Cooperazione tra piccoli locali musicali

Cooperazione tra piccoli locali musicali

music-159870_960_720

L’obiettivo del bando è promuovere la distribuzione sostenibile della musica dal vivo attraverso modelli di collaborazione innovativi tra piccoli locali musicali in Europa. I risultati di queste azioni contribuiranno a preparare il futuro schema di sostegno appositamente destinato al settore musicale che verrà introdotto nel nuovo programma Europa Creativa in vigore per il periodo 2021-2027.

Le azioni riguardano progetti di cooperazione tra piccoli locali musicali, nonché tra piccoli locali musicali e autorità pubbliche, al fine di stimolare modelli di collaborazione innovativi e rafforzare il ruolo e l’identità dei locali musicali nella comunità locale. L’obiettivo è promuovere la distribuzione sostenibile della musica dal vivo migliorando la capacità dei locali di musica di rimanere competitivi in un contesto di mercato e normativo in rapida evoluzione.

I progetti proposti dovrebbero perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi specifici:

– promuovere la cooperazione tra piccoli locali musicali per migliorare la loro capacità di affrontare le sfide sociali o economiche che emergono.

– stringere partenariati con le autorità locali, regionali o nazionali pertinenti per la creazione di un ambiente favorevole per i piccoli locali di musica, al fine di massimizzare il loro contributo socio-economico alle comunità locali.

Attività ammissibili:

– cooperazione tra piccoli locali di musica, peer learning, scambio di esperienze e buone pratiche;

– scambio di personale tra club sotto forma di visite di studio, tirocini, distacchi di personale;

– sviluppo di strategie commerciali competitive;

– elaborazione di strategie per le attività economiche notturne per le città, per creare un ambiente favorevole per la gestione dei locali di musica;

– dialogo con le comunità locali e con le autorità locali competenti;

– campagne di comunicazione per dimostrare il contributo dei piccoli locali musicali allo sviluppo socio-economico delle comunità locali.

Il bando intende finanziare almeno 13 progetti.

Beneficiari: organizzazioni non-profit pubbliche o private, autorità pubbliche nazionali, regionali o locali, enti a scopo di lucro che siano stabiliti in uno dei Paesi ammissibili al sottoprogramma Cultura di Europa Creativa.

Il contributo UE potrà coprire fino al 90% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di:

– 70.000 €  per progetti che coinvolgono almeno 4 partner di almeno 3 Paesi diversi.

– 50.000 € per progetti che coinvolgono almeno 3 partner di almeno 2 Paesi diversi.

– 30.000 € per progetti che coinvolgono 2 partner.

– 30.000 € per progetti che coinvolgono partner aventi sede nello stesso Paese, indipendentemente dal numero di partner.

Scadenza: 15/11/2019, ore 13

Music moves Europe

Music moves Europe

music-159870_960_720

Invito a presentare proposte (EAC-S21- 2019) della Direzione generale Istruzione, Cultura, Giovani e Sport della Commissione europea rivolto ai giovani musicisti e professionisti nel settore della musica.

Obiettivo generale della call è di migliorare la comprensione del settore musicale sulle questioni della sua professionalizzazione, testando modelli su piccola scala con una dimensione europea.

A questo proposito, l’attenzione si concentra sulle abilità legate al business (ad es. capacità digitale, gestionale, economica) e non su quelle artistiche.

Obiettivo specifico del bando è quello di alimentare una strategia integrata di supporto alla musica per la prossima generazione di programmi di finanziamento dell’UE dopo il 2020, che potrebbe sostenere la diversità e il talento europei, la competitività del settore e un maggiore accesso dei cittadini alla musica in tutta la sua diversità.

Le proposte dovrebbero raggiungere almeno due dei seguenti obiettivi specifici:

– Rispondere alle esigenze di sviluppo professionale per acquisire competenze professionali individuali e organizzative, ad es. competenze relative alle imprese, al fine di aumentare la capacità dei giovani musicisti e professionisti della musica di avere successo nel mercato della musica

– Aiutare i giovani artisti e altri professionisti del settore musicale a comprendere meglio la catena del valore dell’industria musicale, ad es. ottenere una visione dei diversi sotto-settori, in particolare laddove il potenziale per l’apprendimento reciproco o lo scambio delle migliori pratiche sarebbe utile

– Promuovere scambi transnazionali o approcci transnazionali per garantire il trasferimento delle conoscenze, anche in termini di rilevanza per le carriere europee / internazionali o per le iniziative musicali transfrontaliere europee

– Promuovere cooperazioni sostenibili e creazione di reti.

L’agevolazione consiste in:

finanziamento massimo dell’UE: 80% dei costi ammissibili.

Cofinanziamento minimo richiesto ai beneficiari: 20% dei costi ammissibili.

Scadenza: 31/10/2019 ore 12.00

Invito alla presentazione di progetti a valenza regionale di produzione e fruizione della musica contemporanea originale dal vivo

Invito alla presentazione di progetti a valenza regionale di produzione e fruizione della musica contemporanea originale dal vivo

concert-984237_640

La Regione Emilia-Romagna, in applicazione LR N. 2/2018 “Norme per lo sviluppo del settore musicale” art.5, intende favorire la crescita della filiera del settore produttivo e promuovere la musica quale strumento di aggregazione sociale, sostiene la produzione e la fruizione della musica contemporanea dal vivo ed in particolare della musica italiana originale dal vivo. A tal fine, la Regione concede contributi a soggetti pubblici e privati, aventi o meno scopo di lucro, per la realizzazione di progetti di valenza regionale che sviluppino azioni volte a perseguire i seguenti obiettivi:

  • promozione dei nuovi autori e delle formazioni emergenti attraverso iniziative di orientamento, tutoraggio e supporto nelle fasi produttive, distributive e promozionali, anche all’estero. L’obiettivo riguarda i progetti che prevedono la partecipazione di artisti residenti o domiciliati in regione promossi in almeno tre province;
  • sviluppo, consolidamento e valorizzazione, anche ai fini turistici, di circuiti di locali e di reti di festival di musica contemporanea originale dal vivo. L’obiettivo riguarda i progetti che coinvolgono non meno di 5 locali su 2 diverse province;
  • circuitazione degli artisti e dei complessi musicali della regione, nei locali e nei festival di musica contemporanea originale dal vivo, per progetti che prevedano la programmazione di almeno 30 date, in almeno 5 diversi locali o festival;
  • promozione e circuitazione all’estero, degli artisti e dei gruppi musicali della regione. Per progetti che prevedano la presenza in almeno 2 delle principali manifestazioni internazionali per il genere musicale interessato dal progetto e coinvolgano almeno 5 artisti o gruppi musicali della regione.

La domanda di contributo, dovrà essere presentata alla Regione Emilia-Romagna improrogabilmente, pena l’esclusione, entro il 16 ottobre 2018 alle ore 14.

L’invio dovrà essere effettuato esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata al seguente indirizzo: servcult@postacert.regione.emilia-romagna.it

Bando Music Moves Europe – Studio su una strategia europea di esportazione della musica

Bando Music Moves Europe – Studio su una strategia europea di esportazione della musica

 

 

music-159870_960_720

La Commissione europea ha pubblicato un bando di gara d’appalto (call for tender) per la realizzazione di uno studio su una strategia europea di esportazione della musica.

Si tratta di uno dei quattro bandi – due call for proposals e due call for tender (oltre a questa, una seconda call for tender) – lanciati dalla Commissione in attuazione dell’Azione preparatoria “Music Moves Europe: Boosting European music diversity and talent”, un’iniziativa adottata dal Parlamento europeo lo scorso ottobre, con una dotazione di 1,5 milioni di euro, mirata a sviluppare e testare nuove idee e misure che possano contribuire a preparare un futuro schema di finanziamento appositamente destinato al settore musicale da inserire nella prossima generazione di programmi dell’UE post-2020, in particolare all’interno del programma che subentrerà ad Europa Creativa.

L’obiettivo del bando è favorire lo sviluppo di una proposta per una strategia europea di esportazione della musica che promuova la diversità e il talento musicale dell’Europa e che rafforzi la competitività del settore musicale europeo sul mercato internazionale. La strategia dovrà aiutare i responsabili delle politiche nazionali ed europei a prendere decisioni più informate in materia di esportazione di musica e consentire ai responsabili delle decisioni nel settore musicale di adeguare o allineare le loro scelte in questo campo.

Più in particolare, lo studio dovrà:

– basarsi sui fattori di successo delle strategie nazionali esistenti per l’esportazione musicale e integrare le iniziative esistenti allo scopo di incoraggiare la circolazione transfrontaliera di talenti e repertori emergenti all’interno e all’esterno dell’Europa,

– esaminare le caratteristiche rilevanti dei più importanti mercati musicali internazionali alla luce della prevalenza e delle opzioni di ingresso per il repertorio musicale europeo, nonché i fattori limitanti a tale riguardo,

– tenere conto delle differenze tra i paesi dell’UE in merito alla facilitazione della mobilità transfrontaliera nel settore musicale in Europa,

– delineare in un approccio strategico gli elementi e le misure chiave che faciliterebbero l’accesso della musica europea al mercato globale, comprese raccomandazioni per azioni a livello nazionale e dell’UE,

– la strategia proposta dovrebbe basarsi su un ampio consenso tra i principali attori, compresi gli uffici nazionali per l’esportazione di musica in Europa. L’organizzazione di una conferenza per testare i risultati preliminari farà parte di un contratto.

L’appalto ha un valore stimato di 300.000 euro (IVA esclusa) e la durata del contratto sarà di 12 mesi.

La scadenza per la presentazione delle offerte è il 29 giugno 2018.

 

Bando Music Moves Europe – Studio di fattibilità per un Osservatorio europeo della musica e analisi delle lacune nelle esigenze di finanziamento per il settore musicale

Bando Music Moves Europe – Studio di fattibilità per un Osservatorio europeo della musica e analisi delle lacune nelle esigenze di finanziamento per il settore musicale

 

music-159870_960_720

La Commissione europea ha pubblicato un bando di gara d’appalto (call for tender) per la realizzazione di uno studio di fattibilità per la creazione di un Osservatorio europeo della musica e l’analisi delle lacune nelle esigenze di finanziamento per il settore musicale.

Si tratta di uno dei quattro bandi – due call for proposals e due call for tender (oltre a questa, una seconda call for tender)  – lanciati dalla Commissione in attuazione dell’Azione preparatoria “Music Moves Europe: Boosting European music diversity and talent”, un’iniziativa adottata dal Parlamento europeo lo scorso ottobre, con una dotazione di 1,5 milioni di euro, mirata a sviluppare e testare nuove idee e misure che possano contribuire a preparare un futuro schema di finanziamento appositamente destinato al settore musicale da inserire nella prossima generazione di programmi dell’UE post-2020, in particolare all’interno del programma che subentrerà ad Europa Creativa.

Il bando è suddiviso in 2 lotti:

Lotto 1 – Studio di fattibilità per la creazione di un Osservatorio europeo della musica

L’obiettivo dello studio consiste nell’analisi dei diversi scenari per la creazione e il funzionamento dell’Osservatorio, considerando anche i modelli di altri osservatori europei (culturali) e dell’Osservatorio europeo dell’audiovisivo in particolare, tenendo conto delle caratteristiche e dei requisiti specifici del settore musicale europeo. Lo studio sarà incentrato sui seguenti aspetti:

– scopo del futuro Osservatorio (quali dati saranno coperti),

– l’identificazione delle lacune nella disponibilità dei dati,

– costi e base organizzativa per un funzionamento credibile dell’Osservatorio.

Per questo lotto l’appalto ha un valore stimato di 175.000 euro (IVA esclusa) e la durata del contratto sarà di 12 mesi.

Lotto 2 – Analisi delle tendenze del mercato e delle lacune nelle esigenze di finanziamento per il settore musicale

Lo studio in questo ambito è orientato a due obiettivi specifici:

1) fornire una valutazione dello stato delle attuali tendenze del mercato, esplorare le opportunità offerte alla musica dall’economia digitale, specialmente in relazione a strutture più eque di remunerazione. Lo studio esplorerà per ciascuna tendenza identificata:

– cosa viene attualmente affrontato in modo adeguato dal programma Europa Creativa e in che modo;

– cosa non viene attualmente affrontato in misura sufficiente dagli strumenti di finanziamento europei e come potrebbe essere affrontato dai programmi futuri;

– fornire una giustificazione convincente sulla necessità di un futuro sostegno a livello europeo, tenendo conto del principio di sussidiarietà e della dimensione europea.

2) intraprendere un’approfondita analisi degli stakeholder, garantendo la trasparenza nell’identificazione e nell’inclusione di tutte le parti pertinenti del settore musicale con particolare enfasi al livello europeo.

Per questo lotto l’appalto ha un valore stimato di 175.000 euro (IVA esclusa) e la durata del contratto sarà di 10 mesi.

La scadenza per la presentazione delle offerte è il 2 luglio 2018

Bando Music Moves Europe – Programma di formazione per giovani professionisti del settore musicale

Bando Music Moves Europe – Programma di formazione per giovani professionisti del settore musicale

music-159870_960_720

Il bando sostiene lo sviluppo di programmi pilota di formazione per giovani professionisti del settore musicale, che siano innovativi e sostenibili, testando modelli su piccola scala su come migliorare la capacità e la resilienza del settore e contribuire alla sua professionalizzazione.

I candidati dovrebbero affrontare almeno una delle seguenti priorità:

  1. Rispondere alla necessità di un aggiornamento regolare delle competenze professionali individuali e organizzative allo scopo di accrescere la capacità dei professionisti della musica di adattarsi ai cambiamenti nel mercato musicale, anche in termini di rilevanza per le carriere internazionali;
  2. Promuovere lo scambio transnazionale o l’arricchimento reciproco tra diversi sotto-settori, specie laddove viene individuato un potenziale per l’apprendimento reciproco e lo scambio di pratiche:
  3. Includere approcci transnazionali laddove il programma di formazione supporta giovani professionisti impegnati o intenzionati a sviluppare iniziative musicali transfrontaliere, in particolare qualora le conoscenze e le competenze pertinenti non siano reperibili a livello nazionale, regionale o locale.

Le attività di formazione possono assumere le seguenti forme:

  1. Programmi di formazione transnazionale e/o intersettoriale che utilizzano sia l’insegnamento dal vivo che metodi di e-learning
  2. Programmi di mentoring e di peer-learning
  3. Programmi di borse di studio e di residenze
  4. Programmi di tirocinio retribuito

Sono ammissibili anche attività mirate alla creazione o potenziamento di reti e scambi di buone pratiche per accrescere la professionalizzazione del settore musicale.

Si prevede di finanziare fino a 10 progetti.

Beneficiari del bando sono fornitori di istruzione/formazione o partnership del settore formazione/istruzione/musica che dimostrino competenze pertinenti nel settore musicale o competenze specialistiche. Può trattarsi di: organizzazioni non-profit, autorità pubbliche, università, istituti di istruzione, associazioni, liberi professionisti.

Questi soggetti devono essere stabiliti in uno dei Paesi ammissibili al sottoprogramma Cultura di Europa Creativa, ovvero: Stati membri UE e Paesi non-UE indicati nel documento aggiornato al 22/03/2018

Il contributo UE potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 55mila euro.

I progetti possono essere presentati da un singolo proponente o da un consorzio.

I progetti devono avere una durata massima di 12 mesi con inizio a dicembre 2018 e conclusione entro il 31 dicembre 2019.

Scadenza: 27/08/2018

Bando Music Moves Europe – Distribuzione online e offline

Bando Music Moves Europe – Distribuzione online e offline

music-159870_960_720

Il bando sostiene progetti riguardanti metodi innovativi esistenti, compresi quelli in fase di idea, per la distribuzione online e offline di musica, con l’obiettivo di promuovere la diversità e migliorare la visibilità e la circolazione transfrontaliera del repertorio musicale europeo, superando ostacoli esistenti come le barriere linguistiche e la frammentazione del mercato nel settore musicale.

I progetti dovrebbero perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi specifici:

  1. A livello dei consumatori, aumentare la disponibilità del repertorio europeo al di là dei successi tradizionali.
  2. Migliorare la selezione (curation) editoriale e algoritmica per aumentare la rilevabilità della musica europea sulle piattaforme digitali.
  3. Promuovere la visibilità di diversi generi di musica europea sulle piattaforme streaming, nei negozi, alla radio, in televisione o negli spettacoli dal vivo e nei festival.
  4. Migliorare la presenza di musica in lingua locale sulle piattaforme internazionali.

Le attività che possono essere finanziate sono le seguenti:

– Creazione di curatori di musica europea e/o di algoritmi per la musica europea;

– Creazione di compilation e promozione di playlist focalizzate sulla diversità musicale europea;

– Creazione di strumenti di ricerca che aiutino a trovare una varietà di musica europea e test di tecnologie innovative che permettano di aumentare la rilevabilità online della musica europea (intelligenza artificiale, big data, realtà aumentata, ecc.);

– Servizi che aumentino la visibilità della musica indie o locale su piattaforme internazionali;

– Misure che garantiscano che i talenti abbiano accesso a canali di distribuzione adeguati e che possano diffondersi nel mercato;

– Attività di promozione e visibilità.

Si prevede di finanziare fino a 10 progetti.

Beneficiari del bando sono: le imprese musicali, fornitori di servizi musicali, emittenti, fornitori di servizi digitali, organizzatori di concerti e festival, club e luoghi di musica.

Questi soggetti devono essere stabiliti in uno dei Paesi ammissibili al sottoprogramma Cultura di Europa Creativa, ovvero: Stati membri UE e Paesi non-UE indicati nel documento aggiornato al 22/03/2018

Il contributo UE potrà coprire fino al 90% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 30mila euro.

I progetti devono avere una durata massima di 12 mesi con inizio entro 2 mesi dalla firma dell’accordo di finanziamento (prevista per novembre 2018) e conclusione entro il 31 dicembre 2019.

Scadenza: 10/09/2018