Le città norvegesi partecipano invece a proprie spese.

La scadenza per la presentazione delle candidature per la fase 1 è il 17 aprile 2019, ore 15.

Bando UIA per l’innovazione urbana in Europa

Bando UIA per l’innovazione urbana in Europa

E’ aperto il 4° bando per “Azioni Urbane Innovative”, finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR). Lo scopo è aiutare le città a identificare e testare soluzioni inedite e innovative per rispondere alle crescenti sfide che interessano le aree urbane. Si tratta di un’opportunità unica per le città europee per andare al di là dei “progetti normali” (che possono essere finanziati attraverso fonti “tradizionali”, inclusi i programmi FESR convenzionali), scommettendo sulla trasformazione di idee ambiziose e creative in prototipi che possano essere testati in ambienti urbani reali. UIA mette a disposizione risorse complessive per 80-100 milioni di euro. Scadenza 31 gennaio 2019.

Candidati ammissibili: Autorità urbane di unità amministrative locali dell’UE (grandi città, città o sobborghi) con almeno 50.000 abitanti, oppure associazioni/gruppi di Autorità urbane di unità amministrative locali che coprono una popolazione totale di almeno 50.000 abitanti; può trattarsi anche di associazioni o gruppi transfrontalieri o di diverse regioni e/o Stati membri.

Azioni finanziabili: progetti che puntano a identificare e sperimentare idee inedite e innovative per affrontare questioni di grande importanza per le aree urbane dell’UE. I progetti da candidare dovranno concentrarsi sui seguenti temi, in linea con le priorità dell’Agenda Urbana dell’UE:

  • Transizione digitale
  • Uso sostenibile del suolo e soluzioni basate sulla natura
  • Povertà urbana
  • Sicurezza urbana

Ciascun progetto dovrà riguardare uno solo di questi temi. I progetti da sostenere dovranno proporre soluzioni innovative, creative e durevoli per affrontare la sfida scelta e mettere in campo l’expertise dei diversi stakeholder pertinenti. Le Autorità urbane dovranno pertanto stabilire solide partnership locali con il giusto mix di partner complementari, coinvolgendo attivamente soggetti quali agenzie, università, ONG, imprese o altre autorità pubbliche. Tutti i partner devono appartenere all’UE. Sarà importante inoltre il potenziale di trasferibilità delle soluzioni innovative proposte.

Ciascun progetto potrà avere una durata massima di 3 anni.

Cofinanziamento: i progetti possono essere cofinanziati dal FESR fino all’80% dei loro costi ammissibili. Ciascun progetto potrà ricevere un contributo massimo di 5 milioni di euro. Non è previsto un budget minimo per i progetti; tuttavia progetti di dimensioni ridotte, richiedenti un cofinanziamento FESR inferiore a 1 milione di euro, potrebbero avere minori possibilità di essere selezionati per il finanziamento.

Scadenza: il bando rimane aperto fino al 31 gennaio 2019.

 

URBACT – Studio dei piani d’azione integrati

URBACT – Studio dei piani d’azione integrati

Il principale risultato delle città coinvolte nelle reti di pianificazione delle azioni URBACT è un piano d’azione integrato (IAP) sviluppato a livello locale all’interno del gruppo locale URBACT (ULG).

Lo studio del piano d’azione integrato fornisce utili informazioni sia sul contenuto che sui metodi utilizzati per sviluppare lo IAP. I risultati dello studio dovrebbero essere disponibili in tempo utile per essere presi in considerazione per il prossimo ciclo di reti di pianificazione delle azioni approvate nel 2019.

Le attività elencate di seguito sono gli elementi principali richiesti da un fornitore di servizi per questo studio. I metodi di lavoro devono essere concordati con il fornitore di servizi al momento della selezione.

Compito 1 : Rassegna analitica dei piani d’azione integrati

Compito 2 : Caso di studio Focus su “Storie di successo”.

Deliverables dello studio

  1. Metodologia di studio
  2. Nota di risultati provvisori
  3. Rapporto di studio finale
  4. Esempi di casi di studio.

Accordi contrattuali

  • Data di inizio: 1 novembre 2018
  • Data di fine: 31 maggio 2019
  • Il valore del contratto è di 25.000 € IVA esclusa.

Profilo del fornitore di servizi:

  1. Consulente o studio di consulenza
  2. Buona conoscenza di URBACT
  3. Almeno 5 anni di esperienza nello studio o nella valutazione di programmi europei
  4. Buona conoscenza delle problematiche urbane e esperienza di lavoro con le città
  5. Forti capacità analitiche
  6. Comprovata padronanza dell’inglese scritto e parlato.

Scadenza: 18 ottobre 2018.

Supporto a progetti di sviluppo in Africa e Medio Oriente

Supporto a progetti di sviluppo in Africa e Medio Oriente

 


La Addax and Oryx Foundation supporta progetti volti a rimuovere le cause della povertà in Africa e Medio Oriente agendo su quattro aree focus:

  • Salute
  • Educazione
  • Sviluppo di comunità
  • Ambiente

La Fondazione presta particolare attenzione a progetti che agiscano su due o più delle aree di intervento succitate, proposti da piccole organizzazioni gestite da persone impegnate direttamente nelle attività che propongono e volti a creare uno sviluppo sostenibile e un impatto misurabile per le popolazioni target.

La Fondazione NON supporta progetti che siano già in fase di realizzazione; supportino direttamente individui singoli e/o famiglie; prevedano eventi, convegni, conferenze, seminari di tipo professionale o che sponsorizzino sport; abbiano come area di attività zone al di fuori di Africa e Medio Oriente; svolgano ricerche come unico obiettivo del progetto; prevedano esclusivamente spese per viaggi, pasti e/o spese amministrative.

Possono presentare domanda organizzazioni non profit e ONG che abbiano comprovata esperienza nell’area di attività del progetto e dimostrino l’efficienza della disposizione dei fondi e relativa trasparenza.

L’entità del contributo finanziario è a discrezione del Comitato della Fondazione.

 

 

1 2