ISFP -2018-AG-CT-CSEP – Pilastro Crisi e Terrorismo

ISFP -2018-AG-CT-CSEP – Pilastro Crisi e Terrorismo

Pirateria Informatica - Europa Innovazione

E’ aperta la call avente come topic il programma per l’empowerment della società civile, nell’ambito del programma di lavoro del Fondo di Polizia per la sicurezza interna.

L’obiettivo è quello di affrontare il forte aumento degli estremisti e l’uso di Internet da parte dei terroristi. Sostenere la produzione di alternative / contro-narrative, in particolare online, la loro diffusione e monitoraggio da parte delle organizzazioni della società civile e la valutazione del loro impatto.

Risultati attesi: aumento del numero e dell’impatto delle narrative alternative e contrarie.

Possono partecipare tutti gli Stati membri dell’UE, ad eccezione del Regno Unito e della Danimarca.

In casi debitamente giustificati, le entità stabilite in paesi terzi (ad eccezione del Regno Unito e della Danimarca) possono partecipare come partner / co-richiedenti.

Per questa call, i paesi terzi ammissibili sono quelli evidenziati come paesi prioritari nell’agenda europea sulla sicurezza: Turchia, Tunisia, Libano, Giordania, Marocco, Algeria, Paesi nei Balcani occidentali e paesi dell’EFTA.

Scadenza: 12 febbraio 2019 ore 17:00

Un bando UE per prevenire e combattere gli hate speeches

Un bando UE per prevenire e combattere gli hate speeches

Pirateria Informatica - Europa Innovazione

 

Nell’ambito del programma REC – Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza, la Commissione Europea ha pubblicato un bando per sostenere progetti volti a prevenire e combattere i discorsi d’odio sul web. Con questo bando si promuove la realizzazione di progetti che siano in grado di sviluppare alternative e contro-narrative riguardo ai discorsi di odio online, promuovendo lo sviluppo del pensiero critico da parte degli utenti di Internet. Possono partecipare Enti pubblici ed organizzazioni non profit. La scadenza per l’invio delle proposte è fissato per l’11 ottobre 2018.

In particolare si finanzieranno progetti orientati a una o più delle seguenti attività:

  • implementazione di tecnologie e strumenti web innovativi capaci di per monitorare, prevenire e contrastare l’incitamento all’odio online;
  • studi che analizzino la diffusione dei discorsi di odio razzisti e xenofobi in diversi Stati membri e che individuino i gruppi che generano e diffondono tali contenuti, il volume e la frequenza del caricamento di contenuti, le piattaforme scelte e la loro diffusione nella società tradizionale;
  • sviluppo di attività di sensibilizzazione online, come lo sviluppo di narrative capaci di promuovere i valori dell’UE, la tolleranza e il rispetto dei diritti fondamentali dell’UE;
  • apprendimento reciproco, scambio di buone pratiche, compresa l’individuazione delle migliori pratiche che possano essere trasferibili ad altri paesi o organizzazioni partecipanti.

Il  finanziamento minimo per ciascun progetto non può essere inferiore ai 75.000 euro.

Primo bando MIDIH – applicazioni ‘data driven’ ed esperimenti in CPS/IoT

Primo bando MIDIH – applicazioni ‘data driven’ ed esperimenti in CPS/IoT

work-731198_1280

Il primo bando MIDIH (Manufacturing Industry Digital Innovation Hubs) ha l’obiettivo di sviluppare applicazioni ‘data driven’ realizzate da piccole e medie imprese del settore IT come fornitrici tecnologiche, ed esperimenti nell’ambito dei CPS (cyber-physical systems) / IoT (Internet of Things) realizzati da PMI manifatturiere.

Il bando mira a integrare le funzionalità attorno all’architettura di riferimento MIDIH e ad eseguire esperimenti nell’ambito di CPS/IOT basati sui componenti forniti dall’architettura.

Gli esperimenti devono coprire uno dei tre scenari principali: Smart Factory o Smart Product o Smart Supply chain.

Le tipologie di attività da eseguire per ricevere supporto finanziario sono esperimenti nell’ambito dei CPS/IoT nei seguenti ambiti:

  • Argomenti tecnologici che affrontano le tecnologie attorno all’architettura MIDIH
  • Gli argomenti di sperimentazione devono coprire uno dei tre scenari principali: Smart Factory, Smart Product o Smart Supply chain.

La richiesta di finanziamento massima per proposta è pari a € 60.000. La durata prevista degli esperimenti è di 6 mesi.

Scadenza: 29/06/2018

Information and Communication Technologies

Horizon 2020: pubblicato il bando Information and Communication Technologies
success-2917048_1280

Con un budget totale superiore a 2.500 milioni di euro, il WorkProgramme 2018-2020 LEIT-ICT di Horizon 2020, concentra i topic dell’ICT sulla digitalizzazione dell’industria europea, sulle tecnologie cloud e sui big data, nonchè sulla prossima generazione di Internet.

In particolare, si sono già aperti i seguenti topic, con scadenza il 17 aprile 2018:
ICT-02-2018: Flexible and Wearable Electronics
ICT-03-2018-2019: Photonics Manufacturing Pilot Lines for Photonic Components and Devices
ICT-04-2018: Photonics based manufacturing, access to photonics, datacom photonics and connected lighting
ICT-07-2018: Electronic Smart Systems (ESS)
ICT-11-2018-2019: HPC and Big Data enabled Large-scale Test-beds and Applications
ICT-12-2018-2020: Big Data technologies and extreme-scale analytics
ICT-13-2018-2019: Supporting the emergence of data markets and the data economy
ICT-16-2018: Software Technologies
ICT-17-2018: 5G End to End Facility
ICT-18-2018: 5G for cooperative, connected and automated mobility (CCAM)
ICT-21-2018: EU-US Collaboration for advanced wireless platforms
ICT-22-2018: EU-China 5G Collaboration
ICT-24-2018-2019: Next Generation Internet – An Open Internet Initiative
ICT-25-2018-2020: Interactive Technologies
ICT-26-2018-2020: Artificial Intelligence
ICT-27-2018-2020: Internet of Things
ICT-28-2018: Future Hyper-connected Sociality
ICT-29-2018: A multilingual Next Generation Internet
ICT-31-2018-2019: EU-US collaboration on NGI
ICT-32-2018: STARTS – The Arts stimulating innovation
ICT-34-2018-2019: Pre-Commercial Procurement open
ICT-35-2018: Fintech: Support to experimentation frameworks and regulatory compliance

Alcuni topic di prossima apertura avranno scadenza il 14 novembre 2018, ovvero:
ICT-11-2018-2019: HPC and Big Data enabled Large-scale Test-beds and Applications
ICT-14-2019: Co-designing Extreme Scale Demonstrators (EsD)
ICT-19-2019: Advanced 5G validation trials across multiple vertical industries
ICT-25-2018-2020: Interactive Technologies

Un topic scadrà il 15 gennaio 2019:
ICT-23-2019: EU-Taiwan 5G collaboration

Altri topic, infine, sempre di prossima apertura, avranno invece scadenza il 28 marzo 2019, ovvero:
ICT-01-2019: Computing technologies and engineering methods for cyber-physical systems of systems
ICT-03-2018-2019: Photonics Manufacturing Pilot Lines for Photonic Components and Devices
ICT-05-2019: Application driven Photonics components
ICT-06-2019: Unconventional Nanoelectronics
ICT-08-2019: Security and resilience for collaborative manufacturing environments
ICT-09-2019-2020: Robotics in Application Areas
ICT-10-2019-2020: Robotics Core Technology
ICT-13-2018-2019: Supporting the emergence of data markets and the data economy
ICT-15-2019-2020: Cloud Computing
ICT-20-2019-2020: 5G Long Term Evolution
ICT-24-2018-2019: Next Generation Internet – An Open Internet Initiative
ICT-30-2019-2020: An empowering, inclusive Next Generation Internet
ICT-31-2018-2019: EU-US collaboration on NGI
ICT-33-2019: Startup Europe for Growth and Innovation Radar
ICT-34-2018-2019: Pre-Commercial Procurement open

Horizon 2020: pubblicato il bando EU-Korea Joint Call

Horizon 2020: pubblicato il bando EU-Korea Joint Call

connect-20333_1280

Con un budget totale superiore a 2.500 milioni di euro, il WorkProgramme 2018-2020 LEIT-ICT di Horizon 2020, concentra alcuni topic sulla collaborazione Europa-Corea.

I topic già aperti avranno scadenza il 31 gennaio 2018:
EUK-01-2018: Cloud, IoT and AI technologies
EUK-02-2018: 5G

Meccanismo per collegare l’Europa – Telecomunicazioni

Meccanismo per collegare l’Europa – Telecomunicazioni: bando CEF-TC-2018-1

international-154119_1280

Saranno finanziati progetti di interesse comune presentati da uno o più Stati membri/Paesi EFTA/SEE, oppure da organizzazioni internazionali, enti pubblici o privati, compresi enti comuni, con l’assenso degli Stati coinvolti.

Gli inviti, pubblicati sul sito dell’INEA (Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti) sono:

CEF-TC-2018-1: eIdentification (eID) & eSignature – Identificazione e firme elettroniche

Obiettivo: creare un ecosistema per tutta l’UE basato sul regolamento eIDAS (identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche) in grado di migliorare i servizi forniti ai cittadini.

Saranno finanziati progetti tesi a un maggiore utilizzo di eIDAS ed eID e le firme elettroniche (in particolare, firme elettroniche qualificate).

Budget: 8 milioni di euro (7.5 milioni di euro per eID e 500.000 euro per eSignature)

CEF-TC-2018-1 – Europeana

Obiettivo: fornire supporto alle istituzioni culturali e ad altri partner pubblici e privati per aumentare la quantità di contenuti e metadati accessibili attraverso Europeana, che siano di alta qualità e adatti al riutilizzo, e per aumentare la consapevolezza e l’uso di Europeana

Saranno supportati progetti che incrementano la quantità di dati accessibili attraverso Europeana, che aumentano la consapevolezza e l’utilizzo di Europeana e che migliorano l’esperienza dell’utente.

Budget: 4 milioni di euro

CEF-TC-2018-1 – Internet più sicuro (Safer internet)

Obiettivo: supportare i servizi che aiutano a rendere Internet un ambiente affidabile per i bambini fornendo un’infrastruttura che consente di condividere risorse, servizi e pratiche tra i centri nazionali Safer Internet (SICs) e di fornire servizi ai propri utenti, compresa l’industria.

Attraverso le azioni supportate con questo bando i cittadini, in primis i bambini, avranno la possibilità di migliorare le proprie competenze digitali e di partecipare attivamente a un ambiente digitale più sicuro grazie a una maggiore consapevolezza e a strategie di empowerment. Genitori, assistenti, insegnanti e professionisti che lavorano con bambini a rischio potranno comprendere meglio come i contenuti e i servizi sono accessibili e utilizzati dai bambini e averne più fiducia. Le autorità pubbliche, soprattutto le forze dell’ordine, dovrebbero essere in grado di sviluppare migliori misure preventive e proattive che garantiscano il benessere dei bambini. L’industria trarrà vantaggio dalle maggiori opportunità di mercato per i contenuti e l’impatto delle campagne di sensibilizzazione e dalla fornitura transfrontaliera di servizi associati (linee di assistenza, hotline). Saranno inoltre create sinergie riunendo le insieme gli stakeholder per condividere le risorse e operare in modo collaborativo per promuovere la sicurezza online dei minori in tutta Europa

Budget: 18 milioni di euro

La scadenza per presentare le proposte, per tutti i tre inviti, è il 15 maggio 2018.

Bridging the Interoperability Gap of the Internet of Things

1° bando del progetto europeo “Bridging the Interoperability Gap of the Internet of Things”

apple-iphone-books-desk

É stato pubblicato il primo bando del progetto europeo Bridging the Interoperability Gap of the Internet of Things (BIG IOT), finanziato nell’ambito di Horizon 2020. Il progetto intende consentire agli sviluppatori di servizi e applicazioni di poter fruire dei dati resi disponibili da diverse piattaforme, senza dover sviluppare, di volta in volta, specifiche soluzioni per l’accesso ma mettendo a disposizione alcune componenti software realizzate dal progetto: il marketplace e la BIG IoT API. I partner italiani del progetto sono: il Consorzio per il Sistema Informativo (CSI PIEMONTE), VODAFONE ITALIA SPA e VODAFONE OMNITEL B.V.
Al bando possono partecipare, in forma individuale, piccole e medie imprese, startup, università e centri di ricerca europei che possiedono o operano nell’ambito di piattaforme o servizi Internet of Things e che utilizzano tecnologie BIG IoT per rendere fruibili i dati. Non è necessario che i partecipanti siano localizzati in una delle tre aree Pilota di BIG IoT (Piemonte, Barcellona e Berlino) e le proposte possono fornire dati o servizi relativamente ad aree diverse da queste anche se sono preferibili proposte collegate a tali aree pilota. I soggetti selezionati saranno finanziati come “terze parti” (secondo le condizioni di Horizon 2020) di Siemes AG, il coordinatore del progetto BIG IOT.
Il bando resterà aperto fino al 16 giugno 2017 e prevede un contributo massimo per progetto pari a 60.000 euro, a fronte di un budget complessivo della call di 300.000 euro.

Monitorare, prevenire e combattere l’incitamento all’odio online

Bando REC-RRAC-ONLINE-AG-2017: progetti che contribuiscono a monitorare, prevenire e combattere l’incitamento all’odio online

Priorità:
– Progetti finalizzati a migliorare la comprensione del fenomeno e a combattere l’incitamento all’odio sulle piattaforme dei social media: studi sul modo in cui l’incitamento all’odio si diffonde sulle piattaforme dei social media, strumenti di monitoraggio, registrazione dei dati, analisi delle tendenze e miglioramento della trasparenza (come follow-up del Codice di condotta per combattere l’illecito incitamento all’odio online).
– Progetti finalizzati allo sviluppo della capacità della società civile di segnalare alle società informatiche i contenuti online che incitano all’odio, compresi il contributo all’attuazione del Codice di condotta per combattere l’illecito incitamento all’odio online e la formazione sul quadro normativo di riferimento.
– Progetti sullo sviluppo di narrazioni equilibrate online e per la promozione del pensiero critico da parte degli utenti di Internet (come follow-up del Convegno Annuale del 2016 sui diritti fondamentali).
– Progetti finalizzati a combattere l’incitamento all’odio online verso i giornalisti, a raccogliere dati sugli abusi online contro gli operatori dei media e ad analizzare i loro effetti sul dibattito democratico (come follow-up del Convegno Annuale del 2016 sui diritti fondamentali).
Sono di particolare interesse i progetti che contribuiscono all’attuazione del Codice di condotta citato, comprese le attività volte a ridurre la presenza sulle piattaforme dei social media dei discorsi che incitano all’odio online sanciti come illegali dalla normativa comunitaria e nazionale (Decisione quadro 2008/913/GAI sulla lotta contro talune forme e espressioni di razzismo e xenofobia mediante il diritto penale).
Attività finanziabili:
– studi analitici sulla diffusione dei discorsi online di stampo razzista o xenofobo;
– sviluppo di strumenti web che contrastino l’incitamento all’odio online e facilitino la raccolta di dati;
– attività di diffusione e sensibilizzazione, in particolare sviluppo di narrazioni equilibrate, attività di alfabetizzazione mediatica volte a migliorare il pensiero critico e la consapevolezza circa l’accuratezza dell’informazione;
– apprendimento reciproco, scambio di buone pratiche compresa l’individuazione di best practices potenzialmente trasferibili ad altri Paesi o organizzazioni; particolare attenzione sarà data a quei progetti che prevedono attività mirate a favorire sinergie o la creazione di reti tra organizzazioni attive nella lotta all’incitamento all’odio online;
– capacity building e attività di formazione
Potranno essere finanziati sia progetti nazionali che transnazionali; tuttavia i progetti transnazionali sono ritenuti di particolare interesse.
Beneficiari dell’attività sono enti pubblici e organizzazioni private stabiliti in uno dei seguenti Paesi: Stati UE, Islanda, Liechtenstein. Il bando è aperto anche a organizzazioni internazionali
Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta per il progetto non può essere inferiore a 75.000 euro.
I progetti devono essere realizzati da una partnership costituita da almeno 2 organismi (l’applicant + 1 co-applicant). Se il progetto è transnazionale applicant e co-applicant devono provenire da 2 diversi Paesi ammissibili.
Le organizzazioni a scopo di lucro possono presentare progetti unicamente in partnership con enti pubblici o organizzazioni private senza scopo di lucro.
Le candidature devono essere presentate per via telematica, utilizzando l’apposito sistema – Electronic Submission System – accessibile dal Portale dei partecipanti (è necessaria la registrazione al Portale e l’acquisizione del PIC per tutti i soggetti coinvolti nel progetto).
Scadenza: 29/06/2017