Progetti di promozione dell’export e per la partecipazione a eventi fieristici – Anno 2021

Progetti di promozione dell’export e per la partecipazione a eventi fieristici – Anno 2021

Fiera

Il bando, approvato dalla Giunta regionale con la delibera n. 1270 del 28 settembre 2020, intende favorire la promozione internazionale delle PMI e la diversificazione dei mercati. Il bando supporta progetti in grado di favorire l’accesso a nuovi mercati di sbocco e a nuovi canali di vendita soprattutto digitali, rafforzando la funzione del commercio estero all’interno dell’azienda. I progetti consentiranno di avere inoltre ricadute economiche e occupazionali in Emilia-Romagna.

Il bando supporta progetti di partecipazione a fiere all’estero o in Italia (in quest’ultimo caso solo a fiere con qualifica “internazionale”) di natura fisica o virtuale e partecipazione a eventi promozionali o b2b fisici o virtuali realizzati da organizzatori internazionali, purché di livello internazionale.

Nel caso di fiere in presenza saranno ammessi i seguenti costi: affitto spazi, allestimento (incluse le spese di progettazione degli stand), gestione spazi, trasporto merci in esposizione e assicurazione delle stesse, ingaggio di hostess/interpreti

Nel caso di fiere virtuali saranno ammessi i seguenti costi: iscrizione alla fiera e ai relativi servizi, consulenze in campo digital, hosting, sviluppo piattaforme per la virtualizzazione, produzione di contenuti digitali, accordi onerosi con media partners, spese di spedizione dei campionari.

Destinatari

Possono fare domanda imprese di micro, piccola e media dimensione con sede legale o unità operativa in Regione Emilia-Romagna.

Il contributo regionale sarà concesso a fondo perduto nella misura massima del 100% delle spese ammissibili. Il contributo regionale non potrà comunque superare il valore di € 10.000.

Le risorse stanziate ammontano complessivamente a € 3.335.000. Il 60% delle risorse disponibili sarà riservato alla prima call e il restante 40% alla seconda call. Nel caso in cui le risorse riservate per la prima call non risultassero esaurite una volta concessi i contributi spettanti a tutti i progetti considerati ammissibili, l’importo rimanente potrà essere impiegato come risorsa aggiuntiva per finanziare la seconda call.

Le spese documentate devono essere sostenute nel periodo dal 1 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 e devono rispettare il regime d’aiuto “de minimis”.

La domanda di contributo dovrà essere compilata ed inviata esclusivamente per via telematica, tramite la specifica applicazione web Sfinge 2020 nei periodi:

  • 1a Finestra: a partire dalle ore 12.00 del 04/11/2020 e fino alle ore 16.00 del 04/12/2020;
  • 2a Finestra: a partire dalle ore 12.00 del 01/06/2021 e fino alle ore 16.00 del 30/06/2021;

Ogni impresa può presentare una sola domanda per ciascuna finestra.

BANDO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI MPMI PER IL SOSTEGNO ALLA PARTECIPAZIONE A FIERE E MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE NELLE PROVINCE DI CHIETI E DI PESCARA

BANDO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI MPMI PER IL SOSTEGNO ALLA PARTECIPAZIONE A FIERE E MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE NELLE PROVINCE DI CHIETI E DI PESCARA

Fiera

La Camera di Commercio Chieti Pescara ha pubblicato un bando per contributi a fondo perduto alle imprese che intendano partecipare a fiere e manifestazioni di valorizzazione dell’economia regionale.

In particolare, saranno ammesse a contributo le quote di partecipazione alle iniziative che si terranno, entro il 31 dicembre 2020, nei poli espositivi camerali delle due province, Porto Turistico Marina di Pescara e Foro Boario, e gli spazi di Lanciano Fiera.

Il contributo consiste in un apporto a fondo perduto erogato in un’unica soluzione: l’entità massima del contributo non potrà superare il cinquanta per cento delle spese ammissibili e, comunque, dovrà essere massimo di cinquecento euro per le imprese con sede legale e/o unità locale nelle province di Chieti e Pescara e di trecento euro per le imprese con sede legale e/o unità locale in altre province.

Tra le spese ammesse ci sono: il noleggio di spazi espositivi e di allestimento, incluse le spese accessorie come allacciamenti e consumi elettrici ed idrici e pulizia dello stand; assicurazioni collegate all’esposizione in fiera; iscrizione al catalogo ufficiale; trasporto del materiale da allestimento ed espositivo.

Le domande di concessione del contributo, erogato secondo l’ordine cronologico di arrivo e previa rendicontazione, dovranno essere presentate esclusivamente con invio telematico attraverso il Servizio Sportello Telematico Agef (http://praticacerc.infocamere.it), dalle ore 9,00 del 1° agosto 2020 e fino alla chiusura del bando fissata alle ore 21:00 del 30 novembre 2020.

Progetti di internazionalizzazione digitale Fiere e filiere 2020

Progetti di internazionalizzazione digitale Fiere e filiere 2020

Fiera

La Regione Emilia-Romagna intende sostenere i progetti di digitalizzazione fieristica, ovvero progetti destinati al rafforzamento digitale dei quartieri fieristici, al rafforzamento digitale delle manifestazioni fieristiche con qualifica internazionale e all’organizzazione di eventi virtuali collegati a manifestazione fieristiche certificate e con qualifica internazionale, con priorità accordata alle soluzioni tecnologiche utili a incrementare la partecipazione di espositori e visitatori internazionali.

Possono presentare domanda di contributo esclusivamente i seguenti soggetti promotori:

  • Le società fieristiche dell’Emilia-Romagna relativamente alle manifestazioni con sola qualifica internazionale
  • Gli organizzatori di manifestazioni fieristiche, anche non emiliano-romagnoli, ma limitatamente a manifestazioni fieristiche con sola qualifica internazionale che si svolgono in Emilia-Romagna

La Regione contribuirà alla realizzazione del progetto approvato con un contributo del 50% del valore delle spese ammissibili, e comunque non superiore ad € 100.000

Scadenza: 30/09/2020

Bando per l’innovazione e la promozione del sistema fieristico lombardo 2020

Bando per l’innovazione e la promozione del sistema fieristico lombardo 2020

Fiera

Regione Lombardia ha stanziato € 1.500.000 per finanziare progetti di innovazione dell’offerta fieristica, di promozione delle manifestazioni lombarde, di sviluppo delle competenze aziendali degli operatori, di qualificazione dei quartieri fieristici lombardi.
Il bando prevede due linee di intervento:
– Linea A: Progetti di innovazione e promozione delle manifestazioni fieristiche
– Linea B: Progetti di miglioramento infrastrutturale e tecnologico dei quartieri
LINEA A
La Linea prevede quattro aree di interventi, che possono essere liberamente combinate in un progetto unico:
1. Nuove manifestazioni fieristiche: progetti per la realizzazione di nuove manifestazioni fieristiche, la realizzazione di manifestazioni fieristiche esistenti che si trasferiscono in Lombardia e la fusione di due o più eventi esistenti in una unica manifestazione fieristica.
2. Promozione delle manifestazioni lombarde: progetti per la promozione di manifestazioni lombarde già esistenti, tramite campagne media, eventi e roadshow di presentazione, azioni di incoming di buyer
3. Sviluppo delle capacità aziendali: adozione di piattaforme e strumenti informatici per la digitalizzazione dei servizi e progetti per la formazione del capitale umano
4. Promozione integrata del territorio: progetti di promozione dell’attrattività del territorio lombardo, quali la predisposizione di pacchetti di fruizione turistica e la promozione delle destinazioni lombarde
I progetti della Linea A possono essere presentati da più operatori fieristici in cooperazione, mettendo in comune eventi, risorse, competenze. I progetti di cooperazione beneficeranno di una premialità sul contributo. La premialità è ulteriormente aumentata per le cooperazioni formalizzate, costituite tramite una società ad hoc, un consorzio o un contratto di rete.
LINEA B
La Linea prevede investimenti in conto capitale sui quartieri fieristici lombardi di livello internazionale, nazionale e regionale finalizzati a:
1. il miglioramento funzionale ed estetico delle strutture e delle aree di servizio connesse
2. l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative per la gestione di visitatori ed espositori, l’offerta di servizi e la comunicazione con clienti, fornitori e utenti
3. gli adeguamenti tecnologici per migliorare gli standard di sicurezza, la gestione degli accessi, la sostenibilità ambientale, l’efficienza dei consumi energetici e la logistica interna del quartiere
Possono partecipare al presente bando organizzatori di manifestazioni fieristiche (con codice ATECO 82.3 o, in mancanza, già operative nel settore da almeno un triennio) e proprietari o gestori di quartieri fieristici con qualifica internazionale, nazionale o regionale, iscritti negli elenchi di cui all’articolo 21 del r.r. n. 5/2003.
L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, erogato in un’unica soluzione a saldo, a seguito di rendicontazione delle spese, secondo il dettaglio seguente:
– 40% della spesa fino a un massimo € 35.000 per progetti individuali sulla Linea A
– 50% della spesa fino a un massimo € 50.000 per progetti di cooperazione non formalizzata sulla Linea A
– 60% della spesa fino a un massimo € 80.000 per progetti di cooperazione formalizzata sulla Linea A
– 50% della spesa fino a un massimo € 60.000 per progetti sulla Linea B
Scadenza: 30/10/2019

Programma regionale per le attività produttive – Contributi per le società fieristiche e/o organizzatori di manifestazioni fieristiche

Programma regionale per le attività produttive - Contributi per le società fieristiche e/o organizzatori di manifestazioni fieristiche

Fiera

Con delibera di Giunta regionale n. 335 dell’11 marzo 2019 la Regione intende promuovere la partecipazione di soggetti fieristici specializzati, attraverso la raccolta di proposte progettuali di elevata qualità volte a promuovere il sistema fieristico e produttivo regionale, sostenendo ed espandendo il livello di internazionalità delle manifestazioni fieristiche regionali verso i mercati esteri.

Posso presentare la domanda di contributo:

  • Le società fieristiche dell’Emilia-Romagna relativamente alle manifestazioni con sola qualifica internazionale
  • Gli organizzatori di manifestazioni fieristiche, anche non emiliano-romagnoli, ma limitatamente a manifestazioni fieristiche con sola qualifica internazionale che si svolgono in Emilia-Romagna
  • Le società fieristiche dell’Emilia-Romagna e/o gli organizzatori di manifestazioni fieristiche relativamente a manifestazioni fieristiche realizzate all’estero, se emanazione di eventi fieristici qualificati come internazionali dalla Regione Emilia-Romagna.

La Regione contribuirà alla realizzazione dei progetti approvati con un contributo del 40% del valore delle spese ammissibili, eventualmente elevabile al 50% in caso di effettiva realizzazione di azioni di outgoing o di compartecipazione paritetica di soggetto afferente diverso quartiere fieristico regionale, e comunque per un ammontare massimo non superiore ad € 80.000

Il bando sarà aperto a sportello dalle ore 12.00 del giorno successivo alla data di pubblicazione sul Burert, fino alle ore 16.00 del 31 maggio 2019, salvo esaurimento fondi prima della scadenza.

AF – Artigiano in Fiera 2018

AF – Artigiano in Fiera 2018

Fiera

La Regione Piemonte, nell’ambito del programma di promozione 2018-2019 e Unioncamere Piemonte, unitamente al sistema camerale piemontese e con la collaborazione delle confederazioni artigiane di categoria (Confartigianato, CNA, CasArtigiani), organizzano una collettiva regionale per tutte le aziende artigiane  iscritte ad una delle Camere di Commercio del Piemonte ed a “AF l’artigiano in Fiera”, in programma a Rho-Milano  dal 01 al 09 dicembre 2018,  attraverso la concessione di un contributo finalizzato ad un abbattimento dei costi di partecipazione a seconda della metratura espositiva richiesta.

L’abbattimento dei costi previsto sarà concesso fino ad esaurimento dei fondi disponibili, secondo un criterio cronologico di arrivo delle domande di partecipazione.

Soggetti beneficiari:

 

Imprese artigiane piemontesi che al momento della presentazione della domanda abbiano i seguenti requisiti:

1) annotazione della qualifica di impresa artigiana nel registro imprese delle CCIAA del Piemonte con sede operativa attiva in Piemonte;

2) svolgano attività prevalente (codice ATECO 2007) in tutti i settori ammessi dal regolamento de minimis e non rientrante pertanto nelle attività economiche escluse o ammesse con limitazioni in base al Regolamento (CE) n. 1407/2013 “De minimis”.

3) non siano soggette a procedure concorsuali e non siano in stato di insolvenza dichiarato secondo le norme di legge;

4) siano in regola con i versamenti contributivi e previdenziali (DURC)

5) siano in regola con i versamenti dovuti a norma di legge alle Camere di commercio

 

Il bando scade il 15 ottobre 2018.