Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: bando 2020 per programmi multipli a seguito di squilibri del mercato causati dalla pandemia di Covid-19

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: bando 2020 per programmi multipli a seguito di squilibri del mercato causati dalla pandemia di Covid-19

fruit-428082_960_720

Il programma per la Promozione Prodotti agricoli prevede la disponibilità di sovvenzioni da erogare attraverso uno specifico invito a presentare proposte da lanciare qualora si verifichino gravi perturbazioni del mercato, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici. Questo bando, aggiuntivo rispetto al bando ordinario 2020 per programmi multipli, viene lanciato allo scopo di sovvenzionare azioni per ripristinare le ordinarie condizioni di mercato turbato a seguito della pandemia da Covid-19.

Obiettivo del bando è quello di rafforzare la competitività del settore agricolo dell’Unione e in particolare ripristinare condizioni normali di mercato in caso di turbative gravi dello stesso, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici.

Programmi di informazione e promozione progettati per reagire alle gravi perturbazioni del mercato impreviste, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici dovuti all’impatto del Covid-19.

Un programma di informazione e di promozione consiste in un insieme coerente di operazioni come attività promozionali e campagne di informazione, in particolare in forma di relazioni pubbliche, pubblicità, attività di vendita, partecipazione a eventi e fiere di importanza nazionale, europea e internazionale, ecc.

I programmi finanziati da questo bando possono riguardare solo i settori per i quali sono state adottate misure eccezionali ovvero: frutta e verdura, esclusi gli ortofrutticoli trasformati, vino; alberi vivi e altre piante, bulbi, radici e simili, fiori recisi e fogliame ornamentale; latte e prodotti lattiero-caseari e patate destinate alla trasformazione (escluse quelle destinate al mercato delle patate fresche); devono inoltre avere una dimensione europea, in termini di contenuto e impatto e possono essere attuati nel mercato interno o in uno o più paesi terzi.

Questi programmi devono essere mirati e attuati per un periodo di un anno (a partire dal 1° dicembre 2020).

Attività ammissibili:

  1. Gestione del progetto
  2. Relazioni pubbliche: azioni di PR, eventi stampa.
  3. Sito web, social media: configurazione, manutenzione, aggiornamento del sito web, social media (configurazione degli account, pubblicazione regolare di post), applicazioni per dispositivi mobili, piattaforme di e-learning, seminari online, ecc.
  4. Pubblicità: stampa, TV, radio, servizi online, attività in ambienti esterni, cinema.
  5. Strumenti di comunicazione: pubblicazioni, kit mediatici, gadget promozionali; video promozionali
  6. Eventi: stand in fiere; seminari, workshop, incontri tra imprese, formazioni commerciali/corsi di cucina, attività nelle scuole; settimane dei ristoranti; sponsorizzazione di eventi; viaggi di studio in Europa
  7. Promozione presso i punti vendita: giornate di degustazione; promozione nelle pubblicazioni destinate ai dettaglianti, pubblicità presso i punti vendita

I richiedenti devono rientrare in una delle seguenti categorie:

  1. organizzazioni commerciali o interprofessionali, stabilite in uno Stato membro e rappresentative del settore o dei settori interessati in tale Stato membro, in particolare le organizzazioni interprofessionali di cui ai regolamenti 1308/2013 (art. 157) e 1151/2012 (art. 3, punto 2) purché siano rappresentative di un nome protetto ai sensi di quest’ultimo regolamento;
  2. organizzazioni commerciali o interprofessionali dell’Unione rappresentative del settore interessato o dei settori interessati a livello di Unione;
  3. organizzazioni di produttori o associazioni di organizzazioni di produttori di cui al regolamento 1308/2013 (artt. 152 e 157) e che sono state riconosciute da uno Stato membro;
  4. organismi del settore agroalimentare il cui obiettivo e la cui attività consistano nel promuovere i prodotti agricoli e nel fornire informazioni sugli stessi, e che siano stati investiti dallo Stato membro interessato di attribuzioni di servizio pubblico chiaramente definite in questo ambito (devono essere legalmente costituiti almeno due anni prima del bando al quale intendono candidarsi).

Il proponente deve essere rappresentativo del settore o del prodotto interessato (tale rappresentatività deve rispondere a requisiti specifici precisati nel testo de bando).

Il contributo comunitario può coprire fino all’85% dei costi ammissibili

Le proposte di progetto per programmi multipli devono essere presentate da un partenariato di almeno due soggetti ammissibili di due diversi Stati membri oppure da una o più organizzazioni europee; possono essere scritte in una lingua qualsiasi dell’UE (di preferenza l’inglese).

La presentazione delle proposte di progetto deve essere fatta via web attraverso il portale Funding and Tender della Commissione europea.

Scadenza: 27/08/2020

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: bando 2020 per programmi semplici a seguito di squilibri del mercato causati dalla pandemia di Covid-19

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: bando 2020 per programmi semplici a seguito di squilibri del mercato causati dalla pandemia di Covid-19

fruit-428082_960_720

Il programma per la Promozione Prodotti agricoli prevede la disponibilità di sovvenzioni da erogare attraverso uno specifico invito a presentare proposte da lanciare qualora si verifichino gravi perturbazioni del mercato, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici. Questo bando, aggiuntivo rispetto al bando ordinario 2020 per programmi semplici, viene lanciato allo scopo di sovvenzionare azioni per ripristinare le ordinarie condizioni di mercato turbato a seguito della pandemia da Covid-19.

Obiettivo del bando è quello di rafforzare la competitività del settore agricolo dell’Unione e in particolare ripristinare condizioni normali di mercato in caso di turbative gravi dello stesso, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici.

Programmi di informazione e promozione progettati per reagire alle gravi perturbazioni del mercato impreviste, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici dovuti all’impatto del Covid-19.

Un programma di informazione e di promozione consiste in un insieme coerente di operazioni come attività promozionali e campagne di informazione, in particolare in forma di relazioni pubbliche, pubblicità, attività di vendita, partecipazione a eventi e fiere di importanza nazionale, europea e internazionale, ecc.

I programmi finanziati da questo bando possono riguardare solo i settori per i quali sono state adottate misure eccezionali ovvero: frutta e verdura, esclusi gli ortofrutticoli trasformati, vino; alberi vivi e altre piante, bulbi, radici e simili, fiori recisi e fogliame ornamentale; latte e prodotti lattiero-caseari e patate destinate alla trasformazione (escluse quelle destinate al mercato delle patate fresche); devono inoltre avere una dimensione europea, in termini di contenuto e impatto e possono essere attuati nel mercato interno o in uno o più paesi terzi.

Questi programmi devono essere mirati e attuati per un periodo di un anno (a partire dal 1° gennaio 2021).

Attività ammissibili:

  1. Gestione del progetto
  2. Relazioni pubbliche: azioni di PR, eventi stampa.
  3. Sito web, social media: configurazione, manutenzione, aggiornamento del sito web; social media (configurazione degli account, pubblicazione regolare di post), applicazioni per dispositivi mobili, piattaforme di e-learning, seminari online, ecc.
  4. Pubblicità: stampa, TV, radio, servizi online, attività in ambienti esterni, cinema
  5. Strumenti di comunicazione: pubblicazioni, kit mediatici, gadget promozionali; video promozionali
  6. Eventi: stand in fiere; seminari, workshop, incontri tra imprese, formazioni commerciali/corsi di cucina, attività nelle scuole; settimane dei ristoranti; sponsorizzazione di eventi; viaggi di studio in Europa
  7. Promozione presso i punti vendita: giornate di degustazione; promozione nelle pubblicazioni destinate ai dettaglianti, pubblicità presso i punti vendita

I richiedenti devono rientrare in una delle seguenti categorie:

  1. organizzazioni commerciali o interprofessionali, stabilite in uno Stato membro e rappresentative del settore o dei settori interessati in tale Stato membro, in particolare le organizzazioni interprofessionali di cui ai regolamenti 1308/2013 (art. 157) e 1151/2012 (art. 3, punto 2) purché siano rappresentative di un nome protetto ai sensi di quest’ultimo regolamento;
  2. organizzazioni di produttori o associazioni di organizzazioni di produttori di cui al regolamento 1308/2013 (artt. 152 e 156) e che sono state riconosciute da uno Stato membro;
  3. organismi del settore agroalimentare il cui obiettivo e la cui attività consistano nel promuovere i prodotti agricoli e nel fornire informazioni sugli stessi e che siano stati investiti dallo Stato membro interessato di attribuzioni di servizio pubblico chiaramente definite in questo ambito (devono essere stati legalmente costituiti almeno due anni prima del bando al quale intendono candidarsi).

Il proponente deve essere rappresentativo del settore o del prodotto interessato (tale rappresentatività deve rispondere a requisiti specifici precisati nel testo de bando).

La sovvenzione può coprire fino all’85% dei costi ammissibili

Le proposte di progetto per programmi semplici possono essere presentate da una organizzazione proponente o da più organizzazioni in partnership, TUTTE del MEDESIMO STATO MEMBRO.

Per l’esecuzione dei programmi gli organismi ai quali è stata approvata la proposta progettuale, devono selezionare gli organismi di esecuzione attraverso una procedura di gara. Gli organismi selezionati devono dar prova di efficienza e di non trovarsi in condizioni di conflitto di interessi. È possibile per il proponente dare esecuzione esso stesso ad alcune parti del programma, a condizione che i suoi costi siano pari a quelli di mercato e che possieda un’esperienza di almeno tre anni nell’attuazione di azioni di informazione e promozione. La selezione dell’organismo di esecuzione, se prevista, dovrebbe essere fatta prima della firma del contratto di sovvenzione con la Commissione.

La presentazione delle proposte di progetto deve essere fatta via web attraverso il portale Funding and Tender della Commissione europea.

Scadenza: 27/08/2020

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: programmi semplici 2020

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: bando 2020 per programmi semplici

fruit-428082_960_720

Obiettivo del presente bando è quello di rafforzare la competitività del settore agricolo dell’Unione e in particolare:

  1. migliorare il grado di conoscenza dei meriti dei prodotti agricoli dell’Ue e degli elevati standard applicabili ai metodi di produzione nell’Ue;
  2. aumentare la competitività e il consumo dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari dell’Ue e ottimizzarne l’immagine tanto all’interno quanto all’esterno dell’Unione;
  3. rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell’Ue;
  4. aumentare la quota di mercato dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari dell’Ue, prestando particolare attenzione ai mercati di paesi terzi che presentano il maggior potenziale di crescita;
  5. ripristinare condizioni normali di mercato in caso di turbative gravi dello stesso, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici.

Azioni

I programmi di informazione e di promozione consistono in un insieme coerente di operazioni come attività promozionali e campagne di informazione, in particolare in forma di relazioni pubbliche, pubblicità, attività di vendita, partecipazione a eventi e fiere di importanza nazionale, europea e internazionale, ecc.

Il bando riguarda l’esecuzione di programmi semplici (che possono essere presentati da una organizzazione proponente o da più organizzazioni riunite in un partenariato, tutte dello stesso Stato membro) relativi ad azioni nel mercato interno o nei Paesi terzi nell’ambito dei seguenti temi:

MERCATO INTERNO

Tema 1: Programmi di informazione e di promozione destinati a rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell’Unione:

– regimi che riguardano i prodotti DOP, IGP, STG e le indicazioni facoltative di qualità,

– metodo di produzione biologica,

– simbolo grafico (logo) dei prodotti agricoli di qualità caratteristici delle Regioni ultraperiferiche dell’UE.

Budget indicativo: 12.000.000 euro

Tema 2: Programmi di informazione e di promozione destinati a mettere in evidenza le specificità dei metodi di produzione agricola nell’Ue (in particolare sul piano della sicurezza alimentare, della tracciabilità, dell’autenticità, dell’etichettatura, degli aspetti nutrizionali e sanitari, del benessere degli animali, del rispetto dell’ambiente e della sostenibilità) e le caratteristiche intrinseche dei prodotti agroalimentari europei in termini di qualità, sapore, diversità o tradizioni e dei regimi di qualità. Impatto finale atteso: aumentare il grado di conoscenza dei meriti dei prodotti agricoli UE da parte dei consumatori europei e migliorare la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari UE, la loro immagine e la loro quota di mercato.

Budget indicativo: 8.000.000 euro

PAESI TERZI

Tema 3: Azioni di informazione e di promozione destinati a uno o più dei seguenti paesi: Cina (compresi Hong Kong e Macao), Giappone, Corea del Sud, Taiwan, regione del sud-est asiatico o Asia meridionale

Budget indicativo: 27.500.000 euro

Tema 4: Programmi di informazione e di promozione destinati a uno o più dei seguenti paesi: Canada, Stati Uniti o Messico

Budget indicativo: 20.000.000 euro

Tema 5: Programmi di informazione e di promozione destinati ad altre zone geografiche

Budget indicativo: 22.500.000 euro

Tema 6: Informazioni e programmi di promozione sulle carni bovine destinati a qualsiasi Paese terzo

Budget indicativo: 5.000.000 euro

Dalle azioni nei Paesi terzi ci si attende che migliorino la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari UE e la loro immagine e che facciano aumentare la quota di mercato nei paesi destinatari.

Attività ammissibili:

  1. Gestione del progetto
  2. Relazioni pubbliche: azioni di PR, eventi stampa.
  3. Sito web, social media: configurazione, manutenzione, aggiornamento del sito web; social media (configurazione degli account, pubblicazione regolare di post), applicazioni per dispositivi mobili, piattaforme di e-learning, seminari online, ecc.
  4. Pubblicità: stampa, TV, radio, servizi online, attività in ambienti esterni, cinema
  5. Strumenti di comunicazione: pubblicazioni, kit mediatici, gadget promozionali; video promozionali
  6. Eventi: stand in fiere; seminari, workshop, incontri tra imprese, formazioni commerciali/corsi di cucina, attività nelle scuole; settimane dei ristoranti; sponsorizzazione di eventi; viaggi di studio in Europa
  7. Promozione presso i punti vendita: giornate di degustazione; promozione nelle pubblicazioni destinate ai dettaglianti, pubblicità presso i punti vendita

Beneficiari

I richiedenti devono rientrare in una delle seguenti categorie:

  1. organizzazioni professionali o interprofessionali, stabilite in uno Stato membro e rappresentative del settore o dei settori interessati in tale Stato membro, in particolare le organizzazioni interprofessionali di cui ai regolamenti 1308/2013 (art. 157) e 1151/2012 (art. 3, punto 2) purché siano rappresentative di un nome protetto ai sensi di quest’ultimo regolamento;
  2. organizzazioni di produttori o associazioni di organizzazioni di produttori di cui al regolamento 1308/2013 (artt. 152 e 156) e che sono state riconosciute da uno Stato membro;
  3. organismi del settore agroalimentare il cui obiettivo e la cui attività consistano nel promuovere i prodotti agricoli e nel fornire informazioni sugli stessi e che siano stati investiti dallo Stato membro interessato di attribuzioni di servizio pubblico chiaramente definite in questo ambito (devono essere stati legalmente costituiti almeno due anni prima del bando al quale intendono candidarsi).

Il proponente deve essere rappresentativo del settore o del prodotto interessato (tale rappresentatività deve rispondere a requisiti specifici precisati nel testo de bando).

Non sono ammissibili a presentare proposte soggetti che già ricevono finanziamenti per le stesse azioni di informazione e di promozione.

Entità Contributo

– programmi semplici nel mercato interno: fino al 70% dei costi ammissibili

– programmi semplici nei Paesi terzi: fino all’80% dei costi ammissibili

Scadenza: 03/06/2020

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: programmi multipli 2020

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: bando 2020 per programmi multipli

fruit-428082_960_720

Obiettivo del presente bando è quello di rafforzare la competitività del settore agricolo dell’Unione e in particolare:

  1. migliorare il grado di conoscenza dei meriti dei prodotti agricoli dell’Ue e degli elevati standard applicabili ai metodi di produzione nell’Ue;
  2. aumentare la competitività e il consumo dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari dell’Unione e ottimizzarne l’immagine, tanto all’interno quanto all’esterno dell’Ue;
  3. rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell’Ue;
  4. aumentare la quota di mercato dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari dell’Unione, prestando particolare attenzione ai mercati di paesi terzi che presentano il maggior potenziale di crescita;
  5. ripristinare condizioni normali di mercato in caso di turbative gravi del mercato, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici.

I programmi di informazione e di promozione consistono in un insieme coerente di operazioni come attività promozionali e campagne di informazione, in particolare in forma di relazioni pubbliche, pubblicità, attività di vendita, partecipazione a eventi e fiere di importanza nazionale, europea e internazionale, ecc.

Il bando riguarda l’esecuzione di programmi multipli, che devono essere presentati da almeno due organizzazioni proponenti provenienti da Stati membri diversi, oppure da una o più organizzazioni dell’Unione e che devono essere relativi ad azioni nel mercato interno o nei Paesi terzi.

Le proposte di promozione possono riguardare:

– i prodotti compresi nell’Allegato I al Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, escluso il tabacco;

– i prodotti contenuti nell’Allegato I del regolamento istitutivo del programma;

– le bevande spiritose a indicazione geografica protetta (ex regolamento 110/2008).

Inoltre, a livello di mercato interno, se riguardano uno dei regimi elencati nel seguito, devono concentrarsi su tali regimi nel messaggio principale dell’Unione (se uno o più prodotti illustrano questo regime, il prodotto deve essere secondario in relazione al messaggio principale). I regimi in oggetto sono i seguenti:

  1. i regimi di qualità (stabiliti dai regolamenti 1151/2012, 110/2008; 1308/2013 – art. 93)
  2. il metodo di produzione biologica (definito dal regolamento 834/2007)
  3. il simbolo grafico dei prodotti agricoli di qualità tipici delle regioni ultra-periferiche (di cui al regolamento 228/2013 – art. 21);
  4. i regimi di qualità di cui al regolamento 1305/2013, art. 16, par 1, lettere b) e c)

Una proposta deve rientrare in una delle seguenti priorità tematiche:

MERCATO INTERNO

Tema A: Programmi di informazione e di promozione destinati a rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell’Unione oppure programmi di informazione e di promozione destinati a mettere in evidenza le specificità dei metodi di produzione agricola nell’Unione e le caratteristiche dei prodotti agroalimentari dell’UE e dei regimi di qualità

– regimi di qualità: DOP, IGP, STG e le indicazioni facoltative di qualità;

– metodo di produzione biologica

– simbolo grafico (logo) dei prodotti agricoli di qualità caratteristici delle Regioni ultraperiferiche dell’Ue.

Budget indicativo: 35.000.000 euro

Tema B: Programmi di informazione e di promozione che mirano ad aumentare il consumo di frutta e verdura fresca nel contesto di abitudini alimentari corrette ed equilibrate

I messaggi possono concentrarsi ad esempio sulla promozione di un consumo quotidiano di almeno cinque porzioni di vari tipi di frutta e verdura, o sulla posizione della frutta e della verdura nella piramide alimentare e sui loro effetti benefici sulla salute ecc., con l’obiettivo di migliorare la competitività e il consumo di prodotti agroalimentari dell’Ue.

Budget indicativo: 8.000.000 euro

PAESI TERZI

Tema C: Programmi di informazione e di promozione destinati a qualsiasi paese terzo

I programmi di informazione e promozione sono rivolti a uno o più paesi terzi e si propongono di migliorare la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari dell’Ue, ottimizzarne l’immagine e aumentare la loro quota di mercato nei paesi destinatari

Budget indicativo: 43.400.000 euro

Attività ammissibili:

  1. Gestione del progetto
  2. Relazioni pubbliche: azioni di PR, eventi stampa.
  3. Sito web, social media: configurazione, manutenzione, aggiornamento del sito web, social media (configurazione degli account, pubblicazione regolare di post), applicazioni per dispositivi mobili, piattaforme di e-learning, seminari online, ecc.
  4. Pubblicità: stampa, TV, radio, servizi online, attività in ambienti esterni, cinema.
  5. Strumenti di comunicazione: pubblicazioni, kit mediatici, gadget promozionali; video promozionali
  6. Eventi: stand in fiere; seminari, workshop, incontri tra imprese, formazioni commerciali/corsi di cucina, attività nelle scuole; settimane dei ristoranti; sponsorizzazione di eventi; viaggi di studio in Europa
  7. Promozione presso i punti vendita: giornate di degustazione; promozione nelle pubblicazioni destinate ai dettaglianti, pubblicità presso i punti vendita

Beneficiari

I richiedenti devono rientrare in una delle seguenti categorie:

  1. organizzazioni professionali o interprofessionali, stabilite in uno Stato membro e rappresentative del settore o dei settori interessati in tale Stato membro, in particolare le organizzazioni interprofessionali di cui ai regolamenti 1308/2013 (art. 157) e 1151/2012 (art. 3, punto 2) purché siano rappresentative di un nome protetto ai sensi di quest’ultimo regolamento;
  2. organizzazioni professionali o interprofessionali dell’Unione rappresentative del settore interessato o dei settori interessati a livello di Unione;
  3. organizzazioni di produttori o associazioni di organizzazioni di produttori di cui al regolamento 1308/2013 (artt. 152 e 157) e che sono state riconosciute da uno Stato membro;
  4. organismi del settore agroalimentare il cui obiettivo e la cui attività consistano nel promuovere i prodotti agricoli e nel fornire informazioni sugli stessi, e che siano stati investiti dallo Stato membro interessato di attribuzioni di servizio pubblico chiaramente definite in questo ambito (devono essere legalmente costituiti almeno due anni prima del bando al quale intendono candidarsi).

Il proponente deve essere rappresentativo del settore o del prodotto interessato (tale rappresentatività deve rispondere a requisiti specifici precisati nel testo de bando).

Non sono ammissibili a presentare proposte soggetti che già ricevono finanziamenti per le stesse azioni di informazione e di promozione, già finanziate da un bando precedente.

Il contributo comunitario può coprire fino all’80% dei costi ammissibili

Scadenza: 03/06/2020

PSR 2014-2020, Operazione 4.2.1 Trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli

PSR 2014-2020, Operazione 4.2.1 Trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli

fruit-428082_960_720

Il bando prevede aiuti alle imprese agroindustriali attive nel settore della trasformazione e commercializzazione per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature ed opere edili.

L’aiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale (percentuale di aiuto pari al 40% della spesa ammissibile). La percentuale di aiuto concessa alle PMI per investimenti concernenti la trasformazione di prodotti agricoli in prodotti non agricoli (fuori allegato I del TFUE) è pari al 10 % della spesa ammissibile.

La spesa massima ammissibile per domanda di sostegno è di € 1.000.000,00; la spesa minima ammissibile per domanda è di € 300.000,00.

Possono partecipare Imprese agroindustriali iscritte al registro delle imprese della CCIAA, attive nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti Allegato I del TFUE, esclusi i prodotti della pesca.

Scadenza 28/02/2020

EaSI – Asse Progress: bando VP/2019/015 – Azioni per accrescere lo sviluppo del mercato della finanza per le imprese sociali

EaSI - Asse Progress: bando VP/2019/015 – Azioni per accrescere lo sviluppo del mercato della finanza per le imprese sociali

hand-1917895_640

Obiettivo del presente bando è di contribuire allo sviluppo di un mercato della finanza sociale ideando e lanciando strumenti finanziari per le imprese sociali e, allo stesso tempo, generando una domanda effettiva di finanza sociale tra tali imprese attraverso lo sviluppo della loro investment readiness. Si intende inoltre contribuire ad ampliare la gamma degli strumenti finanziari esistenti a livello UE, quali la Garanzia EaSI, gli investimenti EaSI per la Capacity Building, gli strumenti di investimento a impatto sociale del FEIS, nonché il futuro strumento per l’imprenditoria sociale che sarà lanciato nell’ambito del Fondo InvestEU.

Il bando sostiene lo sviluppo di partenariati di finanza sociale e di strumenti o meccanismi finanziari fattibili, adeguati e affidabili destinati alle imprese sociali, nonché azioni di supporto non finanziario volto a migliorare la investment readiness di queste imprese (servizi di business development e networking).

Strand A – Creazione di partenariati di finanza sociale

Questo filone intende facilitare lo sviluppo di un consorzio e l’impegno ad agire per gettare le basi per un futuro strumento finanziario per le imprese sociali. Il filone è indicato per azioni in Paesi in cui il mercato della finanza sociale non è ancora sviluppato. Mira ad affrontare situazioni in cui non esistono strumenti adeguati di finanza sociale e mancano investitori o istituti di credito preparati a lanciare o a partecipare a uno strumento finanziario per le imprese sociali.

Strand B – Creazione di meccanismi e strumenti di finanza sociale

Questo filone mira a mobilitare partner chiave (potenziali investitori, organizzazioni di sostegno e stakeholder) per agire e cooperare al fine di istituire uno strumento finanziario concreto. Il filone è indicato per azioni in Paesi in cui il mercato della finanza sociale è poco sviluppato. Mira ad affrontare situazioni in cui vi è conoscenza delle esigenze del mercato della finanza sociale e delle carenze di finanziamento e sono presenti potenziali investitori, istituti di credito e intermediari finanziari disposti a investire/supportare le imprese sociali, ma non dispongono di expertise per la preparazione degli accordi contrattuali necessari per la creazione di uno strumento finanziario.

Le azioni relative a questi due filoni di intervento devono essere realizzate nei Paesi partecipanti ad EaSI-Asse Progress e devono focalizzarsi sul sostegno a imprese sociali che necessitano di investimenti contenuti (<500.000 euro).

Beneficiari di questo bando sono gli organismi pubblici e privati stabiliti in uno dei seguenti Paesi ammissibili a EaSI- Progess: Paesi UE; Islanda e Norvegia; Albania, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia, Turchia.

Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta deve essere compresa indicativamente tra:

  • 150.000-200.000 € per i progetti relativi allo Strand A
  • 200.000-250.000 € per i progetti relativi allo Strand B

I progetti devono essere realizzati da un consorzio costituito da almeno 3 partner – il lead applicant + 2 co-applicant – di 3 Paesi ammissibili.

In particolare, per i progetti relativi allo Strand A il consorzio deve coinvolgere almeno un (potenziale) investitore intenzionato a investire/co-investire nel prodotto finanziario previsto e un’organizzazione di supporto intenzionata a fornire servizi di business development/investment readiness. Per i progetti relativi allo Strand B il consorzio deve coinvolgere almeno un investitore pubblico o privato che si impegna a investire/co-investire nello strumento finanziario da istituire e un’organizzazione di supporto che si impegna a fornire servizi di business development/investment readiness.

I progetti devono avere una durata compresa tra 18 e 24 mesi, indicativamente con inizio a ottobre 2020.

Scadenza: 21/04/2020

PARTECIPAZIONE A MERCATI ED INIZIATIVE DI NETWORKING

PARTECIPAZIONE A MERCATI ED INIZIATIVE DI NETWORKING

network-1020332_1280

Il presente Avviso intende sostenere la capacità degli operatori del comparto campano di sviluppare progetti originali e innovativi, incoraggiarne la sperimentazione nei nuovi linguaggi dell’audiovisivo, agevolare i loro rapporti di coproduzione con soggetti operanti in altri paesi dell’Unione Europea e del mondo, ampliare e diversificare le fonti di finanziamento e dare maggiore visibilità ai progetti sui mercati dell’Unione e altri mercati internazionali in genere.

Destinatari dell’intervento sono le imprese che esercitino come attività primaria o secondaria la produzione e/o la distribuzione di opere audiovisive, per sostenere economicamente la partecipazione di professionisti del comparto audiovisivo campano a manifestazioni di networking professionale, tramite il rimborso di spese vive sostenute per l’accreditamento, la redazione di materiali utili alla partecipazione, nonché viaggi e soggiorni dei professionisti che prenderanno ufficialmente parte agli eventi.

L’importo destinato all’intervento oggetto del presente Avviso è pari a € 20.000,00 (ventimila/00). L’importo concedibile a titolo di rimborso dei costi ammissibili non potrà eccedere l’importo di € 3.000,00 per singola domanda.

Possono partecipare imprese operanti nel settore audiovisivo con sede legale in Campania o con unità operativa attiva sul territorio regionale della Campania da almeno 12 mesi, la cui attività primaria o secondaria sia la produzione, la post-produzione o la distribuzione cinematografica, di video, di programmi televisivi e di film con codici ATECO 59.11 e/o 59.12 e/o 59.13

Lo sportello per la presentazione delle domande resterà aperto fino al 16 dicembre 2019, a meno di chiusura anticipata per esaurimento delle risorse disponibili. La domanda dovrà essere inviata esclusivamente tramite PEC all’indirizzo poc_linea3@pec.it con oggetto “POC 2014 – 2020: CUP B29D17008310001 – CIG ZDC295BAEB Linea di Azione3 – Empowering Talent / Accesso a Mercati e Networking 2019”.

Opportunità di finanziamento GSA: Enhanced GNSS Receiver / User Terminal

Opportunità di finanziamento GSA: Enhanced GNSS Receiver / User Terminal

work-731198_1280

L’Agenzia del GNSS europeo (GSA) ha aperto un invito a presentare proposte nell’ambito del suo meccanismo di finanziamento Fundamental Elements, mirando all’implementazione delle funzionalità OS-NMA e / o I / NAV in ricevitori vicini al mercato e / o user terminal GNSS.

La presente call mira a implementare le funzionalità di miglioramento OS-NMA e / o I / NAV in ricevitori vicini al mercato (ad es. TRL minimo 7) e / o user terminal GNSS adatti a domini applicativi di destinazione diversi dallo Smart Tachograph.

I richiedenti sono invitati a proporre una soluzione per raggiungere questo obiettivo in modo tale che:

  • Il ricevitore e / o il terminale devono essere in grado di ricevere ed elaborare OS-NMA e / o essere pienamente conformi e fare un uso ottimale delle nuove funzionalità I / NAV di Galileo E1-OS introdotte con il documento di controllo dell’interfaccia di servizio aperto Galileo (OS ICD).
  • In caso di implementazione OS-NMA, il ricevitore potenziato e / o l’user terminal GNSS mirano a ottimizzare il livello di protezione almeno contro quegli attacchi di spoofing specifici dell’applicazione di destinazione.
  • Il ricevitore sviluppato e / o user terminal GNSS devono essere efficienti in termini di costi e conformi ai vincoli specifici dell’applicazione.

Differenziatori EGNSS: miglioramenti OS-NMA e I / NAV

Come parte del suo portafoglio di servizi, Galileo prevede di fornire una funzionalità di autenticazione dei messaggi di navigazione sul suo Open Service (OS). Dal punto di vista di Galileo, la Navigation Message Authentication (NMA) è definita come la capacità del sistema di garantire agli utenti che stanno utilizzando i dati di navigazione dei satelliti Galileo e non di qualsiasi altra fonte potenzialmente dannosa.

Inoltre, con lo stesso obiettivo di migliorare il portafoglio di servizi Galileo, tre nuove funzionalità saranno presto fornite gratuitamente a tutti gli utenti di Open Service. Queste funzionalità saranno gradualmente implementate dal 2020 e saranno apertamente accessibili tramite il messaggio I / NAV portato dal segnale E1-B.

La funzione OS-NMA è considerata una risorsa importante per il programma Galileo, essendo un forte differenziatore tecnico rispetto all’altro GNSS. Questa capacità consentirà agli users terminal Galileo di valutare l’autenticità dei dati forniti attraverso il segnale nello spazio trasmesso dai satelliti Galileo contro i tentativi di falsificazione. Contribuirà inoltre a migliorare la solidità complessiva del GNSS per varie applicazioni, in particolare quelle per le quali la sicurezza e l’affidabilità sono una priorità. Inoltre, l’OS-NMA offrirà anche un certo livello di capacità anti-replay. Questa capacità dipenderà strettamente dalle misure attuate dal destinatario effettivo e pertanto non può essere considerata un servizio Galileo.

Le tre nuove funzionalità, pur garantendo la piena compatibilità con le versioni precedenti dei ricevitori Galileo esistenti, miglioreranno ulteriormente la solidità del sistema operativo Galileo durante il recupero dei dati di navigazione, in particolare in ambienti difficili, e miglioreranno la capacità del sistema operativo Galileo di risolvere l’incertezza dell’orologio degli utenti. A questo proposito, una metrica delle prestazioni chiave (specialmente quando GNSS opera in modalità non assistita) è il tempo per ricevere i dati di clock ed effemeridi (CED). Due delle nuove funzionalità introdotte contribuiscono in diversi modi al miglioramento del Time-To-CED, e quindi del Time to First Fix (TTFF) complessivo.

La call finanzierà massimo 2 progetti.

Importo del finanziamento UE per ciascuno dei due progetti: fino a 3 000 000 EUR (cofinanziamento del 70%)

Il 9 ottobre 2019 alle 15:00, si terrà un webinar sull’invito di Elementi fondamentali ” Enhanced GNSS Receiver / User Terminal ” per fornire ai richiedenti informazioni su come preparare una proposta.

Scadenza: 31 ottobre 2019

PSR 2014-2020, Operazione 16.4.1. Bando per filiere corte, mercati locali e attività promozionali

PSR 2014-2020, Operazione 16.4.1. Bando per filiere corte, mercati locali e attività promozionali

fruit-428082_960_720

L’Operazione 16.4.1 promuove la cooperazione, sia orizzontale che verticale, tra produttori agricoli/agroalimentari e altri soggetti della filiera agroalimentare, finalizzata alla realizzazione ed allo sviluppo delle filiere corte e/o dei mercati locali, anche attraverso la loro promozione a raggio locale. L’Operazione intende contribuire al miglioramento della competitività aziendale e a rafforzare il ruolo dei produttori primari all’interno della filiera, tramite la cooperazione all’interno delle filiere e tra le stesse, facilitando l’accesso diretto ai mercati di riferimento.

Soggetti beneficiari: Produttori agricoli/agroalimentari e altri soggetti della filiera agroalimentare.

Il bando scade 15.05.2019

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi

Promozione Prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi: bando 2019 per programmi multipli

fruit-428082_960_720

Invito a presentare proposte 2019- PROGRAMMI MULTIPLI: Sovvenzioni per azioni di informazione e di promozione riguardanti i prodotti agricoli realizzate nel mercato interno e nei paesi terzi.

I programmi di informazione e di promozione consistono in un insieme coerente di operazioni come attività promozionali e campagne di informazione, in particolare in forma di relazioni pubbliche, pubblicità, attività di vendita, partecipazione a eventi e fiere di importanza nazionale, europea e internazionale, ecc.

Il bando riguarda l’esecuzione di programmi multipli, che devono essere presentati da almeno due organizzazioni proponenti provenienti da Stati membri diversi, oppure da una o più organizzazioni dell’Unione e che devono essere relativi ad azioni nel mercato interno o nei Paesi terzi.

Obiettivo è di rafforzare la competitività del settore agricolo dell’Unione e in particolare:

  1. migliorare il grado di conoscenza dei meriti dei prodotti agricoli dell’Ue e degli elevati standard applicabili ai metodi di produzione nell’Ue;
  2. aumentare la competitività e il consumo dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari dell’Unione e ottimizzarne l’immagine, tanto all’interno quanto all’esterno dell’Ue;
  3. rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell’Ue;
  4. aumentare la quota di mercato dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari dell’Unione, prestando particolare attenzione ai mercati di paesi terzi che presentano il maggior potenziale di crescita;
  5. ripristinare condizioni normali di mercato in caso di turbative gravi del mercato, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici.

Una proposta deve rientrare in una delle seguenti priorità tematiche:

MERCATO INTERNO

Tema A: Programmi di informazione e di promozione destinati a rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell’Unione oppure programmi di informazione e di promozione destinati a mettere in evidenza le specificità dei metodi di produzione agricola nell’Unione e le caratteristiche dei prodotti agroalimentari dell’UE e dei regimi di qualità

– regimi di qualità: DOP, IGP, STG e le indicazioni facoltative di qualità;

– metodo di produzione biologica

– simbolo grafico (logo) dei prodotti agricoli di qualità caratteristici delle Regioni ultraperiferiche dell’Ue.

Budget indicativo: 32.800.000 euro

Tema B: Programmi di informazione e di promozione che mirano ad aumentare il consumo di frutta e verdura fresca nel contesto di abitudini alimentari corrette ed equilibrate

I messaggi possono concentrarsi ad esempio sulla promozione di un consumo quotidiano di almeno cinque porzioni di vari tipi di frutta e verdura, o sulla posizione della frutta e della verdura nella piramide alimentare e sui loro effetti benefici sulla salute ecc., con l’obiettivo di migliorare la competitività e il consumo di prodotti agroalimentari dell’Ue.

Budget indicativo: 8.000.000 euro

Tema C: Programmi di informazione e di promozione che mirano a evidenziare l’aspetto della sostenibilità della produzione di riso, una coltura essenziale per la salvaguardia di alcune zone umide

Questa azione migliorerà la conoscenza da parte dei consumatori dei meriti dei prodotti agricoli dell’Ue, e nello specifico del riso, a favore di clima e ambiente, ma anche dell’occupazione nelle zone rurali, nonché la competitività e il consumo di riso, ottimizzandone l’immagine e aumentandone la quota di mercato.

Budget indicativo: 2.500.000 euro

PAESI TERZI

Tema D: Programmi di informazione e di promozione destinati a qualsiasi paese terzo

I programmi di informazione e promozione sono rivolti a uno o più paesi terzi e si propongono di  migliorare la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari dell’Ue, ottimizzarne l’immagine e aumentare la loro quota di mercato nei paesi destinatari

Budget indicativo: 38.300.000 euro

Tema E: Programmi di informazione e di promozione relativi alla carne bovina destinati a qualsiasi paese terzo con l’obiettivo di consolidare o sviluppare nuovi mercati nel settore delle carni bovine

Budget indicativo: 5.000.000 euro

Il contributo comunitario può coprire fino all’80% dei costi ammissibili. La scadenza è 16/04/2019.

1 2