Horizon 2020 –– L’impatto delle trasformazioni tecnologiche su bambini e giovani – Pilastro Sfide Sociali

Horizon 2020 –– L’impatto delle trasformazioni tecnologiche su bambini e giovaniPilastro Sfide Sociali

Le ICT sono generalmente apprezzate in termini di sviluppo delle competenze, apprendimento e futura occupabilità delle giovani generazioni. Le istituzioni educative e formative vengono attrezzate con strumenti ICT e gli educatori sono formati per progettare attività finalizzate all’alfabetizzazione digitale e per fare uso di media a scopo didattico. Il tempo che i bambini e i giovani dedicano alle ICT è cresciuto a scuola, a casa e per il tempo libero. Tuttavia, la ricerca sull’impatto delle ICT su salute, stili di vita, benessere e sicurezza ha identificato potenziali minacce. Inoltre, la quantità e la qualità dell’uso dei media digitali variano in base ai background familiari, con il rischio di ampliare il divario educativo tra i bambini da gruppi privilegiati e svantaggiati.

  1. a) Azione di ricerca e innovazione:

Le proposte dovrebbero valutare il comportamento online di bambini e giovani, nonché il loro uso di contenuti e dispositivi digitali da parte di gruppi socioeconomici, di genere e di età, con attenzione alle motivazioni per l’utilizzo delle ICT a casa, per il tempo libero e nelle scuole o istituti di formazione. Metodologie solide per misurare e spiegare gli impatti a lungo termine in settori quali competenze (ad es. Alfabetizzazione digitale e multimediale, innovazione e creatività, competenze di apprendimento e socio-emotive e competenze specifiche sul mercato del lavoro), benessere e salute (mentale) o altri aspetti rilevanti dello sviluppo del cervello dovrebbero essere sviluppati e testati a livello europeo. Le metodologie dovrebbero concentrarsi sulla comprensione del perché e del modo in cui alcuni bambini e adolescenti traggono beneficio dall’uso delle ICT, mentre altri sembrano essere influenzati negativamente. Possono essere sviluppati modelli basati sull’evidenza che identificano e analizzano i gruppi a rischio.

Le proposte devono tenere conto della diversità, a seconda dei casi (età, background culturale, sociale ed economico, genere, ecc.) e affrontare l’impatto dell’uso delle ICT sulle disuguaglianze nell’istruzione, la mancanza di equità di accesso alle ICT tra gruppi sociali dovrebbe essere presa in considerazione. I bambini e i giovani dovrebbero essere collaboratori attivi nel progetto.

La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell’UE nell’ordine di 3 milioni di euro consentirebbero di affrontare adeguatamente questa specifica sfida. Tuttavia, questo non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedono altri importi.

  1. b) Azione di coordinamento e supporto:

Questa azione di coordinamento e sostegno dovrebbe mirare alla creazione di una piattaforma paneuropea per coordinare le attività di ricerca negli Stati membri dell’UE e nei paesi associati al fine di sviluppare una base di conoscenze e colmare lacune attuali nel modo in cui i bambini e i giovani si comportano e interagiscono online, così come i rischi che possono incontrare mentre si è online. Le proposte dovrebbero prestare particolare attenzione alla vulnerabilità dei bambini e dei giovani nell’ambiente digitale e proporre soluzioni per costruire la resilienza online, tenendo conto anche delle questioni culturali e di genere. Attraverso la piattaforma proposta, i ricercatori di diversi paesi, discipline e approcci dovrebbero condividere le conoscenze esistenti, colmare le lacune nella ricerca, creare capacità e lavorare verso un quadro consensuale per il lavoro futuro.

La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell’UE nell’ordine di 1,5 milioni di euro consentirebbero di affrontare adeguatamente questa specifica sfida. Tuttavia, questo non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedono altri importi.

I modelli esplicativi informeranno le parti interessate e i professionisti in merito agli effetti a lungo termine delle ICT sullo sviluppo del bambino e sulle pratiche che massimizzano i rischi (fattori di rischio), riducono al minimo i rischi (fattori di resilienza) e massimizzano i benefici (fattori di miglioramento). L’azione contribuirà a migliorare la regolamentazione (ad esempio etichettatura, valutazione degli strumenti di educazione ICT, protezione degli utenti online) e ad un uso più sicuro e più vantaggioso delle tecnologie digitali a casa, per il tempo libero e in contesti educativi da parte di bambini e giovani. Formulerà raccomandazioni a sostegno delle politiche nazionali ed europee nel settore. L’azione migliorerà la cooperazione tra scuole e famiglie (partenariato scuola-comunità) nel garantire modi sicuri e produttivi di utilizzare le ICT.

Possono partecipare:

  • Agenzie di sviluppo
  • Amministrazioni locali
  • Amministrazioni Regionali
  • Amministrazioni nazionali
  • Centri/Enti di ricerca
  • Enti di formazione
  • Organizzazioni non profit
  • Scuole
  • Università
  • Istituti di statistica

 

Scadenza: 14 marzo 2019

 

schermata-2018-09-24-alle-12-17-44

Brokerage Event per bando DTH-01-2019

Il 30 ottobre 2018, a Bruxelles, si terrà il brokerage event dedicato alla call DTH-01-2019: Big data and Artificial Intelligence for monitoring health status and quality of life after the cancer treatment. L’evento è organizzato da Innovate UK, Knowledge Transfer Network (KTN), Scotland Europa ed Enterprise Europe Network (EEN) e ha lo scopo di promuovere e facilitare lo sviluppo di consorzi di progetti di R&S per il bando di H2020 in questione.

L’evento, aperto a PMI, grandi aziende, centri di sviluppo di nuove tecnologie, università e organizzazioni di ricerca. Inoltre fornirà una piattaforma per nuove collaborazioni commerciali e tecnologiche, in particolare tra imprese e organizzazioni di ricerca.

L’evento è dedicato a chi sta cercando di guidare o partecipare a un progetto collaborativo di R&S per lo sviluppo di soluzioni AI e Big Data in campo medico. La giornata fornirà:

  • accesso a opportunità con aziende e organizzazioni di ricerca affini
  • accesso a nuovi partner per la collaborazione sia dall’industria che dal mondo accademico
  • aiuto a stabilire contatti transfrontalieri per la R&S collaborativa
  • informazioni utili sull’ecosistema della ricerca e dell’innovazione in Europa

Per maggiori informazioni, effettuare le iscrizioni e consultare l’agenda, si prega di consultare il seguente link.

Banca Etica “Innovare in rete”

Banca Etica “Innovare in rete”

business-561387__340

Con la call “Innovare in rete” Banca Etica, mette a disposizione dieci milioni di euro per la ricerca di progetti innovativi capaci di rispondere a concreti bisogni di innovazione sociale e ambientale e di empowerment delle comunità. Le idee migliori si trasformeranno in realtà grazie all’accompagnamento di consulenze di altissimo livello e a finanziamenti fino a 700mila euro.La call è condotta in collaborazione con Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Giacomo Brodolini ed Entopan, con il coordinamento operativo di Oltre Open Innovation Hub che forniranno servizi assistenza tecnica e di incubazione/ accelerazione/integrazione/consulenza. In particolare Fondazione Giacomo Brodolini fornirà i seguenti servizi:

  • Valutazione del potenziale dell’idea progettuale e della sostenibilità del modello di business e di servizio, supporto alla revisione del Business Plan;
  • Valutazione della potenzialità del team di progetto, e analisi dei fabbisogni di competenza in ottica 4.0;
  • Mentoring
  • Supporto alla candidatura per i potenziali interessati

La call è aperta a start-up innovative e spin-off universitari; start-up innovative costituende, con priorità per quelle che coinvolgano donne e giovani sotto i 35 anni; piccole e medie imprese, incluse le cooperative e le imprese sociali; associazioni, fondazioni e altri enti del terzo settore.

I settori di intervento sono: manifattura digitale, ICT, agrifood, welfare; health, IOT, robotica, meccatronica, smart mobility, smart building, smart energy, smart retail, qualità della vita, energia, open and big data, smart tourism, creatività e cultura.

La candidatura potrà essere inviata entro le ore 12.00 del 30 Ottobre 2018.

Italia – Serbia: pubblicato il bando per progetti congiunti

Italia – Serbia: pubblicato il bando per progetti congiunti

 

Nell’ambito dell’Accordo di Cooperazione scientifica e tecnologica tra Italia e Serbia firmato a Roma nel 2009, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha pubblicato il nuovo bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca.

In particolare, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano e il Ministero dell’Istruzione e dello Sviluppo Scientifico e Tecnologico serbo co-finanzieranno congiuntamente progetti di mobilità dei ricercatori tra i due Paesi. Inoltre, l’Italia sosterrà anche progetti di Grande Rilevanza, secondo lo schema consueto che prevede il co-finanziamento ministeriale a fronte di un finanziamento adeguato anche da parte dell’ente proponente.

Le tematiche per i progetti congiunti che il bando prevede sono le seguenti:

  • Scienze di base;
  • Salute e benessere;
  • Tecnologie agroalimentari;
  • Energie sicure, pulite ed efficienti – Protezione e sviluppo ambientale;
  • ICT, incluse le tecnologie applicate ai beni culturali;
  • Processi di produzione avanzati, nanotecnologie e biotecnologie.

Per la Parte italiana, possono presentare proposta di progetto enti di ricerca pubblici e privati. Le candidature italiane devono essere inviate utilizzando la piattaforma online del MAECI entro il 12 luglio 2018.

Italia-USA: nuovo bando per progetti congiunti di ricerca

Italia-USA: nuovo bando per progetti congiunti di ricerca

connect-20333_1280

Nell’ambito del Programma di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra Italia e gli Stati Uniti d’America per il periodo 2019-2021, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale (MAECI) ha pubblicato il nuovo bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca di Grande Rilevanza tra Italia e Stati Uniti.

Il bando punta sostenere progetti di grande rilevanza nei seguenti ambiti:

  • salute e scienze della vita (in particolare: medicina di precisione in oncologia e biotecnologie; tecnologie innovative per la salute e per l’invecchiamento, inclusa robotica)
  • fisica e astrofisica
  • resilienza ai disastri naturali
  • ICT (limitatamente ai materiali avanzati e al manufacturing, smart cities, cyber security e quantum communications)

Il bando prevede un co-finanziamento annuale da parte del Governo italiano esclusivamente per progetti di grande rilevanza per i due Paesi. Per gli interessati, la scadenza per presentare le proposte progettuali è fissata al 22 maggio 2018.

Horizon 2020: pubblicato il bando Cybersecurity

Horizon 2020: pubblicato il bando Cybersecurity

Pirateria Informatica - Europa Innovazione

Con un budget totale superiore a 2.500 milioni di euro, il Work Programme 2018-2020 LEIT-ICT di Horizon 2020, concentra alcuni topic sul tema cyber-sicurezza.

Il 1° febbraio 2018 è stato aperto il bando SU-ICT-03-2018: Establishing and operating a pilot for a Cybersecurity Competence Network to develop and implement a common Cybersecurity Research & Innovation Roadmap, per un progetto pilota del valore di 50 milioni di euro, a sostegno della creazione della rete di centri di competenza sulla cibersicurezza in tutta l’UE. I consorzi selezionati, laboratori universitari e centri di ricerca inclusi, dovranno migliorare le ricerche esistenti a profitto della cibersicurezza nel mercato unico digitale tramite soluzioni commercializzabili. L’esperienza maturata con i progetti selezionati concorrerà alla creazione della futura rete di competenza di cui farà parte un Centro europeo di ricerca e competenza sulla cibersicurezza. Il bando si chiuderà il 29 maggio 2018.

Di seguito, invece, i topic di prossima apertura:

SU-ICT-01-2018: Dynamic countering of cyber-attacks, che si aprirà il 15 marzo 2018 con scadenza 28 agosto 2018

SU-ICT-02-2020: Building blocks for resilience in evolving ICT systems, che si aprirà il 25 luglio 2019 con scadenza 19 novembre 2019

SU-ICT-04-2019: Quantum Key Distribution testbed, che si aprirà il 26 luglio 2018 con scadenza 14 novembre 2018

AAL: “Smart Solutions for Ageing Well”

AAL: pubblicato il nuovo bando “Smart Solutions for Ageing Well”

salute anziani

Il programma comune europeo Active and Assisted Living (AAL) ha pubblicato il nuovo bando “Smart Solutions for Ageing Well”.

Rispetto agli anni precedenti, il bando consentirà una maggiore flessibilità relativamente all’obiettivo, la dimensione e la durata dei progetti purché mirino a sviluppare applicazioni su una qualsiasi area di interesse per AAL, basate su tecnologie ICT e focalizzate su specifiche esigenze di mercato. In particolare, il bando finanzia due tipologie di progetti:

  • TRADITIONAL CONSORTIA AND PROJECTS

Progetti collaborativi, con durata di minimo 18 massimo 36 mesi, finanziabili con massimo 2.500.000€

  • SMALL COLLABORATIVE PROJECTS

Piccoli progetti collaborativi, con durata massima di 6 mesi e con un finanziamento massimo di 300.000€

Per l’Italia, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca partecipa nella forma del contributo alla spesa con un budget di euro 900.000, comprensivo del cofinanziamento fornito da AAL, mentre il Ministero della Salute partecipa con un finanziamento pari a 1.000.000€.

Il bando prevede una unica scadenza, fissata alle ore 17.00 del 28 maggio 2018. Tale data rappresenta il termine ultimo per inviare sia la proposta internazionale al programma AAL sia i moduli nazionali.

Information and Communication Technologies

Horizon 2020: pubblicato il bando Information and Communication Technologies
success-2917048_1280

Con un budget totale superiore a 2.500 milioni di euro, il WorkProgramme 2018-2020 LEIT-ICT di Horizon 2020, concentra i topic dell’ICT sulla digitalizzazione dell’industria europea, sulle tecnologie cloud e sui big data, nonchè sulla prossima generazione di Internet.

In particolare, si sono già aperti i seguenti topic, con scadenza il 17 aprile 2018:
ICT-02-2018: Flexible and Wearable Electronics
ICT-03-2018-2019: Photonics Manufacturing Pilot Lines for Photonic Components and Devices
ICT-04-2018: Photonics based manufacturing, access to photonics, datacom photonics and connected lighting
ICT-07-2018: Electronic Smart Systems (ESS)
ICT-11-2018-2019: HPC and Big Data enabled Large-scale Test-beds and Applications
ICT-12-2018-2020: Big Data technologies and extreme-scale analytics
ICT-13-2018-2019: Supporting the emergence of data markets and the data economy
ICT-16-2018: Software Technologies
ICT-17-2018: 5G End to End Facility
ICT-18-2018: 5G for cooperative, connected and automated mobility (CCAM)
ICT-21-2018: EU-US Collaboration for advanced wireless platforms
ICT-22-2018: EU-China 5G Collaboration
ICT-24-2018-2019: Next Generation Internet – An Open Internet Initiative
ICT-25-2018-2020: Interactive Technologies
ICT-26-2018-2020: Artificial Intelligence
ICT-27-2018-2020: Internet of Things
ICT-28-2018: Future Hyper-connected Sociality
ICT-29-2018: A multilingual Next Generation Internet
ICT-31-2018-2019: EU-US collaboration on NGI
ICT-32-2018: STARTS – The Arts stimulating innovation
ICT-34-2018-2019: Pre-Commercial Procurement open
ICT-35-2018: Fintech: Support to experimentation frameworks and regulatory compliance

Alcuni topic di prossima apertura avranno scadenza il 14 novembre 2018, ovvero:
ICT-11-2018-2019: HPC and Big Data enabled Large-scale Test-beds and Applications
ICT-14-2019: Co-designing Extreme Scale Demonstrators (EsD)
ICT-19-2019: Advanced 5G validation trials across multiple vertical industries
ICT-25-2018-2020: Interactive Technologies

Un topic scadrà il 15 gennaio 2019:
ICT-23-2019: EU-Taiwan 5G collaboration

Altri topic, infine, sempre di prossima apertura, avranno invece scadenza il 28 marzo 2019, ovvero:
ICT-01-2019: Computing technologies and engineering methods for cyber-physical systems of systems
ICT-03-2018-2019: Photonics Manufacturing Pilot Lines for Photonic Components and Devices
ICT-05-2019: Application driven Photonics components
ICT-06-2019: Unconventional Nanoelectronics
ICT-08-2019: Security and resilience for collaborative manufacturing environments
ICT-09-2019-2020: Robotics in Application Areas
ICT-10-2019-2020: Robotics Core Technology
ICT-13-2018-2019: Supporting the emergence of data markets and the data economy
ICT-15-2019-2020: Cloud Computing
ICT-20-2019-2020: 5G Long Term Evolution
ICT-24-2018-2019: Next Generation Internet – An Open Internet Initiative
ICT-30-2019-2020: An empowering, inclusive Next Generation Internet
ICT-31-2018-2019: EU-US collaboration on NGI
ICT-33-2019: Startup Europe for Growth and Innovation Radar
ICT-34-2018-2019: Pre-Commercial Procurement open

Horizon 2020: pubblicato il bando Migration

Horizon 2020: pubblicato il bando Migration
cooperativa sociale

L’obiettivo dell’invito è quello di produrre raccomandazioni basate su elementi di prova per la governance globale e europea della migrazione di cittadini di paesi terzi, nonché soluzioni innovative (ICT) per la riuscita integrazione dei migranti nelle società europee in cui vengono accolti.

Al momento sono stati pubblicati i seguenti topic:

MIGRATION-02-2018: Towards forward-looking migration governance: addressing the challenges, assessing capacities and designing future strategies
MIGRATION-05-2018-2020: Mapping and overcoming integration challenges for migrant children
DT-MIGRATION-06-2018-2019: Addressing the challenge of migrant integration through ICT-enabled solutions
MIGRATION-08-2018: Addressing the challenge of forced displacement

Data chiusura: 13 marzo 2018

Data apertura: 6 novembre 2018
MIGRATION-01-2019: Understanding migration mobility patterns: elaborating mid and long-term migration scenarios
MIGRATION-03-2019: Social and economic effects of migration in Europe and integration policies
DT-MIGRATION-06-2018-2019: Addressing the challenge of migrant integration through ICT-enabled solutions
MIGRATION-07-2019: International protection of refugees in a comparative perspective

Data chiusura: 14 marzo 2019

Pubblicato il bando 2017 CHIST-ERA

Pubblicato il bando 2017 CHIST-ERA

tree-200795_1280

CHIST-ERA ERA-NET è un consorzio che ha l’obiettivo di rafforzare la collaborazione transnazionale tra gli stati partecipanti nell’ambito delle sfide della ricerca multidisciplinare nell’area delle Information and Communication Sciences & Technologies.

Il 31 ottobre 2017 si è aperto il nuovo bando CHIST-ERA che si concentra sulle seguenti aree tematiche:

Object recognition and manipulation by robots con Data sharing and experiment reproducibility (ORMR) e Big data and process modelling for smart industry (BDSI).

Il MIUR ha impegnato 500.000,00 € nella forma di contributo a fondo perduto ma il finanziamento massimo concedibile per progetto, indipendentemente dal numero di partner italiani, è di 150.000,00 €.

CHIST-ERA III “European coordinated research on long-term ICT and ICT-based scientific challenges” è un’azione di coordinamento finanziata dalla Commissione Europea secondo lo schema ERANET Cofund del Programma Quadro Horizon 2020, naturale prosecuzione dei precedenti programmi CHIST-ERA e CHIST-ERA II.

L’obiettivo di CHIST-ERA III è rinforzare la cooperazione transnazionale tra Stati Membri in diversi campi dell’ICT e di integrare le comunità di ricerca nazionali in Europa creando sinergie per incentivare attività comuni e contribuire allo sviluppo di uno Spazio Europea della Ricerca.

All’interno di CHIST-ERA III le agenzie di finanziamento identificano i settori scientifici emergenti consentendo ai ricercatori europei di impegnarsi in progetti di alto rischio, ad alto impatto che porteranno avanzamenti nella scienza, lanciando una o più Joint Transnational Call per presentare progetti di ricerca che affrontano tematiche in ambito ICT. Il progetto CHIST-ERA III, al fine di monitorare i progetti finanziati, organizza un seminario annuale in cui i progetti presentano i loro obiettivi e risultati alla comunità scientifica e alle agenzie di finanziamento.

Complessivamente il Consorzio di CHIST-ERA III è composto da 17 membri provenienti da Stati dell’Unione Europea (Polonia, Francia, Spagna, Belgio, Italia, Lituania, Regno Unito, Romania, Estonia, Turchia, Austria, Bulgaria, Svizzera, Repubblica Ceca, Finlandia, Irlanda, Slovacchia). Il coordinatore del consorzio è l’agenzia francese ANR, (Agence Nationale de la Recerche).

Scadenze: 11/01/2018: 1° fase e 15/05/2018: 2° fase

1 2 3 4