Bando EAC/S20/2019 – Lo sport come strumento di integrazione e inclusione sociale dei rifugiati

Bando EAC/S20/2019 – Lo sport come strumento di integrazione e inclusione sociale dei rifugiati

sport

Il bando è articolato in 2 lotti:

Lotto 1 – organizzazione di attività sportive al fine di promuovere l’integrazione e l’inclusione sociale dei rifugiati.

Per questo lotto si intende sostenere 9 progetti. Possono essere finanziate le seguenti attività:

– attività sportive volte a incoraggiare la partecipazione dei rifugiati nelle società dell’UE

– preparazione e formazione degli allenatori e del personale sportivo che lavoreranno per l’integrazione e l’inclusione sociale dei rifugiati attraverso lo sport

– sviluppo di attività e individuazione di buone pratiche in materia di partecipazione dei rifugiati ad attività sportive volte alla loro integrazione nelle società di accoglienza.

Lotto 2 – collaborazione in rete e diffusione

Per questo lotto si intende sostenere 1 progetto. Possono essere finanziate le seguenti attività:

– creazione di una rete europea per valorizzare i risultati dei progetti selezionati nell’ambito del lotto 1 e per mantenere legami tra tali progetti, con l’obiettivo di selezionare e diffondere buone pratiche

– progettazione e sviluppo di reti a livello dell’UE tra organizzazioni impegnate a favore dell’integrazione dei rifugiati attraverso lo sport

– organizzazione   di   workshop,  seminari   e   conferenze   volti   a   rendere   accessibili informazioni,  competenze  e  opportunità  di  collaborazione  in  materia  di  integrazione  dei rifugiati nelle società dell’UE attraverso lo sport.

I progetti devono svolgersi negli Stati membri dell’UE.

I progetti devono essere presentati da persone giuridiche pubbliche o private che operano nel settore dello sport e che organizzano regolarmente competizioni sportive ad ogni livello. Questi soggetti devono avere sede in uno degli Stati UE e possono essere:

– federazioni sportive europee e internazionali

– organizzazioni senza scopo di lucro;

– autorità pubbliche (nazionali, regionali, locali);

– organizzazioni europee e internazionali;

– club sportivi;

–  università;

– istituti d’istruzione;

– centri di ricerca

– imprese.

La sovvenzione UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto e sarà compresa tra:

– € 200.000 e € 300.000 per i progetti del lotto 1

– € 400.000 e € 600.000 per i progetti del lotto 2

 

I progetti devono essere presentati da un soggetto singolo. Devono avere una durata di almeno 24 mesi e al massimo di 36 mesi, con inizio non prima del 1/1/2020 e conclusione entro il 31/12/2022.

Le proposte devono essere presentate utilizzando il formulario elettronico reperibile dalla pagina web dedicata al bando.

Scadenza: 04/07/2019

Migliorare la consapevolezza dei diritti di cittadinanza e l’inclusione dei cittadini «mobili» dell’UE, sostenere la collaborazione fra autorità nazionali competenti in materia elettorale

Migliorare la consapevolezza dei diritti di cittadinanza e l’inclusione dei cittadini «mobili» dell’UE, sostenere la collaborazione fra autorità nazionali competenti in materia elettorale

group-418449_1280

L’obiettivo del bando è di sostenere gli sforzi degli Stati membri nell’affrontare le sfide derivanti dalla mobilità all’interno dell’UE e allo stesso tempo promuovere e facilitare l’esercizio effettivo dei diritti di libera circolazione dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari, in particolare per i gruppi sottorappresentati come le donne e i giovani.

Le attività dovrebbero favorire la partecipazione alla vita democratica dell’Unione europea, in particolare in vista delle elezioni europee 2019.

AZIONI FINANZIABILI

Priorità 1 – Promuovere la sensibilizzazione sui diritti di cittadinanza dell’UE e promuovere l’inclusione dei cittadini europei mobili e la partecipazione democratica dei cittadini europei mobili e dei gruppi sottorappresentati

Priorità 2 (rivolta solo alle autorità pubbliche) – Sostenere il coordinamento delle reti elettorali nazionali e un loro coordinamento europeo

DESTINATARI: Cittadini dell’UE in mobilità geografica, in particolare donne e giovani e le loro famiglie, autorità competenti in materia elettorale

ENTITA’ DEL CONTRIBUTO: Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto.

  • Per la priorità 1 la sovvenzione richiesta per il progetto non può essere inferiore a 75.000 euro. Non c’è limite massimo.
  • Per la priorità 2 la sovvenzione richiesta per il progetto non può essere inferiore a 75.000 euro e superiore a 100.000 euro.

Il riferimento del bando è REC-RCIT-CITI-AG-2019

Scadenza: 11/04/2019

Bandi 2018-2020 – “Società inclusive, innovative e riflessive”

HORIZON 2020 – Pilastro Sfide della società: bandi 2018-2020 “Società inclusive, innovative e riflessive” (scadenze 2019)

group-418449_1280

 

A fine ottobre 2017 la Commissione europea ha adottato i programmi di lavoro 2018-2020 relativi a HORIZON 2020 per il sostegno ad attività di ricerca e innovazione nei prossimi tre anni. L’adozione dei programmi di lavoro ha dato avvio alla pubblicazione dei bandi per il triennio, che coprono tutti e tre i pilastri di HORIZON 2020: Eccellenza scientifica, Leadership industriale, Sfide della società.

Di seguito riportiamo i bandi lanciati nel quadro del pilastro Sfide della società per la priorità “L’Europa in un mondo che cambia – Società inclusive, innovative e riflessive”.

  • Bando Migration (H2020-SC6-MIGRATION-2018-2019-2020) A partire dal 6/11/2018 e fino al 14/03/2019 sarà possibile presentare proposte per i topic:

– DT-MIGRATION-06-2018-2019: Addressing the challenge of migrant integration through ICT-enabled solutions

– MIGRATION-01-2019: Understanding migration mobility patterns: elaborating mid and long-term migration scenarios

– MIGRATION-03-2019: Social and economic effects of migration in Europe and integration policies

– MIGRATION-07-2019: International protection of refugees in a comparative perspective

  • Bando Socioeconomic and cultural transformations in the context of the fourth industrial revolution (H2020-SC6-TRANSFORMATIONS-2018-2019-2020) Il 6/11/2018 è prevista l’apertura dei topic sotto indicati per i quali potranno essere presentate proposte fino al 14/03/2019:

– DT-TRANSFORMATIONS-02-2018-2019-2020: Transformative impact of disruptive technologies in public services

– DT-TRANSFORMATIONS-07-2019: The impact of technological transformations on children and Youth

– DT-TRANSFORMATIONS-11-2019: Collaborative approaches to cultural heritage for social cohesion

– TRANSFORMATIONS-03-2018-2019: Innovative solutions for inclusive and sustainable urban environments

– TRANSFORMATIONS-04-2019-2020: Innovative approaches to urban and regional development through cultural tourism

– TRANSFORMATIONS-08-2019: The societal value of culture and the impact of cultural policies in Europe

– TRANSFORMATIONS-13-2019: Using big data approaches in research and innovation policy making

– TRANSFORMATIONS-16-2019: Social platform on the impact assessment and the quality of interventions in European historical environment and cultural heritage sites

– TRANSFORMATIONS-17-2019: Societal challenges and the arts

  • • Bando Governance for the future (H2020-SC6-GOVERNANCE-2018-2019-2020) Il 6/11/2018 verranno aperti i topic seguenti. Le proposte potranno essere presentate fino al 14/03/2019

– GOVERNANCE-01-2019: Trust in governance

– GOVERNANCE-02-2018-2019: Past, present and future of differentiation in European governance

– GOVERNANCE-04-2019: Enhancing social rights and EU citizenship

– SU-GOVERNANCE-10-2019: Drivers and contexts of violent extremism in the broader MENA region and the Balkans

– DT-GOVERNANCE-05-2018-2019-2020: New forms of delivering public goods and inclusive public services

– DT-GOVERNANCE-12-2019-2020: Pilot on using the European cloud infrastructure for public administrations

– DT-GOVERNANCE-13-2019: Digitisation, Digital Single Market and European culture: new challenges for creativity, intellectual property rights and copyright

– GOVERNANCE-16-2019: Reversing Inequalities

– GOVERNANCE-17-2019: Democratic crisis? Resolving socio-economic and political challenges to reinvigorate democracies

– GOVERNANCE-18-2019: Innovation in government – building an agile and citizen-centric public Sector

– GOVERNANCE-19-2019: A European Social Catalyst Fund to scale up high performing social innovations in the provision of social services

Erasmus+: Bando EACEA/10/2018 – Inclusione sociale e valori comuni: il contributo nei settori istruzione, formazione e gioventù

Erasmus+: Bando EACEA/10/2018 – Inclusione sociale e valori comuni: il contributo nei settori istruzione, formazione e gioventù

group-418449_1280

Progetti di cooperazione transnazionale relativi ai seguenti lotti:

Lotto 1: Istruzione e formazione

Lotto 2: Gioventù

I progetti devono perseguire uno dei due obiettivi generali e uno degli obiettivi specifici (diversi a seconda del lotto) indicati di seguito:

Obiettivi generali:

–  favorire la diffusione e/o l’incremento di buone prassi nei settori dell’istruzione inclusiva/ della gioventù e/o nella promozione di valori comuni, avviate in particolare a livello locale. Per incremento si intende la replicazione di buone prassi su più ampia scala, il loro trasferimento in un contesto diverso o la loro attuazione a un livello più elevato/sistemico;

– favorire lo sviluppo e l’attuazione di metodi e pratiche innovativi per promuovere ambienti di istruzione/giovanili inclusivi, nonché valori comuni in contesti specifici.

Lotto 1 – Obiettivi specifici:

–  migliorare l’acquisizione di competenze sociali e civiche, promuovere la conoscenza, la comprensione e il riconoscimento dei valori comuni e dei diritti fondamentali;

– promuovere l’istruzione e la formazione inclusive e incentivare l’istruzione degli studenti svantaggiati, anche attraverso il supporto a insegnanti, educatori e dirigenti scolastici nella gestione della diversità e nella promozione della varietà socio-economica nel contesto di apprendimento;

– rafforzare il pensiero critico e l’alfabetizzazione mediatica tra i discenti, i genitori e il personale docente;

– sostenere l’inclusione dei soggetti di recente immigrazione nelle strutture scolastiche di buona qualità, anche attraverso una valutazione delle conoscenze e il riconoscimento delle competenze acquisite;

– favorire le abilità e le competenze digitali di gruppi digitalmente esclusi (compresi anziani, migranti e giovani provenienti da contesti svantaggiati) attraverso partenariati tra scuole, imprese e il settore non formale, incluse le biblioteche pubbliche;

– promuovere i valori europei, il patrimonio culturale e le competenze ad esso connesse, la storia comune, il dialogo interculturale e l’inclusione sociale attraverso l’istruzione, l’apprendimento non formale e l’apprendimento permanente, in linea con gli obiettivi dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018.

Lotto 2 – Obiettivi specifici:

– promuovere la partecipazione civica dei giovani sviluppando il ruolo del volontariato per l’inclusione sociale;

– prevenire l’emarginazione e la radicalizzazione che conducono a forme di estremismo violento tra i giovani.

Beneficiari del bando sono le organizzazioni pubbliche e private attive nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù o in altri settori socio-economici, o organizzazioni che svolgono attività trasversali (ad esempio, organizzazioni culturali, società civile, organizzazioni sportive, centri di riconoscimento, camere di commercio, organizzazioni di settore ecc.).

Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 500.000 euro.

I progetti devono essere realizzati da una partnership costituita da almeno 4 organizzazioni di 4 diversi Paesi ammissibili. Se il progetto coinvolge reti, il partenariato deve essere costituito da almeno 2 organizzazioni che non siano membri della rete e rappresentare almeno 4 Paesi ammissibili.

I progetti devono avere una durata compresa tra 24 e 36 mesi con inizio il 31 dicembre 2018, o il 15 o il 31gennaio 2019.

Per la presentazione delle proposte è necessario registrarsi al Portale dei partecipanti al fine di ottenere un Participant Identification Code (PIC). Il PIC sarà richiesto per generare l`eForm (formulario elettronico) e presentare la candidatura online.

Scadenza: 22/05/2018, ore 13:00

Accoglienza e inclusione dei migranti

Fondo FAMI per l’accoglienza e l’inclusione dei migranti

le_eithne_operation_triton

Con l’obiettivo di qualificare gli interventi di accoglienza, di favorire percorsi di inclusione socio-economica dei migranti, nonché di dare attuazione al Piano Nazionale di Integrazione presentato da questo Ministero a Settembre 2017, prende avvio la nuova fase di selezione delle proposte progettuali provenienti dal territorio a valere sul fondo FAMI (Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione). Tali interventi dovranno essere rivolti ai titolari e richiedenti di protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e cittadini di paesi terzi regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale. Il Ministero dell’Interno ha recentemente pubblicato tre nuovi avvisi pubblici per un totale di € 30.500.000.

I bandi riguardano la realizzazione di proposte progettuali a valere sulle seguenti azioni:

OS1/ON1: “Percorsi di inclusione in favore di minori stranieri non accompagnati (MSNA) presenti nelle strutture di seconda accoglienza” – € 10.000.000;

OS1/ON1: “Potenziamento del sistema di 1° e 2° accoglienza” – Tutela della salute dei richiedenti e titolari di protezione internazionale in condizione di vulnerabilità” – € 15.000.000;

OS2/ON3: “Promozione di interventi di inclusione sociale ed economica di cittadini dei Paesi terzi sviluppati in Italia e in altri Stati membri” – € 5.500.000;

I soggetti proponenti potranno presentare le proposte progettuali, previa registrazione, a partire dalle ore 12:00 del giorno 18 gennaio 2018 ed esclusivamente mediante procedura telematica, accedendo tramite il sito del Ministero dell’Interno https://fami.dlci.interno.it. Sarà a tale fine necessario dotarsi di casella di posta elettronica certificata (PEC) e di firma elettronica digitale.

Tutte le proposte progettuali potranno essere presentate fino alle ore 12:00 del 27 febbraio 2018.

Horizon 2020: pubblicato il bando Mobility for growth

Horizon 2020: pubblicato il bando Mobility for growth

bike-1208309__340

Pubblicata ufficialmente la call Mobility for growth.

I contenuti sono stati strutturati come segue:

  1. Costruire un futuro a basso tenore di carbonio e sostenibile per il clima: trasporti a bassa emissione di carbonio e sostenibili
  2. Sistemi di trasporto sicuri, integrati e resilienti
  3. Leadership globale e competitività
  4. Contabilità per la gente, con accessibilità e inclusione sociale.

Al momento sono stati pubblicati i seguenti topic:

  • LC-MG-1-1-2018: InCo flagship on reduction of transport impact on air quality
  • LC-MG-1-2-2018: Sustainable multi-modal inter-urban transport, regional mobility and spatial planning
  • LC-MG-1-4-2018: Hardening vehicle environmental protection systems against tampering
  • MG-2-1-2018: Human Factors in Transport Safety
  • MG-2-2-2018: Marine Accident Response
  • MG-3-1-2018: Multidisciplinary and collaborative aircraft design tools and processes
  • MG-3-2-2018: The Autonomous Ship
  • MG-3-3-2018: Driver behaviour and acceptance of connected, cooperative and automated transport

Data chiusura Stage 1: 30 gennaio 2018 – Data chiusura Stage 2: 19 settembre 2018

  • LC-MG-1-3-2018: Harnessing and understanding the impacts of changes in urban mobility on policy making by city-led innovation for sustainable urban mobility
  • MG-2-3-2018: Airworthiness of mass-market drones
  • MG-2-4-2018: Coordinating national efforts in modernizing transport infrastructure and provide innovative mobility services
  • MG-2-5-2018: Innovative technologies for improving aviation safety and certification in icing conditions (InCo flagship)
  • MG-4-1-2018: New regulatory frameworks to enable effective deployment of emerging technologies and business/operating models for all transport modes
  • MG-4-2-2018: Building Open Science platforms in transport research
  • MG-4-3-2018: Demographic change and participation of women in transport
  • MG-4-4-2018-2019: Support for dissemination events in the field of Transport Research
  • MG-BG-01-2018: Unmanned and autonomous survey activities at sea

Data chiusura: 4 aprile 2018

Data apertura: 5 settembre 2018

  • LC-MG-1-10-2019: Logistics solutions that deal with requirements of the ‘on demand economy’ and for shared-connected and low-emission logistics operations
  • LC-MG-1-5-2019: Advancements in aerodynamics and innovative propulsion systems for quieter and greener aircrafts
  • LC-MG-1-8-2019: Retrofit Solutions and Next Generation Propulsion for Waterborne Transport
  • LC-MG-1-9-2019: Upgrading transport infrastructure in order to monitor noise and emissions
  • MG-2-6-2019: Moving freight by Water: Sustainable Infrastructure and Innovative Vessels
  • MG-2-7-2019: Safety in an evolving road mobility environment
  • MG-2-8-2019: Innovative applications of drones for ensuring safety in transport
  • MG-2-9-2019: InCo Flagship on Integrated multimodal, low-emission freight transport systems and logistics

Data chiusura Stage 1: 16 gennaio 2019 – Data chiusura Stage 2: 12 settembre 2019

Data apertura: 4 dicembre 2018

  • LC-MG-1-6-2019: Aviation operations impact on climate change (InCo flagship)
  • LC-MG-1-7-2019: Future propulsion and integration: towards a hybrid/electric aircraft (InCo flagship)
  • MG-4-4-2018-2019: Support for dissemination events in the field of Transport Research
  • MG-4-5-2019: An inclusive digitally interconnected transport system meeting citizens’ needs
  • MG-4-6-2019: Supporting Joint Actions on sustainable urban accessibility and connectivity
  • MG-BG-02-2019: Ship emission control scenarios, marine environmental impact and mitigation

Data chiusura: 24 aprile 2019

EaSI: bando VP/2017/015

EaSI: bando VP/2017/015 per accordi quadro di partenariato con reti di ONG di livello europeo attive nei settori dell’inclusione sociale e riduzione della povertà e della microfinanza e finanza dell’impresa sociale

connect-20333_1280

Nell’ambito del programma EaSI è stato pubblicato un bando per la conclusione di accordi quadro di partenariato tra la Commissione UE e reti di ONG di livello europeo attive in due settori:
1) promozione dell’inclusione sociale e riduzione della povertà;
2) promozione dell’accesso alla finanza (nello specifico microfinanza e mercati della finanza dell’impresa sociale).
L’obiettivo del bando è favorire la collaborazione a lungo termine tra la Commissione UE e stakeholder chiave nell’attuazione della Strategia Europa 2020 nei settori interessati da EaSI. Gli accordi quadro di partenariato, della durata di 4 anni (2018-2021), sono infatti destinati a cofinanziare le spese sostenute dalle reti selezionate per la realizzazione di attività che contribuiscano all’attuazione delle priorità dell’UE nei due settori sopra indicati. Le attività da sostenere potranno consistere in:
– Attività analitiche, quali raccolta di dati e statistiche; sviluppo di metodologie comuni, analisi delle politiche e sviluppo di raccomandazioni politiche, monitoraggio e valutazione della legislazione, delle politiche e delle pratiche pertinenti, sviluppo di indicatori o benchmarks; studi e ricerche; mappatura di progetti; elaborazione e pubblicazione di guide, report e materiale didattico; workshop, seminari, riunioni di esperti e conferenze.
– Attività di formazione, qual scambi di personale, workshop, seminari, azioni di capacity-building, sviluppo di strumenti online di formazione o altri moduli formativi.
– Creazione e potenziamento di reti, apprendimento reciproco, cooperazione, attività di diffusione e sensibilizzazione.
ll bando è rivolto ad organizzazioni di livello europeo che:
– siano legalmente costituite e registrate in uno dei Paesi ammissibili a EaSI (vedi voce “Aree geografiche coinvolte a fondo scheda); Questo requisito deve sussistere da almeno 3 anni nel caso di organizzazioni attive nel settore della promozione dell’inclusione sociale e della riduzione della povertà;
– siano non governative, senza scopo di lucro e indipendenti;
– abbiano organizzazioni membri in almeno 15 Stati UE, se trattasi di organizzazioni attive nel settore della promozione dell’inclusione sociale e della riduzione della povertà, oppure in almeno 12 Stati UE, se trattasi di organizzazioni attive nel settore dell’accesso alla finanza;
– abbiano mandato di rappresentare i propri membri a livello UE e siano responsabili delle attività della rete.
Le candidature devono necessariamente contenere: 1) un piano strategico quadriennale (2018-2021) comprensivo di un quadro finanziario di previsione per l’attuazione del piano per i quattro anni; 2) il programma di lavoro annuale per il 2018, unitamente al relativo bilancio dettagliato.
Lo stanziamento UE messo a disposizione per il sostegno delle reti per l’anno 2018 è pari a 10,5 milioni di euro:
– 9 milioni per le reti attive nel settore della promozione dell’inclusione sociale e della riduzione della povertà,
– 1,5 milioni per le reti attive nel settore della promozione dell’accesso alla finanza.
Il cofinanziamento UE potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili per l’anno 2018. La sovvenzione richiesta deve essere compresa tra:
– 100mila euro e 1 milione di euro, per le reti attive nel settore della promozione dell’inclusione sociale e della riduzione della povertà;
– 100mila euro e 600mila euro, per le reti attive nel settore della promozione dell’accesso alla finanza.
La scadenza per la presentazione delle candidature è il 29 settembre 2017.