Sostegno alle co-produzioni audiovisive ACP

Sostegno alle co-produzioni audiovisive ACP

turntable-1337986__340

Bando nel quadro del programma culturale ACP-UE “verso una industria culturale sostenibile” per il sostegno alle coproduzioni audiovisive ACP-UE, teso a promuovere lo sviluppo economico e sociale dei paesi ACP attraverso il progressivo affermarsi del settore audiovisivo, che è un motore di democratizzazione e di sviluppo umano.

Obiettivo:

  1. Migliorare le condizioni per la creazione e la produzione di opere audiovisive nei paesi ACP, aumentando i finanziamenti per la coproduzione e aprendoli alla coproduzione da tali paesi;
  2. Migliorare la preparazione degli stakeholder ACP del settore audiovisivo, in particolare attraverso lo sviluppo delle capacità e il monitoraggio dei progetti finanziati;
  3. Consentire a tali opere un maggiore accesso ai mercati nazionali, regionali e internazionali e una maggiore diffusione negli stessi attraverso la coproduzione con l’Europa;
  4. Aumentare l’accesso ai meccanismi di finanziamento per le produzioni dei paesi ACP.

Il sostegno del programma è destinato a sostenere il settore audiovisivo dei Paesi ACP fornendo finanziamenti per le coproduzioni audiovisive: le attività coprono la coproduzione di opere audiovisive e il sostegno a professionisti, autori e produttori nei paesi ACP.

Nella categoria di opere audiovisive sono compresi: cinema, trasmissioni televisive, videogiochi, cross-media e nuovi media.

Almeno l’80% del contributo deve essere destinato dal beneficiario al supporto finanziario alle coproduzioni nei settori dell’audiovisivo e del cinema nei paesi ACP e UE, mentre il rimanente 20% potrà essere assegnato ad attività di collegamento in rete.

Beneficiari sono enti/organismi la cui principale attività è il sostegno alle coproduzioni nei settori dell’audiovisivo e del cinema. Devono essere dotati di personalità giuridica e rientrare in una delle seguenti tipologie: fondazioni, operatori del settore pubblico, autorità nazionali o regionali e organizzazioni (intergovernative) internazionali. Devono avere esperienza nella gestione di fondi di supporto ai settori cinematografico e audiovisivo, comprovata sulla base di specifici requisiti: una capacità di supporto annuale di almeno 300.000 EUR (copia degli atti finanziari) e aver concesso sussidi in coproduzione in almeno 2 paesi ACP negli ultimi 3 anni e aver sostenuto coproduzioni ACP negli ultimi 3 anni.

In generale il contributo comunitario può coprire fino all’80% delle spese ammissibili per un massimo di 3.000.000 euro; non saranno presi in considerazione progetti che richiedano un contributo inferiore al 50% dei costi o a 1.000.000 euro.

Le proposte progettuali devono essere scritte in inglese o francese e avere una durata prevista massima di 48 mesi. Scadenza: 03/06/2019.

Bando per il finanziamento di progetti per l’adeguamento strutturale e tecnologico di sale di spettacolo

Bando per il finanziamento di progetti per l'adeguamento strutturale e tecnologico di sale di spettacolo

Cinema

Il bando sostiene progetti per adeguamento strutturale e tecnologico delle sale di spettacolo: installazione, ristrutturazione, messa in sicurezza, rinnovo di impianti, apparecchiature, arredi e servizi complementari di sale destinate ad attività di spettacolo (teatri, cinema, cineteatri, auditorium musicali, sale polivalenti con prevalente attività di spettacolo). Potranno presentare domanda di finanziamento i seguenti soggetti aventi la disponibilità della sala da spettacolo:

  • Enti e istituzioni ecclesiastiche
  • Soggetti privati non ecclesiastici, comprese le ditte individuali
  • Enti rientranti nell’elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato individuate ai sensi dell’articolo 1, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n. 196 e ss.mm. (Legge di contabilità e di finanza pubblica) nella sezione “Amministrazioni locali”
  • Per la categoria delle imprese sono ammissibili le micro, piccole e medie imprese, mentre sono escluse le grandi imprese.

Caratteristiche dell’agevolazione:

LINEA A) Progetti relativi a sale che svolgono attività di spettacolo già attive.

Sono ammissibili i progetti presentati per un importo compreso tra € 20.000 e € 400.000.

Il contributo di Regione Lombardia concesso al Soggetto beneficiario non potrà essere superiore al 30% del totale delle spese ammissibili. Il cofinanziamento del Soggetto richiedente non potrà dunque essere inferiore al 70% del totale delle spese ammissibili.

LINEA B) Progetti relativi all’apertura di nuove sale, al ripristino di sale inattive, alla creazione di nuove sale da destinare ad attività di spettacolo nell’ambito di sale o multisale già esistenti.

Sono ammissibili i progetti presentati per un importo compreso tra € 30.000 e € 500.000.

Il contributo della Regione Lombardia concesso al soggetto beneficiario non potrà essere superiore al 40% del totale delle spese ammissibili. Il cofinanziamento del Soggetto richiedente non potrà dunque essere inferiore al 60% del totale delle spese ammissibili.

Scadenza: 2 maggio 2019

Lazio Cinema International 2018

Lazio Cinema International 2018

movie-918655_1280

L’intervento è finalizzato a sostenere gli investimenti in Coproduzioni audiovisive che prevedano la compartecipazione dell’industria del Lazio con quella estera, una distribuzione di carattere internazionale dei prodotti e la realizzazione di opere che consentano una maggiore visibilità internazionale delle destinazioni turistiche del Lazio.

La dotazione dell’Avviso è di 5.000.000 di Euro per ciascuna delle due “finestre” (due diverse e successive aperture dei termini), la prima delle quali si apre nel mese di novembre 2018. La seconda finestra si aprirà, invece, nel mese di luglio 2019.

La dotazione finanziaria è attribuita alle domande ammissibili seguendo il loro ordine di presentazione.

Il 50% delle risorse sono riservate alle Coproduzioni ritenute di “Interesse Regionale” o di “Particolare Interesse Regionale”.

La Sovvenzione è un contributo a fondo perduto commisurato alle Spese Ammissibili sostenute dai beneficiari relative alla quota italiana dei costi della Coproduzione.

Possono partecipare le PMI già iscritte al Registro delle Imprese, ovvero ad un registro equivalente in uno Stato membro della Unione Europea, che sono Produttori Indipendenti ed operano prevalentemente nel settore di “Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi” (codice ATECO 2007 59.11). Il beneficiario può essere una sola impresa oppure possono esserci più beneficiari (Aggregazione) per una stessa Coproduzione, purché compartecipino ai Costi di Produzione in ragione dell’Accordo di Coproduzione e siano titolari di diritti di sfruttamento dell’Opera almeno per l’Italia. I beneficiari devono avere, al più tardi al momento della richiesta della prima erogazione, residenza fiscale in Italia ed una sede operativa nel Lazio.

L’intervento è finalizzato a sostenere la realizzazione di Coproduzioni, intendendo per tali:

  • Coproduzioni Cinematografiche: quelle riconosciute dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (“MIBACT”) come Opere Cinematografiche realizzate in regime di compartecipazione internazionale ai sensi dell’art. 4 del D.P.C.M. 11 luglio 2017, (o ai sensi di normativa equipollente in precedenza vigente ove applicabile) e che quindi abbiano un quota di partecipazione alla copertura dei Costi di Produzione e la relativa quota di proprietà dei diritti di una o più Imprese Italiane non inferiore al 20%, salvo percentuali minori previste in specifici accordi internazionali. La quota dei diritti di proprietà della o delle imprese italiane deve includere in ogni caso i diritti di sfruttamento per il territorio italiano. Nel caso di Opere Cinematografiche, in sede di concessione del contributo con riserva, la quota di partecipazione alla copertura dei Costi di Produzione da parte del o dei Produttori Esteri non deve essere inferiore al 10%, sempre salvo percentuali minori previste in specifici accordi internazionali.
  • Coproduzioni di Altri Audiovisivi: le Opere Audiovisive diverse da quelle Cinematografiche a cui è riconosciuta la nazionalità italiana ai sensi dell’articolo 2 del DPCM del 11 luglio 2017 in quanto alla copertura del costo di produzione concorrano per almeno il 20% risorse apportate da uno o più Produttori Esteri o comunque derivanti dallo sfruttamento economico sui mercati al di fuori dell’Italia ovvero a cui è riconosciuta la nazionalità italiana ai sensi dell’articolo 4 del DPCM del 11 luglio 2017. In questo secondo caso, al fine della concessione con riserva del contributo, detta copertura del costo da parte del o dei Produttori Esteri, anche sotto forma di acquisto anticipato dei diritti, deve essere almeno pari al 10% o all’eventuale minore quota prevista dagli accordi internazionali.

In entrambi i casi il o i Produttori Esteri ed il o i Richiedenti non devono essere reciprocamente connessi tra loro da rapporti di controllo e/o di gestioni comuni e/o di altra natura, salvo il legame inerente la realizzazione dell’Opera stessa o di singole Opere Audiovisive coprodotte in passato

Le domande di contributo possono essere presentate esclusivamente per via telematica compilando il Formulario disponibile on line sulla piattaforma GeCoWEB da novembre 2018 (prima finestra) e da luglio 2019 (seconda finestra)

Creative Europe – MEDIA – Networks dei cinema -EACEA / 50/2018

Creative Europe – MEDIA – Networks dei cinema -EACEA / 50/2018

cinema-1241422_640

La presente call ha l’obiettivo di incoraggiare la messa in rete dei cinema europei di prima visione e la proiezione di film europei non nazionali da parte di questi cinema. In particolare, per supportare:

proiezione di film europei non nazionali nelle sale cinematografiche da parte di proprietari e operatori cinematografici, sviluppo di attività educative e di sensibilizzazione per giovani spettatori, sviluppo di nuovi modelli di business tra cui l’uso di modalità innovative di distribuzione per aumentare la visibilità e il pubblico dei film europei e la creazione e consolidamento di una rete di proprietari di cinema europei che sviluppa azioni comuni di questo tipo e l’introduzione del cinema digitale tra gli espositori.

La call supporta:

  • promozione e proiezione di film europei
  • attività educative per sensibilizzare i giovani spettatori
  • promozione e marketing in cooperazione con altre piattaforme di distribuzione (es. emittenti TV, piattaforme VOD)
  • Networking: informazione, animazione e comunicazione
  • Fornitura di sostegno finanziario a terzi (membri della rete richiedente) che attuano attività ammissibili

Possono partecipare reti di cinema incaricati di assumersi pienamente le responsabilità legali per la corretta attuazione dell’azione.

Rete di cinema: un gruppo di cinema che sviluppa attività congiunte nell’area dello screening e della promozione dei film europei.

La rete deve rappresentare almeno 100 cinema in 20 paesi partecipanti al sottoprogramma MEDIA. Deve essere un’entità di coordinamento legalmente costituita.

Scadenza: 31/05/2019 ore 12.00

Piemonte Film Tv Fund – sostegno alle imprese di produzione audiovisiva, cinematografica e televisiva – Bando anno 2018 – Seconda sessione

Piemonte Film Tv Fund – sostegno alle imprese di produzione audiovisiva, cinematografica e televisiva – Bando anno 2018 – Seconda sessione

movie-918655_1280

Il bando viene attivato in attuazione dell’Asse III “Competitività dei sistemi produttivi” del POR Piemonte FESR 2014-2020, priorità di investimento III.3c, obiettivo specifico III.3c.1 “Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo”, Azione III.3c.1.2. “Attrazione di investimenti mediante sostegno finanziario, in grado di assicurare una ricaduta sulle PMI a livello territoriale”, per supportare le imprese operanti nel settore della produzione audiovisiva, cinematografica e televisiva, con l’obiettivo di favorire l’attrazione e l’incremento di investimenti idonei a sviluppare l’indotto e l’occupazione attraverso:

  1. a) il reinsediamento sul territorio regionale di imprese che hanno delocalizzato;
  2. b) l’insediamento di nuove imprese sul territorio regionale;
  3. c) il consolidamento degli investimenti – relativi a nuove produzioni – delle imprese presenti sul territorio in termini di competitività e crescita per favorire il pieno e qualificato utilizzo delle infrastrutture regionali disponibili.

Tale obiettivo viene perseguito attraverso la concessione di contributi a fondo perduto.

Soggetti beneficiari:

PMI costituite da non meno di 2 anni e che abbiamo almeno due bilanci depositati e che posseggano i requisiti indicati dal bando al punto 2 .1

Importo in €: eventuali importi residui derivanti dalla prima sessione del bando

 

La domanda deve essere inviata tramite il Sistema Informatico “FINanziamenti DOMande” (FINDOM).

 

Scadenza: 15/12/2018

Creative Europe – EACEA / 01/2018: Sostegno agli agenti di vendita internazionali del cinema cinematografico europeo: lo schema “Agenti di vendita”

Creative Europe – EACEA / 01/2018: Sostegno agli agenti di vendita internazionali del cinema cinematografico europeo: lo schema “Agenti di vendita”movie-918655_1280

AVVERTENZA: il presente invito a presentare proposte è soggetto a disponibilità dei fondi dopo l’adozione del bilancio per il 2019 da parte dell’autorità di bilancio

Nell’ambito dell’obiettivo specifico di promuovere la circolazione transnazionale, una delle priorità del sottoprogramma MEDIA è il seguente:

  • sostenere la distribuzione teatrale attraverso il marketing transnazionale, il branding, la distribuzione e esposizione di opere audiovisive;

Il sottoprogramma MEDIA fornisce il sostegno per quanto segue:

  • istituzione di sistemi di supporto per la distribuzione di film europei non nazionali attraverso distribuzione teatrale e su altre piattaforme, nonché per le attività di vendita internazionali, in particolare la sottotitolazione, il doppiaggio e la descrizione audio delle opere audiovisive.

Il periodo di sviluppo del progetto è di 24 mesi dalla data di inizio dell’azione.

L’obiettivo del programma “Agenti di vendita” è incoraggiare e sostenere la più ampia distribuzione transnazionale dei recenti film europei, fornendo fondi agli agenti di vendita, in base alla loro performance sul mercato, per ulteriori reinvestimenti in nuovi film europei non nazionali.

Lo schema mira anche a incoraggiare lo sviluppo di collegamenti tra la produzione e la distribuzione migliorando, in tal modo, la posizione concorrenziale dei film europei non nazionali e la competitività delle imprese europee.

La società richiedente deve essere un agente di vendita europeo.

Il bilancio totale destinato al cofinanziamento di progetti è stimato a 2,6 milioni di EUR.

Scadenza: 06/11/2018.

Piemonte Film Tv Fund – sostegno alle imprese di produzione audiovisiva, cinematografica e televisiva – Bando anno 2018

Piemonte Film Tv Fund – sostegno alle imprese di produzione audiovisiva, cinematografica e televisiva – Bando anno 2018

Cinema

Il bando viene attivato in attuazione dell’Asse III “Competitività dei sistemi produttivi” del POR Piemonte FESR 2014-2020, priorità di investimento III.3c, obiettivo specifico III.3c.1 “Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo”, Azione III.3c.1.2. “Attrazione di investimenti mediante sostegno finanziario, in grado di assicurare una ricaduta sulle PMI a livello territoriale”, per supportare le imprese operanti nel settore della produzione audiovisiva, cinematografica e televisiva, con l’obiettivo di favorire l’attrazione e l’incremento di investimenti idonei a sviluppare l’indotto e l’occupazione attraverso:

 a) il reinsediamento sul territorio regionale di imprese che hanno delocalizzato;

 b) l’insediamento di nuove imprese sul territorio regionale;

 c) il consolidamento degli investimenti – relativi a nuove produzioni – delle imprese presenti sul territorio in termini di competitività e crescita per favorire il pieno e qualificato utilizzo delle infrastrutture regionali disponibili.

 Tale obiettivo viene perseguito attraverso la concessione di contributi a fondo perduto.

Soggetti beneficiari: PMI costituite da non meno di 2 anni e che abbiamo almeno due bilanci depositati e che posseggano i requisiti indicati dal bando al punto 2 .1.

 La scadenza per la prima sessione è il 28/09/2018.

Italia/Cile Edizione 2018 – Progetti di lungometraggio

Fondo di Co-Sviluppo Italia/Cile Edizione 2018 – Progetti di lungometraggio

Per partecipare al seguente bando nazionale le opere cinematografiche dovranno prevedere, da una parte, almeno un produttore con sede legale in Cile e dall’altra, almeno un produttore con sede legale in Italia.

Potranno parteciparvi progetti di opere cinematografiche, indipendentemente dal genere (fiction, animazione e documentario), destinati ad una prima diffusione nelle sale cinematografiche e di durata superiore a 75 minuti. L’idea progettuale dovrà prevedere la realizzazione di un lungometraggio prodotto nell’ambito di una coproduzione italo-cilena a prioritario sfruttamento in sala. Dovrà lasciar prevedere, inoltre, un potenziale tanto artistico, quanto culturale per entrambi i mercati.

La dotazione annuale del fondo ammonterà a 80.000,00 Euro, 40.000,00 messi a disposizione dal MiBACT e 40.000,00 Euro da CNCA. Il massimo sostegno per ciascuna idea progettuale non potrà essere superiore all’80% del preventivo di sviluppo e non potrà superare l’ammontare di 20.000,00 Euro.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 26 Luglio 2018.

Sostegno alla distribuzione di film non nazionali

Bando EACEA/05/2018 – Sostegno alla distribuzione di film non nazionali – Sostegno automatico

 

Nell’ambito del Sottoprogramma MEDIA di Europa Creativa è stato pubblicato il bando EACEA/05/2018 per il sostegno alla distribuzione cinematografica. Il bando riguarda il cosiddetto  “sostegno automatico”.

Il “sostegno automatico” mira a favorire una più ampia distribuzione transnazionale di film europei accordando ai distributori cinematografici un fondo, commisurato alla loro performance sul mercato, destinato ad essere reinvestito in nuovi film europei non nazionali.

Il “sostegno automatico” opera in due fasi:

  1. creazione di un fondo potenziale proporzionale al numero di biglietti venduti per film europei non nazionali recenti (film con copyright dal 2014 in poi) fatti uscire in sala, nei Paesi ammissibili al Sottoprogramma MEDIA, nell’anno 2017 (fino a un tetto massimo per film e adattato a seconda del Paese).
  2. reinvestimento del fondo generato nella:

– coproduzione di nuovi film europei non nazionali, ossia film non ancora ultimati alla data di presentazione della domanda di reinvestimento (modulo 1);

– acquisizione di diritti di distribuzione di film europei non nazionali ammissibili (modulo 2) e/o;

– edizione, promozione e pubblicità di film europei non nazionali ammissibili  (modulo 3).

Per creare un fondo potenziale e accedere a misure di reinvestimento il film deve:

– essere stato prodotto da uno o più produttori aventi sede nei Paesi ammissibili al Sottoprogramma MEDIA e realizzato con una significativa partecipazione di operatori professionali provenienti da tali Paesi;

– essere un’opera di fiction, animazione o documentaristica di durata superiore a 60 minuti e realizzato in un Paese diverso da quello di distribuzione;

– deve trattarsi di film con copyright dal 2014 in poi.

Film con meno di 200 ingressi ammissibili nell’anno di riferimento (2017) non saranno presi in considerazione per il calcolo del fondo.Il bando si rivolge a società di distribuzione cinematografica stabilite nei Paesi ammissibili al sottoprogramma MEDIA: oltre ai Paesi UE, i Paesi non UE indicati in questo documento (aggiornato al 22/03/2018).Il budget a disposizione del bando è pari a € 19.000.000. Il contributo UE non può superare il 60% dei costi totali ammissibili del progetto.La scadenza per la presentazione delle proposte è fissata al 12 settembre 2018

Fondo per il cinema di animazione

Fondo per il cinema di animazione

Cinema

Obiettivo del bando è quello di promuovere e supportare il settore del cinema di animazione.

Beneficiari del bando sono le micro e piccole imprese piemontesi o che vogliono insediarsi in Piemonte, che operano nel cinema di animazione.

Sono ammissibili attività finalizzate alla realizzazione di prodotti cinematografici d’animazione anche in coproduzione internazionale e con il coinvolgimento di emittenti televisive.

Agevolazione: fideiussione a garanzia di un contratto di co-produzione o pre-acquisto per la realizzazione di un prodotto cinematografico di animazione con un’emittente televisiva.

Le domande possono essere presentate a partire dal 02/05/2018. La procedura di presentazione delle domande è “a sportello” e, pertanto, le stesse possono essere presentate continuativamente, fatte salve eventuali comunicazioni di termine/sospensione da parte di Finpiemonte.

1 2