Bando per una borsa di studio EIBURS

Bando per una borsa di studio EIBURS

business-561387__340

L’ Istituto BEI ha pubblicato un bando per la concessione una borsa di studio EIBURS.

EIBURS (EIB University Research Sponsorship Programme) è uno dei due strumenti di sostegno alla ricerca universitaria rientranti nell’ambito del “Programma Sapere” dell’Istituto BEI. Offre borse di studio a facoltà universitarie o centri di ricerca associati a università impegnati in filoni o temi di ricerca di significativo interesse per il Gruppo BEI. Le borse di studio vengono assegnate, con procedura selettiva, a facoltà o centri di ricerca stabiliti nei Paesi UE, nei Paesi candidati o potenziali candidati che abbiano comprovata esperienza nel settore di interesse prescelto. La borsa consentirà all’istituto beneficiario di ricevere fino a 100.000 euro all’anno per un periodo di tre anni.

Per l’anno accademico 2019/2020 EIBURS intende assegnare una borsa di studio per il seguente filone di ricerca: Costruire il futuro della finanza inclusiva: il ruolo delle tecnologie finanziarie e della digitalizzazione”.

La finanza inclusiva, che mette prodotti e servizi finanziari e non finanziari a disposizione di persone o clienti disoccupati appartenenti a gruppi vulnerabili, costituisce uno strumento politico teso a mitigare la povertà e ridurre le sperequazioni reddituali. Tuttavia il settore della finanza inclusiva viene messo sempre più in discussione e criticato per vari motivi: la sua capacità di coinvolgimento non cresce più e i costi dei prestiti sono spesso ritenuti troppo elevati per rispondere efficacemente alle preoccupazioni di natura politica relative alla mitigazione della povertà. Pertanto, il progetto di ricerca punta ad esaminare se e in che misura l’innovazione tecnologica e finanziaria sia in grado di aumentare l’efficienza del settore della finanza inclusiva.

Scadenza: 15 aprile 2019

EaSI: Sviluppo del mercato della finanza per le imprese sociali

EaSI: Sviluppo del mercato della finanza per le imprese sociali

Training
Invito a presentare proposte (VP/2018/017) della Direzione generale Occupazione, Affari sociali e Inclusione della Commissione europea rivolto alle seguenti persone giuridiche:
1) un fondo di investimento, un fondo di fondi, una società veicolo (special purpose vehicle);
2) un organismo di (co-) investimento.

Obiettivo
Favorire un ulteriore sviluppo del mercato della finanza per l’imprenditoria sociale e facilitare un maggior accesso al credito per tali imprese e stimolare gli investimenti di capitale di rischio inferiori a 500.000 euro che altrimenti non avrebbero luogo.

Azioni
La sovvenzione è destinata agli intermediari finanziari che effettuano investimenti di capitale di rischio a lungo termine di entità inferiore a 500.000 euro, sotto forma di equity, quasi-equity o finanziamento ibrido, in imprese sociali stabilite nei Paesi ammissibili al programma EaSI.
La sovvenzione servirà a ridurre i costi di transazione per questi investimenti, contribuendo a superare una “falla” del mercato della finanza per le imprese sociali.
Finanziamenti:
Finanziamento massimo dell’UE: 80% dei costi ammissibili.
Cofinanziamento minimo richiesto ai beneficiari: 20% dei costi ammissibili.

Il contributo comunitario richiesto dovrà essere compreso tra i 300.000 e il 1.000.000 di euro.
Scadenza: 21/03/2019

Easi Programme -Supporto dei costi di transazione per la finanza delle imprese sociali – VP/2018/017

 Easi Programme -Supporto dei costi di transazione per la finanza delle imprese sociali – VP/2018/017

money-515058_960_720

La Commissione europea sta attualmente cercando proposte nell’ambito del programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI) per il sostegno dei costi delle transazioni per l’impresa sociale per promuovere l’occupazione e l’inclusione sociale migliorando l’accesso ai finanziamenti per le imprese sociali e sostenendo lo sviluppo del finanziamento dell’impresa sociale sul mercato.

L’obiettivo dell’invito è sviluppare il mercato finanziario dell’impresa sociale. Essa catalizzerà investimenti di capitale di rischio inferiori a 500 000 EUR, che altrimenti non si verificherebbero nel settore della finanza sociale, sostenendo i costi di transazione connessi a tali investimenti. Questo schema di supporto dei costi di transazione assume la forma di una sovvenzione e può essere combinato con strumenti finanziari come mezzo per affrontare il disallineamento delle dimensioni dei capitali necessari e sostenibili.

La sovvenzione è destinata agli intermediari finanziari che effettuano investimenti in capitale di rischio a lungo termine di importo inferiore a 500 000 EUR sotto forma di capitale, quasi-equity o finanziamento ibrido alle imprese sociali nel Paesi partecipanti EaSI. Servirà ad abbassare i costi di transazione per questi piccoli biglietti di investimento e quindi contribuire a superare un fallimento del mercato nel mercato finanziario dell’impresa sociale.

  • Il bilancio totale destinato al cofinanziamento dell’UE dei progetti nell’ambito del presente invito è stimato a 3000 000 EUR.
  • La sovvenzione UE richiesta dovrebbe indicativamente tra 300.000 e 1 milione di EUR.

Scadenza: 21 marzo 2019

Bando comunitario per il sostegno ai costi di transazione per la finanza delle imprese sociali

Bando comunitario per il sostegno ai costi di transazione per la finanza delle imprese sociali – Programma EaSI.

cooperativa sociale

Scadrà il 15 Aprile 2018 l’Invito a presentare proposte per il sostegno ai costi di transazione per la finanza delle imprese sociali, reso pubblico nell’ambito di EaSI, il Programma per l’Occupazione e l’Innovazione Sociale. Compito dello stesso sarà quello di testare uno strumento di sostegno ai costi di transazione per il finanziamento delle imprese sociali, per favorire lo sviluppo del mercato della finanza per l’imprenditoria sociale e un maggior accesso al credito per queste imprese.

La sovvenzione sarà destinata agli intermediari finanziari che effettuino investimenti di capitale di rischio a lungo termine di entità inferiore a 500.000,00 Euro (sotto forma di equity, quasi-equity o finanziamento ibrido) nelle imprese sociali stabilite nei Paesi ammissibili al Programma EaSI.

Potranno parteciparvi persone giuridiche stabilite nei Paesi ammissibili a EaSI quali:

  • Un organismo di (co-) investimento;
  • Un fondo di investimento, un fondo di fondi, una “società veicolo” (special purpose vehicle);
  • Una Fondazione pertinente.

La cifra massima disponibile, per il seguente Invito, sarà pari a 3.000.000,00 di Euro. I progetti selezionati potranno essere co-finanziati fino all’80% dei costi totali ammissibili dell’azione e il contributo richiesto dovrà essere compreso tra 300.000,00 e 1.000.000,00 di Euro.

EaSI: bando VP/2017/015

EaSI: bando VP/2017/015 per accordi quadro di partenariato con reti di ONG di livello europeo attive nei settori dell’inclusione sociale e riduzione della povertà e della microfinanza e finanza dell’impresa sociale

connect-20333_1280

Nell’ambito del programma EaSI è stato pubblicato un bando per la conclusione di accordi quadro di partenariato tra la Commissione UE e reti di ONG di livello europeo attive in due settori:
1) promozione dell’inclusione sociale e riduzione della povertà;
2) promozione dell’accesso alla finanza (nello specifico microfinanza e mercati della finanza dell’impresa sociale).
L’obiettivo del bando è favorire la collaborazione a lungo termine tra la Commissione UE e stakeholder chiave nell’attuazione della Strategia Europa 2020 nei settori interessati da EaSI. Gli accordi quadro di partenariato, della durata di 4 anni (2018-2021), sono infatti destinati a cofinanziare le spese sostenute dalle reti selezionate per la realizzazione di attività che contribuiscano all’attuazione delle priorità dell’UE nei due settori sopra indicati. Le attività da sostenere potranno consistere in:
– Attività analitiche, quali raccolta di dati e statistiche; sviluppo di metodologie comuni, analisi delle politiche e sviluppo di raccomandazioni politiche, monitoraggio e valutazione della legislazione, delle politiche e delle pratiche pertinenti, sviluppo di indicatori o benchmarks; studi e ricerche; mappatura di progetti; elaborazione e pubblicazione di guide, report e materiale didattico; workshop, seminari, riunioni di esperti e conferenze.
– Attività di formazione, qual scambi di personale, workshop, seminari, azioni di capacity-building, sviluppo di strumenti online di formazione o altri moduli formativi.
– Creazione e potenziamento di reti, apprendimento reciproco, cooperazione, attività di diffusione e sensibilizzazione.
ll bando è rivolto ad organizzazioni di livello europeo che:
– siano legalmente costituite e registrate in uno dei Paesi ammissibili a EaSI (vedi voce “Aree geografiche coinvolte a fondo scheda); Questo requisito deve sussistere da almeno 3 anni nel caso di organizzazioni attive nel settore della promozione dell’inclusione sociale e della riduzione della povertà;
– siano non governative, senza scopo di lucro e indipendenti;
– abbiano organizzazioni membri in almeno 15 Stati UE, se trattasi di organizzazioni attive nel settore della promozione dell’inclusione sociale e della riduzione della povertà, oppure in almeno 12 Stati UE, se trattasi di organizzazioni attive nel settore dell’accesso alla finanza;
– abbiano mandato di rappresentare i propri membri a livello UE e siano responsabili delle attività della rete.
Le candidature devono necessariamente contenere: 1) un piano strategico quadriennale (2018-2021) comprensivo di un quadro finanziario di previsione per l’attuazione del piano per i quattro anni; 2) il programma di lavoro annuale per il 2018, unitamente al relativo bilancio dettagliato.
Lo stanziamento UE messo a disposizione per il sostegno delle reti per l’anno 2018 è pari a 10,5 milioni di euro:
– 9 milioni per le reti attive nel settore della promozione dell’inclusione sociale e della riduzione della povertà,
– 1,5 milioni per le reti attive nel settore della promozione dell’accesso alla finanza.
Il cofinanziamento UE potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili per l’anno 2018. La sovvenzione richiesta deve essere compresa tra:
– 100mila euro e 1 milione di euro, per le reti attive nel settore della promozione dell’inclusione sociale e della riduzione della povertà;
– 100mila euro e 600mila euro, per le reti attive nel settore della promozione dell’accesso alla finanza.
La scadenza per la presentazione delle candidature è il 29 settembre 2017.

Finanza & E-commerce

Finanza & E-commerce

Regione Lombardia e le Camere di Commercio lombarde promuovono il Bando “Finanza & E-commerce” per accompagnare le imprese intenzionate a sviluppare e consolidare la propria posizione sui mercati esteri agevolando le seguenti tipologie di investimento: Linea A): redazione e attuazione del Piano finanziario aziendale per l’export da predisporre e attuare con l’assistenza di un EBM; Linea B): individuazione di piattaforme e-marketplace B2C e acquisizione di strumenti e servizi per avviare o qualificare l’attività di vendita sui canali e-commerce B2C.
Obiettivo del bando è quello di accompagnare le MPMI lombarde nello sviluppo e nel consolidamento della propria posizione sui mercati esteri.
Beneficiari possono quindi essere MPMI, consorzi e/o le aggregazioni di imprese lombarde.
Modulistica necessaria:
– Domanda standard (Allegato A)
– Domanda per aggregazioni di imprese (Allegato B)
– Dichiarazione de minimis (Allegato C) – Modello collegate (Allegato C-bis)
– Atto di delega (Allegato D)
La domanda va compilata esclusivamente in forma telematica (compilando i campi del pdf editabile) e tutta la documentazione deve essere firmata digitalmente. Webtelemaco non accetta file con formato differente dal p7m. In caso di delega e in assenza di firma digitale del delegante, occorre:
• sottoscrivere l’atto di delega con firma autografa
• allegare il documento di identità del delegante generando un file unico
• apporre la firma digitale del delegato per convertirlo in file p7m.
In caso il delegante sia in possesso di firma digitale propria, la delega andrà firmata digitalmente dallo stesso e non occorre allegare il documento di identità del delegante.
Le domande devono essere presentate a partire dalle ore 14:30 del 6 aprile 2017 fino ad esaurimento risorse (e comunque non oltre le 12:00 del 21 luglio) esclusivamente tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it.