Rappresentazione digitale delle strutture sociali e urbane: pubblicato nuovo bando ICSC per progetti di ricerca

Rappresentazione digitale delle strutture sociali e urbane: pubblicato nuovo bando ICSC per progetti di ricerca

L’Università di Napoli Federico II propone un nuovo bando di ricerca nell’ambito dello Spoke 9 – Digital Society & Smart City dell’Innovation and Competence Service Center (ICSC), con scadenza il 7 maggio 2024.

La call mira a creare una rappresentazione digitale accurata delle strutture sociali e organizzative delle città, delle comunità e dei loro cittadini, includendo anche i contesti fisici e virtuali in cui operano e interagiscono. Per raggiungere questo obiettivo, verranno utilizzate delle tracce digitali dei “big data” disponibili, dell’analisi dei dati su larga scala, delle tecniche di intelligenza artificiale (IA) e delle opportunità offerte dalla simulazione avanzata resa possibile dall’infrastruttura HPC di ICSC.

Le aree tematiche delle proposte sono:

  1. implementazione e valutazione di tecniche di visualizzazione e interazione dei dati per la realizzazione di un Digital Twin Urbano (€ 400.000);
  2. sviluppo di una piattaforma tecnologica Digital Twin modulare e basata su software open source e standard aperti in grado di di gestire l’eterogeneità dei dati e i problemi di sicurezza e privacy (€ 400.000);
  3. realizzazione di un sistema software per la visualizzazione e la gestione delle anomalie generate dai servizi cloud che governano le Smart Cities (€ 400.000);
  4. realizzazione di un sistema provisioning automatizzato di dati reali e/o storici per il popolamento del data lake di una piattaforma tecnologica Digital Twin incentrata sulla salute e sul benessere dei cittadini (€ 400.000);
  5. realizzazione di un gemello digitale tecnologico del flusso di traffico nella rete stradale urbana  (€ 400.000);
  6. progettazione e implementazione di una piattaforma basata su tecniche di machine learning e intelligenza artificiale per il monitoraggio e la valutazione dell’uso, della qualità del servizio, della qualità dell’esperienza, e dell’impatto sociale ed economico della Mobilità (€ 400.000);
  7. sviluppo e valutazione di un sistema Digital Twin per la gestione delle folle urbane (€ 400.000);
  8. realizzazione di sistemi volti ad affrontare le sfide ambientali urbane (€ 400.000).

Possono partecipare, singolarmente o in collaborazione, le micropiccole e medie imprese, le Grandi Imprese esterne al CN ICSC. Sono ammessi anche gli Organismi di Ricerca esterni al CN ICSC, esclusivamente in collaborazione con almeno un soggetto di cui sopra.

Il budget a disposizione è di 3.200.000 €, di cui almeno € 1.600.000 (il 50% delle risorse) sono riservate a interventi svolti da Soggetti localizzati nelle Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna).

Scadenza: 7 maggio 2024

Bandi a Cascata Spoke 9

Bandi a Cascata Spoke 9

Obiettivo dello Spoke 9 di ICSC è creare una rappresentazione digitale fedele delle strutture sociali ed organizzative delle città, delle comunità e dei loro cittadini, nonché dei contesti fisici e virtuali in cui operano ed interagiscono, sfruttando le tracce digitali dei “big data” disponibili, l’analisi dei dati su larga scala, le tecniche di intelligenza artificiale (IA), e le nuove opportunità di simulazione avanzata rese possibili dall’infrastruttura HPC di ICSC, al fine di migliorare la capacità di replicare e comprendere il funzionamento ed i comportamenti delle nostre città e società, prevedere le evoluzioni future, anche in risposta ai cambiamenti, e supportare la sperimentazione e la valutazione degli effetti di politiche, protocolli e scenari volti a modificare il comportamento delle città e delle comunità.

Aree Tematiche Finanziate:

1- Implementazione e valutazione di tecniche di visualizzazione e interazione dei dati per la realizzazione di un Digital Twin Urbano. Nello specifico, il progetto si si concentrerà sulla generazione automatica di data visualization e di altri strumenti per informare i decisori politici, le autorità e i cittadini sulle previsioni sui processi urbani ottenute dai modelli.

2- Sviluppo di una piattaforma tecnologica Digital Twin modulare e basata su software open source e standard aperti in grado di di gestire l’eterogeneità dei dati e i problemi di sicurezza e privacy.

3- Realizzazione di Un sistema software per la visualizzazione e la gestione delle anomalie generate dai servizi cloud che governano le Smart Cities. Realizzazione di un sistema hardware da installare in un veicolo a motore per acquisire informazioni sulle prestazioni del veicolo e per monitorare i parametri vitali del conducente e il suo comportamento.

4- Realizzazione di un sistema provisioning automatizzato di dati reali e/o storici per il popolamento del data lake di una piattaforma tecnologica Digital Twin incentrata sulla salute e sul benessere dei cittadini.

5- Realizzazione di un gemello digitale tecnologico del flusso di traffico nella rete stradale urbana.

6- Progettazione e Implementazione di una piattaforma basata su tecniche di machine learning e intelligenza artificiale per il monitoraggio e la valutazione dell’uso, della qualità del servizio, della qualità dell’esperienza, e/0 dell’impatto sociale ed economico della Mobilità.

7- Sviluppo e Valutazione di un sistema Digital Twin per la gestione delle folle urbane.

8- Realizzazione di sistemi volti ad affrontare le sfide ambientali urbane:

  • sistemi per il monitoraggio, previsione e allerta delle inondazioni urbane e/o delle zone di calore urbane;
  • sistemi per la previsione e l’allerta avviso in automobili o veicoli aerei senza pilota;
  • piattaforma di gestione integrata dei rifiuti basata su modelli di deep learning.

I soggetti ammissibili a partecipare al bando sono i soggetti pubblici o privati, incluse le imprese – esterni a ICSC (Centro nazionale di Ricerca in HPC, Big data e Quantum Computing).

Scadenza: 7 maggio 2024

X2.0 OC#5 Info Webinar – Big Data & A.

Il 6 febbraio 2024 dalle 10 alle 11 si terrà online il webinar sulla quinta call aperta di X2.0 sui big data e l’intelligenza artificiale.

Il webinar mira a illustrare l’impatto della call sulla crescita delle startup nel deep tech e spiegare il ruolo degli Impact Builders.

Infine, l’evento fornirà suggerimenti per una candidatura di qualità e si concluderà con una sessione di domande e risposte.

Per partecipare sarà sufficiente collegarsi al link dedicato di Zoom nell’orario e giorno indicati.

Evento inaugurale dell’Osservatorio sulle tendenze e le applicazioni del Supercalcolo

icsc

Il 19 gennaio 2024, dalle 10:00 alle 13:00, si terrà a Bologna l’evento “L’Osservatorio: abbattere i confini della tecnologia. Una nuova direzione comune verso AI, Big Data, HPC e Quantum Computing”, inaugurazione dell’Osservatorio sulle tendenze e le applicazioni del Supercalcolo.

Promosso dal Centro Nazionale per la Ricerca in Supercalcolo, Big Data e Quantum Computing e realizzato da IFAB, il progetto ha l’obiettivo di democratizzare l’accesso all’innovazione tecnologica, coinvolgendo non solo enti di ricerca e il settore imprenditoriale ma anche PMI, startup, amministrazioni e comunità di interesse.

L’evento offrirà la possibilità ai partecipanti di esplorare le frontiere della tecnologia e comprendere come settori chiave come l’Intelligenza Artificiale, Big Data, High-Performance Computing (HPC) e il Quantum Computing stiano ridefinendo il panorama dell’innovazione.

Per partecipare all’evento, è necessario registrarsi.

Skills Intelligence, i Big Data per l’analisi delle competenze

skills

Il 29 novembre 2023, ART-ER in collaborazione con l’Agenzia regionale per il lavoro, Unioncamere Emilia-Romagna, le associazioni Clust-ER e Big Data organizza a Bologna l‘evento Skills Intelligence, i Big Data per l’analisi delle competenze.

L’incontro si propone di presentare la versione più recente di “Skills Intelligence Emilia-Romagna”, uno strumento avanzato per analizzare i bisogni di competenze, che sostiene l’aggiornamento dei percorsi formativi e l’orientamento, in linea con gli obiettivi della recente legge regionale sull’Attrazione, permanenza e valorizzazione dei talenti ad elevata specializzazione in Emilia-Romagna.

L’evento, inserito tra le iniziative dell’Anno europeo delle competenze e del Festival della cultura tecnica, si rivolge in particolare a docenti, formatori, progettisti formativi e didattici, operatori per l’orientamento, servizi di incontro domanda/offerta di lavoro e professionisti HR.

Per partecipare all’evento, è necessario registrarsi entro il 25 novembre.

Aperta la prima call di aerOS per creare un meta sistema operativo

Aperta la prima call di aerOS per creare un meta sistema operativo

Il progetto europeo aerOS ha pubblicato un bando per progetti di ricerca che punta a stabilire un meta sistema operativo.

In particolare, lo scopo della call è di promuovere gli obiettivi del progetto attraverso l’uso di tecnologie come l’intelligenza artificiale, il machine learning e l’analisi dei big data.

Il meta sistema operativo dovrà avere una architettura validata in uno dei cinque ambiti del progetto:

  • data-driven cognitive production lines
  • containerised edge computing near renewable energy sources
  • high performance computing platform for connected & cooperative agricultural mobile machinery
  • smart edge services for the port continuum
  • energy efficient, health safe & sustainable smart buildings

Possono presentare proposte PMI, università, centri di ricerca e individui singoli con sede in uno degli Stati membri UE. Non sono ammessi consorzi.

Il budget a disposizione è pari a € 420.000 con cui saranno supportate 7 proposte con un importo massimo richiesto di € 60.000 ciascuna, attraverso un sostegno finanziario lump-sum predefinito.

Scadenza: 31 gennaio 2024

BigData: aperte le candidature per ottenere il label BDVA i-Space

BigData: aperte le candidature per ottenere il label BDVA i-Space

brokerage-event

La Big Data Value Association ha aperto l’ottava edizione della Call for BDVA i-Space 2023 labels, con scadenza il 19 settembre 2023.

Il bando assegna un’etichetta agli European Innovation Spaces per supportarli nel guidare l’adozione di Big Data in tutti i settori dell’industria europea. L’etichetta i-Space è riconosciuta come un marchio di qualità a livello europeo: gli hub riconosciuti beneficiano di opportunità di visibilità, accesso a competenze, possibilità di collaborazione e inviti ad eventi, connettendosi all’ecosistema europeo. Questa designazione migliora le offerte di servizi degli hub e consente loro di fornire valore alle piccole e medie imprese locali. Inoltre, essere riconosciuto come BDVA i-Space è un prerequisito per l’adesione alla federazione EUHubs4Data, rafforzando così il ruolo di questi hub nell’innovazione basata sui dati.

Durante il processo, BDVA valuta aspetti come l’infrastruttura, i servizi, i progetti, le applicazioni, l’impatto e la strategia aziendale degli hub.

I BDVA i-Spaces sono spazi europei di innovazione, ambienti cross-organizzativi e cross-settoriali che consentono di affrontare in modo interdisciplinare le sfide legate ai big data e servono come hub europei per attività di ricerca e innovazione. Nello specifico, sono incubatori di dati sicuri mirati ad accelerare l’adozione di innovazioni basate sui dati nei settori commerciali come Manufacturing 4.0, Logistica, Media, Aerospaziale, Automobile, Energia, Agricoltura e Agroindustria, Farmacia, ma anche nei settori senza scopo di lucro (e-Government, Ambiente, Salute, Smart Cities). Rappresentano, inoltre, uno dei quattro pilastri dell’agenda strategica di ricerca e innovazione della Big Data Value Association.

Possono candidarsi sia per i membri sia i non membri BDVA.

Scadenza: 19 settembre 2023

Big Data e nuove competenze per una regione europea più digitale, attrattiva, sostenibile e resiliente

Big Data e nuove competenze per una regione europea più digitale, attrattiva, sostenibile e resiliente

brokerage-eventL’Avviso intende rendere disponibile un’offerta formativa che permetta alle persone laureate di innalzare e arricchire le conoscenze e competenze acquisite in esito al proprio percorso universitario per agire, nei contesti e nelle organizzazioni di lavoro, il proprio specifico curriculum formativo adottando e trasferendo nuovi approcci e nuovi saperi necessari a completare e integrare conoscenze e competenze “settoriali”. Tutto questo è finalizzato ad attivare e abilitare nuovi modelli di consumo, nuovi modelli di comunità, nuovi modelli di business e nuovi mercati per favorire un’accelerazione positiva della transizione ecologica.

In esito all’Avviso sarà selezionata una sola operazione a valere sull’intero territorio regionale.

Destinatari del bando sono persone in possesso di un titolo di istruzione universitaria conseguito da non più di 24 mesi dalla data di richiesta di iscrizione alle opportunità. Pertanto, possono accedere alle opportunità persone in possesso di una laurea triennale o magistrale o una laurea a ciclo unico. I partecipanti alle attività devono essere residenti o domiciliati in regione Emilia-Romagna in data antecedente l’iscrizione alle attività.

Le operazioni devono essere articolate in progetti, costruiti in funzione dei pregressi percorsi di studio, riconducibili alle seguenti aree:

  • Progetti area umanistica e delle scienze sociali
  • Progetti area giuridico-economica
  • Progetti area scientifica e tecnologica

Possono inoltre essere previsti “Progetti propedeutici di accesso” ai successivi moduli specialistici e un unico “Progetto laboratoriale con le imprese”, nel rispetto delle durate e modalità specificate nell’Avviso.

I singoli progetti devono essere erogati in funzione della effettiva domanda e pertanto, per rispondere agli specifici fabbisogni delle singole persone, rendendo pertanto non rilevante e opportuno predeterminare, in fase di progettazione, il dato fisico relativo al numero di partecipanti e al numero di edizioni di ciascun Progetto.

Possono candidare operazioni, in qualità di soggetti gestori titolari:

  • organismi accreditati per l’ambito della Formazione superiore ai sensi della deliberazione di Giunta regionale n. 177/2003 e ss.mm.ii.;
  • organismi accreditati ai sensi della deliberazione di Giunta regionale n. 201/2022 per l’ambito Formazione superiore e di livello equivalente (FS) o che abbiano presentato domanda di accreditamento per tale ambito entro la data di scadenza del presente Avviso;
  • organismi accreditati ai sensi della deliberazione di Giunta regionale n. 201/2022 per l’ambito Formazione superiore e di livello equivalente (FS) o che abbiano presentato domanda di accreditamento per tale ambito entro la data di scadenza del presente Avviso operanti nell’Area Ricerca e innovazione.

Le operazioni candidate devono, pena la non ammissibilità, fondarsi su un partenariato pubblico privato con enti e istituzioni dell’alta formazione e/o della ricerca. Il partenariato può essere allargato a imprese e altri enti/istituzioni. Il partenariato deve essere formalizzato in un Accordo di collaborazione sottoscritto dalle parti nel quale sia evidenziato il ruolo e il contributo specifico di tutti i soggetti coinvolti nella realizzazione dei singoli progetti.

Scadenza: 4 maggio 2023

Data Week 2023: Data meets Infrastructure at the Edge – Luleå, 13-15 giugno 2023

Data Week 2023: Data meets Infrastructure at the Edge - Luleå, 13-15 giugno 2023

technologiesTra il 13 e il 15 giugno 2023 avrà luogo a Luleå, in Svezia, la Data Week 2023, il raduno primaverile delle comunità di ricerca e innovazione sui Big Data europee e dell’intelligenza artificiale guidata dai dati.

L’edizione 2023 avrà come tema guida ‘Data Meets Infrastructure at the Edge!’ ed è organizzata in collaborazione con l’Associazione sul valore dei Big Data e il progetto EUHubs4Data.

L’evento mira a favorire la condivisione di conoscenze e risultati sulle politiche e le necessità di mercato europee, sinergie, collaborazioni e nuove tematiche di interesse tra i partecipanti, identificando altresì nuove sfide e raccomandazioni. Inoltre, esso favorirà le connessioni tra le comunità e la condivisione dei risultati per rendere le iniziative e attività europee più vicine ai cittadini.

E’ possibile candidare qui le proprie idee per le sessioni tematiche.

Supercalcolo e big data: l’impatto sul nostro futuro – Bologna, 4 novembre 2022

ifab

Il 4 novembre si terrà l’evento “Supercalcolo e big data: l’impatto sul nostro futuro” organizzato da Ifab, la International Foundation Big Data and Artificial Intelligence for Human Development.

L’incontro si concentrerà sulle opportunità fornite dal Tecnopolo di Bologna, sede del nuovo hub europeo per il supercalcolo e del centro nazionale dei big data.

L’evento ha lo scopo di riflettere sul contributo dei centri di sviluppo del Paese e dell’Europa grazie alla concentrazione di tecnologie ad alta capacità di supercalcolo. Ci si concentrerà su due tematiche differenti: l’impatto positivo che gli investimenti nelle nuove tecnologie avranno per le aziende e per i cittadini, e l’approfondimento sul tema della medicina e i suoi progressi nell’ambito gestionale e della cura delle malattie.

L’evento può essere seguito anche in streaming sul canale Youtube di Ifab, mentre per partecipare in presenza è necessaria la registrazione al link.

1 2