Economia circolare – Ecomondo

Ecomondo logo

Si terrá a Rimini, dal 5 all’8 Novembre, la 23a edizione di Ecomondo, la fiera di riferimento in Europa per l’innovazione industriale e tecnologica nell’ambito dell’economia circolare.

L’evento si pone come un laboratorio permanente di idee, soluzioni e opportunità per i temi di economia circolare ed ecologia. Ogni anno vengono presentate le nuove priorità legislative, della ricerca e nella formazione in relazione all’economia circolare, i nuovi processi 4.0 e i prodotti che verranno adottati dall’industria e dalle città e regioni.

L’evento si svolgerá in collaborazione con associazioni industriali, ministeri e altre istituzioni, istituti di ricerca, la Commissione europea e l’OCSE. Tra il 5 e l’8 novembre, verranno esaminati e discussi i principali sviluppi, bisogni e opportunità nei diversi campi d’azione dell’economia circolare, le materie prime alternative, l’eco-progettazione industriale e della bioeconomia.

Per maggiori informazioni ed effettuare le iscrizioni, si consiglia di consultare la pagina dell’evento.

Circular Economy and Transforming Industry

flyer international brokerage event horizon 2020 for circular economy

L’evento di brokerage su Circular Economy and Transforming Industries in relazione alle ultime call di Horizon 2020 in questo settore si terrá a Varsavia il 9 ottobre 2019. Sará organizzato in collaborazione con i progetti NCP CaRE e NMP TeAm finanziati dall’UE con il supporto di BIO HORIZON, C-ENERGY, Net4Society e Enterprise Europe Network – Sector Group Environment.

La giornata mira a promuovere attivamente partenariati di ricerca e facilitare la costruzione di consorzi. In questa attiva comunità di ricerca e sviluppo emergeranno nuovi partenariati di ricerca e ulteriori sinergie.

Gli interessati sono invitati a partecipare alle riunioni bilaterali prestabilite e presentare i loro interessi in determinati argomenti, la loro esperienza su questioni specifiche e le loro idee progettuali a possibili partner di ricerca.

La registrazione è possibile fino al 2 ottobre.

GAL GARGANO Avviso pubblico per la presentazione delle domande di sostegno. Azione 1 – Intervento 1.3 – L’anello mancante un piano di azione garganico per l’economia circolare

GAL GARGANO Avviso pubblico per la presentazione delle domande di sostegno. Azione 1 - Intervento 1.3 - L’anello mancante un piano di azione garganico per l’economia circolare

green-bulb-1440675_960_720

Il presente bando è finalizzato a:

  1. promuovere un’economia circolare garantendo l’uso efficiente delle risorse;
  2. favorire un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore dell’artigianato locale.

L’incentivo mira a supportare le seguenti iniziative:

  • incentivare la partecipazione attiva, la collaborazione e coordinamento di tutti gli attori territoriali interessati nella risoluzione di criticità territoriali;
  • preservare e tutelare l’ambiente e gli ecosistemi marini e promuovere l’uso efficiente e sostenibile delle risorse;
  • favorire l’economia circolare e l’uso di prodotti ecosostenibili e biodegradabili;
  • promuovere l’occupazione;
  • preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura;
  • incentivare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale.

Gli interventi sostenuti dal presente Avviso Pubblico devono essere realizzati nell’area territoriale di competenza del GAL Gargano.
Il sostegno per gli interventi di cui al presente Avviso Pubblico è concesso a:

  1. Persone fisiche (soggetti privati) che intendono avviare un’impresa extra-agricola;
  2. PMI e imprese non agricole già costituite come società di persone o società di capitali.

Le risorse finanziarie attribuite al presente Avviso Pubblico sono pari ad euro 1.500.000,00. Il sostegno sarà concesso nella forma di contributo in conto capitale pari al 50% della spesa ammessa ai benefici. Il limite massimo ammissibile agli aiuti (contributo pubblico + cofinanziamento provato) non può essere superiore ad euro 70.000,00. Il contributo pubblico massimo erogabile non può essere superiore a euro 35.000,00.
La domanda dovrà essere compilata attraverso il portale SIAN. Il termine di avvio dell’operatività del portale SIAN è fissato alla data del 15/07/2019 ed il termine finale è fissato alle ore 23:59 del 25/09/2019. La documentazione dovrà essere inviata al GAL ed alla Regione Puglia entro 7 giorni dal termine finale di operatività sul SIAN. A cadenza trimestrale le domande di sostegno saranno sottoposte alla verifica di ricevibilità e alla successiva istruttoria tecnico-amministrativa. La prima scadenza periodica di presentazione delle domande è fissata alla data del 26 settembre 2019.
RISORSE: 1.500.000,00
Scadenza: 26 Settembre 2019

Due nuovi bandi dedicati all’economia circolare

Due nuovi bandi dedicati all’economia circolare

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha pubblicato due nuovi bandi per progetti di ricerca dedicati all’economia circolare:

  • Bando per il cofinanziamento di progetti di ricerca finalizzati allo sviluppo di nuove tecnologie di recupero, riciclaggio e trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE);
  • Bando per il cofinanziamento di progetti di ricerca volti allo sviluppo di tecnologie per la prevenzione, il recupero, il riciclaggio ed il trattamento di rifiuti non rientranti nelle categorie già servite da consorzi di filiera.

I progetti proposti per il finanziamento devono essere caratterizzati da elevata replicabilità e dalla possibilità di un rapido trasferimento dei risultati all’industria per l’attuazione degli interventi stessi.

Sono ammessi a partecipare organismi di ricerca singoli o associati, anche in forma temporanea, con altri soggetti pubblici o privati che producono beni o che operano nella filiera di gestione dei rifiuti.

Il primo bando ha un budget pari a 1.100.000€, mentre la dotazione economica assegnata al secondo bando è pari a 800.000€. È previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili. Il contributo assegnato per ciascuna delle iniziative progettuali ammesse a finanziamento non può essere inferiore a 100.000 euro e superiore 300.000 euro.

Le proposte progettuali devono pervenire entro e non oltre 90 giorni dalla data di pubblicazione (15 giugno 2018) dei bandi sul sito web istituzionale del Ministero.

Scadenza: 13/09/2018

Bando dal Ministero dell’Ambiente per raggiungere gli SDGs

Bando dal Ministero dell’Ambiente per raggiungere gli SDGs

climate-change-2063240_960_720

La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (SNSvS) è strutturata in cinque aree, corrispondenti alle cosiddette “5P” dello sviluppo sostenibile proposte dall’Agenda 2030: Persone, Pianeta, Prosperità, Pace e Partnership. Il Ministero dell’Ambiente, Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, danno ambientale e rapporti con l’Unione Europea e le OOII, ha recentemente aperto un bando per supportare attività e iniziative finalizzate alla divulgazione e alla sensibilizzazione sui temi dello sviluppo sostenibile e/o dell’economia circolare. Il bando si rivolge ad associazioni, cooperative e imprese ed ha una dotazione finanziaria molto limitata, 400.000 €.

Scadenza: 30 giugno 2018.

Il bando è rivolto ad associazioni, cooperative e imprese.

Alla data di pubblicazione del presente bando, il soggetto richiedente deve essere costituito da almeno 3 anni e aver realizzato negli ultimi 3 anni almeno un progetto in linea con l’oggetto e le finalità del presente bando, con un importo uguale o superiore alla richiesta di finanziamento.

Le risorse disponibili ammontano complessivamente a € 400.000.

Per ciascuna proposta progettuale è previsto un finanziamento massimo dell’80% dell’intero costo della proposta progettuale, il quale non potrà comunque essere superiore a € 35.000.

Nello specifico, sono ammessi:

  • i costi relativi al personale;
  • i costi relativi ad attività di consulenza, in misura non superiore al 30% dell’importo;
  • i costi per l’acquisto di strumentazione e servizi strettamente funzionali all’attività, inclusa l’acquisizione di licenze per strumenti informatici;
  • le spese generali derivanti direttamente dai progetti presentati;
  • le spese relative agli aspetti logistici.

Rafforzare l’economia circolare tra le PMI in Europa

Rafforzare l’economia circolare tra le PMI in Europa: invito a manifestare interesse

world-1264062_1280

– Capacity building per le organizzazioni di supporto alle PMI

Questo servizio è rivolto alle organizzazioni dell’UE impegnate nel sostegno alle PMI (quali associazioni di settore, associazioni industriali, organizzazioni o reti di PMI, camere di commercio) che possono candidarsi a ricevere formazione in tema di efficienza delle risorse, eco-innovazione ed economia circolare.

La formazione è intesa ad aiutare tali organizzazioni a stabilire un programma per fornire supporto ai loro membri sui temi dell’economia circolare. Il contenuto dei corsi può essere adattato alle esigenze specifiche dei destinatari. Nella formazione saranno trattati i seguenti argomenti: gli strumenti finanziari dell’UE per finanziare soluzioni circolari (ad esempio Orizzonte 2020, Life), gli strumenti non finanziari dell’UE per promuovere soluzioni circolari quali ad es. Ecolabel, Eco-Management e Audit Scheme (EMAS), Sistema europeo di verifica della tecnologia ambientale (ETV), appalti pubblici verdi (GPP), indicatori per il settore delle costruzioni e modelli circolari di business (ad es. il Leasing).

Le sessioni di formazione si terranno nel primo trimestre del 2018

– Supporto ai fornitori di soluzioni circolari nell’ampliare le loro soluzioni

Questo servizio è rivolto ai fornitori di soluzioni circolari dell’UE che possono candidarsi a ricevere sostegno nel matchmaking con le PMI interessate ad adottare le loro soluzioni.

Per soluzione circolare si intende qualsiasi prodotto, processo, servizio, tecnologia, modello aziendale, schema o strumento eco-innovativo già sviluppato e/o implementato che contribuisce all’efficienza delle risorse e all’economia circolare.

Una volta identificati i fornitori di soluzioni verdi, verrà lanciata un’altra call per manifestazione di interesse per selezionare le PMI interessate a replicare quelle soluzioni verdi.

Le sessioni di formazione si terranno nel primo trimestre del 2018

– Policy advice alle autorità regionali da parte di consulenti esterni

Questo servizio è rivolto alle autorità regionali dell’UE interessate a ricevere consulenza politica che le metta in grado di aiutare le PMI ad adottare misure relative all’efficienza delle risorse, all’eco-innovazione e all’economia circolare. La consulenza può comprendere raccomandazioni e piani d’azione destinati a PMI target per adottare strategie e pratiche in tema di efficienza nell’uso delle risorse, eco-innovazione e/o economia circolare.

La consulenza sarà fornita nel primo trimestre del 2018.

Nel 2015 la Commissione europea ha adottato un ambizioso pacchetto per l’economia circolare con l’intenzione di indirizzare le imprese e i consumatori verso un’economia più forte e circolare, nella quale le risorse vengono utilizzate in un modo più sostenibile, con l’obiettivo di rendere l’economia europea più pulita e più competitiva. Con tale piano la Commissione sta offrendo misure ambiziose per ridurre l’uso delle risorse, ridurre i rifiuti e promuovere la produzione e il consumo sostenibili. Dall’esame di risultati ha tuttavia osservato che tali misure sono state utili soprattutto alle grandi società, che hanno adottato strategie e pratiche di risparmio delle risorse, ecoinnovazione e/o di economia circolare, mentre le PMI stanno evidenziano maggiori difficoltà nell’adottare tali strategie e pratiche, da un lato a causa della loro più limitata capacità organizzativa, tecnologica e finanziaria e dall’altro del loro più ridotto accesso al (pre-) finanziamento per soluzioni circolari.

Con questa iniziativa la Commissione intende pertanto attirare risorse (quali conoscenza, reti e strumenti) attraverso il supporto di idonee infrastrutture, organizzazioni e associazioni di PMI, affinché le imprese stesse possano iniziare a trarre vantaggio dall’economia circolare, compresa la riduzione dei costi, i nuovi/aumentati flussi di entrate e le migliori prestazioni ambientali.

Termine per inviare le manifestazioni di interesse: 18 settembre

Bandi dedicati all’economia circolare

Ministero dell’Ambiente: pubblicati ufficialmente due bandi dedicati all’economia circolare

recycling

Due bandi per un totale di 2,1 milioni di euro destinati a finanziare le nuove tecnologie al servizio dell’economia circolare.

Partono due iniziative di prevenzione e riduzione degli impatti negativi derivanti dalla gestione di alcuni particolari categorie dei rifiuti:

  • il primo bando, da 900 mila euro, è destinato al cofinanziamento di progetti di ricerca per lo sviluppo di nuove tecnologie di recupero, riciclaggio e trattamento dei rifiuti elettrici ed elettronici (i RAEE),
  • il secondo da 1,2 milioni di euro si rivolge a quelle categorie di rifiuti non rientranti tra quelle già servite dai consorzi di filiera, all’ecodesign dei prodotti e alla corretta gestione dei relativi rifiuti.

I bandi puntano all’uso efficiente delle materie prime, allo sviluppo e al potenziamento della circolarità tra la gestione dei rifiuti e il mercato di prodotti e materiali, favorendo il reimpiego in nuovi cicli produttivi. L’obiettivo è l’incentivazione su scala industriale di tecnologie innovative e sostenibili per il trattamento di materiali provenienti da prodotti complessi a fine vita, come anche lo sviluppo dell’ecodesign dei prodotti per facilitare l’industria dello smontaggio, la separazione delle singole componenti e l’avvio al riciclo delle matrici ambientali.

È previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili. I progetti finanziati dovranno essere caratterizzati da elevata replicabilità e dalla possibilità di un rapido trasferimento dei risultati all’industria per l’attuazione degli interventi. Il contributo assegnato per ciascuna delle iniziative progettuali ammesse a finanziamento non può essere inferiore a 100.000 euro e superiore 300.000 euro.

Scadenza: 21/09/2017

 

TECHITALY 2016

 

TECHITALY 2016 è un evento della durata di 2 giorni dedicato alle nuove strategie dell’economia circolare e al loro impatto sul Mercato Unico europeo. L’evento si terrà il 29 e 30 novembre 2016 ed è co-organizzato da: Ambasciata d’Italia a Bruxelles, Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’UE, Ministero dello Sviluppo Economico e Italian Trade Agency.
A TECHITALY 2016 verranno discusse le sfide future e le opportunità di business che l’economia circolare potrà portare, sopratutto all’economia italiana. Tra i partecipanti saranno presenti i responsabili politici, industrie clean-tech, PMI, università e centri di ricerca.
Per ulteriori informazioni riguardo l’evento e accedere alle iscrizioni, consultare il seguente link.

 

Ecomondo2016: Green & Circular Economy

 

Dall’8 all’11 Novembre, a Rimini, si terrà la 20° edizione di Ecomondo, l’esposizione delle tecnologie rinnovabili quest’anno dedicata al tema: “Green & Circular Economy”. Il focus di questa edizione sarà centrato sulla gestione e valorizzazione dei rifiuti e dell’acqua, la trasformazione sostenibile delle materie prima e l’utilizzo delle rinnovabili.

Tra i vari seminari e convegni dell’evento ci saranno alcuni eventi che interessano l’europrogettazione nel settore Bioeconomy di Horizon 2020 – Societal Challenge 2. Eccoli elencati qui di seguito:

 

 

Opportunità Finanziarie per l’Economia Circolare

Il 21 Marzo 2016, a Bruxelles, si terrà un seminario dedicato alle aziende interessate a scoprire le opportunità finanziarie e le barriere legislative riguardanti l’economia circolare.

La giornata è dedicata ai rappresentanti delle imprese che sono impegnati, o si impegneranno, in progetti e modelli di business basati sull’economia circolare.

La prima parte del seminario offrirà la possibilità di ottenere una migliore comprensione degli strumenti disponibili per l’accesso ai finanziamenti mentre, nella seconda parte, verranno discussi i principali ostacoli di natura giuridica per gli investimenti e l’innovazione.

Per maggiori informazioni, si prega di fare riferimento al seguente link: http://ec.europa.eu/growth/tools-databases/newsroom/cf/itemdetail.cfm?item_id=8653&lang=en&title=Business-and-practitioners-workshop-on-financial-opportunities-and-legislative-barriers-for-the-circular-economy