Rete ferroviaria europea: al via il nuovo bando Europe’s Rail

Rete ferroviaria europea: al via il nuovo bando Europe's Rail

jk-gjhev0yguce-unsplash

 

È aperta la prima call 2022 di Europe’s Rail per attività di ricerca e innovazione nell’ambito del sistema ferroviario europeo.

In particolare, il bando mira a stimolare la diffusione di soluzioni operative e tecnologie innovative nei settori che riguardano la gestione della rete ferroviaria europea, l’automazione e la digitalizzazione delle operazioni ferroviarie, i sistemi sostenibili e resilienti, il trasporto merci su rotaia nella prospettiva della catena di approvvigionamento e linee regionali e capillari.

I progetti finanziati devono inoltre contribuire agli obiettivi del Green Deal europeo, della Strategia per una mobilità sostenibile e intelligente e del pacchetto “Fit for 55”, in un contesto di ripresa dalla pandemia.

I 6 topic previsti dalla Call sono i seguenti:

  • A sustainable and green rail system
  • Sustainable Competitive Digital Green Rail Freight Services
  • Regional rail services / Innovative rail services to revitalise capillary lines
  • Intelligent & Integrated asset management
  • Digital & Automated up to Autonomous Train Operations
  • Network management planning and control & Mobility Management in a multimodal environment and Digital Enablers

Il co-finanziamento indicativo di Horizon Europe messo a disposizione da Europe’s Rail per questa Call è pari a 234 milioni di euro, per un valore stimato dei progetti di circa 390 milioni di euro.

La scadenza per presentare le proposte in tutti i topic è il 23 giugno 2022.

Scadenza: 23 giugno 2022

PRIMA – Bandi 2022 Sezione 2

PRIMA – Bandi 2022 Sezione 2

 

A seguito dell’approvazione del Work Plan annuale relativo all’iniziativa PRIMA – Partenariato congiunto per la ricerca e l’innovazione nell’area del Mediterraneo, si sono aperti i bandi per l’anno 2022.

L’obiettivo di PRIMA è creare capacità di ricerca e sviluppare conoscenze e soluzioni innovative comuni per migliorare l’efficienza, la sicurezza e la sostenibilità dei sistemi agroalimentari e dell’approvvigionamento e gestione integrati delle risorse idriche nell’area del Mediterraneo, contribuendo a risolvere i problemi legati alla scarsità d’acqua, alla sicurezza alimentare, alla nutrizione, alla salute, al benessere e alla migrazione.

L’iniziativa coinvolge 19 Paesi euro-mediterranei: 11 Stati UE (Cipro, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia, Spagna) e 8 Paesi extra UE (Algeria, Egitto, Giordania, Israele, Libano, Marocco, Tunisia, Turchia).

Di seguito una sintesi del bando pubblicato per la Sezione 2 di PRIMA.  Si tratta di un bando per progetti transnazionali per Azioni di ricerca e innovazione (RIA) focalizzati su 3 Topic, che rientrano nelle tre aree tematiche di PRIMA. Il bando richiede l’osservanza di regole di partecipazione sia internazionali (Horizon 2020) che nazionali (quest’ultime sono riportate nel documento “National Regulations“). I progetti selezionati vengono finanziati con risorse provenienti dai singoli Paesi partecipanti a PRIMA, che ammontano complessivamente a 35,5 milioni di euro.

Topic del bando
I progetti devono riguardare:

  • Area tematica 1. Gestione delle risorse idriche
    Topic 2.1.1-2022 (RIA): Prevenire e ridurre la salinizzazione del suolo e delle acque e l’inquinamento dovuto alle attività agroalimentari
  • Area tematica 2. Sistemi agricoli
    Topic 2.2.1-2022 (RIA): Migliorare la sostenibilità dell’agro-pastoralismo nella Regione Mediterranea in un contesto di cambiamento climatico
  • Area tematica 3. Catena del valore agroalimentare
    Topic 2.3.1-2022 (RIA): Consentire la transizione verso comportamenti alimentari salutari e sostenibili

Per la presentazione delle proposte di progetto vige una procedura a due fasi con due scadenze. Nella prima fase deve essere presentata una proposta preliminare. Solo le proposte che superano la fase 1 sono ammesse alla fase 2 e invitate a presentare la proposta completa per la valutazione finale.

Scadenza proposta preliminare (fase 1): 22 marzo 2022

Scadenza proposta completa (fase 2): 13 settembre 2022

Bando Ricerca Sociale e Umanistica per una società che cambia

Bando Ricerca Sociale e Umanistica per una società che cambia

michael-longmire-l9ev3ooglh0-unsplash

Obiettivo di questo bando è sostenere studi che, partendo da una solida base di dati demografici e statistici, sviluppino riflessioni di natura sociale e umanistica. In questo senso i progetti dovranno coniugare due aspetti. In primo luogo, occorrerà considerare il dato demografico nella sua componente prettamente quantitativa; in secondo luogo, bisognerà riflettere sul modo in cui i fattori sociali, culturali, economici, politici, normativi, antropologici, territoriali ed ambientali possono contribuire a determinare la composizione di una popolazione in un dato momento.

La scadenza del bando è prevista per le ore 17:00 del giorno 30 giugno 2021.

La richiesta di contributo dovrà essere non inferiore a 100.000 euro e non superiore a 200.000 euro, con una copertura da parte di Fondazione Cariplo del 100 % dei costi di progetto.

I progetti dovranno prevedere un razionale di ricerca basato sull’analisi dello stato dell’arte e della tecnica e/o di dati primari o secondari derivati da altri studi e pubblicazioni.

Particolare attenzione sarà inoltre prestata all’originalità della proposta e all’adeguatezza degli approcci metodologici in relazione alla domanda di ricerca. È auspicabile che gli studi integrino metodi ed approcci diversi e fra loro complementari (quali-quantitativi). Le proposte dovranno definire in maniera chiara in che modo intendono contribuire a comprendere i cambiamenti demografici in corso e a favorire lo sviluppo di una società più equilibrata e sostenibile per le persone e l’ecosistema. Benché il bando si concentri sul contesto italiano questo non pregiudica la possibilità di confrontare realtà diverse dando in ogni caso evidenza dell’impatto dei risultati della ricerca a livello nazionale e/o locale.

Si richiede, inoltre, che i progetti rappresentino un’opportunità formativa e di crescita professionale per i giovani ricercatori coinvolti.

Il bando si rivolge a Enti pubblici o privati non profit che svolgono attività di ricerca scientifica.

Non è prevista la partnership obbligatoria ma, qualora le proposte dovessero essere presentate in partenariato, sarà essenziale chiarire le competenze apportate da ciascun Partner di progetto e come queste si integrano a quelle dell’Ente Capofila in un disegno unitario. L’ente capofila (o ente proponente unico) dovrà coincidere con un centro di ricerca/università no profit che abbia la sede operativa del progetto nell’area territoriale di riferimento della Fondazione Cariplo.

Se si decide di coinvolgere degli enti partner è necessario considerare le seguenti regole:

  • non ci sono restrizioni legate alla territorialità degli enti partner, quindi sono ammessi anche enti partner con sede al di fuori dell’area territoriale di riferimento della Fondazione Cariplo
  • rimane, invece, obbligatorio per tutti gli enti di ricerca coinvolti il criterio di restrizione rispetto alla natura no profit

Si ricorda, inoltre, che per essere ammessi alla valutazione i progetti dovranno obbligatoriamente:

  • coinvolgere, formare e valorizzare giovani ricercatori (laureati, dottorandi e post-doc con età non superiore ai 35 anni alla data di scadenza del bando)
  • promuovere la parità di genere nelle carriere dei ricercatori

predisporre un piano delle attività di comunicazione con la società civile, sulla base delle Linee guida per il piano di comunicazione disponibile sul sito della Fondazione. Il piano di comunicazione è da considerarsi una parte integrante del progetto.

Pharma, Gene & Cell Therapy Pennsylvania 2020-2021

Pharma, Gene & Cell Therapy Pennsylvania 2020-2021

michael-longmire-l9ev3ooglh0-unsplash

Il Bando è finalizzato a selezionare le imprese, le startup e i laboratori di ricerca che parteciperanno al programma organizzato dalla Regione Emilia-Romagna e ART-ER nell’ambito del Bridging Innovation Program – Pharma, Gene & Cell Therapy Pennsylvania 2020-2021. Il bando selezionerà le imprese, le startup e i laboratori di ricerca che parteciperanno al programma, che ha lo scopo di:

  • supportare processi di internazionalizzazione verso l’area della Pennsylvania di soggetti operanti in ambito life science del territorio regionale
  • approfondire pratiche di Open Innovation nel settore specifico
  • creare opportunità di collaborazione e di crescita individuale, imprenditoriale e di ricerca che abbiano ricadute per l’intero ecosistema dell’innovazione emiliano-romagnolo.

Beneficiari sono le Imprese, startup e laboratori di ricerca con sede in Regione Emilia-Romagna.

Si tratta di servizio agevolato gratuito per i beneficiari, in regime de minimis. La misura non eroga contributi finanziari.

L’adesione è gratuita, grazie al finanziamento regionale, ai servizi previsti dal programma oggetto del bando. Non sono previsti contributi a rimborso di spese sostenute dalle imprese partecipanti.

Le domande devono essere presentate dalle ore 10:00 (CET) del 1° settembre 2020 fino alle ore 13:00 del 9 ottobre 2020.

Big Data & Artificial Intelligence for Health – Boston 2020-2021

Big Data & Artificial Intelligence for Health - Boston 2020-2021

science

Il Bando, è finalizzato a selezionare le imprese, le startup e i laboratori di ricerca che parteciperanno al programma organizzato dalla Regione Emilia-Romagna e ART-ER nell’ambito del Bridging Innovation Program – Big Data & Artificial Intelligence for Health, Boston 2020-21. Il programma ha lo scopo di:

  • supportare processi di internazionalizzazione verso l’area di Boston di soggetti operanti in ambito life science del territorio regionale
  • approfondire pratiche di Open Innovation nel settore specifico
  • creare opportunità di collaborazione e di crescita individuale, imprenditoriale e di ricerca che abbiano ricadute per l’intero ecosistema dell’innovazione emiliano-romagnolo.

Beneficiari sono le imprese, startup e laboratori di ricerca con sede in Regione Emilia-Romagna.

Si tratta di servizio agevolato gratuito per i beneficiari, in regime de minimis. La misura non eroga contributi finanziari.

L’ adesione è gratuita, grazie al finanziamento regionale, ai servizi previsti dal programma oggetto del bando. Non sono previsti contributi a rimborso di spese sostenute dalle imprese partecipanti.

Le domande devono essere presentate dalle ore 10:00 (CET) del 1° settembre 2020 fino alle ore 13:00 del 9 ottobre 2020.

Innovat&Match 2020

ict

Dal 10 al 12 giugno si terrá interamente online il brokerage event internazionale Innovat&Match. Tale evento si pone come ponte tra domanda e offerta nel campo della ricerca ricerca e dell’innovazione.

I possibili partecipanti saranno: laboratori e centri di ricerca, imprese, startup, cluster e associazioni; delegati da tutto il mondo in cerca di nuovi partner con cui sviluppare progetti di innovazione. Quest’anno l’evento si svolgerà in modalità completamente virtuale nell’ambito di R2B – Research to Business, il Salone Internazionale della Ricerca Industriale e delle Competenze per l’Innovazione.

L’evento è realizzato grazie alla Enterprise Europe Network, la più grande rete europea a supporto della competitività nel sistema di ricerca & innovazione.

Agenda di Innovat&Match 2020

Quest’anno l’evento sará disposto su 3 giorni:

10 giugno: International Cluster-to-Cluster (C2C) Meeting

Una giornata di lavoro completamente dedicata ai cluster e alle organizzazioni di supporto ai cluster stessi (regionali, nazionali e internazionali).

11 e 12 giugno: Innovat&Match 2020

Tra i due pomeriggi dell’11 e 12 giugno, dalle 14:00 alle 17:00, si svolgeranno gli incontri one-to-one, adattato alla modalità virtuale. Questa sessione é rivolta agli attori dell’ecosistema dell’innovazione ed é prevista inoltre la partecipazione dei cluster, che potranno incontrare a Innovat&Match il resto dell’ecosistema.

I Topic di Innovat&Match 2020

R2B esplorerà i possibili scenari per una nuova Crescita Blu, Digitale e Sostenibile. Innovat&Match e l’International Cluster-to-Cluster Meeting saranno lo strumento per far incontrare offerta e domanda di innovazione in questi tre campi:

  • Blue Growth
  • Digital Growth
  • Sustainable Growth

Per maggiori informazioni, si prega di far riferimento al sito dell’evento.

Living Labs: bando JRC per lo sviluppo di soluzioni intelligenti su trasporti urbani ed energia

Living Labs: bando JRC per lo sviluppo di soluzioni intelligenti su trasporti urbani ed energia

progetto_trasporti_2

La Commissione europea ha aperto un bando per manifestazioni di interesse per la creazione di Living Labs presso i laboratori JRC di ISPRA (Italia) e di Petten (Paesi Bassi).

I Living Labs rappresentano un metodo moderno per creare ambienti incentrati sull’utente che favoriscono l’innovazione, la creazione collaborativa e lo sviluppo di start-up.

Il bando è finalizzato ad aumentare il contributo del Centro Comune di Ricerca (Joint Research Centre) alle politiche europee nel settore dei trasporti intelligenti e dell’energia. L’obeittivo è infatti di sviluppare un Future Mobility Solutions Lab presso ISPRA e di un Digital Energy Solutions Lab presso ISPRA e Petten.

Possono partecipare organizzazioni pubbliche e private con sede negli Stati membri dell’UE e nei paesi associati a Horizon 2020, in particolare piccole e medie imprese e start-up.

Gli enti selezionati avranno a disposizione un ambiente che simula il contesto urbano, laboratori all’avanguardia e supporto tecnico, expertise scientifica e infrastrutture avanzate.

Le manifestazioni di interesse possono essere inviate in qualunque momento via email fino al 31 dicembre 2020. Le proposte verranno valutate regolarmente con notifica dei risultati ogni 3 mesi.

European Research and Innovation Days

schermata-2019-07-17-alle-16-23-24

Dal 24 al 26 settembre 2019, si terranno a Bruxelles gli European Research and Innovation Days. L’evento é organizzato dalla Commissione Europea ed avrá lo scopo di portare insieme gli stakeholders per discutere e dare forma al futuro delle politiche nel campo della ricerca e innovazione.

L’evento é strutturato su 3 pilastri principali:

  • Policy conference: riunisce policy-makers di alto livello, leader dell’industria, della finanza, del mondo accademico e della comunità imprenditoriale per discutere e plasmare il panorama futuro della ricerca e dell’innovazione. Verranno discusse aree vitali della scienza, dell’ingegneria, della medicina e i piú ampi interessi sociali e ambientali. Sará un’opportunità importante per discutere e modellare l’impatto e le priorità strategiche di Horizon Europe, il prossimo programma di ricerca e innovazione dell’UE (2021-2027) con un bilancio proposto di 100 miliardi di euro.
  • Innovative Europe Hub: è uno spazio di incontro unico per innovatori, investitori, imprenditori e tutta la gamma di servizi, aziende, organizzazioni della società civile, agenzie e intermediari che rendono la tecnologia scientifica europea così dinamica. L’Hub sarà un vivace marketplace comprendente di un brokerage event, sessioni partecipative e di cooperazione, sessioni di pitching e laboratori tematici, rendendolo un luogo di networking senza precedenti.
  • ‘Science is Wonderful!’ Exhibition: Gratuito e aperto a tutti, questa rassegna si pone lo scopo di aprire il mondo della scienza al pubblico. Le attività saranno rivolte a scuole, famiglie e giovani e comprenderanno dimostrazioni dal vivo ed incontri con i ricercatori.

L’evento sarà fondamentale per trovare soluzioni di ricerca e innovazione per la transizione economica e sociale verso un futuro sostenibile, lavorando sulle politiche, definendone la direzione, stimolando l’innovazione e promuovendo gli investimenti. Sarà il momento per tutte le parti interessate di incontrare e co-creare le priorità strategiche per gli investimenti della Commissione europea in ricerca e innovazione.

Per maggiori informazioni, si prega di consultare la pagina degli European Research and Innovation Days.

Horizon 2020 – Marie Sklodowska-Curie scambio di personale per Ricerca e Innovazione

Horizon 2020 – Marie Sklodowska-Curie scambio di personale per Ricerca e Innovazione

idea-3085367_640

Lo schema RISE promuove la collaborazione internazionale e intersettoriale attraverso lo scambio di personale di ricerca e innovazione e la condivisione di conoscenze e idee dalla ricerca al mercato (e viceversa).

Lo schema favorisce una cultura condivisa di ricerca e innovazione che accoglie e premia la creatività e l’imprenditorialità e aiuta a trasformare le idee creative in prodotti, servizi o processi innovativi.

RISE coinvolge organizzazioni dei settori accademico e non accademico (in particolare le PMI), con sede in Europa (Stati membri dell’UE e Paesi associati a Horizon 2020) e al di fuori dell’Europa (paesi terzi).

Viene fornito sostegno allo sviluppo di partnership sotto forma di un progetto comune di ricerca e innovazione. Questo è finalizzato alla condivisione della conoscenza attraverso la mobilità internazionale e intersettoriale, basata su distaccamenti di personale di ricerca e innovazione (scambi) con un meccanismo di rimpatrio integrato.

Le organizzazioni che costituiscono la partnership contribuiscono direttamente alla realizzazione di un progetto congiunto di ricerca e innovazione attraverso il distacco e / o l’accoglienza di membri del personale idonei. I distacchi devono sempre avvenire tra entità giuridiche indipendenti l’una dall’altra.

L’iniziativa RISE dovrebbe sfruttare le competenze complementari delle organizzazioni partecipanti e altre sinergie e consentire attività di networking, organizzazione di workshop e conferenze per facilitare la condivisione delle conoscenze, l’acquisizione di nuove competenze e lo sviluppo della carriera per i membri dello staff di ricerca e innovazione.

Le proposte RISE possono concentrarsi su una sola dimensione della mobilità (intersettoriale/ internazionale) o includere una combinazione di entrambe.

Gli scambi possono riguardare sia ricercatori in fase iniziale che esperti, e possono anche includere personale amministrativo, manageriale e tecnico direttamente coinvolto nelle attività di ricerca e innovazione della proposta.

Il sostegno agli scambi tra istituzioni in Europa (Stati membri dell’UE e paesi associati a Horizon 2020) copre solo distacchi intersettoriali.

Gli scambi con istituzioni da e verso paesi terzi possono essere intersettoriali e all’interno dello stesso settore.

I distacchi tra istituzioni stabilite in paesi terzi o nello stesso Stato membro dell’UE o nel paese associato a Horizon 2020 non saranno sostenuti.

Scadenza: 02/04/2019