Digitalizzazione dello Spettacolo e delle altre Attività Culturali dal Vivo

Digitalizzazione dello Spettacolo e delle altre Attività Culturali dal Vivo

laser-light-461515__340

Sostenere le micro, piccole e medie imprese (MPMI) che operano nel settore delle attività culturali dal vivo, particolarmente colpite dalle misure per il distanziamento sociale: è questo l’obiettivo del bando POR FESR da 3 milioni di euro, con il quale la Regione Lazio intende favorire l’adozione di tecnologie digitali, tali da ampliare le modalità di fruizione delle attività culturali offerte e migliorare l’esperienza del pubblico per dare una maggiore spinta a tutto il comparto rendendolo più competitivo e meno dipendente dalla sola interazione fisica.

L’Avviso ha una dotazione finanziaria di 3 milioni di euro, di cui:

  • 1.5 riservati agli Operatori dello Spettacoli dal Vivo;
  • 1.5 riservati agli Operatori di Altre Attività Culturali dal Vivo.

Per ciascuna sezione è prevista una riserva del 20% per le MPMI aventi Sede Operativa attiva, già al momento della presentazione della Domanda, in uno dei Comuni ricadenti nelle Aree di Crisi Complessa della regione Lazio.

Beneficiari del bando sono le micro, piccole e medie imprese (MPMI), in forma singola che siano titolari di partita IVA attiva almeno dal 31 dicembre 2018 e alla data di presentazione della Domanda (a prescindere dalla forma giuridica, a titolo esemplificativo sono incluse anche associazioni, fondazioni, imprese cooperative, lavoratori autonomi, altro), che hanno la Sede Operativa oggetto del Progetto nel territorio della Regione Lazio e che siano Operatori dello Spettacoli dal Vivo o Operatori di Altre Attività Culturali dal Vivo.

Per Operatori dello Spettacoli dal Vivo si intendono le MPMI che hanno realizzato nel 2019 almeno 30 rappresentazioni di spettacoli dal vivo di teatro, musica o danza secondo le modalità definite dal Regolamento Regionale 5 agosto 2019, n. 16.

Per Operatori di Altre Attività Culturali dal Vivo si intendono le MPMI che non hanno fine di lucro e che hanno realizzato nel 2019 almeno 30 attività culturali che comportano l’interazione fisica con i clienti, il pubblico o gli utenti come modalità di fruizione ordinaria e tradizionale (a titolo esemplificativo sono tali le attività di animazione, promozione, presentazione, produzione, formazione artistica e culturale, comprese eventualmente le rappresentazioni di spettacoli dal vivo di cui sopra).

Ad ogni MPMI può essere finanziato un unico Progetto.

Saranno ritenuti ammissibili i progetti che prevedranno l’adozione di una o più soluzioni o sistemi digitali finalizzati a migliorare la produzione dello spettacolo e delle altre attività culturali dal vivo nonché innovarne la fruizione (mediante, ad esempio, realtà aumentata, realtà virtuale, sensori intelligenti, internet of things, tecnologie per “scenografie virtuali” e molto altro), agevolarne la vendita (ad esempio con sistemi di prenotazione e pagamento digitali, digital marketing, e-commerce, servizi front-end, digitalizzazione di materiali e archivi analogici o cartacei o nuove modalità di fruizione telematica), ma anche potenziare l’organizzazione dei produttori e dei coordinatori di spettacoli e altre attività culturali dal vivo (mediante, ad esempio, soluzioni o sistemi digitali per l’archiviazione, l’amministrazione, la logistica e la sicurezza).

I Progetti devono presentare costi ammissibili non inferiori a 7.000 euro, essere realizzati entro 120 giorni dalla data di concessione del contributo e rendicontati entro 180 giorni dalla data di concessione del contributo.

Sono ammissibili i costi diretti del Progetto di digitalizzazione, sia per investimenti sia per eventuali servizi necessari a rendere funzionale la tecnologia digitale adottata, previsti nel preventivo-proposta progettuale redatto da un Fornitore Responsabile adeguatamente qualificato.

Sono inoltre ammissibili i premi per la fidejussione sull’anticipo e, senza obbligo di documentazione e rendicontazione:

  • Costi del personale forfettari, nella misura del 10% dei costi ammissibili da rendicontare;
  • Costi indiretti forfettari, nella misura del 5% dei costi ammissibili da rendicontare.

L’Aiuto è concesso in regime De Minimis, sotto forma di contributo a fondo perduto nella misura massima di 25.000 euro per Progetto e per MPMI, e applicando ai costi ammissibili la percentuale indicata dal richiedente nel Formulario che non può superare il 75%.

Il contributo sarà erogato a saldo, a fronte della rendicontazione dei Costi di Progetto non forfettari, da presentarsi entro il termine di 180 giorni dalla Data di Concessione. È possibile richiedere un anticipo nella misura del 40% del contributo concesso garantita da Fideiussione bancaria o assicurativa a prima richiesta.

Invio Domande a partire dalle ore 12:00 del 1° ottobre 2020 ed entro le ore 18:00 del 22 ottobre 2020.

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AI GRANDI EVENTI- ANNO 2020

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AI GRANDI EVENTI- ANNO 2020

laser-light-461515__340

È ammesso a contributo il Grande Evento, di carattere culturale e/o artistico, relativo a spettacoli, rassegne, premi e mostre. Il Grande Evento deve presentare almeno due delle seguenti caratteristiche: a) rilevanza o popolarità a livello culturale, storico istituzionale; b) ampia risonanza nei mezzi di comunicazione almeno a livello nazionale; c) partecipazione di personalità di rilievo nazionale o internazionale.

Soggetti ammissibili a questo Avviso sono: Enti pubblici o privati, università o istituti scolastici, fondazioni, associazioni riconosciute e non, comitati di cui all’articolo 39 del codice civile e cooperative iscritte all’anagrafe delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) che curano l’organizzazione e realizzazione dell’evento per il quale presentano istanza di concessione del contributo. Tali soggetti non devono svolgere, da atto costitutivo o da statuto, attività aventi fine di lucro.

Il Grande Evento, come detto, deve essere realizzato nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020.  Le spese sostenute per la realizzazione del grande evento devono essere superiori a 25mila euro. I limiti massimi di contributo rapportati ai limiti minimi di spesa sono i seguenti: massimo € 5.000,00 per proposte di eventi le cui spese ammissibili sono superiori ad € 25.000,00; massimo € 10.000,00 per proposte di eventi le cui spese ammissibili sono superiori ad € 50.000,00; massimo € 20.000,00 per proposte di eventi le cui spese ammissibili sono superiori ad € 75.000,00; massimo € 25.000,00 per proposte di eventi le cui spese ammissibili sono superiori ad € 100.000,00.

Le istanze devono pervenire perentoriamente, a pena di inammissibilità, entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 10.09.2020 a mezzo pec all’indirizzo dph003@pec.regione.abruzzo.it.

FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia – Asse di Intervento IV AVVISO PUBBLICO per la presentazione di progetti di internazionalizzazione da programmare durante fiere e convention internazionali 2019

FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia – Asse di Intervento IV AVVISO PUBBLICO per la presentazione di progetti di internazionalizzazione da programmare durante fiere e convention internazionali 2019

concert-984237_640

La Regione Puglia al fine di delineare la propria strategia di sviluppo culturale ha avviato la costruzione di un piano strategico della cultura per la Puglia 2017-2025: PIIIL – prodotto, identità, innovazione, impresa, lavoro. In coerenza con quanto definito nello stesso documento, la Regione ha sottoscritto con il Teatro Pubblico Pugliese (TPP) un accordo di collaborazione mirante a valorizzare, rilanciare e promuovere il sistema delle attività culturali e di spettacolo dal vivo, con specifico riferimento al sistema musicale pugliese.

Nasce così il progetto Puglia Sounds, interamente dedicato allo sviluppo del sistema musicale regionale e teso a sviluppare la propria progettualità interessando l’intera filiera della musica. A tal fine, sono stati individuate fiere e convention internazionali che coprono tutti i generi musicali, offrendo occasioni di scambio e confronto con le diverse realtà internazionali, promozione delle proprie attività future e partecipazione a incontri, conferenze e dibattiti.

In forza della stipula della Convenzione tra la Regione Puglia e il TPP per le attività da svolgersi nel corso dell’anno 2019, nell’ambito dell’asse di intervento “PUGLIA SOUNDS EXPORT 2019”, con il presente Avviso il TPP intende acquisire proposte progettuali di internazionalizzazione del sistema musicale pugliese, ideati da parte di operatori di settore (festival, etichette, distributori, agenzie di management, associazioni, artisti, agenzie di comunicazione), con l’obiettivo di potenziare l’attrattività e il posizionamento del “marchio” Puglia sulla scena internazionale.

Possono presentare progetti di internazionalizzazione del sistema musicale pugliese i soggetti , aventi sede in Italia o all’estero e costituiti in qualsiasi forma giuridica. Le proprie proposte progettuali dovranno pervenire presso gli Uffici Puglia Sounds, via e- mail all’indirizzo bandi@pugliasounds.it, oppure a mezzo raccomandata AR o corriere postale con AR, oppure consegna a mano  presso l’ufficio Teatro Pubblico Pugliese – PUGLIA SOUNDS – via Imbriani 67 – Bari, nei giorni lavorativi dal lunedì al venerdì ore 9,30 alle 13,30 e dalle 15,00 alle 18,00.

Le scadenze dei progetti di internazionalizzazione  sono le seguenti: per Reeperbhan entro e non oltre le ore 13:00 di venerdì 2 agosto 2019; per Fiera Mediterrania di Manresa 2019 entro e non oltre le ore 13:00 di venerdì 6 settembre 2019; per Mama 2019 entro e non oltre le ore 13:00 di venerdì 6 settembre 2019; per Womex 2019 entro e non oltre le ore 13:00 di venerdì 6 settembre 2019; per Mundial Montrèal 2019 entro e non oltre le ore 13:00 di venerdì 4 ottobre 2019;

Il TPP intende destinare ai progetti selezionati nell’ambito del presente Avviso, un budget complessivo previsionale di € 80.000,00 incluso IVA. Il TPP, a valere sui fondi in premessa  richiamati, stipulerà apposito accordo impegnandosi a corrispondere un corrispettivo per la programmazione del progetto di internazionalizzazione pari a: €900,00 incluso IVA per ogni progetto di internazionalizzazione da programmarsi durante  fiere/convention europee; €1200,00 incluso IVA per ogni progetto di internazionalizzazione da programmarsi durante  fiere/convention extra-europee.

SCADENZA: 4 ottobre 2019

 

Promozione dello spettacolo di strada e del circo contemporaneo – Avviso pubblico di finanziamento per l’anno 2019 rivolto a Enti Locali e Pubbliche Amministrazioni, Associazioni culturali e soggetti assimilabili. L.R. 11 del 1° agosto 2018

Promozione dello spettacolo di strada e del circo contemporaneo

laser-light-461515__340

La L.r. 11/2018 stabilisce che per la realizzazione degli interventi, delle attività e delle iniziative in materia di cultura, la Regione può assegnare contributi a favore degli enti organizzatori e realizzatori con procedure di evidenza pubblica, che consentono una valutazione oggettiva degli elementi di quantità e qualità.

Sono ammissibili a contributo iniziative di promozione delle attività di spettacolo di strada e circo contemporaneo ai sensi dell’art. 31 della legge regionale.

Possono presentare domanda Enti Locali e altre Pubbliche Amministrazioni, Enti, Istituti, Fondazioni, Associazioni culturali e soggetti ad essi assimilabili, ivi comprese imprese sociali, onlus e società cooperative a mutualità prevalente.

Importo in €: 235.000,00 di cui: € 215.000,00 a favore di soggetti privati € 20.000,00 a favore di Pubbliche Amministrazioni.

Soggetti beneficiari:

Enti Locali e altre Pubbliche Amministrazioni, Enti, Istituti, Fondazioni, Associazioni culturali e soggetti ad essi assimilabili, ivi comprese imprese sociali, onlus e società cooperative a mutualità prevalente.

La domanda di contributo per l’anno 2019 va presentata entro e non oltre le ore 12,00 del 10 luglio 2019.

Bando per contributi allo spettacolo dal vivo

Contributi allo spettacolo dal vivo

ballet-1376250_1280

Dal 28 agosto è aperta la presentazione delle domande per l’assegnazione dei contributi per attività da svolgersi nell’annualità 2019, ai sensi del regolamento per lo Spettacolo dal Vivo.

Il bando è aperto agli enti locali, nonché ad altri enti pubblici e soggetti giuridici privati purché operanti nel settore dello spettacolo dal vivo da almeno due anni e in possesso, al momento della presentazione e fino all’erogazione del saldo del contributo, degli ulteriori requisiti soggettivi previsti dal bando stesso e dal Regolamento.

Sono previsti i seguenti ambiti di intervento:

  • Produzione dello spettacolo dal vivo
  • Centri di produzione teatrale
  • Centri di produzione di danza
  • Festival e rassegne di teatro, musica, danza e a carattere multidisciplinare
  • Festival circensi e degli artisti di strada
  • Circuiti regionali
  • Orchestre ed ensemble musicali
  • Progetti per favorire l’accesso dei giovani allo spettacolo dal vivo in collaborazione con le istituzioni scolastiche
  • Educazione e formazione musicale, teatrale e coreutica
  • Teatro di figura e iniziative di spettacolo dal vivo destinate ai bambini e all’infanzia

Ogni soggetto può presentare una sola domanda, in forma singola o associata.

Le domande per il 2019 devono essere presentate dalle ore 12.00 del 28 agosto alle ore 13.00 del 1° ottobre 2018.

Contributi triennali 2018-2020 per i Carnevali storici

Contributi triennali 2018-2020 per i Carnevali storici

eyes-1283163_640

La Direzione Generale Spettacolo del Mibact, attraverso i contributi triennali 2018-2020 contribuisce al sostegno dei Carnevali Storici, al fine di valorizzarne la funzione per la conservazione e la trasmissione delle tradizioni storiche e popolari in relazione alla promozione dei territori.

Le manifestazioni devono attestare almeno 25 edizioni documentabili, con una riconosciuta identità storica e culturale a livello nazionale e internazionale.

Possono presentare istanza di contributo Comuni, Fondazioni e Associazioni con personalità giuridica senza scopo di lucro, nella cui composizione societaria siano presenti Enti locali, aventi come fine statutario l’organizzazione e la promozione di carnevali storici e che siano organizzatori dei carnevali a cui si riferisce la domanda presentata.

Le risorse ammontano a complessivi due milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020.

L’entità del contributo annuale al singolo progetto non può superare la cifra massima di Euro 100.000,00 e non può essere inferiore alla cifra minima di Euro 50.000,00.

La domanda di progetto triennale 2018-2020 corredata dal relativo programma annuale per il 2018 dovrà essere presentata attraverso la procedura telematica utilizzando i modelli disponibili online previa registrazione sulla piattaforma http://dos.beniculturali.it/login.php  dal 6 agosto 2018 ed entro le ore 12.00 del 30 settembre 2018. Qualora la scadenza coincida con un giorno festivo, il termine è prorogato alle ore 12.00 del primo giorno successivo non festivo.