Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP): Bando per le PMI del settore dell’economia blu

Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP): Bando per le PMI del settore dell’economia blu

sea-nature-sunny-beach

Invito a presentare proposte nel quadro del FEAMP (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca) per progetti nel settore dell’economia blu volti ad accelerare lo sviluppo sostenibile delle PMI del settore dell’economia blu in tutta Europa.

Obiettivo

  1. a) Sostenere le tecnologie innovative e/o i servizi marittimi perchè si preparino al mercato e fare avanzamenti verso l’ingresso nel mercato
  2. b) Agevolare la crescita dei modelli di business e delle soluzioni di servizio nel settore dell’economia blu
  3. c) Ridurre il rischio degli investimenti in questi progetti e facilitare così il loro accesso ad altri meccanismi di finanziamento per le fasi successive delle loro attività.

Saranno finanziate proposte progettuali tese a:

– contribuire alla creazione di un prodotto e/o un servizio nell’economia blu;

– contribuire a uno o più obiettivi politici dell’UE, compresa la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, un’economia più circolare, la sicurezza energetica, l’adattamento ai cambiamenti climatici, l’inclusione delle comunità costiere, la creazione di posti di lavoro di elevato valore nell’economia blu, una migliore protezione, un uso sostenibile del capitale naturale o culturale;

– spostare le attività esistenti verso questi obiettivi.

 

I progetti dovrebbero avere il livello di maturità tecnologica 6-8. Il livello di maturità tecnologica (Technology Readiness Level – TRL) è una scala applicata da molti stakeholder del settore pubblico e dell’industria per valutare la maturità delle tecnologie/applicazioni in evoluzione in termini di fattibilità e potenziale commerciale. TRL 6 indica una tecnologia dimostrata in un ambiente pertinente; ambiente rilevante a livello industriale nel caso di tecnologie abilitanti fondamentali; TRL 8 indica una sistema completo e qualificato.

Settori di intervento (elenco non esaustivo):

– bioeconomia blu: coltivazione, allevamento o cattura di organismi viventi, di acqua dolce o salata, e attività basate sull’uso o sulla lavorazione di questi organismi;

– trasformazione digitale delle attività oceaniche e costiere;

– energia rinnovabile, compresa l’energia da vento, sole (galleggiante), dalle maree, delle onde e gradienti termici;

– tecnologie abilitanti quali sensori, materiali o rivestimenti resistenti alla corrosione o alle incrostazioni, digitalizzazione, apparecchiature di trasmissione dell’elettricità, piattaforme multiuso;

– produzione di nuovi prodotti da risorse viventi o non viventi che altrimenti verrebbero scartate e buttate;

– spedizioni più pulite;

– monitoraggio, bonifica o gestione dell’inquinamento;

– nuove facilities a supporto della diversificazione o dell’efficienza energetica dei porti;

– turismo che contribuisce alla protezione o alla conservazione del capitale naturale.

 

Il concetto di economia blu copre le attività economiche che si svolgono nell’ambiente marino o che utilizzano come input le risorse marittime, così come le attività economiche esterne ai settori citati ma che sono coinvolte nella produzione di beni o nella fornitura di servizi che contribuiranno a tali attività. Possono anche essere attività a terra, come produzione e trasformazione di microalghe, l’acquacoltura terrestre o simili.

Il contributo potrà coprire fino al 70% dei costi ammissibili; le sovvenzioni saranno comprese indicativamente fra 700.000 e 2.500.000 euro.

In generale una proposta progettuale può essere presentata da un consorzio (partnership) o da un singolo proponente.La durata dei progetti sarà di massimo 36 mesi.

I proponenti delle proposte passate alla fase 2 saranno quindi invitati a Bruxelles nella settimana 11-15 maggio 2020 per un colloquio in cui dovranno illustrare ed eventualmente chiarire il loro progetto e su questo otterranno un punteggio che, sommato al punteggio ottenuto nella fase 1, determinerà il punteggio finale e quindi la classifica dei progetti da finanziare fino a esaurimento del budget.

Scadenza- 27/02/2020

European Maritime and Fisheries Fund Info Day

capture

Si svolgerà il 25 novembre 2019 a Bruxelles lo European Maritime and Fisheries Fund Information Day, per fornire informazioni sul bando 2019 Blue Economy Window.

La giornata fornirá informazioni sul bando avente un budget totale di € 22,5 milioni e come ottenere tali finanziamenti. Lo European Maritime and Fisheries Fund Information Day sarà organizzato in una serie di presentazioni organizzate dall’EASME e dalla direzione generale degli Affari marittimi e della pesca della Commissione europea. Ulteriori informazioni su questo invito sono contenute nell’emendamento al programma di lavoro del EMFF.

Secondo il bando 2019, le organizzazioni possono ottenere tra i 700.000 e i 2.500.000 € per i loro progetti. Qualsiasi PMI con sede nell’UE potrá candidarsi, sia come singolo partecipante che come membro di un consorzio.

L’Information Day è anche un’opportunità per approfittare della sessione di brokerage, per incontrare potenziali partner, stakeholders o discutere del proprio progetto direttamente con i project advisor della Commissione Europea.

La giornata informativa sarà anche trasmessa in webstreaming. Per maggiori informazioni ed effettuare le iscrizioni, si prega di consultare la pagina dell’evento.

“Raccolta, da parte di pescatori, di rifiuti dal mare”

“Raccolta, da parte di pescatori, di rifiuti dal mare”

boat-207129__340

Il presente bando intende promuovere la competitività delle piccole e medie imprese nel settore agricolo ed in particolare in quello della pesca e dell’acquacoltura. Sono considerate ammissibili le iniziative progettuali che abbiano ad oggetto il prodotto ittico locale approvvigionato allo stato fresco refrigerato, ossia specie ittiche riconducibili ad attività di pesca in mare esercitate da imprese di pesca con unità di pesca iscritte ad un Compartimento abruzzese e/o da imprese di acquacoltura con unità operative in Abruzzo.

La progettazione deve   essere   indirizzata   agli   alunni e loro famiglie di scuole dell’infanzia o primarie pubbliche, localizzate nella regione Abruzzo e deve assumere a riferimento iniziative da realizzare nell’anno scolastico 2019/2020. I progetti devono prevedere una duplice azione: a)  sperimentazione della somministrazione del prodotto ittico locale, opportunamente trasformato, attraverso il servizio mensa; b)  attività formative di educazione alimentare idonee a preparare ed accompagnare gli alunni al consumo del prodotto ittico, al fine di contribuire all’introduzione del consumo di pesce nelle abitudini alimentari del bambino, trasmettere i principi di un sano stile di vita e di un corretto rapporto con il cibo.

Possono produrre istanza di ammissione ai benefici di cui al presente Avviso tutti i comuni della Regione Abruzzo responsabili della refezione nelle scuole dell’infanzia o primarie pubbliche localizzate nel territorio regionale. La disponibilità finanziaria per il conseguimento degli obiettivi di cui al presente Avviso ammonta ad € 82.038; il contributo massimo ammonta ad € 20.000 per progetto, di cui almeno il 75 % da finalizzare a spese riconducibili all’azione a).

La piattaforma di caricamento dei suddetti documenti sarà disponibile sino alle ore 14:00 del 11/11/2019.

Misure a favore della commercializzazione

Misure a favore della commercializzazione

fishing-1572408_640

La presente misura è finalizzata a favorire la commercializzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura, al fine di trovare nuovi mercati e/o migliorare le condizioni per l’immissione sul mercato dei prodotti ittici con un potenziale di mercato.

Ai fini del presente avviso sono considerate ammissibili le iniziative progettuali che abbiano ad oggetto il prodotto ittico locale approvvigionato allo stato fresco refrigerato, ossia specie ittiche riconducibili ad attività di pesca in mare esercitate da imprese di pesca con unità di pesca iscritte ad un Compartimento abruzzese e da imprese di acquacoltura con unità operative in Abruzzo.

I progetti devono prevedere una duplice azione: A) sperimentazione della somministrazione del prodotto ittico locale, opportunamente trasformato, attraverso il servizio mensa; B) attività formative di educazione alimentare idonee a preparare ed accompagnare gli alunni al consumo del prodotto ittico, al fine di contribuire all’introduzione del consumo di pesce nelle abitudini alimentari del bambino.

Possono partecipare al bando tutti i comuni della Regione Abruzzo responsabili della refezione nelle scuole dell’infanzia o primarie pubbliche localizzate nel territorio regionale.

La disponibilità finanziaria del presente Avviso ammonta ad €140.046,00; il contributo è pari al 100% della spesa totale ammissibile, per un massimo di € 20.000,00 per progetto, di cui almeno il 75 % da finalizzare a spese riconducibili all’azione A.

Le domande devono essere inviate a mezzo di apposita piattaforma informatica all’indirizzo internet http://app.regione.abruzzo.it/avvisipubblici/; i progetti devono essere ultimati improrogabilmente entro il 30/06/2020

MISURA 2.47 INNOVAZIONE

MISURA 2.47 INNOVAZIONE

oyster-farm-1404177_640

La Misura intende promuovere l’innovazione nel settore dell’acquacoltura, con l’obiettivo di migliorare la competitività delle PMI e favorire un uso sostenibile delle risorse in acquacoltura o facilitare l’applicazione di nuovi metodi di produzione sostenibile.

La finalità del presente avviso è di promuovere l’innovazione nel settore dell’acquacoltura; i beneficiari sono le imprese acquicole in collaborazione con organismi scientifici o tecnici pubblici o privati, riconosciuti dal diritto nazionale dello Stato membro; organismi scientifici o tecnici pubblici o privati, riconosciuti dal diritto nazionale dello Stato membro. L’innovazione nel settore acquacoltura comprende iniziative volte a creare nuovi prodotti ed ottimizzare i processi produttivi delle imprese in linea con l’obiettivo tematico di migliorare la competitività delle PMI. Viene altresì incoraggiata la cooperazione fra esperti scientifici e imprese acquicole al fine di far sviluppare conoscenze volte a ridurre l’impatto ambientale e diminuire l’utilizzo di farine di pesce e olio di pesce, un uso sostenibile delle risorse e l’applicazione di nuovi metodi di produzione sostenibili indirizzando le attività di ricerca sugli effettivi fabbisogni del settore e dei mercati di riferimento

Le disponibilità finanziarie del presente Avviso ammontano ad € 319.827,00.  La spesa ammissibile minima per ciascuna istanza non può essere inferiore ad € 50.000.  La Misura prevede un’intensità massima dell’aiuto pubblico pari al 50% delle spese ammesse.

Il soggetto che intende richiedere le agevolazioni previste dal presente avviso pubblico deve inviare la domanda a mezzo di apposita piattaforma informatica all’indirizzo internet http://app.regione.abruzzo.it/avvisipubblici/. La piattaforma di caricamento dei suddetti documenti sarà disponibile sino alle ore 14.00 del 13/09/2019.

Disponibilità finanziaria: € 319.827,00 0

Scadenza: 13.09.2019

Misura 5.68 – Misure a favore della commercializzazione

Misura 5.68 – Misure a favore della commercializzazione

 

fishing-boat-97322_960_720

 

Il presente avviso ammette iniziative progettuali che abbiano ad oggetto il prodotto ittico locale approvvigionato allo stato fresco refrigerato, ossia specie ittiche riconducibili ad attività di pesca in mare esercitate da imprese di pesca con unità di pesca iscritte ad un Compartimento abruzzese e da imprese di acquacoltura con unità operative in Abruzzo.

Le attività finanziabili devono essere indirizzate agli alunni e famiglie di scuole dell’infanzia o primarie pubbliche, localizzate nella regione Abruzzo e deve assumere a riferimento iniziative da realizzare nell’anno scolastico 2019/2020. I progetti devono prevedere una duplice azione: A) sperimentazione della somministrazione del prodotto ittico locale, opportunamente trasformato, attraverso il servizio mensa; B) attività formative di educazione alimentare idonee a preparare ed accompagnare gli alunni al consumo del prodotto ittico, al fine di contribuire all’introduzione del consumo di pesce nelle abitudini alimentari del bambino, trasmettere i principi di un sano stile di vita e di un corretto rapporto con il cibo.

Possono produrre istanza di ammissione tutti i comuni della Regione Abruzzo responsabili della refezione nelle scuole dell’infanzia o primarie pubbliche localizzate nel territorio regionale.

La disponibilità finanziaria del presente Avviso ammonta ad € 140.046,00. Il contributo è pari al 100% della spesa totale ammissibile. Il contributo massimo ammonta ad € 20.000 per progetto, di cui almeno il 75 % da finalizzare a spese riconducibili all’azione A. Il soggetto che intende richiedere le agevolazioni previste dal presente avviso pubblico deve inviare la domanda alla Regione Abruzzo – Dipartimento Politiche dello Sviluppo rurale e della Pesca – Servizio Politiche di Sostegno all’Economia Ittica a mezzo di apposita piattaforma informatica all’indirizzo internet http://app.regione.abruzzo.it/avvisipubblici/.

La piattaforma di caricamento dei suddetti documenti sarà disponibile sino alle ore 14 del 16/9/2019; i progetti devono essere ultimati improrogabilmente entro il 30/06/2020

Disponibilità finanziaria: € 140.046,00

Scadenza: 16.09.2019

Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura

Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura

oyster-farm-1404177_640

Il 18 gennaio 2019 è stato approvato il Decreto Dirigenziale che approva il bando della Misura 5.69 “Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura” il cui termine di scadenza per la presentazione delle istanze è fissato alle ore 13:00 del sessantesimo giorno successivo della pubblicazione del relativo Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania.

Il presente bando sostiene le iniziative legate al risparmio energetico, alla riduzione dell’impatto ambientale, al trattamento dei rifiuti, al miglioramento della sicurezza, igiene e salute dei lavoratori.

La dotazione finanziaria del presente Bando è fissata in € 7.555.497,84.

 

Sono ammissibili al finanziamento esclusivamente le imprese che hanno una dimensione aziendale di micro, piccole o medie imprese (PMI) e sono situate nel territorio della regione Campania.

 

L’importo del contributo pubblico è pari al 50% della spesa riconosciuta ammissibile e la soglia della spesa massima è fissata in € 2.500.000,00

 

La spesa ammissibile a cofinanziamento può riguardare lavori per costruzione ex novo/ampliamento di impianti per la trasformazione di prodotti della pesca e dell’acquacoltura; lavori per adeguamento/ammodernamento di impianti già esistenti per la trasformazione di prodotti della pesca e dell’acquacoltura; acquisto di terreni e di fabbricati;  costruzione ex novo/ammodernamento di navi officina; forniture di beni (attrezzature, macchinari, dispositivi di sicurezza e impianti specialistici) e spese generali (costi generali e costi amministrativi).

Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura

Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura

oyster-farm-1404177_640
Reg. (UE) n. 508/2014 Misura 5.69 Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura
Il 18 gennaio 2019 è stato approvato il Decreto Dirigenziale che approva il bando della Misura 5.69 “Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura” il cui termine di scadenza per la presentazione delle istanze è fissato alle ore 13:00 del sessantesimo giorno successivo della pubblicazione del relativo Decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania.
Il presente bando sostiene le iniziative legate al risparmio energetico, alla riduzione dell’impatto ambientale, al trattamento dei rifiuti, al miglioramento della sicurezza, igiene e salute dei lavoratori.
La dotazione finanziaria del presente Bando è fissata in € 7.555.497,84.

Sono ammissibili al finanziamento esclusivamente le imprese che hanno una dimensione aziendale di micro, piccole o medie imprese (PMI) e sono situate nel territorio della regione Campania.

L’importo del contributo pubblico è pari al 50% della spesa riconosciuta ammissibile e la soglia della spesa massima è fissata in € 2.500.000,00

La spesa ammissibile a cofinanziamento può riguardare lavori per costruzione ex novo/ampliamento di impianti per la trasformazione di prodotti della pesca e dell’acquacoltura; lavori per adeguamento/ammodernamento di impianti già esistenti per la trasformazione di prodotti della pesca e dell’acquacoltura; acquisto di terreni e di fabbricati; costruzione ex novo/ammodernamento di navi officina; forniture di beni (attrezzature, macchinari, dispositivi di sicurezza e impianti specialistici) e spese generali (costi generali e costi amministrativi).

InfoDay sui nuovi bandi Blue Growth

 

In vista dei bandi promossi dal Fondo Europeo Marittimo e per la Pesca dedicati al tema della crescita blu, l’EASME, Agenzia Europea per le Piccole e Medie Imprese, organizza un Info Day in data 9 novembre 2017.

Durante l’evento verranno approfonditi i prossimi finanziamenti e sarà inoltre un’occasione per incontrare esperti sul tema, nonchè il Commissario europeo per l’Ambiente Karmenu Vella.

Per maggiori informazioni ed effettuare le iscrizioni, si prega di fare riferimento al seguente link.

Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura

Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura

I soggetti ammissibili al finanziamento sono le “micro, piccole e medie imprese” che operano nel settore della trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

La Misura promuove la realizzazione di investimenti finalizzati al risparmio energetico ed alla riduzione dell’impatto sull’ambiente, al miglioramento della sicurezza, dell’igiene e delle condizioni di lavoro, prevedendo l’innovazione sia delle strutture che dei processi produttivi e, al contempo, la possibilità di lavorare sottoprodotti derivanti da attività di trasformazione principale, di prodotti dell’acquacoltura biologica, di prodotti provenienti da catture commerciali che non possono essere destinate al consumo umano. Inoltre, sono previsti investimenti che consentono di produrre prodotti nuovi o migliorati, che portano processi nuovi o migliorati o sistemi di gestione e di organizzazione nuovi o migliorati.

Scadenza domande 26 settembre 2017.

 

1 2