European Mobility Week 2021

logo_european_mobilityweek_2021-01

La European Mobility Week è la campagna di sensibilizzazione di punta della Commissione europea sulla mobilità urbana sostenibile, che si terrà quest’anno dal 16 al 22 settembre. L’evento promuove un cambiamento di comportamento a favore della mobilità attiva, del trasporto pubblico e di altre soluzioni di trasporto pulite e intelligenti.

Le autorità locali sono incoraggiate a usare la settimana principale per provare misure di pianificazione innovative, promuovere nuove infrastrutture e tecnologie, misurare la qualità dell’aria e ottenere un feedback dal pubblico.

Con sempre più città che aderiscono ogni anno, e con il suo enorme appeal mediatico, la campagna è ampiamente riconosciuta come una forza trainante verso la mobilità urbana sostenibile in Europa e oltre.

Per saperne di più sull’evento, si prega di visualizzare la pagina web della European Mobility Week.

Partnerships HE: mobility, climate and energy projects

schermata-2021-07-15-alle-12-25-40

Si terrà dal 20 al 22 luglio 2021 l’evento online “Partnerships for Horizon Europe: mobility, climate and energy projects”. L’obiettivo dell’evento sarà quello di presentare i bandi tematici, idee e competenze per la presentazione di progetti europei nell’ambito di Horizon Europe.

Sono invitati a partecipare tutte le aziende, centri di ricerca, università, cluster e altre entità di tutti gli Stati Membri europei o dei paesi associati ad Horizon Europe interessati a presentare proposte ai bandi 2021 legati alla mobilità, all’energia e al clima. L’evento verterà sui seguenti argomenti:

  • Smart mobility and logistics
  • Safe and resilient transport
  • Efficient, sustainable and inclusive energy
  • Circular economy
  • Climate and environment
  • Solutions for urban districts
  • Smart cities and communities
  • ICT and digitalisation

Per partecipare è necessario iscriversi e compilare, in tutte le sezioni, un profilo, specificando le proprie competenze, cosa si offre/cerca ai fini di una possibile partnership progettuale e – per gli interessati della Regione Emilia-Romagna – selezionare ART-ER come Support Office locale per ricevere supporto prima, durante e dopo l’evento.

Per maggiori informazioni, si prega di consultare il sito web dell’evento.

Central Europe Initiative: aperto il bando 2021 per azioni innovative che favoriscano la mobilità e il networking

Central Europe Initiative: aperto il bando 2021 per azioni innovative che favoriscano la mobilità e il networking

energia-nucleare

Il CEI – Central Europe Initiative ha aperto il bando 2021 relativo al Fondo di Cooperazione CEI per azioni innovative che favoriscano la mobilità e il networking.

Le proposte devono concentrarsi sul rafforzamento delle capacità attraverso il trasferimento e la condivisione del know-how ai paesi extra-UE appartenenti al CEI e devono essere in linea con il piano d’azione CEI 2021-2023.

Le attività possono assumere la forma di conferenze, seminari, workshop e corsi di formazione. Possono partecipare enti pubblici o privati, organizzazioni internazionali e regionali, con sede in uno Stato membro CEI. Ogni proposta deve coinvolgere partecipanti da almeno sei Stati.

Il budget messo a disposizione dal bando è di 350.000 euro, con un tetto massimo di 15.000 euro per progetto, pari al 50% dei costi totali.

Il bando prevede due diverse finestre di presentazione delle domande in base al rispettivo periodo di attuazione delle attività proposte:

Per le attività da realizzare dal 1° gennaio al 30 giugno 2022, la scadenza per partecipare è il 1° settembre 2021.

Per le attività da realizzare dal 1° luglio al 31 dicembre 2021, sarà possibile presentare domanda dal 10 dicembre 2021 al 10 febbraio 2022.

Info Day e Brokerage su Horizon Europe Cluster 5

Cluster 5 di Horizon Europe

Il 5 e 6 luglio 2021 la Commissione Europea organizza il primo Info day ufficiale sui bandi 2021 del Cluster 5 di Horizon Europe.

L’evento tratterà di clima, energia e mobilità e sugli sviluppi settoriali necessari a realizzare la transizione europea alla neutralità climatica, inerente al Green Deal europeo lanciato dalla Commissione von der Leyen.

Seguirà il 7 luglio un evento di Brokerage organizzato dai Punti di Contatto Nazionale del Cluster 5per favorire la creazione di consorzi ed il networking tra attori della R&I europei.

L’evento si concentrerà sui seguenti bandi 2021 di Horizon Europe – Cluster 5:

  • Scienze del clima e risposte
  • Soluzioni intersettoriali per la transizione climatica
  • Approvvigionamento energetico sostenibile, sicuro e competitivo
  • Uso efficiente, sostenibile e inclusivo dell’energia
  • Soluzioni pulite e competitive per tutte le modalità di trasporto
  • Trasporto sicuro e resiliente e servizi di mobilità intelligente per passeggeri e merci

Per partecipare all’evento è necessario registrarsi entro il 5 luglio 2021 sul sito dell’evento.

Per maggiori informazioni sul brokerage event, visitare la seguente pagina web.

EIT Urban Mobility Accelerator Pitch Awards

eit_um_accelerator-awards-main

Il 22 giugno, EIT Urban Mobility selezionerà le prime 10 start-up di mobilità dal suo programma Business Creation Accelerator.

L’EIT Urban Mobility Accelerator Pitch Award è la chiusura ufficiale del programma Accelerator e 10 start-up avranno l’opportunità di impressionare la giuria e il pubblico con le loro presentazioni di prodotti. Le prime 10 start-up saranno selezionate in due modi: in primo luogo, cinque start-up saranno selezionate da una votazione pubblica aperta e andranno alle finali. Gli altri cinque finalisti saranno nominati dai responsabili della creazione aziendale e dai membri dell’hub in base ai loro progressi durante il programma di accelerazione.

L’EIT Urban Mobility Accelerator è un programma finanziato dall’UE implementato tramite partner in cinque hub regionali europei e il suo scopo è portare le start-up di mobilità nella fase iniziale al livello successivo. Startu-ps ha diversi obiettivi di business come la riduzione della congestione o l’aumento dell’efficienza nel sistema di trasporto che cercano di raggiungere con approcci innovativi per rendere il pendolarismo più veloce o più piacevole, per accelerare la transizione verso forme di trasporto a basse o zero emissioni – e con tutte le altre idee possibili che aiutano a risolvere i problemi legati alla mobilità.

I poli di innovazione della mobilità urbana dell’EIT in tutta Europa hanno sostenuto 25 start-up. A ciascuna start-up sono stati concessi servizi di consulenza e mentoring, workshop, eventi di networking e accesso alla più grande comunità di innovazione della mobilità. Tutti ricevono un finanziamento senza capitale proprio di 15000 EUR.

Per maggiori informazioni, si prega di visitare la pagina web dell’evento.

Motor Valley Accelerator: al via le selezioni delle startup

Motor Valley Accelerator: al via le selezioni delle startup

startup-1018514_1280

Aperta la selezione del programma Motor Valley Accelerator (MVA) che investe nelle startup attive nei settori della mobilità e dell’automotive.

Il programma di accelerazione ha sede a Modena e ha l’obiettivo di valorizzare le migliori esperienze, diffondere know-how nazionale e internazionale e favorire lo scambio di buone pratiche fra tutti gli attori coinvolti.

In particolare, il programma offrirà a 10 startup l’opportunità di migliorare il proprio prodotto e modello di business, di acquisire le migliori strategie da mentor di altissimo livello e di collaborare con professionisti dell’industria e del mondo del venture capital.

MVA investirà complessivamente 90.000 euro, di cui 50.000 euro in liquidità alle migliori startup e 40.000 euro in servizi di accelerazione. Tra le startup selezionate, fino a 3 potranno contendersi un investimento di seed come follow-on fino a 500.000 euro, per espandere il team ed accelerare la crescita.

Possono partecipare al programma MVA solo i fondatori di startup costituite in Italia, o desiderose di aprire un’entità legale in Italia.

Le migliori 20 startup presenteranno la propria azienda durante il Motor Valley Accelerator Selection Day, che si terrà il 20 maggio 2021. In seguito, verranno selezionate le 10 startup che avranno accesso al programma.

La scadenza per presentare le candidature è il 16 maggio 2021.

Bando per la Mobilità sostenibile al Sud

Bando per la Mobilità sostenibile al Sud

eco-friendly-149801_960_720

La Fondazione CON IL SUD con la prima edizione del “Bando per la mobilità sostenibile al Sud” intende incentivare la diffusione, nelle abitudini e nei comportamenti dei cittadini, di una nuova cultura della mobilità che porti ad adottare scelte alternative all’impiego di autovetture private, favorendo così la diffusione di modelli sostenibili a basso impatto ambientale.

Pertanto invita le organizzazioni del Terzo settore  di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia a presentare proposte progettuali ‘esemplari’, che attivino processi virtuosi di mobilità sostenibile e migliorino la qualità di vita dei cittadini, con particolare attenzione alle fasce socialmente più deboli, generando ricadute positive a livello ambientale, sociale ed economico.

Le proposte dovranno sperimentare forme di mobilità sociale e di condivisione dei veicoli in aree urbane e peri-urbane o in aree interne, garantendo lo sviluppo di servizi che rispondano alle esigenze di mobilità, integrandosi in maniera coerente ed efficace con le strategie e gli strumenti locali di pianificazione dei trasporti.

Le proposte potranno anche:

  • prevedere soluzioni che permettano alle fasce della popolazione più fragili e vulnerabili di accedere ai servizi essenziali;
  • sviluppare strumenti per misurare i benefici ambientali, economici e sociali per il singolo cittadino (es. risparmio economico, riduzione sedentarietà) e per la comunità di riferimento (es. riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico, delle emissioni di gas serra, minor consumo di energia);
  • promuovere percorsi di educazione e sensibilizzazione sulle tematiche della mobilità sostenibile e del mobility management;
  • sviluppare tecnologie digitali per migliorare la fruizione del servizio attivato e garantire l’accesso ad un’offerta che sia capace di integrare i diversi servizi presenti sul territorio di riferimento.

I progetti dovranno durare un minimo di 24 e un massimo di 48 mesi.

Le proposte dovranno essere formulate da partenariati composti da almeno tre organizzazioni che comprendano:

  • un “Soggetto responsabile” che sia un’organizzazione senza scopo di lucro,
  • due ulteriori soggetti, di cui almeno uno del Terzo settore. Gli “Altri soggetti della partnership” potranno appartenere, oltre che al mondo del terzo settore, al mondo delle istituzioni, delle università, della ricerca e del mondo economico.

Sarà valutato positivamente il coinvolgimento delle amministrazioni pubbliche, in particolare comuni e regioni, direttamente interessate all’avviamento dei servizi di mobilità sostenibile.

La Fondazione mette a disposizione complessivamente la somma di 4,5 milioni di euro.

Il contributo massimo ottenibile per singola proposta è di 500.000 euro. Le proposte di progetto devono prevedere una quota di co-finanziamento, costituita interamente da risorse finanziarie, pari ad almeno il 20% del costo complessivo del progetto, indicando le fonti del finanziamento.

Le proposte di progetto, corredate di tutta la documentazione richiesta, devono essere compilate e inviate esclusivamente on line, entro, e non oltre, le ore 13:00 del 19 maggio 2021.

i-Portunus: bando per la mobilità transnazionale di artisti e professionisti del settore del patrimonio culturale

i-Portunus: bando per la mobilità transnazionale di artisti e professionisti del settore del patrimonio culturale

creativity-70192__340

i-Portunus, il progetto finanziato dal programma Europa Creativa che offre agli artisti e ai professionisti della cultura l’opportunità di beneficiare di un breve periodo di mobilità in un altro Paese, ha lanciato un invito a presentare candidature per gli operatori del settore del patrimonio culturale.

Questo bando è indirizzato ad artisti, creativi e professionisti attivi nel settore del patrimonio culturale, di età superiore ai 18 anni, aventi qualsiasi tipo di titolo di studio e livello di esperienza e residenti in uno dei Paesi ammissibili a Europa Creativa.

Oltre a candidature individuali, è possibile presentare anche candidature di gruppo (fino a 5 persone) e potrà essere sostenuta sia la mobilità continua che la mobilità segmentata (più periodi di almeno 5 giorni).

Si richiede che la mobilità abbia preferibilmente almeno uno dei seguenti obiettivi:

– favorire collaborazioni internazionali, come ad esempio scambi di conoscenze o migliori pratiche nell’ambito di un progetto internazionale;

– prendere parte a residenze orientate alla produzione, avendo, ad esempio, l’opportunità di svolgere ricerche sul posto e sviluppare nuove abilità;

– sviluppare competenze professionali, ad esempio, partecipando a riunioni di rete, workshop, master class e altre iniziative di formazione al di fuori dell’istruzione formale, come gli hub creativi.

La mobilità deve svolgersi in uno o più Paesi che partecipano ad Europa Creativa diversi dal proprio di residenza. La sua durata complessiva deve essere compresa tra 7 e 60 giorni ed è possibile partire nel periodo che va dal 16 luglio al 30 novembre 2021.

Il sostegno finanziario consentirà di coprire parzialmente le spese di viaggio (trasporto, alloggio,…) e sarà variabile a seconda della durata della mobilità e del Paese di destinazione. L’importo massimo che potrà essere erogato è di 3000 euro per persona (350 euro per il trasporto, 2650 euro per il soggiorno).

La scadenza per presentare candidature è il 15 aprile 2021.

i-Portunus: 2° bando per la mobilità transnazionale di compositori, musicisti e cantanti

i-Portunus: 2° bando per la mobilità transnazionale di compositori, musicisti e cantanti

creativity-70192__340

i-Portunus, il progetto finanziato dal programma Europa Creativa che offre agli artisti e ai professionisti della cultura l’opportunità di beneficiare di un breve periodo di mobilità in un altro Paese, ha aperto un secondo invito a presentare candidature per il settore musicale, dopo quello lanciato lo scorso 9 dicembre e in chiusura il 28 febbraio prossimo.

Questo secondo invito, come il precedente, è rivolto a compositori, musicisti e cantanti, preferibilmente di musica classica, jazz e musica tradizionale, di età superiore ai 18 anni, aventi qualsiasi tipo di titolo di studio e livello di esperienza e residenti in uno dei Paesi ammissibili a Europa Creativa.

Oltre a candidature individuali, è possibile presentare anche candidature di gruppo (fino a 5 persone) e potrà essere sostenuta sia la mobilità continua che la mobilità segmentata (più periodi di almeno 5 giorni).

La mobilità deve svolgersi in uno o più Paesi che partecipano ad Europa Creativa diversi dal proprio di residenza. La sua durata complessiva deve essere compresa tra 7 e 60 giorni ed è possibile partire nel periodo che va dal 16 luglio al 30 novembre 2021.

Si richiede che la mobilità abbia preferibilmente almeno uno dei seguenti obiettivi:

– favorire collaborazioni internazionali, come ad esempio la realizzazione di una composizione musicale attraverso la collaborazione internazionale, in loco, tra interpreti o tra compositori e interpreti;

– prendere parte a residenze orientate alla produzione musicale;

– sviluppare competenze professionali, ad esempio, partecipando a riunioni di rete, workshop, master class e altre iniziative di formazione al di fuori dell’istruzione formale.

Il sostegno finanziario consentirà di coprire parzialmente le spese di viaggio (trasporto, alloggio,…) e sarà variabile a seconda della durata della mobilità e del Paese di destinazione. L’importo massimo che potrà essere erogato è di 3000 euro per persona (350 euro per il trasporto, 2650 euro per il soggiorno).

La scadenza per presentare candidature è il 15 aprile 2021.

L’UE e la mobilità sostenibile: opportunità e finanziamenti

vizaformemories-j8qmkxtt5ha-unsplash

Il 18 e il 25 febbraio si terranno due webinar del ciclo “Cosa fa l’Unione europea per promuovere la mobilità sostenibile: progetti finanziati e prospettive future”, organizzato dal Centro Europe Direct Roma Innovazione operativo presso Formez PA, e promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Politica regionale e urbana (DG Regio) della Commissione europea. L’obiettivo sarà quello di far crescere la consapevolezza dei cittadini italiani sull’importanza della politica di coesione e il relativo impatto sulla vita quotidiana. L’evento si focalizzarà in particolare sul tema della mobilità sostenibile.

Il ciclo, articolato in due incontri (18 e 25 febbraio), offrirà da un lato una panoramica dei progetti più significativi  finanziati fino ad oggi nell’ambito delle politiche di coesione nel settore della mobilità sostenibile, dall’altro, illustrerà le opportunità di finanziamento per il periodo di programmazione 2021-2027 per promuovere, in coerenza con il Green Deal, tecnologie rispettose dell’ambiente, maggiore sostegno all’industria nell’innovazione, introduzione di nuove forme di trasporto privato e pubblico più pulite, più economiche e più sane e una maggiore decarbonizzazione del settore energetico.

L’evento del 18 febbraio dal titolo “Il sostegno della UE alle città per uno sviluppo urbano sostenibile” mira, in particolare, ad illustrare come l’UE collabora con le città per sviluppare una politica sostenibile in materia di mobilità urbana, sostenendo anche sistemi efficienti di trasporto pubblico e una buona connettività a livello nazionale, con il fine ultimo di migliorare la qualità della vita nelle città promuovendo soluzioni di mobilità attiva, come gli spostamenti a piedi e in bicicletta, e garantendo una buona accessibilità per residenti e pendolari.

L’evento del 25 febbraio dal titolo “Esperienze regionali a confronto nell’attuazione di progetti nel settore della mobilità sostenibile co-finanziati con i fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE)” mira ad illustrare cosa l’UE ha finanziato nelle diverse Regioni italiane con i fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE) per sostenere una mobilità più sostenibile e contribuire così alla riduzione delle polveri sottili, in particolare le emissioni di biossido d’azoto, delle quali i mezzi di trasporto, sia pubblici che privati, sono i principali responsabili.

Per maggiori informazioni ed effettuare le iscrizioni, si prega di far riferimento alla pagina web dell’evento.

1 2 3 5